RIAA: quel blog turba l'umore dei nostri soci

I discografici non ne possono più del blog anti-RIAA, sempre puntuale nel pubblicare le ragioni degli utenti P2P. Quel blog - dice RIAA - è vessatorio

Roma – Dopo aver imbastito oltre 30mila cause contro gli utenti del file sharing (anche contro quelli risultati poi innocenti), aver trascinato in tribunale i morti, le ragazzine di 11 anni e aver speso una quantità indubbiamente notevole di denaro nella sua guerra per la difesa del copyright , RIAA sente il peso dei nervi e comincia ad accusare gli avvocati difensori di propaganda vessatoria contro le legittime richieste di risarcimento dei propri soci.

Ray Beckerman ha davvero esagerato, dice RIAA, con il suo blog “anti-industria discografica” Recording Industry vs The People , un blog che ha pubblicato, con puntualità e completezza di informazioni, “virtualmente ognuna delle sue mozioni prive di fondamento, cercando di sostenere la sua campagna di pubbliche relazioni e di ostacolare il querelante” fin dal 2004 per uno dei casi più celebri di scontro sulla condivisione online.

Gli avvocati delle major si riferiscono a un caso in particolare, ma il loro giudizio sull’attività del notissimo blog di Beckerman coinvolge inevitabilmente il resto delle vicende legali a cui l’avvocato ha preso parte, non ultima quella che ha visto trionfare Tanya Andersen sulla stessa RIAA, incapace di provare una condotta criminale della donna che pure è stata accusata e trascinata in tribunale.

Secondo l’opinione di Lory Lybeck, avvocato di Washington che promuove l’istituzione di una class action contro quello che considera l’abuso del ricorso alle denunce da parte di RIAA, l’ultima uscita delle suddette major non può non essere presa con ironia , non può che essere una boutade.

“L’intera loro campagna fondata su 30mila cause procede allo scopo di condizionare l’opinione pubblica, affidandosi ad un principio di base secondo cui si può eseguire una inchiesta illegale condotta da investigatori senza licenza e poi far seguire il tutto da una lettera di minacce” commenta Lybeck, sostenendo inoltre che l’avvocato Beckerman non fa altro che condurre coerentemente e nel migliore dei modi possibili la difesa degli interessi dei propri clienti .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Matteo Cantamesse scrive:
    Anche in Italia
    Lavoro presso il laboratorio LICENT, a Milano.Anche in Italia si lavora sul tema, da ormai 6 anni: lo strumento della RV si è rivelato essere molto utile nel contesto clinico, proprio a supporto (e non in alternativa) al terapeuta, ed all'incontro face to face. Per una volta (l'ennesima) anche la Ricerca italiana è al passo con i laboratori nel resto del mondo :-)(Con buona pace di Skip )
  • Whitemagic scrive:
    Apprendisti stregoni
    La mente è inconscia è sostanzialmente piuttosto manipolabile sostanzialmente stupida ma non cosi tanto!
    • Il professore scrive:
      Re: Apprendisti stregoni
      - Scritto da: Whitemagic
      La mente è inconscia è sostanzialmente piuttosto
      manipolabile sostanzialmente stupida ma non cosi
      tanto!E poi ci sono "menti" che non sanno neanche esprimersi in italiano...
      • ioooooooooo oooo scrive:
        Re: Apprendisti stregoni
        - Scritto da: Il professore
        - Scritto da: Whitemagic

        La mente è inconscia è sostanzialmente piuttosto

        manipolabile sostanzialmente stupida ma non cosi

        tanto!

        E poi ci sono "menti" che non sanno neanche
        esprimersi in
        italiano...Quoto! non si capisce un cavolo di quello che ha scritto :|
    • nome e cognome scrive:
      Re: Apprendisti stregoni
      - Scritto da: Whitemagic
      La mente è inconscia è sostanzialmente piuttosto
      manipolabile sostanzialmente stupida ma non cosi
      tanto!l'uso della punteggiatura? eh si, pura stregoneria.
  • Alex Supetramp scrive:
    Non credo
    Mi sembra un'arma a doppio taglio.E se a causa di una simulazione errata si finisse per aumentare l'entità del disagio? Certi danni non si riescono a recuperare con facilità, men che meno rendendo i pazienti protagonisti di Doom psicotici.Con la mente umana c'è poco da scherzare.http://menteindisordine.wordpress.com/
  • KAPPA scrive:
    bel gioco
    spero che lo mettano anche nelle sale giochi! :D
Chiudi i commenti