Rapporto AGCOM 2016: più connessioni veloci, meno SMS

L'autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha rilasciato l'ultimo report sulle comunicazioni in Italia. Il broadband viaggia a buon ritmo così come i servizi di messaggistica. Soffre l'editoria

Roma – Cresce la banda larga, vola l’Internet of Things mentre sta morendo l’SMS. Questo il sunto di quanto rilevato dall’Osservatorio sulle comunicazioni 2016 dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Il rapporto annuale rappresenta un quadro completo sulla comunicazione in Italia che spazia dai nuovi mezzi tecnologici a quelli più tradizionali, toccando anche il difficile mondo dell’editoria.

rete broadband

La nota più positiva è correlata al collegamento Internet per mezzo della banda larga (trend confermato anche dal precedente report ). Gli accessi complessivi superano infatti i 15,4 milioni di unità , crescendo di 630mila unità ogni anno. Di queste, 7,5 milioni raggiungono velocità di 10 Mbps e quasi 2 milioni arrivano a 30 Mbps. Le cosiddette NGA (Next Generation Access) superano i 2 milioni (con una crescita quest’anno di oltre 720mila unità) con una forte influenza di Telecom e Vodafone, provider che hanno investito molto nell’infrastruttura di rete.

Sul versante delle connessioni mobile invece, sembra che un certo incentivo alla crescita sia attribuibile agli MVNO (Mobile Virtual Network Operator). È curioso notare che le SIM tradizionali (voce + dati) si sono ridotte di 2,2 milioni di unità (seppure nel complesso il numero di SIM con accesso a Internet sia cresciuto del 9,7 per cento , arrivando a superare i 53 milioni di unità decretando di fatto il sorpasso del mobile sul desktop). Dall’altra parte sono cresciute nell’ultimo anno le SIM M2M ovvero Machine To Machine. Si tratta sostanzialmente di dispositivi collegati alla rete al fine di comunicare con altri dispositivi elettronici, soluzioni con forti assonanze con l’Internet of Things. In questo caso il dato è più che raddoppiato passando da circa 4,9 milioni a 11,4 milioni di unità. Sul fronte dei gestori mobili TIM detiene il 30,3 per cento di quote di mercato seguita da Vodafone con il 29,2 per cento. In terza posizione Wind con il 22,4 per cento.

operatori mobili

Gli italiani sono stati conquistati dalle applicazioni di messaggistica tra i quali troneggia WhatsApp. Gli SMS scambiati nel 2016 sono stati 17,8 miliardi. Un dato ridotto del 27,7 per cento rispetto allo stesso periodo del 2015 e di oltre il 75 per cento rispetto al livello massimo raggiunto nel 2012 (72,2 miliardi). Che l’SMS sia destinato a morire? In alcune tariffe flat degli operatori telefonici sembrano essere già spariti.

La TV, dopo un periodo di parziale flessione sembra essere tornata al suo splendore. Rai e Mediaset si contendono gli ascolti detenendo rispettivamente il 34,4 per cento e il 32,2 per cento facendo comunque i conti con una flessione costante dal 2012 a vantaggio di Sky e dei canali Discovery (in questo il passaggio al digitale e la moltiplicazione dei canali ha sicuramente pesato un ruolo importante). Ancora una volta viene sottolineata la forte crisi dell’editoria e specialmente dei quotidiani cartacei. Tra il 2011 e il 2015 le copie in edicola vendute giornalmente sono passate da 4,8 a 3,1 milioni di unità con flessioni per i grandi editori che si attestano sul 30 per cento (addirittura 45 per cento per i gruppi minori). In questo panorama anche la stampa periodica non brilla con un balzo negativo quest’anno del 33 per cento. Tra l’altro non si è registrata una migrazione alla versione online, che continua ad essere marginale (sull’ordine del 2,5 per cento). Ulteriore nota negativa è da sottolineare sulla spartizione dei ricavi dell’editoria che nel 70 per cento sarebbero concentrati nelle prime 20 imprese editoriali.

quotidiani

Chiude lo scenario il settore postale che vede un incremento dei ricavi del 2,5 per cento (con una flessione dei servizi postali tradizionali e una crescita dei servizi di trasporto a mezzo corriere). Gli invii di pacchi sarebbero in crescita addirittura di oltre il 12,5 per cento . Che ci sia lo zampino del commercio elettronico?

È evidente che ci si trova nel bel mezzo di una rivoluzione che continua imperterrita verso la strada della digitalizzazione ai danni dell’analogico (l’editoria cartacea abbiamo visto che è ben lontana dagli anni d’oro) ma anche dello stesso digitale vecchia scuola (il crollo del 75 per cento degli invii di SMS in meno di quattro anni è la riprova). Eppure gli italiani secondo l’ Istat non stanno sfruttando le opportunità del digitale in maniera profonda. Cosa accadrà quando inizieranno ad usarlo in maniera più sapiente?

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • giaguarevol issimevolm ente scrive:
    capirai che nuova!
    Sai che novità!Il problema non è lo IoT in se...Il problema è l'idIoT ovvero chi compra senza sapere ne il perchè ne il cosa.Il problema si riduce a una cosa semplice e vecchia come il mondo ovvero chi controlla gli oggetti:Se li controlli tu è un conto se li controlla qualcun altro CHIUNQUE ALTRO sono dolori!È sempre stato così anche ai tempi delle piramidi!Chi controllava i depositi del grano controllava l'egitto!Roba nuova e tecnologica eh.....
    • piripisca scrive:
      Re: capirai che nuova!
      ...e a chi lo dici?Gli altri utenti del forum non sono in grado di capirti.Pensano a comparti, fra di loro non comunicanti, e tu parli di grano.Nemmeno di grana!Ovvìa!
      • ... scrive:
        Re: capirai che nuova!
        - Scritto da: piripisca
        ...e a chi lo dici?
        Gli altri utenti del forum non sono in grado di capirti.Gli utenti di questo forum ... Non generalizziamo please :)
        Pensano a comparti, fra di loro non comunicanti,La parola pensano qui non vale. Basta guardare i commenti degli utenti registrati, così non hai dubbi sul fatto siano sempre loro, per farsi un'idea del livello medio qui dentro
  • aieie brazov scrive:
    l'omicida ha invitato se stesso???
    Il sospetto omicida ha invitato se stesso a casa propria?il signor James Andrew Bates viene sospettato di omicidio di primo grado, per la morte, avvenuta lo scorso novembre, di Victor Collins, trovato strangolato e affogato nella vasca idromassaggio in casa dello stesso Bates. QUESTI AVREBBE DICHIARATO ALLA POLIZIA DI AVERE INVITATO BATES insieme con altri due amici, Owen Mc Donald e Sena Henry
  • gertrude scrive:
    delirio di controllo
    Quello che si evince da questa storia è il malefico desiderio dei governanti di controllare il popolo governato, ed anche il malefico desiderio di profilare tutti, da parte delle aziende che producono elettronica varia.Infatti non si capisce perché un comando debba essere processato in remoto prima di essere eseguito, così come non si capisce come mai i vari "interpreti" tipo Siri, Cortana, ecc., non debbano risiedere sul dispositivo, eventualmente con un minimo scambio in remoto, criptato e anonimizzato, nel caso di ricerche su database estesi, tipo motori di ricerca, Maps, Airbnb, ecc...Ma queste sono considerazioni di uno che pensa con la propria testa (modestamente :) ), una abilità sempre meno necessaria, con più le masse verranno "assisitite" in ogni cosa.
    • tygrbht scrive:
      Re: delirio di controllo
      No, non è un delirio. Informazione è potere ed è sempre stato vero. La tentazione di accumulare potere c'è sempre stata, se l'informazione è disponibile ci sarà sempre qualcuno che vuole metterci sopra le mani.
    • Ospite scrive:
      Re: delirio di controllo
      - Scritto da: gertrude
      Infatti non si capisce perché un comando debba
      essere processato in remoto prima di essere
      eseguito, così come non si capisce come mai i
      vari "interpreti" tipo Siri, Cortana, ecc., non
      debbano risiedere sul dispositivo, eventualmenteNon sarebbe economico mantenere il software per ogni dispostivo in circolazione, ammesso che i dispositivi in questione siano abbastanza potenti da processare i comandi in tempo reale. Senza contare i costi per i server da cui scaricare gli aggiornamenti. Meglio avere il software centralizzato e il dispositivo che invia un semplice stream compresso.
  • ... scrive:
    manca solo la sonda rettale
    cellulari spioni sepmre in tasca, dispositivi IoT pronti a rivoltarsi contro di voi. manca solo la sonda rettale e credete: PAGHERETE per averla in XXXX.
    • pippo scrive:
      Re: manca solo la sonda rettale
      Guarda che pagherai anche tu, a meno che non vivi in un grotta al freddo e al gelo o a meno che tu non sia un ultraottantenne.Quando le mandrie di pecore compreranno abbastanza dispositivi IoT, e succedrà nei prossimi anni, cominceranno a sparire quelli oggi 'normali', proprio come succede per i televisori, per gli smartphone e anche per le automobili.Purtroppo le masse di decerebrati trascineranno con sé anche chi capisce qualcosa, è inevitabile.
      • ... scrive:
        Re: manca solo la sonda rettale
        - Scritto da: pippo
        Guarda che pagherai anche tu, a meno che non vivi
        in un grotta al freddo e al gelo o a meno che tu
        non sia un ultraottantenne,
        Quando le mandrie di pecore compreranno
        abbastanza dispositivi IoT, e succedrà nei
        prossimi anni, cominceranno a sparire quelli oggi
        'normali', proprio come succede per i televisori,
        per gli smartphone e anche per le
        automobili.
        Purtroppo le masse di decerebrati trascineranno
        con sé anche chi capisce qualcosa, è
        inevitabile.so non dipe dere dal cellulare, non connettere ad internet il televisore, pagare in contanti al casello, non essere iscritto ai socisal network e cosi' via. non e' difficile, basta saper usare il cervello, cosa rarissima oggigiorno.
    • tygrbht scrive:
      Re: manca solo la sonda rettale
      - Scritto da: ...
      cellulari spioni sepmre in tasca, dispositivi IoT
      pronti a rivoltarsi contro di voi. manca solo la
      sonda rettale e credete: PAGHERETE per averla in
      XXXX.https://it.wikipedia.org/wiki/Telemedicina
    • Ospite scrive:
      Re: manca solo la sonda rettale
      - Scritto da: ...
      cellulari spioni sepmre in tasca, dispositivi IoT
      pronti a rivoltarsi contro di voi. manca solo la
      sonda rettale e credete: PAGHERETE per averla in
      XXXX.Come si dice in questi casi, se non hai nulla da nascondere di cosa ti preoccupi ?
      • ... scrive:
        Re: manca solo la sonda rettale
        - Scritto da: Ospite
        - Scritto da: ...

        cellulari spioni sepmre in tasca, dispositivi
        IoT

        pronti a rivoltarsi contro di voi. manca solo la

        sonda rettale e credete: PAGHERETE per averla in

        XXXX.

        Come si dice in questi casi, se non hai nulla da
        nascondere di cosa ti preoccupi
        ?pubblica l'estratto conto bancario, la lista delle ultime 50 telefonate inviate e ricevute, gli esami del sangue e la scansione della carta di idendita', e poi dimmi ancora che non hai niente da nascondere.
      • Il fuddaro scrive:
        Re: manca solo la sonda rettale
        - Scritto da: Ospite
        - Scritto da: ...

        cellulari spioni sepmre in tasca, dispositivi
        IoT

        pronti a rivoltarsi contro di voi. manca solo la

        sonda rettale e credete: PAGHERETE per averla in

        XXXX.

        Come si dice in questi casi, se non hai nulla da
        nascondere di cosa ti preoccupi
        ?Ha Ha Ha. E fosse pure vero, ma di certo non lo è, il problema non è avere o non avere qualcosa da nascondere! Ma cercare di non fare trovare quello che vorranno quando lo cercheranno! XXXXXXXX!Il XXXXXXXX te lo meriti tutto, perché non c'è niente di più SBAGLIATO di quella sterile frase. Che lo capiate per una buona volta asini.
  • prova123 scrive:
    Il debutto dell'IoT
    visto come è gestita la sicurezza di questi dispositivi a breve ci saranno casi in cui lo iot potrebbe essere la causa di azioni criminali ...
  • Il fuddaro scrive:
    E che e una novità

    Quello che si può trarre da questa vicenda, non ancora conclusa, è che i dispositivi Internet of Things sono in grado di raccogliere informazioni sullo stile di vita e sulle attività quotidiane.Perché per qualcuno questa è una novità!E se per caso lo fosse(per gli stolti), continuate a credere a Babbo Natale visto che siamo ancora in tema natalizio. (rotfl)Quanti babbeoni che ancora pagheranno dazio con quei giocattolini.
Chiudi i commenti