RDM+ mette il desktop nel telefonino

Sbarca sul cellulare un'applicazione di controllo remoto per PC connessi ad Internet

Roma – Utili per teleassistenza o semplice monitoraggio, le applicazioni di controllo remoto stanno lentamente trovando uno spazio anche sui cellulari. E dopo Ubiquitous Viewer , ecco arrivare RDM+ (Remote Desktop for Mobiles) di Shape Services .

RDM+ consente il controllo remoto dal cellulare di un PC collegato a Internet: i tasti funzione del telefonino possono essere impiegati alla stessa stregua del mouse del computer a cui ci si collega.

Come ogni buon software di controllo remoto, è necessario installare sul PC l’applicazione “server”, impostando uno username e una password; sul cellulare va invece installata l’applicazione “host” (o viewer, qual dir si voglia), ossia un software Java ad hoc.

Qualità apprezzabile di RDM+ è quella di consentire sia la modalità “monitor”, ossia di operare da remoto sul PC partendo dal desktop, sia in modalità terminale, ossia attivando il controllo direttamente sulle risorse del computer. Per un soddisfacente refresh sul display del telefono di quanto effettuato sul PC, è opportuno poter disporre di banda larga su entrambi i dispositivi (almeno ADSL per il PC e una connessione UMTS o HSDPA per il cellulare). Non è un requisito obbligatorio, ma è la condizione in cui è possibile sfruttare al meglio l’applicazione.

RDM+ è disponibile in versione compatibile per BlackBerry al prezzo di 49,95 dollari (circa 40 euro) e standard , ossia per cellulari Java e con sistema operativo Symbian, a 34,95 dollari (circa 28 euro). Esiste comunque una demo version valida 7 giorni, disponibile per il download ( qui la demo per smartphone Java e qui quella per BlackBerry).

D.B.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    prove generali
    per una rete alternativa a internet... potrebbe essere un modo di avere una "free internet" per quando internet verrà completamente bloccata dai nostri governi e sistemi operativi.
  • Anonimo scrive:
    Ottimo risultato!
    E questo dimostra che pochi ragazzi competenti e volenterosi sono in grado di arrivare là dove Telecom non arriva .Ossia OVUNQUE!
  • Anonimo scrive:
    Queste le iniziative da premiare!
    Queste sono le iniziative private da premiare! Non come quegli sciagurati di Telecom, pozzo senza fondo dove vanno a finire tanti soldi pubblici (come ha dimostrato Report ieri in tv) anche con una complicata serie di società, scatole cinesi! E' l'ora che gli italiani si ribellino contro lo strapotere dei soliti noti. Sputategli addosso più e quanto possibile! In senso metaforico s'intende!
Chiudi i commenti