Quella caviglia cammina da sola

Ricercatori dell'Università del Michigan hanno sviluppato una protesi che immagazzina l'energia cinetica per diminuire il dispendio energetico della camminata

Roma – I ricercatori dell’Università del Michigan hanno sviluppato una protesi che sembrerebbe alleviare il compito ai pazienti vittime di amputazioni del piede. Si tratta di una caviglia elettronica di nuova generazione che, grazie a un meccanismo di recupero di una parte della spinta dissipata nel passo, può abbattere il costo energetico e migliorare l’efficienza della falcata.

screenshot

Normalmente – spiegano i ricercatori – nella camminata si “consuma un quantitativo significativo di energia, quasi sempre nella transizione tra un passo e l’altro. La caviglia agisce quindi per recuperare energia durante la spinta”. Mancando questo sistema di recupero, le protesi richiederebbero molta più fatica nel compiere i passi: i test hanno mostrato che coloro che utilizzano una protesi convenzionale hanno una spinta della caviglia inferiore e una spesa energetica metabolica netta superiore del 23 per cento, rispetto ad un soggetto che cammina normalmente.

Il meccanismo ora sviluppato imita il movimento naturale della caviglia umana, attraverso un microprocessore che controlla il meccanismo e immagazzina l’energia normalmente dissipata dalla gamba nel rilascio, per utilizzarla nel successivo piegamento. E permette così di avere una spinta assimilabile a quella di una caviglia “vera”, e di abbattere il dispendio energetico superiore a solo il 14 per cento. Il risultato per il paziente dovrebbe essere una protesi con un peso apparente inferiore, e con un feedback molto più naturale. Grazie al sistema di recupero dell’energia, inoltre, la caviglia a energia cinetica necessita di una sola batteria.

Per il momento la protesi è solo un prototipo, ma sembra promettere bene per una successiva fase di commercializzazione.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Kleiza scrive:
    La censura può esserci eccome
    Attenzione, qualunque cosa dica Google, il brevetto registrato riguarda *tutto* il contenuto web, indifferentemente dal copyright, specialmente quello dei libri.Infatti il brevettohttp://patft.uspto.gov/netacgi/nph-Parser?Sect1=PTO1&Sect2=HITOFF&d=PALL&p=1&u=%2Fnetahtml%2FPTO%2Fsrchnum.htm&r=1&f=G&l=50&s1=7,664,751.PN.&OS=PN/7,664,751&RS=PN/7,664,751prima descrive il metodo brevettato e poi lo specifica per i libri:"6. The method of claim 4, where the document represents a book or magazine."Quindi possono legalmente filtrare qualsiasi cosa in base al posizionamento geografico di un utente.
    • p4bl0 scrive:
      Re: La censura può esserci eccome
      - Scritto da: Kleiza
      Attenzione, qualunque cosa dica Google, il
      brevetto registrato riguarda *tutto* il contenuto
      webio direi che riguarda qualsiasi presentazione di contenuti

      Quindi possono legalmente filtrare qualsiasi cosa
      in base al posizionamento geografico di un
      utente.il legalmente non c'entra proprio una favapossono tecnologicamentema in tutto questo.. ma che razza di brevetto è? è l'applicazione di criteri di filtro in base a privilegi che c'è in praticamente in ogni software e applicazione web, solo che come ha scritto pippo75 modificano i privilegi in base al paese
      • Kleiza scrive:
        Re: La censura può esserci eccome
        - Scritto da: p4bl0
        - Scritto da: Kleiza

        Attenzione, qualunque cosa dica Google, il

        brevetto registrato riguarda *tutto* il
        contenuto

        web

        io direi che riguarda qualsiasi presentazione di
        contenutiBe', sì, perché non è limitato al web, ma può essere esteso anche in altri campi.
        il legalmente non c'entra proprio una fava
        possono tecnologicamenteTante cose si possono fare tecnicamente, ma non legalmente.Non che avere un brevetto renda legale tutto, ma tanto per iniziare mette una protezione tra Google e chi vuole guardare da fuori ciò che viene fatto con i dati.
        ma in tutto questo.. ma che razza di brevetto è?
        è l'applicazione di criteri di filtro in base a
        privilegi che c'è in praticamente in ogni
        software e applicazione web, solo che come ha
        scritto pippo75 modificano i privilegi in base al
        paeseIMO è il collegamento tra il sistema di ricerca e profiling di Google e questo filtro a renderlo innovativo.
  • pippo75 scrive:
    testo del brevetto
    se ho capito bene il brevetto è questo switch (paese) { case 1: privilegi = 0; break; case 2: privilegi = 1; break; case 3: privilegi = 2; break;.......... }poi in base al valore di "privilegi" impedisci quello che vuoi.
    • Kleiza scrive:
      Re: testo del brevetto
      Esattamente.Poi la gente si concentra sul copyright, ma in verità non è quello il vero problema.Conoscnedo il profiling attuato da Google, i proxy per i dissidenti iraniani e cinesi non servirebbero più a niente.Il collegamento tra ricerca e questo strumento è qualcosa di inimmaginabile dal punto di vista del controllo dell'informazione.
  • Pepito il breve scrive:
    SONO SOLO DEI LADRI
    Google Book Search e' sotto accusa dai governi di mezza europa per furto di proprieta' intellettuale e totale non chalances sui diritti di autori.Non parliamo di Google Map che in barba a tutte le regole del giornalismo non ha mai chiesto alcuna Property Release !E le regole sulla privacy in italia, come non esistessero per loro.Signori, e' ora che Google venga bannato sul suolo italiano fino a che non rispette le leggi del nostro paese.
    • Anonymous scrive:
      Re: SONO SOLO DEI LADRI
      - Scritto da: Pepito il breve
      Google Book Search e' sotto accusa dai governi di
      mezza europa per furto di proprieta'
      intellettuale e totale non chalances sui diritti
      di
      autori.

      Non parliamo di Google Map che in barba a tutte
      le regole del giornalismo non ha mai chiesto
      alcuna Property Release
      !

      E le regole sulla privacy in italia, come non
      esistessero per
      loro.

      Signori, e' ora che Google venga bannato sul
      suolo italiano fino a che non rispette le leggi
      del nostro
      paese.Sì. In particolar modo deve rispettare quell'articolo di legge sui volatili. Assolutamente fondamentale. Gli hanno dedicato pure una pagina su FB.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: SONO SOLO DEI LADRI
      - Scritto da: Pepito il breveuh, è arrivato il pepito!Vado a prendere i popcorn.
Chiudi i commenti