Retrocomputing, il cuore oltre Amiga

Per il 2 luglio a Udine si prepara una nuova manifestazione: nata dalla passione degli amighisti si allarga ora per esplorare computer storici ed alternativi. Le foto, il quadro
Per il 2 luglio a Udine si prepara una nuova manifestazione: nata dalla passione degli amighisti si allarga ora per esplorare computer storici ed alternativi. Le foto, il quadro

Roma – Informatica creativa, sistemi alternativi, un (affettuoso?) sguardo di ammirazione al retrocomputing ed un occhio di riguardo all’aspetto umano e ricreativo : questi, in sintesi, sono i connotati dell’evento denominato Codex Alpe Adria 2005 , un appuntamento che avrà luogo sabato 2 luglio a Udine, dalle ore 10 alle 18, presso la sala delle conferenze dell’Università LiberEtà in Via Ippolito Nievo 16.

Per mettere da parte, anche solo per un week-end, tutte le problematiche che rappresentano la quotidiana attualità delle applicazioni informatiche moderne (la new economy, il business), ecco un’occasione per entrare in contatto con appassionati del settore in una dimensione completamente diversa. Giunta alla terza edizione, la manifestazione nata anni fa come “Amiga Alpe Adria” si è svincolata dal nome di una piattaforma specifica per dimostrare, fin dal proprio nome, la propria apertura e vivacità, qualità che contraddistinguono l’evento fin dall’esordio avvenuto nel 2003.

Un portatile Commodore “Codex Alpe Adria 2005 – chiariscono gli organizzatori a Punto Informatico – si propone come punto di incontro tra programmatori e appassionati di informatica creativa, di sistemi alternativi e retrocomputing di diverse regioni d’Europa, che potranno scambiare idee e toccare con mano presente, passato e alcuni dei futuri possibili del settore”.

Il Kim-1 Un incontro di vecchi e nuovi amici, in un’occasione informale e gradevolmente ambientata, che vedrà anche quest’anno la partecipazione di noti protagonisti del mondo dell’emulazione, di Amiga e di altri sistemi alternativi, della demoscene nostrana e d’oltralpe, che darà ai partecipanti l’opportunità di conoscere l’informatica vissuta in una dimensione di estro e creatività, che farà ricordare l’esistenza di altri sistemi operativi oltre a quelli tradizionalmente conosciuti (Windows, MacOS, Linux) e permetterà di rivivere sensazioni provate lavorando su computer degli anni ottanta , nel periodo pionieristico, quello degli artigiani dell’era digitale che, con il passare del tempo, hanno lasciato il posto ai grandi business degli investitori industriali.

Gli eventi “collaterali” alla manifestazione possono fornire ulteriori motivazioni per parteciparvi: dalle cene luculliane organizzate fin dal venerdì (per i primi arrivati), alle visite organizzate, per le giornate di domenica e lunedì, nella città di Udine e nel circondario (cui si aggiunge una gita in barca nella Laguna di Marano).

Altair 8800 L’organizzazione della manifestazione è curata da Cloanto Italia srl, presente a Codex Alpe Adria anche con alcuni degli autori di Personal Paint, C1-Text e Amiga Forever e una nutrita collezione di computer storici e alternativi , che comprende pezzi rarissimi affiancati da numerosi cimeli, la cui esposizione è stata gentilmente concessa da utenti e appassionati.

Ulteriori informazioni sulla manifestazione, gratuita per espositori e visitatori, sono disponibili sul sito dedicato all’evento , in cui è presente una pagina per la registrazione.

Dario Bonacina

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 05 2005
Link copiato negli appunti