HP: microchip a memristori in tre anni

Nuovi risultati positivi dagli esperimenti su uno dei contendenti al trono del silicio. I memristori diventano più veloci, e si preparano a dare battaglia ai transistor per i dispositivi elettronici del futuro prossimo venturo

Roma – Come procede il design di circuiti elettronici integrati interamente basati su memristori ? Benissimo stando ai ricercatori di HP Labs , che per primi avevano annunciato la scoperta del “quarto stato fondamentale” dell’elettronica due anni or sono . La ricerca procede col vento in poppa, e il componente diverrà parte integrante della vita tecnologica di tutti i giorni entro tre anni .

Il perché i ricercatori siano così interessati a sostituire transistor con memristore è presto detto : il memristore è in grado di modificare il proprio stato al variare della corrente elettrica, e di conservare tale stato anche qualora si interrompesse il flusso di energia. Microchip di elaborazione dati (CPU) e per lo stoccaggio di informazioni (RAM-Flash) basati su memristori saranno più efficienti, meno affamati di corrente, con una capacità di scalare verso il basso impossibile da replicare con i transistor tradizionali.

Le ultime notizie che arrivano dagli HP Labs parlano di risultati importanti sulla via del passaggio di consegne fra transistor e memristor, con i ricercatori che dicono di aver trovato un metodo per assemblare stack tridimensionali di memristor per una scalabilità di storage e capacità computazionale ancora maggiore, e soprattutto di aver raggiunto una velocità di “switch” elettronico comparabile ai transistor usati comunemente .

I ricercatori di HP Labs avrebbero insomma superato uno degli ostacoli principali che separano la commercializzazione di dispositivi basati su memristori dai test in laboratorio, sempre considerando il fatto che se i tradizionali microchip di memoria sono composti da transistor grandi tra i 30 e i 40 nanometri, i prototipi di HP hanno memristori non più grandi di 3 nanometri. Capaci di passare dallo stato “on” a quello “off” in un nanosecondo (o miliardesimo di secondo).

“Non solo crediamo che in tre anni saremo migliori dei nostri concorrenti – ha dichiarato Stan Williams di HP – La tecnologia dei memristori ha davvero la capacità di continuare a scalare per un lungo periodo di tempo, e questo è un fatto davvero importante”. In tre anni, continua a promettere Williams, la memoria a memristori vanterà una capacità di immagazzinamento di 20 Gigabyte per pollice quadrato contro un valore (stimato) inferiore di due ordini di grandezza della memoria Flash.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti