Rice University per un microchip davvero micro

L'università statunitense dice di aver trovato il modo di spingere il silicio sino al confine dei 5 nanometri. Attesi annunci anche per i memristori

Roma – La corsa costante alla miniaturizzazione selvaggia di transistor e microchip si arricchisce di due novità, entrambe potenzialmente in grado di donare nuova linfa vitale al moderno mondo tecnologico basato sul silicio. La Rice University promette il raggiungimento dei cinque nanometri entro 5 anni , mentre HP torna a parlare di memristori. Scettici, nel primo caso, giganti del settore quali IBM e Intel.

I transistor a cinque nanometri che l’università texana dice di poter realizzare entro il 2015 – dunque prima della fine del decennio come tempo stimato dai produttori di chip per il raggiungimento del traguardo – sono basati su tecniche di produzione tradizionali e sfruttano l’ossido di silicio come elemento costituente di base.

I ricercatori della Rice annunciano la realizzazione di un chip prototipo da parte della società texana PrivaTran , un prototipo basato sullo studio sull’ossido di silicio e che è in grado di immagazzinare appena 1.000 bit di informazione. Qualora il metodo risultasse scalabile con successo, dicono i ricercatori, si potrebbero raggiungere capacità di storage a stato solido pari a quelle degli attuali hard disk più capienti (2,5-3 Terabyte) entro cinque anni.

Gli scienziati di Rice sono poi coinvolti nella ricerca di HP sui memristori , il “Santo Graal” dell’elettronica che promette di dare un notevole colpo di acceleratore al percorso evolutivo al settore. HP ha recentemente annunciato di essere entrata in partnership con un non meglio specificato produttore di microchip per quella che dovrebbe essere la prima produzione commerciale di una tecnologia informatica a base di memristore.

E se sulle capacità dei memristori il parere dell’industria è concorde, non altrettanto positivo è quello sulla tecnologia a base di ossido di silicio su cui lavorano presso la Rice University. Colossi come Intel e IBM sono scettici sulle possibili applicazioni pratiche di un materiale sin qui noto per avere proprietà isolanti, dicono di averci già lavorato in passato senza aver raggiunto risultati significativi .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lEUENhQC scrive:
    SAvLTeKthXAxbw
    http://www.heatherlaforce.com/mba.html art school 803461 http://www.heatherlaforce.com/online_colleges.html technical college =-( http://www.cogenesys.com/art-college.html MBA online :OOO
  • nursGBZpfZ scrive:
    XtoVJwOSzlYKUi
    http://www.findautoinsurplans.com/ auto insurance =-(( http://www.heatherlaforce.com/online_colleges.html technical college
    :-OO http://www.dearandfrom.com/home.html reverse mortgage 4932
  • Raniero scrive:
    Facebook non mi piace
    Facebook è terribile ed io non sono nemmeno iscritto!!! Meglio MySpace!!
  • Gargarozz scrive:
    Peccato
    peccato davvero, io avevo sempre visto in myspace un senso di libertà: la possibilità, conoscendo basilarmente html e css, di fare qualunque cosa si volesse con la propria pagina permetteva a tutti gli appassionati di musica di creare un proprio sito web all'interno di una comunità, in modo che un po' tutti conoscessero tutti.Facebook da questo punto di vista mi ha sempre deluso..le prime pagine fan tendevano ad assomigliare un po a quelle di myspace, ma già mancavano di quella personalizzazione che con myspace era possibile.Ora addirittura una pagina fan è simile ad un banalissimo profilo, è impossibile mettere in evidenza la propria musica, organizzare il proprio spazio..Spero che questa mossa serva a riportare in auge i nostri piccoli " siti web da musicisti", in mezzo a quel calderone di pagine incolori che è facebook.
    • asd scrive:
      Re: Peccato
      magari come la vecchia scuola insegna (1998 / 1999), adoravole pagine amatoriali!
    • ces scrive:
      Re: Peccato
      - Scritto da: Gargarozz
      peccato davvero, io avevo sempre visto in myspace
      un senso di libertà: la possibilità, conoscendo
      basilarmente html e css, di fare qualunque cosa
      si volesse con la propria pagina permetteva a
      tutti gli appassionati di musica di creare un
      proprio sito web all'interno di una comunità, in
      modo che un po' tutti conoscessero tutti.Facebook
      da questo punto di vista mi ha sempre deluso..le
      prime pagine fan tendevano ad assomigliare un po
      a quelle di myspace, ma già mancavano di quella
      personalizzazione che con myspace era
      possibile.Ora addirittura una pagina fan è simile
      ad un banalissimo profilo, è impossibile mettere
      in evidenza la propria musica, organizzare il
      proprio spazio..Spero che questa mossa serva a
      riportare in auge i nostri piccoli " siti web da
      musicisti", in mezzo a quel calderone di pagine
      incolori che è
      facebook.Oddio spesso i risultati erano raccapriccianti, ma capisco cosa intendi dire, su facebook è tutto standardizzato.
    • ... scrive:
      Re: Peccato
      bè se devo essere sinceromyspace mi ha sempre fatto passare la voglia di navigarlo perchè è troppo caotico a causa degli innumerevoli video, animazioni, foto ecc... messi a casaccio sul sito.facebook è più ordinato e pulito come struttura ma sono i contenuti ad essere ridicoli.
      • Fabrizio Cinti scrive:
        Re: Peccato
        Facebook non serve per produrre contenuti, semmai per condividerli. Ed in questo è imbattibile, le sue rigidità sono sono anche i suoi punti di forza. Tanto che ogni cambiamento è accompagnato da sollevazioni popolari.Pubblicare su Facebook significa regalare a Zuckerberg qualsiasi diritto di sfruttamento di ciò che si pubblica. Cosa diversa invece per la condivisione di materiale che compare su altri siti. Fermo restando che la novità vera portata da Facebook è l'abitudine ad usare il proprio nome e cognome.
        • ziovax scrive:
          Re: Peccato
          - Scritto da: Fabrizio Cinti
          Facebook non serve per produrre contenuti, semmai
          per condividerli. Ed in questo è imbattibile, le
          sue rigidità sono sono anche i suoi punti di
          forza. Tanto che ogni cambiamento è accompagnato
          da sollevazioni
          popolari.Concordo.
          Pubblicare su Facebook significa regalare a
          Zuckerberg qualsiasi diritto di sfruttamento di
          ciò che si pubblica. Appunto. Non vedo dove sta la difficoltà a non pubblicare quello che vogliamo che resti privato, proprio non capisco.
          Fermo restando che la novità vera portata
          da Facebook è l'abitudine ad usare il proprio
          nome e
          cognome.Il nickname è una cosa tipo un "nomignolo" o un nome d'arte... volendo si poteva usare il proprio nome e cognome anche sugli altri social/forum/chat etc.La privacy non te la dà certo un nickname, ma il tuo comportamento.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: Peccato
            - Scritto da: ziovax
            La privacy non te la dà certo un nickname, ma il
            tuo
            comportamento.Errore: basta che ti tagghino in una foto e you can kiss your privacy bye bye
          • ziovax scrive:
            Re: Peccato
            Se è una foto postata da me, non c'è problema, se l'ho postata vuol dire che poteva essere pubblica.Un mio nemico che mi ha fatto una foto a mia insaputa, l'ha postata su facebook e l'ha taggata?Poco probabile, ma possibile: posso, comunque, rimuovere il tag e segnalarla.So che il contenuto del web si replica all'infinito ed è inutile segnalarla (chi la voleva vedere l'ha vista oppure anche salvata sul suo disco), ma questo possono farlo anche se non sei iscritto a facebook.Potrebbero farti una cattiveria del genere anche se facebook non esistesse.
        • Momento di inerzia scrive:
          Re: Peccato
          - Scritto da: Fabrizio Cinti
          Facebook non serve per produrre contenuti, semmai
          per condividerli.si, ma la gente non partecipa più ai forum e ai blog.In questo modo i contenuti muoiono e n on ci sarà più niente da condividere
          • ces scrive:
            Re: Peccato
            - Scritto da: Momento di inerzia
            - Scritto da: Fabrizio Cinti

            Facebook non serve per produrre contenuti,
            semmai

            per condividerli.

            si, ma la gente non partecipa più ai forum e ai
            blog.Su che non siamo ancora arrivati a questo punto.
            In questo modo i contenuti muoiono e non ci sarà
            più niente da
            condividereO quando non ci sarà più nulla da fare ci si ricorderà dei buoni vecchi forum, dove se cercavi qualche cosa non dovevi scavare fra la fuffa.
          • ziovax scrive:
            Re: Peccato
            Facebook, ed i social nework in generale, non potranno mai soppiantare forum e blog: sono cose diverse.
  • antonio scrive:
    a 90 gradi
    si sono inchinati :D
  • Ric scrive:
    Inevitabile...
    Credo che la cosa possa solo giovare a Myspace, che di certo non sta navigando in buone acque ultimamente. Ad ogni modo, per Myspace, è stato di certo un boccone amaro. Ric - http://www.nowmedia.it
  • Dav91 scrive:
    Facebook inizia
    a fare paura. Sempre più onnipresente e con una policy poco condivisibile...
    • Anonymous scrive:
      Re: Facebook inizia
      - Scritto da: Dav91
      a fare paura. Sempre più onnipresente e con una
      policy poco
      condivisibile...Hahah, che avatar XD
    • ces scrive:
      Re: Facebook inizia
      - Scritto da: Dav91
      a fare paura. Sempre più onnipresente e con una
      policy poco
      condivisibile...Prima non si usciva più la sera per stare connessi su internet, adesso non si naviga più la sera per stare attaccati tutto il tempo su facebook. Poco male, sono mode, insomma c'è vita oltre facebook e prima o poi se ne accorgeranno anche i suoi stessi utenti.La verità e che non offre alcun servizio rivoluzionario ma tanta fuffa ed alla gente la fuffa piace.
      • kmtnck scrive:
        Re: Facebook inizia
        - Scritto da: ces
        - Scritto da: Dav91

        a fare paura. Sempre più onnipresente e con una

        policy poco

        condivisibile...

        Prima non si usciva più la sera per stare
        connessi su internet, adesso non si naviga più la
        sera per stare attaccati tutto il tempo su
        facebook. Poco male, sono mode, insomma c'è vita
        oltre facebook e prima o poi se ne accorgeranno
        anche i suoi stessi
        utenti.
        La verità e che non offre alcun servizio
        rivoluzionario ma tanta fuffa ed alla gente la
        fuffa
        piace.sbagliato!facebook ha rivoluzionato il modo di interrelazionarsi con gli altri in un mondo fatto di click ... un tempo c'era il nickname su mirc che nascondeva l'identità dell'interlocutore... ora cè un nome e cognome tuo ex compagno di classe che non vedevi da anni nell'elenco dei tuoi amici e via andare!che piaccia oppure no facebook non solo è rivoluzionario, ma è anche stato accettato dalla società nel senso che, ad esempio, un'indagine su un grave delitto è facile che parta dalla pagina di facebook dell'indagato. non credo sia solo una moda, ma un qualcosa di molto piu ampio al pari del cellulare.se poi qualcuno è invidioso di tutto questo ... si può domandare perchè non ci ha pensato lui a inventarlo per primoche poi molti utenti scrivano fuffa e cagate è un'altro discorso, ma quello vale in qualsiasi contesto sociale
        • Aleph72 scrive:
          Re: Facebook inizia
          - Scritto da: kmtnck
          - Scritto da: ces

          - Scritto da: Dav91


          a fare paura. Sempre più onnipresente e con
          una


          policy poco


          condivisibile...



          Prima non si usciva più la sera per stare

          connessi su internet, adesso non si naviga più
          la

          sera per stare attaccati tutto il tempo su

          facebook. Poco male, sono mode, insomma c'è vita

          oltre facebook e prima o poi se ne accorgeranno

          anche i suoi stessi

          utenti.

          La verità e che non offre alcun servizio

          rivoluzionario ma tanta fuffa ed alla gente la

          fuffa

          piace.

          sbagliato!

          facebook ha rivoluzionato il modo di
          interrelazionarsi con gli altri in un mondo fatto
          di click ... un tempo c'era il nickname su mirc
          che nascondeva l'identità dell'interlocutore...
          ora cè un nome e cognome tuo ex compagno di
          classe che non vedevi da anni nell'elenco dei
          tuoi amici e via
          andare!

          che piaccia oppure no facebook non solo è
          rivoluzionario, ma è anche stato accettato dalla
          società nel senso che, ad esempio, un'indagine su
          un grave delitto è facile che parta dalla pagina
          di facebook dell'indagato.


          non credo sia solo una moda, ma un qualcosa di
          molto piu ampio al pari del
          cellulare.

          se poi qualcuno è invidioso di tutto questo ...
          si può domandare perchè non ci ha pensato lui a
          inventarlo per
          primo

          che poi molti utenti scrivano fuffa e cagate è
          un'altro discorso, ma quello vale in qualsiasi
          contesto
          socialeQuasi d'accordo su tutto.Facebook, è un mezzo. Dipende da come si utilizza.Io ho ritrovato, ad esempio, dei commilitoni di cui non avevo notizie da anni ed alcuni parenti in america.
          • zilraag scrive:
            Re: Facebook inizia
            Anch'io ho usato FB per cercare i miei vecchi compagni di scuola.Poi, una volta trovati, mi sono chiesto: ma che c###o gli dico io a gente di cui non ho notizia da più di 20 anni?
          • Aleph72 scrive:
            Re: Facebook inizia
            - Scritto da: zilraag
            Anch'io ho usato FB per cercare i miei vecchi
            compagni di
            scuola.

            Poi, una volta trovati, mi sono chiesto: ma che
            c###o gli dico io a gente di cui non ho notizia
            da più di 20
            anni?E vabbè...Io ho avuto tanto da dire e a novembre ci si incontra tutti per una pizza.
        • ces scrive:
          Re: Facebook inizia
          - Scritto da: kmtnck
          - Scritto da: ces

          - Scritto da: Dav91


          a fare paura. Sempre più onnipresente e con
          una


          policy poco


          condivisibile...



          Prima non si usciva più la sera per stare

          connessi su internet, adesso non si naviga più
          la

          sera per stare attaccati tutto il tempo su

          facebook. Poco male, sono mode, insomma c'è vita

          oltre facebook e prima o poi se ne accorgeranno

          anche i suoi stessi

          utenti.

          La verità e che non offre alcun servizio

          rivoluzionario ma tanta fuffa ed alla gente la

          fuffa

          piace.

          sbagliato!

          facebook ha rivoluzionato il modo di
          interrelazionarsi con gli altri in un mondo fatto
          di click ... un tempo c'era il nickname su mirc
          che nascondeva l'identità dell'interlocutore...per fortuna c'è ancora :
          ora cè un nome e cognome tuo ex compagno di
          classe che non vedevi da anni nell'elenco dei
          tuoi amici e via
          andare!Non è qualcosa che definirei rivoluzionario.
          che piaccia oppure no facebook non solo è
          rivoluzionario, ma è anche stato accettato dalla
          società nel senso che, ad esempio, un'indagine su
          un grave delitto è facile che parta dalla pagina
          di facebook dell'indagato. Chiaro che in un'indagine si cerchino indizi da qualunque parte essi arrivino, tra l'altro a dimostrazione di come la privacy vada a farsi benedire (con la nostra più o meno spontanea collaborazione).
          non credo sia solo una moda, ma un qualcosa di
          molto piu ampio al pari del
          cellulare.No, perché non è un servizio indispensabile.
          se poi qualcuno è invidioso di tutto questo ...
          si può domandare perchè non ci ha pensato lui a
          inventarlo per
          primoDi chi stai parlando?
          che poi molti utenti scrivano fuffa e cagate è
          un'altro discorso, ma quello vale in qualsiasi
          contesto
          socialePer farti un esempio, anche i blog erano considerati rivoluzionari nonostante fossero perlopiù contenitori di fuffe varie (non tutti ovviamente), c'è stato semplicemente un trasloco di fuffa verso il contenitore più comodo.Non che su facebook non ci siano contenuti interessanti, ma è tutto troppo limitato, per me è una recinzione, stanno cercando di creare uno spazio separato da internet ma non c'è una vera sostanza.Ovviamente potrei essere parziale e con ogni probabilità sbagliarmi, quindi non badare a quello che dico. :D
          • kmtnck scrive:
            Re: Facebook inizia
            - Scritto da: ces
            - Scritto da: kmtnck

            - Scritto da: ces


            - Scritto da: Dav91



            a fare paura. Sempre più onnipresente e con

            una



            policy poco



            condivisibile...





            Prima non si usciva più la sera per stare


            connessi su internet, adesso non si naviga più

            la


            sera per stare attaccati tutto il tempo su


            facebook. Poco male, sono mode, insomma c'è
            vita


            oltre facebook e prima o poi se ne
            accorgeranno


            anche i suoi stessi


            utenti.


            La verità e che non offre alcun servizio


            rivoluzionario ma tanta fuffa ed alla gente la


            fuffa


            piace.



            sbagliato!



            facebook ha rivoluzionato il modo di

            interrelazionarsi con gli altri in un mondo
            fatto

            di click ... un tempo c'era il nickname su mirc

            che nascondeva l'identità dell'interlocutore...

            per fortuna c'è ancora :si ma non ha piu l'appeal di una volta... diciamo che ci sono altri canali alternativi tra cui facebook skype il voicemail e ultimamente quello che va piu in voga è un sistema social network tipo facebook o twitter


            ora cè un nome e cognome tuo ex compagno di

            classe che non vedevi da anni nell'elenco dei

            tuoi amici e via

            andare!
            Non è qualcosa che definirei rivoluzionario.beh ha rivoluzionato il modo di comunicare uscendo dall'anonimato che poi questo può significare anche un addio ai valori della privacy. Ma è anche vero che se usato nel modo giusto facebook può essere una importante fonte di informazione dato che per fortuna non cè solo fuffa... anzi!


            che piaccia oppure no facebook non solo è

            rivoluzionario, ma è anche stato accettato dalla

            società nel senso che, ad esempio, un'indagine
            su

            un grave delitto è facile che parta dalla pagina

            di facebook dell'indagato.

            Chiaro che in un'indagine si cerchino indizi da
            qualunque parte essi arrivino, tra l'altro a
            dimostrazione di come la privacy vada a farsi
            benedire (con la nostra più o meno spontanea
            collaborazione).
            beh certo! ma per farti sempre l'esempio delle indagini... non cè mai stato un caso in cui si partiva un indagine da un nickname su mirc

            non credo sia solo una moda, ma un qualcosa di

            molto piu ampio al pari del

            cellulare.

            No, perché non è un servizio indispensabile.
            lo diventerà se non lo è già diventato!

            se poi qualcuno è invidioso di tutto questo ...

            si può domandare perchè non ci ha pensato lui a

            inventarlo per

            primo

            Di chi stai parlando?di molti che insultano il fondatore sperando che vada in fallimento (vedi post qua e là)


            che poi molti utenti scrivano fuffa e cagate è

            un'altro discorso, ma quello vale in qualsiasi

            contesto

            sociale

            Per farti un esempio, anche i blog erano
            considerati rivoluzionari nonostante fossero
            perlopiù contenitori di fuffe varie (non tutti
            ovviamente), c'è stato semplicemente un trasloco
            di fuffa verso il contenitore più
            comodo.
            Non che su facebook non ci siano contenuti
            interessanti, ma è tutto troppo limitato, per me
            è una recinzione, stanno cercando di creare uno
            spazio separato da internet ma non c'è una vera
            sostanza.
            Ovviamente potrei essere parziale e con ogni
            probabilità sbagliarmi, quindi non badare a
            quello che dico.
            :Docchio che io non stò difendendo facebook e il social network in generale, ma stò cercando di analizzare il fenomeno da un lato oggettivo e che per quanto mi riguarda è un servizio di comunicazione come un altro e che sicuramente stà facendo storia come fece storia l'invenzione della email (giusto per fare un'altro esempio di mezzo comunicativo rivoluzionario)
          • ces scrive:
            Re: Facebook inizia
            - Scritto da: kmtnck
            - Scritto da: ces

            - Scritto da: kmtnck


            - Scritto da: ces



            - Scritto da: Dav91




            a fare paura. Sempre più onnipresente e
            con


            una




            policy poco




            condivisibile...







            Prima non si usciva più la sera per stare



            connessi su internet, adesso non si naviga
            più


            la



            sera per stare attaccati tutto il tempo su



            facebook. Poco male, sono mode, insomma c'è

            vita



            oltre facebook e prima o poi se ne

            accorgeranno



            anche i suoi stessi



            utenti.



            La verità e che non offre alcun servizio



            rivoluzionario ma tanta fuffa ed alla gente
            la



            fuffa



            piace.





            sbagliato!





            facebook ha rivoluzionato il modo di


            interrelazionarsi con gli altri in un mondo

            fatto


            di click ... un tempo c'era il nickname su
            mirc


            che nascondeva l'identità
            dell'interlocutore...



            per fortuna c'è ancora :

            si ma non ha piu l'appeal di una volta... diciamo
            che ci sono altri canali alternativi tra cui
            facebook skype il voicemail e ultimamente quello
            che va piu in voga è un sistema social network
            tipo facebook o
            twitterInteressante che tu parli di appeal, perché guardando alle funzioni un client IRC non ha nulla da invidiare a facebook ed infatti non è così in disuso come credi.


            ora cè un nome e cognome tuo ex compagno di


            classe che non vedevi da anni nell'elenco dei


            tuoi amici e via


            andare!

            Non è qualcosa che definirei rivoluzionario.

            beh ha rivoluzionato il modo di comunicare
            uscendo dall'anonimato che poi questo può
            significare anche un addio ai valori della
            privacy. Ma è anche vero che se usato nel modo
            giusto facebook può essere una importante fonte
            di informazione dato che per fortuna non cè solo
            fuffa...
            anzi!Non il nome, ma il fatto che si possa facilmente dare informazioni indesiderate senza saperlo.


            che piaccia oppure no facebook non solo è


            rivoluzionario, ma è anche stato accettato
            dalla


            società nel senso che, ad esempio, un'indagine

            su


            un grave delitto è facile che parta dalla
            pagina


            di facebook dell'indagato.



            Chiaro che in un'indagine si cerchino indizi da

            qualunque parte essi arrivino, tra l'altro a

            dimostrazione di come la privacy vada a farsi

            benedire (con la nostra più o meno spontanea

            collaborazione).



            beh certo! ma per farti sempre l'esempio delle
            indagini... non cè mai stato un caso in cui si
            partiva un indagine da un nickname su
            mircChi lo sa ed in ogni caso stiamo parlando di casi particolari non della norma (non penso gli assassini vadano a confessarsi su facebook, benché nel mondo i fessi abbondino).


            non credo sia solo una moda, ma un qualcosa di


            molto piu ampio al pari del


            cellulare.



            No, perché non è un servizio indispensabile.



            lo diventerà se non lo è già diventato!Non vedo in che maniera possa esserlo o diventarlo.


            se poi qualcuno è invidioso di tutto questo
            ...


            si può domandare perchè non ci ha pensato lui
            a


            inventarlo per


            primo



            Di chi stai parlando?

            di molti che insultano il fondatore sperando che
            vada in fallimento (vedi post qua e
            là)





            che poi molti utenti scrivano fuffa e cagate è


            un'altro discorso, ma quello vale in qualsiasi


            contesto


            sociale



            Per farti un esempio, anche i blog erano

            considerati rivoluzionari nonostante fossero

            perlopiù contenitori di fuffe varie (non tutti

            ovviamente), c'è stato semplicemente un trasloco

            di fuffa verso il contenitore più

            comodo.

            Non che su facebook non ci siano contenuti

            interessanti, ma è tutto troppo limitato, per me

            è una recinzione, stanno cercando di creare uno

            spazio separato da internet ma non c'è una vera

            sostanza.

            Ovviamente potrei essere parziale e con ogni

            probabilità sbagliarmi, quindi non badare a

            quello che dico.

            :D

            occhio che io non stò difendendo facebook e il
            social network in generale, ma stò cercando di
            analizzare il fenomeno da un lato oggettivo e che
            per quanto mi riguarda è un servizio di
            comunicazione come un altro e che sicuramente stà
            facendo storia come fece storia l'invenzione
            della email (giusto per fare un'altro esempio di
            mezzo comunicativo
            rivoluzionario)Non so se sta facendo storia o sia solo un fenomeno di costume, ma non si può definire rivoluzionario; i blog dovevano essere la rivoluzione del nuovo millennio e così non è stato, lo stesso my space e vediamo come sono andate le cose. Facebook è un miscuglio di un pò di tutto ma niente di rivoluzionario, una buona idea ma non come ad esempio youtube o google (dei cui servizi si avvale infatti).
          • ziovax scrive:
            Re: Facebook inizia
            - Scritto da: ces
            Non esageriamo chi vuole scaricarsi qualcosa
            sceglie altre vie nella gran parte dei
            casi.Esagero, esagero.Sono abbastanza vecchio da poterti dire che usavo irc (e non mirc) a linea di comando (quando ancora windows non esisteva), si parlava con parecchia gente e non solo con gli op o gli half op che oggi ti bacchettano per l'utilizzo del comando @find, e quando i bot erano al massimo per il gioco del paroliamo e non per richiedergli un film...
            Su 500 milioni di utenti sono la maggioranza
            quelli che non si preoccupano dei dati che stanno
            immettendo nè vengono sufficientemente informati
            sui
            rischi.E' un problema loro. Puoi anche usare un coltello da cucina, ma se te lo infili sulla giugulare lo stai facendo nel modo errato.Tutt'ora ci sono personaggi che col telefonino in autobus a squarciagola: "Ciao ci'! che st'affà?"...."Ah, stai a cucinà? che?"...."A pasta 'a'a carbonara? BBBOOONAAA!"...."No, nu'mma posso magnà, c'ho l'emoroidi...".Quindi, la colpa è del telefonino o dell'utilizzatore?
            Il cellulare non era indispensabile quando era
            grande quanto una cabina telefonica, comunque è
            vero che in linea teorica nulla è indispensabile
            a parte cibo e
            acqua.No no, non hai capito: il cellulare non esisteva proprio.Grazie al cellulare si comunica meglio, e si comunica meglio, e con più gente, anche grazie a facebook.
            Niente che non ci fosse già, insomma.Ma non ha avuto lo stesso sucXXXXX e la stessa percentuale di utilizzo... ieri chi parlava con un cellulare appariva come un cretino, oggi è una cosa normale, oggi chi usa facebook (o qualsiasi altro sistema di comunicazione) appare come un cretino, forse domani sarà una cosa normale.
            Infatti la cosa preoccupante sarebbe se non
            potessi scegliere di non
            utilizzarlo.Liberissimo di non utilizzarlo (come il cellulare, del resto), ma non criticarlo a priori e soprattutto non criticare chi lo utilizza.
        • sbarello scrive:
          Re: Facebook inizia
          - Scritto da: kmtnck
          facebook ha rivoluzionato il modo di
          interrelazionarsi con gli altri in un mondo fatto
          di click ... un tempo c'era il nickname su mirc
          che nascondeva l'identità dell'interlocutore...
          ora cè un nome e cognome tuo ex compagno di
          classe che non vedevi da anni nell'elenco dei
          tuoi amici e via
          andare!Ecco, questa mena degli ex compagni di scuola non l'ho capita: Se non ci si vede da anni un motivo ci sarà, io personalmente non ho voglia di tornare in contatto con gente che in gran parte rimbalzavo già all'epoca, l'idea di essere tampinato da certi idioti mi ripugna.
          che piaccia oppure no facebook non solo è
          rivoluzionario, ma è anche stato accettato dalla
          società nel senso che, ad esempio, un'indagine su
          un grave delitto è facile che parta dalla pagina
          di facebook dell'indagato. :| Ma sei serio? Al massimo studio aperto va a ravanare nella pagina facciabuco della vittima e ci imbastisce un servizio mieloso stile cuccioli seviziati in gabbia.

          non credo sia solo una moda, ma un qualcosa di
          molto piu ampio al pari del
          cellulare.Siamo nella direzione di "The
          Marching Morons" di Kornbluth
          se poi qualcuno è invidioso di tutto questo ...
          si può domandare perchè non ci ha pensato lui a
          inventarlo per
          primoInvidia? Disgusto semmai.
          che poi molti utenti scrivano fuffa e cagate è
          un'altro discorso, ma quello vale in qualsiasi
          contesto
          socialeIn ogni caso, sono favorevole a facebook inteso come cloaca o riserva indiana per idioti, così il resto della Rete ritorna frequentabile. Basta che non si trasformi in un buco nero che si fagociti tutta la Rete...
          • ziovax scrive:
            Re: Facebook inizia
            - Scritto da: sbarello
            Ecco, questa mena degli ex compagni di scuola non
            l'ho capita: Se non ci si vede da anni un motivo
            ci sarà, io personalmente non ho voglia di
            tornare in contatto con gente che in gran parte
            rimbalzavo già all'epoca, l'idea di essere
            tampinato da certi idioti mi
            ripugna.Infatti è una menata, ma è solo un esempio dell'utilizzo che se ne può fare: io lo utilizzo anche per comunicare le date delle prove con i componenti delle mie band, perché so che ogni tanto ci fanno una capatina e leggono il messaggio, più spesso di quanto farebbero con un email.Non è istantaneo come l'sms, ma non mi costa nulla di più.
            :| Ma sei serio? Al massimo studio aperto va a
            ravanare nella pagina facciabuco della vittima e
            ci imbastisce un servizio mieloso stile cuccioli
            seviziati in
            gabbia.Questo è un uso comune: se sei indagato di qualcosa, la prima cosa che fanno è guardare che c'hai dentro il computer e nel telefonino.
            Siamo nella direzione di "The
            Marching Morons"
            di
            KornbluthLa gente stupida c'è sempre stata, non è che si è creata con facebook... anzi, con facebook puoi notare quanta ce n'è in giro molto più che con la tv o altri media.
            Invidia? Disgusto semmai.Per quale motivo, scusa?
            In ogni caso, sono favorevole a facebook inteso
            come cloaca o riserva indiana per idioti, così il
            resto della Rete ritorna frequentabile. Non capisco come possa rendere poco frequentabile il resto della rete...
            Basta che
            non si trasformi in un buco nero che si fagociti
            tutta la
            Rete...Eeeehhhhh, solo perché si possono condividere i post dei forum e dei blog, i video di youtube e ora anche la musica di myspace, oltre a quella di jamendo?Io lo chiamerei "aggregatore".
          • kmtnck scrive:
            Re: Facebook inizia

            Io lo chiamerei "aggregatore".bingo!!è un aggregatore di informazioni postate da utenti che scelgono quanto rendersi visibili o riservati a seconda delle impostazioni di privacy.il valore aggiunto e quello che secondo me ha dato il boom a facebook è proprio il fatto di poter scrivere il proprio nome e cognome invece del canonico nickname e poi aggregare amici a cui postare frasi piu o meno serie, condividere informazioni piu o meno interessanti e via andare!è uno strumento che se usato bene può risultare una macchina da guerra devastante... anche solo per dare visibilità ad un tuo progetto che magari in altri modi o paghi o vai di passaparola!il social network in senso lato è un grande aggregatore sociale nel vero senso della parola!è una bella cosa in fondo... sono molto MENO bella cosa la maggioranza della gente idiota che la frequenta, ma questo (come dico piu volte) vale in ogni contesto sociale che sia internet, facebook, ma anche in autostrada o in spiaggia o al supermercato ecc ecc-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 settembre 2010 13.58-----------------------------------------------------------
    • Enok scrive:
      Re: Facebook inizia
      Invece è perfetto. Un perfetto raccoglitore di XXXXXXXX.Ergo una rete più "pulita".
      • Zago scrive:
        Re: Facebook inizia
        qui si sta parlando di facebook e di myspace, non di camera tua
      • sbarello scrive:
        Re: Facebook inizia
        - Scritto da: Enok
        Invece è perfetto. Un perfetto raccoglitore di
        XXXXXXXX.Esatto. Tra l'altro, se guardi sotto, ne hai fatto imbizzarrire uno.
        Ergo una rete più "pulita".Vero, l'effetto si nota su usenet, per esempio: tanti parlano di declino di usenet, un po' sarà vero, per me - invece - si tratta soprattutto di un'operazione di spurgo fatta da facciabuco.
  • Nico scrive:
    nnnn
    nnnn
Chiudi i commenti