Redditi online, stop definitivo

Il Garante per la privacy blocca l'ulteriore diffusione sui canali istituzionali dei redditi 2005 degli italiani. Che rimagnono comunque in circolazione

Roma – Non vi saranno ulteriori pubblicazioni ufficiali delle denunce dei redditi degli italiani. L’operazione trasparenza voluta dall’Agenzia delle Entrate ha incontrato poco fa lo stop ufficiale da parte del Garante della Privacy.

Come largamente anticipato su queste pagine, il Garante ritiene illegittima e contraria alle normative la diffusione di quei dati da parte dell’Agenzia, sia per le modalità con cui la pubblicazione è avvenuta che per le procedure che sono state seguite.

In una nota il Garante spiega che l’Agenzia dovrà far cessare definitivamente “l’indiscriminata consultabilità”, tramite il sito, dei dati relativi alle dichiarazioni dei redditi per l’anno 2005.

I motivi addotti dal Garante vertono attorno al conflitto con il DPR 600/1973, che non attribuisce all’Agenzia l’autonomia di decidere la pubblicazione dei dati. Inoltre “per le dichiarazioni ai fini dell’imposta sui redditi, la legge prevede unicamente la distribuzione degli elenchi ai soli uffici territoriali dell’Agenzia e la loro trasmissione ai soli comuni interessati e sempre con riferimento ai contribuenti residenti nei singoli ambiti territoriali”.

“L’inserimento dei dati in Internet, inoltre – specifica il Garante – appare di per sé non proporzionato rispetto alla finalità della conoscibilità di questi dati. L’uso di uno strumento come Internet rende indispensabili rigorose garanzie a tutela dei cittadini. L’immissione in rete generalizzata e non protetta dei dati di tutti i contribuenti italiani (non sono stati previsti “filtri” per la consultazione on line) da parte dell’Agenzia delle entrate ha comportato una serie di conseguenze: la centralizzazione della consultazione a livello nazionale ha consentito, in poche ore, a numerosissimi utenti, non solo in Italia ma in ogni parte del mondo, di accedere a innumerevoli dati, di estrarne copia, di formare archivi, modificare ed elaborare i dati stessi, di creare liste di profilazione e immettere ulteriormente dati in circolazione, ponendo a rischio la loro stessa esattezza. Tale modalità ha, inoltre, dilatato senza limiti il periodo di conoscibilità di dati che la legge stabilisce invece in un anno”.

Tra gli altri problemi anche il non aver richiesto il parere preventivo allo stesso Garante che è invece richiesto dalle normative e il non aver previsto una “idonea informativa ai contribuenti” relativa alle forme della diffusione dei dati. A detta del Garante sulla materia in caso di revisione normativa si imporrà l’individuazione di “soluzioni che consentano un giusto equilibrio tra forme proporzionate di conoscenza dei dati dei contribuenti e la tutela dei diritti degli interessati”.

Il Garante ha anche specificato che chi diffonderà ulteriormente quei dati rischia conseguenze civili e penali . “Resta fermo il diritto-dovere dei mezzi di informazione di rendere noti i dati delle posizioni di persone che, per il ruolo svolto, sono o possono essere di sicuro interesse pubblico – continua la nota – purché tali dati vengano estratti secondo le modalità attualmente previste dalla legge”.

L’Autorità pubblicherà anche in Gazzetta Ufficiale il suo parere, parere che fornisce carburante a quelle associazioni che si sono scagliate contro la pubblicazione dei dati.

Ad imporsi a questo punto è evidentemente il fatto che i dati siano destinati a circolare comunque . I file con i dati delle denunce continuano infatti a girare sulle reti di scambio P2P e, se l’esperienza nella lotta alla pirateria sui contenuti può offrire uno spunto di riflessione, è ora difficile ritenere che gli utenti delle piattaforme di sharing decideranno di cancellare quelle informazioni e impedirne così la ulteriore diffusione. Senza contare la diffusa approvazione riscontrata in rete attorno all’operazione voluta dall’Agenzia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mauro cagliari scrive:
    basta wii per la web tv
    con il browser opera, il player flash, nintendo wii si mostra una soluzione formidabile per guardare la web tv (inclusi youtube e simili) sulla tv di casa, e il telecomando wireless (wiimote) e' il miglior sostituto del mouse per la tv.
  • SharkTear scrive:
    un buon esempio di web tv
    avete visitato il portale "rifletto"?? Fateci un giro..
    • Domenico scrive:
      Re: un buon esempio di web tv
      Si, è molto interessante! e la piattaforma è veramente ben fatta!
    • dorylinux scrive:
      Re: un buon esempio di web tv
      ...andatevi a vedere anche:
      http://www.arcoiris.tv
      http://www.ecotv.it
      http://www.antenneattive.org
      http://current.com
      http://www.knocka.tv(linux)
      • Pancrazio Auteri Tvblob.com scrive:
        Re: un buon esempio di web tv
        ciao,in Italia ci sono tante WebTV di qualità e su Miro potete trovare oltre cento Podcast in italiano.Noi di Tvblob, insieme a Telsey, a Settembre lanceremo una box aperta a tutti quelli che vogliono portare la WebTV sul televisore (anche HD, PVR e Digitale Terrestre).Non c'è bisogno di nessun permesso e non si paga niente: solo HTML e H264 (e chi vuole anche AJAX, RSS, BitTorrent, ecc.). La differenza con AppleTV & Co. è che tutti possono fare il loro business (come sul web).Siamo a disposizione per aiutare i pionieri che vogliano estendersi dal PC anche allo schermo TV.Grazie per l'attenzione.-Pancrazio
  • anonimo scrive:
    Per quello che è tornato dagli USA
    "Ero in albergo su un'isola tropicale con mia moglie, durante il viaggio di nozze, e guardavo la tv americana e altri canali satellitari. Poi torno in Italia e il confronto è devastante: ti rendi conto che la nostra televisione è una roba tremenda, colma di pubblicità, e se giri quei 6-7 canali trovi programmi uguali!"Non mi pare che la pubblicità nelle televisioni americane sia poca. Poi in america si paga per i pacchetti di canali. Non sono neanche d'accordo che l'offerta sia così scarsa nel nostro paese. L'america è un paese molto più grande però quando guardo i talk show sono tutti uguali (per capirci sono tutti come il Letterman Show:Arriva il presentatore e fa il monologo con le battutePubblicitàPresenta il primo ospite e lo intervista seduto a una scrivania ed entrambi hanno la tazza da cui sbevazzanoPubblicitàC'è un angolino frivolo in fanno vedere qualche cosa di stupidoPubblicitàSecondo ospitePubblicitàUna band musicale suona il suo ultimo pezzoSiglaSe uno vuole da noi si prende Sky è a pagamento come sono a pagamento i canali americani.Cmq ben vengano le webtv, ma basta continuare a sparlare dell'Italia senza ragione. La tv americana non la rimpiango di certo, quando vivevo là non la guardavo quasi mai.
Chiudi i commenti