Radio Vaticana, fine delle trasmissioni

Le antenne in provincia di Roma cesseranno di trasmettere verso alcune regioni. L'impianto abbasserà il livello d'emissione elettromagnetica per le onde corte e medie. I cittadini pronti al nuovo assalto legale

Roma – È la nuova strategia annunciata dal direttore di Radio Vaticana Padre Federico Lombardi, per una copertura basata sulla ritrasmissione da parte di altre radio regionali e locali. Ma anche tramite le più moderne modalità d’accesso al Web, che permetteranno agli impianti di Santa Maria di Galeria (provincia di Roma e una lunga storia di querelle legali con l’emittente della Santa Sede) di interrompere tutte le trasmissioni in onde medie e corte verso numerosi paesi dell’Europa e delle Americhe .

Dal prossimo luglio, Radio Vaticana abbasserà il livello d’emissione di onde elettromagnetiche dal suo centro di trasmissione alla periferia della Capitale, nell’area di 430 ettari che gode del diritto di extraterritorialità come stabilito dai Patti Lateranensi. Il presunto inquinamento elettromagnetico causato dalle svariate antenne di Santa Maria di Galeria ha portato negli ultimi anni a proteste, battaglie legali e tragici decessi.

L’associazione Bambini senza onde – con base a Cesano, altra zona molto vicina all’insediamento della radio ufficiale della Santa Sede – ha infatti riportato altri 3 casi di leucemia infantile, pronta a consegnare le relative cartelle cliniche al PM Stefano Pesci della Procura di Roma . “Porteremo tutto questo nuovo aggiornamento sanitario alla Procura – hanno annunciato i responsabili dell’associazione – nella convinzione che possa avviare il processo e a rinviare a giudizio i vertici della Radio non più solo per getto di cose pericolose ma anche per reati ben più gravi”.

Nel febbraio 2011 , il reato di “getto pericoloso di cose” contestato ai responsabili di Radio Vaticana era andato in prescrizione, come stabilito dalla quarta sessione penale della Corte di Cassazione. Dopo una prima condanna, gli imputati erano stati assolti in appello: il fatto contestato non era infatti previsto come reato dalla legge italiana . Un vero e proprio buco – almeno secondo i cittadini – in materia di elettrosmog ed extraterritorialità delle stesse antenne pontificie.

L’attuale direttore di Radio Vaticana Padre Lombardi ha tuttavia sottolineato come la decisione di interrompere le trasmissioni verso Europa e Americhe non risulti collegata al problema elettrosmog. “Perché già dal 31 agosto 2001, con la firma del protocollo d’intesa con l’Italia, si rispettano le norme più restrittive” ha spiegato Lombardi. “Noi abbiamo sempre affrontato responsabilmente il problema dell’elettrosmog, cioè di questo presunto inquinamento. E dal 2001 al 2006 abbiamo utilizzato antenne affittate a Montecarlo. A chi proponeva una delocalizzazione permanente, avevamo detto che la soluzione sarebbe arrivata dalle nuove tecnologie che stanno gradualmente sostituendo le emissioni nell’etere”.

Cosa prevedono allora le nuove strategie della Santa Sede? Le trasmissioni in onde corte e medie resteranno per paesi come l’Africa e l’Asia , perché Radio Vaticana ha “il dovere di servire con particolare attenzione quelle aree e popolazioni più povere o in situazioni di difficoltà, che non hanno altre vie alternative per ricevere capillarmente la voce del Papa e della Chiesa”.

C’è chi ha sottolineato come le casse del Vaticano fossero particolarmente provate da tutte le spese in bollette. Con l’interruzione delle trasmissioni in onde corte e medie, oltre che con la conseguente adozione delle piattaforme digitali, Radio Vaticana potrà risparmiare centinaia di migliaia di euro in costi energetici. “Le risorse verranno trasferite in nuove direzioni”, hanno spiegato i responsabili della radio.

Soddisfatto l’attuale sindaco di Roma Gianni Alemanno: “L’annuncio segna per gli abitanti della zona la fine delle preoccupazioni per eventuali conseguenze nocive alla salute dovute al presunto inquinamento elettromagnetico e testimonia, da parte della Santa Sede, grande attenzione per il popolo romano e per l’ambiente”. Continuerà intanto l’inchiesta per omicidio colposo invocata dai cittadini per i gravi casi di leucemia manifestatisi nelle zone presidiate dalle antenne.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Open scrive:
    Ipocriti
    "Activision, Nokia, HP e Cisco hanno ricordato che "l'interesse pubblico supera di gran lunga le preoccupazioni di Motorola" e che oltre a Microsoft la misura lederebbe tutti coloro che hanno licenziato tecnologie a Microsoft o offrono componenti o giochi a Xbox"Ipocriti. Hanno e continuano a far di tutto per aumentare i loro guadagni restringendo i diritti degli utenti sui prodotti che vendono, ma adesso che assaggiano la loro stessa medicina osano lamentarsi.
  • qualcuno scrive:
    Motorola
    Motorola Si sta concentrando più sugli affari giudiziari che in quello nel campo dello sviluppo tecnologico... Si vede alle strette e cerca di farsi strada con le denuncie...
Chiudi i commenti