Ricoh forza l'unione di Blu-ray e HD DVD

L'azienda giapponese afferma di aver sviluppato, prima al mondo, un componente ottico che aprirà la strada a player e masterizzatori capaci di supportare sia Blu-ray che HD DVD. Il futuro del laser blu sarà nei drive multi-standard?

Tokyo (Giappone) – La possibilità di produrre lettori e masterizzatori a laser blu dual-standard non è più soltanto un’ipotesi. A dare concretezza all’idea è la giapponese Ricoh , che ha svelato un nuovo componente ottico capace di leggere e scrivere tutti i principali formati di disco: Blu-ray, HD DVD, DVD e CD.

Di particolare interesse il fatto che l’azienda giapponese sia riuscita a sposare laser rosso (utilizzato da CD e DVD) e laser blu (utilizzato da Blu-ray e HD DVD) in una singola testina ottica dotata di una sola lente di focalizzazione : questa caratteristica, unita alla possibilità, per i produttori, di riciclare le meccaniche degli attuali drive, contribuirà a contenere i costi dei drive multi-standard.

La tecnologia di Ricoh, di cui EETimes.com fornisce alcuni dettagli tecnici, è in grado di variare dinamicamente la messa a fuoco del laser in base al formato di disco caricato nel drive.

L’altro aspetto degno di nota del componente ottico di Ricoh è il supporo multi-standard in scrittura , che apre la strada all’arrivo dei primi masterizzatori capaci di stendere un ponte tra Blu-ray e HD DVD. L’azienda ha tuttavia intenzione di dare la priorità al mercato dei player, dove conta di commercializzare una testina all-in-one già entro la fine dell’anno. Un dispositivo dotato anche delle funzionalità di scrittura dovrebbe invece arrivare nel corso del 2007.

Solo poche settimane fa Samsung ha rivelato il proprio interesse nella produzione di player a laser blu dual-standard, senza tuttavia fornire dettagli a riguardo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    M I T I C O !!!!!!!!
    come da subject..
  • Anonimo scrive:
    Lotus Notes.... na schifezza...
    Lo usa la societa per cui lavoro... e su 200 persone piacera si e no a 2 persone... E' una cosa oscena... lento... buggoso.... e non e' per niente intuitivo nel layout della UI. Stiamo tutti aspettando che si decidano di cambiarlo...idem per ClearQuest e ClearCase.
  • Anonimo scrive:
    ma a che gioco stai giocando IBM?
    mi lascia molto perplesso certi "ritardi" di ibm nel porting verso linux dopo tanti sforzi per sostenerlo...
  • Anonimo scrive:
    LA COMUNITÀ VUOLE I SORGENTI
    LA COMUNITA' OPEN SOURCE CHIEDE IN NOME DELL'UMANITA' APERTA CHE VENGA A NOI RESTITUITO CIO' CHE PER DIRITTO CI SPETTA, OVVERO I SORGENTI DI QUALSIASI APPLICAZIONE INFORMATICA E ANCORA DI PIU' SE SI TRATTA DI LINUX+IBM: PRETENDIAMO SENZA MEZZI TERMINI IL LINK PER IL DOWNLOAD GRATUITO SU SOURCEFORGE DEI SORGENTI DI NOTES & C E DI TUTTE LE APPLICAZIONI SIMILARI CORRELATE.LA LEGGE NON AMMETTE IGNORANZA!(linux)(linux)(linux)
  • scribble scrive:
    Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto...
    Invece che pensare a mirabolanti migrazioni, tra l'altro già possibili "a mano" essendo un sw java, perché IBM non pensa a dare un supporto umanamente decente ad un prodotto che dalla versione 5 in poi non fa altro che peggiorare?Domino è sempre più instabile, Notes sempre più pesante, le novità delle nuove release, quelle poche volte che funzionano correttamente, sono fuori dal tempo...Senza contare quanto costano sviluppatori ed amministratori...Ti prego IBM, riprenditi! Qui non è più una questione di scelta, se andate avanti così si è costretti a cambiare...Senza Ozzie Notes è morto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
      Per dire queste boiate ti paga qualcuno o veramente conosci Domino?
      • scribble scrive:
        Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
        - Scritto da:
        Per dire queste boiate ti paga qualcuno o
        veramente conosci
        Domino?6 anni di utilizzo ed amministrazione, 1700 utenti, 10 server nel mondo in 6 lingue diverse ti bastano?La verità è che è stato abbandonato. O forse basta appoggiarsi ad IBM global services per riavere il supporto di qualche anno fa, ma quanto costa?Invece che abbaiare tieni le orecchie basse e firmati.
        • opazz scrive:
          Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..

          6 anni di utilizzo ed amministrazione, 1700
          utenti, 10 server nel mondo in 6 lingue diverse
          ti bastano?Da quello che racconti, l'amministrazione è un po' avventata...
          La verità è che è stato abbandonato. O forse
          basta appoggiarsi ad IBM global services per
          riavere il supporto di qualche anno fa, ma quanto costa?La verità, è che si fa presto a fregiarsi il titolo di amministratore.
          • scribble scrive:
            Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
            - Scritto da: opazz

            6 anni di utilizzo ed amministrazione, 1700

            utenti, 10 server nel mondo in 6 lingue diverse

            ti bastano?

            Da quello che racconti, l'amministrazione è un
            po'
            avventata...


            La verità è che è stato abbandonato. O forse

            basta appoggiarsi ad IBM global services per

            riavere il supporto di qualche anno fa, ma
            quanto
            costa?

            La verità, è che si fa presto a fregiarsi il
            titolo di
            amministratore.La verità è che nel vostro italianissimo mondo dell'informatica si può dire che un prodotto fa schifo o anche solo che è peggiorato nel tempo (perché questo è successo a Domino, che per alcune caratteristiche è semplicemente unico, non esiste concorrenza) solo se è Microsoft. Tutto il resto è fighissimo a prescindere. E te lo dice uno che purtroppo con Microsoft ci deve lavorare senza volerlo e che sa cosa significa dover comprare RAM come se fosse acqua minerale per far girare un server che sotto linux probabilmente farebbe le stesse cose, meglio, con una macchina vecchia di 5 anni.Ok, Domino è un capolavoro, mi scusi Maestro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto...
      - Scritto da: scribble
      Invece che pensare a mirabolanti migrazioni, tra
      l'altro già possibili "a mano" essendo un sw
      java, perché IBM non pensa a dare un supporto
      umanamente decente ad un prodotto che dalla
      versione 5 in poi non fa altro che
      peggiorare?Non conosco rel. peggiore della 5, stai scherzando?
      Domino è sempre più instabile, Notes sempre più
      pesante, le novità delle nuove release, quelle
      poche volte che funzionano correttamente, sono
      fuori dal
      tempo...
      Senza contare quanto costano sviluppatori ed
      amministratori...
      Ti prego IBM, riprenditi! Qui non è più una
      questione di scelta, se andate avanti così si è
      costretti a cambiare...Senza Ozzie Notes è
      morto?Si stai scherzando. Domino 7.0 è di una stabilità sorprendente, mentre fino alla 6.5 attendevo i primi fix pack o le minor release per fare eventuali upgrade servers, dalla 7.0 ho riscontrato che invece può essere installata tranquillamente. Inoltre sempre dalla 7.0 le risorse impegnate dal server (a parità di carico) sono inferiori di quelle utilizzate dalla 6.5.x.Per il discorso client stesso discorso per la questione stabilità, mentre concordo che le risorse necessarie sono invece maggiori rispetto alla 5, però su questo c'è poco da fare temo, ormai ogni rel. client di un qualsiasi software diventa sempre maggiormente esosa.Per il discorso di amministratori e sviluppatori non sò uanto tu li possa pagare, però per quanto ne sò io sono costi di mercato corretti (a fronte delle adeguate competenze ovviamente).
      • scribble scrive:
        Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
        - Scritto da:

        - Scritto da: scribble

        Invece che pensare a mirabolanti migrazioni, tra

        l'altro già possibili "a mano" essendo un sw

        java, perché IBM non pensa a dare un supporto

        umanamente decente ad un prodotto che dalla

        versione 5 in poi non fa altro che

        peggiorare?

        Non conosco rel. peggiore della 5, stai
        scherzando?
        Appunto, dalla 5 in poi non fa altro che peggiorare...

        Domino è sempre più instabile, Notes sempre più

        pesante, le novità delle nuove release, quelle

        poche volte che funzionano correttamente, sono

        fuori dal

        tempo...

        Senza contare quanto costano sviluppatori ed

        amministratori...

        Ti prego IBM, riprenditi! Qui non è più una

        questione di scelta, se andate avanti così si è

        costretti a cambiare...Senza Ozzie Notes è

        morto?

        Si stai scherzando. Domino 7.0 è di una stabilità
        sorprendente, mentre fino alla 6.5 attendevo i
        primi fix pack o le minor release per fare
        eventuali upgrade servers, dalla 7.0 ho
        riscontrato che invece può essere installata
        tranquillamente. Inoltre sempre dalla 7.0 le
        risorse impegnate dal server (a parità di carico)
        sono inferiori di quelle utilizzate dalla
        6.5.x.Non so quanti utenti hai e quanti database fai girare su Domino, qui con 1700 utenti e 6 database sempre sopra i 10Gb alcune novità, come l'instant messaging, sono state semplicemente inattivabili per pessime performance. E le basi di dati create con le versioni pre-5 hanno sempre dato problemi una volta superati i 5 Gb, anche se erano state convertite, aggiornate, tutto in regola e in ordine, tutto come da best practice, tutto fatto da personale certificato.Senza contare i misteriosi problemi di replica che come al solito vengono risolti con un "nuova replica e sostituisci" che mi sa tanto di "tanto ormai non ci capiamo una mazza nemmeno noi".O il fatto che settimana scorsa uno dei server cominciava a far partire lo shutdown ogni due ore, senza nessun messaggio, come se fosse lanciato manualmente. Nessun problema di agent o nient'altro segnalato in alcun log. 5 persone IBM non ne sono venute ad una, ha smesso senza che nessuno abbia fatto niente dopo due giorni.
        Per il discorso client stesso discorso per la
        questione stabilità, mentre concordo che le
        risorse necessarie sono invece maggiori rispetto
        alla 5, però su questo c'è poco da fare temo,
        ormai ogni rel. client di un qualsiasi software
        diventa sempre maggiormente
        esosa.Esosa è un discorso, quasi inutilizzabile è un altro: quando qualsiasi macchina fa fatica, quando chiunque dopo un aggiornamento ti guarda come dire "era molto meglio prima", c'è qualcosa che non va. Qui Domino viene usato da 12 anni ed è la prima volta che ci guardiamo intorno, ma adesso siamo proprio costretti.
        Per il discorso di amministratori e sviluppatori
        non sò uanto tu li possa pagare, però per quanto
        ne sò io sono costi di mercato corretti (a fronte
        delle adeguate competenze
        ovviamente).Se sei fortunato e ne trovi uno preparato in Italia lo paghi solo un po' di più degli altri. Ma prova a cercarlo in Asia, in Sudafrica, in Sudamerica... Prendi l'aereo che è meglio, credimi. Oppure IBM direttamente, ma a che prezzi?
        • opazz scrive:
          Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..

          Non so quanti utenti hai e quanti database fai
          girare su Domino, qui con 1700 utenti e 6
          database sempre sopra i 10Gb alcune novità, come
          l'instant messaging, sono state semplicemente
          inattivabili per pessime performance.Forse ignori che Sametime, deve stare su di un server separato, anche se usi domino SOLO per la posta, e hai 5 utenti.
          E le basi
          di dati create con le versioni pre-5 hanno sempre
          dato problemi una volta superati i 5 Gb, anche se
          erano state convertite, aggiornate, tutto in
          regola e in ordine, tutto come da best practice,
          tutto fatto da personale
          certificato.Che ha fatto lavoro con i piedi, fattelo dire.
          Senza contare i misteriosi problemi di replica
          che come al solito vengono risolti con un "nuova
          replica e sostituisci" che mi sa tanto di "tanto
          ormai non ci capiamo una mazza nemmeno
          noi".Appunto, non sanno lavorare. Poi quali misteriosi problemi di replica hai?
          O il fatto che settimana scorsa uno dei server
          cominciava a far partire lo shutdown ogni due
          ore, senza nessun messaggio, come se fosse
          lanciato manualmente. Nessun problema di agent o
          nient'altro segnalato in alcun log. 5 persone IBM
          non ne sono venute ad una, ha smesso senza che
          nessuno abbia fatto niente dopo due
          giorni.Mmmmm strano, l'NDS si crea sempre, anche a shutdown manuale del servente.
          Esosa è un discorso, quasi inutilizzabile è un
          altro: quando qualsiasi macchina fa fatica,
          quando chiunque dopo un aggiornamento ti guarda
          come dire "era molto meglio prima", c'è qualcosa
          che non va.Ho un P3-1000 con 256 MB di RAm come postazione di lavoro, e un Centrino a 1,2 GHZ con 512 MB di RAM, su entrambi nessun problema di gestione e utilizzo.
          Qui Domino viene usato da 12 anni ed
          è la prima volta che ci guardiamo intorno, ma
          adesso siamo proprio costretti.Trovate un buon CLA piuttosto.
          Se sei fortunato e ne trovi uno preparato in
          Italia lo paghi solo un po' di più degli altri.
          Ma prova a cercarlo in Asia, in Sudafrica, in
          Sudamerica... Prendi l'aereo che è meglio,
          credimi. Oppure IBM direttamente, ma a che
          prezzi?Mah.. Dipende via.. Figure valide fanno bene a farsi pagare, altrimenti i cialtroni non vengono distinti.
          • scribble scrive:
            Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
            - Scritto da: opazz


            Non so quanti utenti hai e quanti database fai

            girare su Domino, qui con 1700 utenti e 6

            database sempre sopra i 10Gb alcune novità, come

            l'instant messaging, sono state semplicemente

            inattivabili per pessime performance.

            Forse ignori che Sametime, deve stare su di un
            server separato, anche se usi domino SOLO per la
            posta, e hai 5
            utenti.
            In realtà i server dedicati alla posta sono 3: uno qui in Germania, uno in Cina, uno a Singapore. Il test con Sametime è stato fatto prima su uno, poi su due, poi su tre server separati: risultati pessimi. Forse ha buone prestazioni se si lavora solo in un'area geografica ristretta, non lo so e non ha nemmeno senso chiederselo dato che il mondo è pieno di software che fanno la stessa cosa (e anche di più...) senza richiedere tanto.

            E le basi

            di dati create con le versioni pre-5 hanno
            sempre

            dato problemi una volta superati i 5 Gb, anche
            se

            erano state convertite, aggiornate, tutto in

            regola e in ordine, tutto come da best practice,

            tutto fatto da personale

            certificato.

            Che ha fatto lavoro con i piedi, fattelo dire.
            Guarda che è un problema che hanno avuto tutti in giro per il mondo e non ci sono grandissime soluzioni. Se me ne proponiuna invece che insultare fai più bella figura.

            Senza contare i misteriosi problemi di replica

            che come al solito vengono risolti con un "nuova

            replica e sostituisci" che mi sa tanto di "tanto

            ormai non ci capiamo una mazza nemmeno

            noi".

            Appunto, non sanno lavorare. Poi quali misteriosi
            problemi di replica
            hai?
            Esempio:"invalid or non existent document" su una replica in una base dati con 160 000 documenti. Che fai? Certo, nuova replica e sostituisci e torna tutto a posto. Ma cos'era successo? Qual era il documento che ha creato il problema? Anche qui suggerimenti invece che insulti sono sempre un bel biglietto da visita.

            O il fatto che settimana scorsa uno dei server

            cominciava a far partire lo shutdown ogni due

            ore, senza nessun messaggio, come se fosse

            lanciato manualmente. Nessun problema di agent o

            nient'altro segnalato in alcun log. 5 persone
            IBM

            non ne sono venute ad una, ha smesso senza che

            nessuno abbia fatto niente dopo due

            giorni.

            Mmmmm strano, l'NDS si crea sempre, anche a
            shutdown manuale del
            servente.
            Infatti, era proprio come se fosse partito uno shutdown manuale... Sospettiamo qualche agent, ma quale? Perché prorpio quel giorno dato che gli agenti erano tutti lì da mesi? Forse un out of office? Chissà, ma è tornato tutto a posto e si prega che non succeda più...


            Esosa è un discorso, quasi inutilizzabile è un

            altro: quando qualsiasi macchina fa fatica,

            quando chiunque dopo un aggiornamento ti guarda

            come dire "era molto meglio prima", c'è qualcosa

            che non va.

            Ho un P3-1000 con 256 MB di RAm come postazione
            di lavoro, e un Centrino a 1,2 GHZ con 512 MB di
            RAM, su entrambi nessun problema di gestione e
            utilizzo.
            Ma quanti utenti ci sono collegati al tuo server?

            Qui Domino viene usato da 12 anni ed

            è la prima volta che ci guardiamo intorno, ma

            adesso siamo proprio costretti.

            Trovate un buon CLA piuttosto.


            Se sei fortunato e ne trovi uno preparato in

            Italia lo paghi solo un po' di più degli altri.

            Ma prova a cercarlo in Asia, in Sudafrica, in

            Sudamerica... Prendi l'aereo che è meglio,

            credimi. Oppure IBM direttamente, ma a che

            prezzi?

            Mah.. Dipende via.. Figure valide fanno bene a
            farsi pagare, altrimenti i cialtroni non vengono
            distinti.Giustissimo, ma devi anche guardare quanto costa chi lavora sui prodotti della concorrenza e quanto è facile trovarli in giro per il mondo...
          • opazz scrive:
            Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..

            In realtà i server dedicati alla posta sono 3:
            uno qui in Germania, uno in Cina, uno a
            Singapore. Il test con Sametime è stato fatto
            prima su uno, poi su due, poi su tre server
            separati: risultati pessimi. Forse ha buone
            prestazioni se si lavora solo in un'area
            geografica ristretta, non lo so e non ha nemmeno
            senso chiederselo dato che il mondo è pieno di
            software che fanno la stessa cosa (e anche di
            più...) senza richiedere
            tanto.Ho una realtà simile alla tua, ma come ti ho detto, Sametime deve esser separato dal/dai server domino di gestione. Ed infatti 5 server domino 1 sametime, sparsi anche un po' più della tua situazione, tutto funziona a meraviglia. Versioni di Domino 6.5.4, piattaforme Linux e Windows.
            Guarda che è un problema che hanno avuto tutti in
            giro per il mondo e non ci sono grandissime
            soluzioni. Se me ne proponiuna invece che
            insultare fai più bella figura.Se fossi libero professionista verrei li e ti risolverei il problema.
            Esempio:"invalid or non existent document" su una
            replica in una base dati con 160 000 documenti.Poca roba per le mie realtà 160mila documenti. Ho anche un applicativo nel quale di media ne vengono generati circa 50mila l'ora.
            Infatti, era proprio come se fosse partito uno
            shutdown manuale... Sospettiamo qualche agent, ma
            quale? Perché prorpio quel giorno dato che gli
            agenti erano tutti lì da mesi? Forse un out of
            office? Chissà, ma è tornato tutto a posto e si
            prega che non succeda più...Ma il consulente, non sa usare il tuning e l'auditing? Rimango sconvolto..
            Ma quanti utenti ci sono collegati al tuo server?Mediamente 5000, nel totale di tutto il dominio domino raggiungiamo pacificamente i 25/30mila utenti.
            Giustissimo, ma devi anche guardare quanto costa
            chi lavora sui prodotti della concorrenza e
            quanto è facile trovarli in giro per il
            mondo...Senti, facciamo una cosa, sempre che tu o chi di competenza abbia intenzione di mantenere domino, contattami in privato e ti do un paio di buone dritte.
          • scribble scrive:
            Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
            - Scritto da: opazz

            In realtà i server dedicati alla posta sono 3:

            uno qui in Germania, uno in Cina, uno a

            Singapore. Il test con Sametime è stato fatto

            prima su uno, poi su due, poi su tre server

            separati: risultati pessimi. Forse ha buone

            prestazioni se si lavora solo in un'area

            geografica ristretta, non lo so e non ha nemmeno

            senso chiederselo dato che il mondo è pieno di

            software che fanno la stessa cosa (e anche di

            più...) senza richiedere

            tanto.

            Ho una realtà simile alla tua, ma come ti ho
            detto, Sametime deve esser separato dal/dai
            server domino di gestione. Ed infatti 5 server
            domino 1 sametime, sparsi anche un po' più della
            tua situazione, tutto funziona a meraviglia.
            Versioni di Domino 6.5.4, piattaforme Linux e
            Windows.
            Ti ripeto, i test sono stati fatti con server separati dai domini di gestione e dislocati in aree geografiche diverse. Qui il livello prestazionale è sempre stato molto scarso.

            Guarda che è un problema che hanno avuto tutti
            in

            giro per il mondo e non ci sono grandissime

            soluzioni. Se me ne proponiuna invece che

            insultare fai più bella figura.

            Se fossi libero professionista verrei li e ti
            risolverei il
            problema.
            Questo è un problema risolto, bastava far skippare il fixup all'avvio e alla prima replica andava a posto. Ma l'ho per caso risolto con il supporto di IBM? No, tramite qualcuno in un forum. Che potresti anche essere tu, ma io il software non l'ho pagato a te...
            Poca roba per le mie realtà 160mila documenti. Ho
            anche un applicativo nel quale di media ne
            vengono generati circa 50mila
            l'ora.
            Può farne anche 50 000 al secondo, ma nessuno riesce a spiegarti perché quella base di dati non replica, mentre se fa una nuova replica tutto torna a funzionare alla perfezione. La cosa che mi manda in bestia è che nei vari siti Lotus la frase "try to create a new replica" è sempre più frequente.

            Infatti, era proprio come se fosse partito uno

            shutdown manuale... Sospettiamo qualche agent,
            ma

            quale? Perché prorpio quel giorno dato che gli

            agenti erano tutti lì da mesi? Forse un out of

            office? Chissà, ma è tornato tutto a posto e si

            prega che non succeda più...

            Ma il consulente, non sa usare il tuning e
            l'auditing? Rimango
            sconvolto..
            Abbiamo provato di tutto, non c'è niente di irregolare. Semplicemente come se qualcuno premesse "q" e invio nella consolle.

            Giustissimo, ma devi anche guardare quanto costa

            chi lavora sui prodotti della concorrenza e

            quanto è facile trovarli in giro per il

            mondo...

            Senti, facciamo una cosa, sempre che tu o chi di
            competenza abbia intenzione di mantenere domino,
            contattami in privato e ti do un paio di buone
            dritte.Non è questa le questione, non ho/abbiamo bisogno di UNA o 10 persone capaci, vogliamo un buon supporto da chi il software lo distribuisce. Ed è questo il punto. La mia grossa speranza è che venga aperto il codice di Notes perché questo potrebbe essere un vero volano per la qualità del prodotto, ma non vedo grosse speranze in merito...
          • opazz scrive:
            Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
            Ho la sensazione che tu veda tutto nero, a ragion veduta beninteso, date le tue magre esperienze.Ti rinnovo il mio invito, a tua disposizione.
          • scribble scrive:
            Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..
            - Scritto da: opazz
            Ho la sensazione che tu veda tutto nero, a ragion
            veduta beninteso, date le tue magre
            esperienze.

            Ti rinnovo il mio invito, a tua disposizione.Se non fossi ottimista non avrei mai accettato il lavoro di fare le start-up del nuovo ERP e del CRM, basato su domino, in tutto il mondo. Dove incontro problemi ben più grossi di un mailserver che va giù(tipo la gente che ti ruba la corrente in India...).Solo che mi sembra IBM stia andando un po' a farfalle in tutto e ho la brutta sensazione che voglia sempre più trasformarsi in una società di consulenza. Spero sia solo una sensazione.Scrocco volentieri se ne ho bisogno, ma tra un mese sarò "on the road" e qualcun altro dovrà occuparsi di risolvere tutti questi problemi.Grazie 1000 cmq, anche solo per aver dimostrato che in questo forum non c'è solo gente che ha voglia di insultarsi...
          • opazz scrive:
            Re: Ma IBM ci fa o ci è? Notes è morto..

            Se non fossi ottimista non avrei mai accettato il
            lavoro di fare le start-up del nuovo ERP e del
            CRM, basato su domino, in tutto il mondo. Bel progetto.
            Solo che mi sembra IBM stia andando un po' a
            farfalle in tutto e ho la brutta sensazione che
            voglia sempre più trasformarsi in una società di
            consulenza. Spero sia solo una sensazione.Per fortuna io e altri colleghi come te non abbiamo questa sensazione; altrimenti sarebbe realmente da allarmarsi.
            Scrocco volentieri se ne ho bisogno, ma tra un
            mese sarò "on the road" e qualcun altro dovrà
            occuparsi di risolvere tutti questi problemi.Beh immagino.
            Grazie 1000 cmq, anche solo per aver dimostrato
            che in questo forum non c'è solo gente che ha
            voglia di insultarsi...Non è il mio stile, insulto presumibilmente anche io, ma solo a ragion veduta.
  • drizzt84 scrive:
    Java java sempre java
    Perche' tutti si vanno a imbegolare in quella pesantezza disumana che e' java?OpenOffice e' un chiodo grazie a java, vogliamo programmi fatti in C/C++(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Java java sempre java
      - Scritto da: drizzt84
      Perche' tutti si vanno a imbegolare in quella
      pesantezza disumana che e'
      java?
      OpenOffice e' un chiodo grazie a java, vogliamo
      programmi fatti in
      C/C++
      (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)OOo non gira in Java, che è sfruttato solo da alcuni componenti secondari.Difatti, OOo gira seza JRE installata.
      • drizzt84 scrive:
        Re: Java java sempre java
        - Scritto da:

        - Scritto da: drizzt84

        Perche' tutti si vanno a imbegolare in quella

        pesantezza disumana che e'

        java?

        OpenOffice e' un chiodo grazie a java, vogliamo

        programmi fatti in

        C/C++

        (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)

        OOo non gira in Java, che è sfruttato solo da
        alcuni componenti
        secondari.
        Difatti, OOo gira seza JRE installata.Si' ma ha bisogno di java per essere compilato-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 luglio 2006 09.56-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Java java sempre java
      - Scritto da: drizzt84
      Perche' tutti si vanno a imbegolare in quella
      pesantezza disumana che e'
      java?
      OpenOffice e' un chiodo grazie a java, vogliamo
      programmi fatti in
      C/C++
      (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)Infatti, idiota, OpenOffice è scritto i C/C++
  • Anonimo scrive:
    link per scaricarlo?
    ho guardato nel passport IBM ma non trovo nessun riferimento a questa versione. Sapete dove sia possibile scaricarlo?
    • Anonimo scrive:
      Re: link per scaricarlo?

      ove sia possibile scaricarlo?dovresti aspettare almeno che escacosa che dovrebbe succedere il 24
    • Anonimo scrive:
      Re: link per scaricarlo?
      - Scritto da:
      ho guardato nel passport IBM ma non trovo nessun
      riferimento a questa versione. Sapete dove sia
      possibile
      scaricarlo?non è gratis
      • opazz scrive:
        Re: link per scaricarlo?
        No, ma ancora non c'è la copia di valutazione come può esserci quella per windows. Per quella occorrerà aspettare il 24 luglio.
  • Anonimo scrive:
    notes: come dover dedicare un computer..
    ... all'esecuzione di un solo programma: Notes è una schifezza, tutti quelli che lo usano e che conosco io ne sono disgustati: lento ma, soprattutto, pesante. Apri notes e puoi tranquillamente dimenticarti di usare il computer per fare qualunque altra cosa che non sia notes. Personalmente lo evito come la peste.
    • Anonimo scrive:
      Re: notes: come dover dedicare un comput

      Apri notes e puoi tranquillamente
      dimenticarti di usare il computer guarda, l'ultima versione provata era di due anni fa su un duron 1000 con 256 mbram, con linux tramite wine, e il computer era utilizzabiletranquillamentemi immagino che questa versione nativa sia molto piu prestante di quella e forse è per quello chehanno fatto un porting su linux
      • Anonimo scrive:
        Re: notes: come dover dedicare un comput
        Beh prestante si, ma cambia poco dall'emulazione che potresti ottnere adesso.Del resto è solo un programma java, con qualche libreria per lavorare sotto client grafico nativo.
        • Anonimo scrive:
          Re: notes: come dover dedicare un comput

          Del resto è solo un programma java, con qualche
          libreria per lavorare sotto client grafico
          nativo.beh, che è "solo" un programma java, quindi lento per definizione, lo scopriremo non appena esce
          • opazz scrive:
            Re: notes: come dover dedicare un comput
            No lo sai per definizione se conosci Lotus Notes.Apri Notes, vedi lo screenshot iniziale e vedi che logo campeggia.E' un compilatone java, con qualche programma intermedio per lanciarlo.Infatti durante l'installazione viene creata una cartella JVM conentente la JVM sun, e all'interno della cartella principale di programma ci sono gli exe, che richiamano i vari JAR di prodotto:- Notes.jar- dconsole.jar- cfgdomserver.jare così via...Infatti si potevà gia usare su Linux, soprattutto dalle 6.5.x; bastava installarlo su windows, e copiare l'installazione e tutto quanto su linux, e lanciare l'eseguibile nlnotes.exe con l'opportuno puntamento al notes.ini, tramite wine...
    • Anonimo scrive:
      Re: notes: come dover dedicare un computer..
      - Scritto da:
      ... all'esecuzione di un solo programma: Notes è
      una schifezza, tutti quelli che lo usano e che
      conosco io ne sono disgustati: lento ma,
      soprattutto, pesante. Apri notes e puoi
      tranquillamente dimenticarti di usare il computer
      per fare qualunque altra cosa che non sia notes.
      Personalmente lo evito come la
      peste.Avrei capito se avessi parlato di office ma non di notes. Non è leggerissimo, ma su un pIII con 256 Mb di ram e win2k gira tutto benissimo, è più lento Word ... :
      • Anonimo scrive:
        Re: notes: come dover dedicare un computer..
        una volta che hai avviato Notes tutto è più lento, mica solo word.Notes non è lento in se, semplicemente (al tempo in cui l'ho provato) prendeva tutte le risorse per se e nessun'altra applicazione riusciva a funzionare. Sulla mia macchina c'è rimasto 2 ore, su quelle dei colleghi non più di 2 settimane, dopo di che abbiamo optato per perdere le funzioni di workgroupping ma poter fare qualcos'altro con il pc e non solo leggere la posta, quindi lo abbiamo disinstallato tutti e siamo pasati in blocco ad altro.Certo, la nostra capofiliale è ancora un'utente di Notes/Domino e per forza, è rivenditore di zona di tale prodotto. Come potrebbe pensare di rifilare agli altri cià che non usa nemmeno lei? Comunque noi, sfruttando il fatto che siamo in una sede staccata, lo abbiamo completamente eliminato circa 8 anni fa.
        • Anonimo scrive:
          Re: notes: come dover dedicare un computer..
          Otto anni fa? ad occhio e croce stai parlando di notes 4.6.x o forse la primissima 5.0 ... Escludo che la 4.6.x fosse lenta o impegnasse troppe risorse. LA 5.0 ci posso ancora credere, le prime 5.x erano proprio scritte male. Oggi non è molto più pesante di un word e un pIII con 256 Mb di ram è sufficente per far girare bene entrambi.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: notes: come dover dedicare un comput

      ... all'esecuzione di un solo programma: Notes è
      una schifezza, tutti quelli che lo usano e che
      conosco io ne sono disgustati: lento ma,
      soprattutto, pesante. Apri notes e puoi
      tranquillamente dimenticarti di usare il computer
      per fare qualunque altra cosa che non sia notes.
      Personalmente lo evito come la
      peste.lotus notes è uno di quei programmi che, se fosse disponibile su internet in versione demo, finirebbe nel cestino dopo averlo provato la prima volta :)io davvero non riesco a capire come mai c'è tanta gente disposta a difenderlo a spada tratta!
  • Anonimo scrive:
    notes, fatto dal nuovo capo di microsoft
    Il sostituto di B.gates è Ray Ozzie. Cinquant'anni, di appena un mese più giovane di Gates.. Ozzie...è uno degli autori di Lotus Notes (di cui avrebbe scritto lui stesso un milione di righe di codice)
    • Anonimo scrive:
      Re: notes, fatto dal nuovo capo di micro
      hmm...quindi? non ho capito la morale della storia. (io non amo particolarmente m$)
  • Anonimo scrive:
    differenze?
    Scusate, ho visto Lotus Notes in un ufficio e l'ho utilizzato per curiosità, ma non mi è parso niente di diverso da un office, perchè uno dovrebbe scegliere LN a pagamento invece che Open Office, o MS Office già che ci siamo? Cioè qual'è la marcia in più di LN?
    • Anonimo scrive:
      Re: differenze?
      Passare da un oculista?Dimmi in cosa ti è parso uguale, rispetto ad un openoffice, come tu dici.
    • Anonimo scrive:
      Re: differenze?
      Forse perche' fanno cose diverse. LN NON e' una suite da ufficio, ma un collaboration tool, magari potresti confrontarlo con Ximian appoggioato ad un server (opengroupware.org) o simili.
    • Anonimo scrive:
      Re: differenze?
      Padre perdona loro perchè non sanno quel che dicono.
      • Anonimo scrive:
        Re: differenze?
        - Scritto da:
        Padre perdona loro perchè non sanno quel che
        dicono.
        Padre perdona chi risponde senza argomentare (e neppure quotare).
        • opazz scrive:
          Re: differenze?
          C'è poco da quotare. Per evitare di dar becchime ai troll è inutile commentare una evidente trollata. Lotus Notes lo usano numerose aziende, soprattutto multinazionali, per tutti i buoni pregi che ha, non ultimo quello di essere discinto da funzionalità intrinseche di windows; che possono portare vulnerabilità.Email inviate con VBSCRIPT maligni contenuti nelle email non si attivano in automatico come in altri sistemi di posta.Senza contare la grande sicurezza intrinseca che risiede nel "protocollo" Notes..Oppure sulla facilità di creare "Domini" Notes/Domino anche tra paesi diversi..Tutte cose che fanno di Domino e Notes, un sistema di Groupware con le balle.
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            - Scritto da: opazz
            Lotus Notes lo usano numerose aziende,
            soprattutto multinazionali, per tutti i buoni
            pregi che ha, non ultimo quello di essere
            discinto ^^^^^^^^^^^^^LOL :p
            Tutte cose che fanno di Domino e Notes, un
            sistema di Groupware con le
            balle.Sara' sicuro, non metto in dubbio, ma per l'utente finale rimane farraginoso assai. Tanto per dirne una, la versione 5, che ho usato parecchio 4/5 anni fa, non permetteva di loggarsi da 2 pc diversi e in una grande azienda era di una scomodita' incredibile. Spero che fosse un'impostazione facoltativa data dall' amministratore (che non ero io), o che nel frattempo abbiano corretto questa cosa, ma non ho avuto modo di provare. Ma la grossa pecca per me come utente e' sempre stata l'interfaccia affollata e ridondante. Questione d'abitudine, sicuramente, ma gli utenti che usavano Notes da 2/3 anni erano quasi tutti entusiasti di Outlook/Exchange gia' un mese dopo la migrazione. OE ha le sue brave e perniciose magagne, sia per l'utente che per l'amministratore, ma resta decisamente piu' accessibile.Sashimi
          • opazz scrive:
            Re: differenze?

            Sara' sicuro, non metto in dubbio, ma per
            l'utente finale rimane farraginoso assai. Tanto
            per dirne una, la versione 5, che ho usato
            parecchio 4/5 anni fa, non permetteva di loggarsi
            da 2 pc diversi e in una grande azienda era di
            una scomodita' incredibile. Lo puoi fare dalla 4.7, che sia che l'admin domino aveva fatto qualche restrizione?Prova a postare su it.comp.appl.notes-domino e vedi cosa ti rispondono se era fattibile o meno.
            Spero che fosse
            un'impostazione facoltativa data dall'
            amministratore (che non ero io), o che nel
            frattempo abbiano corretto questa cosa, ma non ho
            avuto modo di provare.Sicuramente. E' da tempo che si puo' fare, adesso addirittura puoi portarti il tuo "desktop" notes in maniera roaming, tra l'altro, ovunque ti sposti. Sta all'admin volerlo configurare in questo modo.
            OE ha le sue brave e perniciose
            magagne, sia per l'utente che per
            l'amministratore, ma resta decisamente piu'
            accessibile.Mi parli di un client di posta, che non è paragonabile a Notes.
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            Qui si sta parlando di cose diverse...Purtroppo alcuni vedono Notes come esclusivo client di posta e calendario e nulla più (usato solo come quello è vero che sia più complesso), senza sapere quanto altro ci si possa fare con un server domino...Per fare un paragone che non calza perfettamente è come se dicessi che Power Point è meglio di Flash xchè per le 4 cavolate che faccio è più facile,senza sapere quante cose mooolto più complesse possa fare Flash...Non sono un esperto IBM, ma per le mie esperienze personali in determinati ambiti aziendali (sopratutto grosse aziende) la configurabilità di notes ha paragoni con pochi altri prodotti, permettendoti la creazione di workspace all-in-one (o quasi)- Scritto da: opazz

            Sara' sicuro, non metto in dubbio, ma per

            l'utente finale rimane farraginoso assai. Tanto

            per dirne una, la versione 5, che ho usato

            parecchio 4/5 anni fa, non permetteva di
            loggarsi

            da 2 pc diversi e in una grande azienda era di

            una scomodita' incredibile.

            Lo puoi fare dalla 4.7, che sia che l'admin
            domino aveva fatto qualche
            restrizione?

            Prova a postare su it.comp.appl.notes-domino e
            vedi cosa ti rispondono se era fattibile o
            meno.



            Spero che fosse

            un'impostazione facoltativa data dall'

            amministratore (che non ero io), o che nel

            frattempo abbiano corretto questa cosa, ma non
            ho

            avuto modo di provare.

            Sicuramente. E' da tempo che si puo' fare, adesso
            addirittura puoi portarti il tuo "desktop" notes
            in maniera roaming, tra l'altro, ovunque ti
            sposti. Sta all'admin volerlo configurare in
            questo
            modo.


            OE ha le sue brave e perniciose

            magagne, sia per l'utente che per

            l'amministratore, ma resta decisamente piu'

            accessibile.

            Mi parli di un client di posta, che non è
            paragonabile a
            Notes.
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            - Scritto da: opazz

            Sara' sicuro, non metto in dubbio, ma per

            l'utente finale rimane farraginoso assai. Tanto

            per dirne una, la versione 5, che ho usato

            parecchio 4/5 anni fa, non permetteva di
            loggarsi

            da 2 pc diversi e in una grande azienda era di

            una scomodita' incredibile.

            Lo puoi fare dalla 4.7, che sia che l'admin
            domino aveva fatto qualche
            restrizione?Sorry, era le versione 4.5 e precedenti che usavamo, non la 5 - ho sbagliato a scrivere.


            OE ha le sue brave e perniciose

            magagne, sia per l'utente che per

            l'amministratore, ma resta decisamente piu'

            accessibile.

            Mi parli di un client di posta, che non è
            paragonabile a
            Notes.Azz, anche qui: ho scritto OE ma intendevo Outlook (+Exchange). Exchange come dicevo ha le sue brave rogne amministrative, cosi' come Outlook ha fior di difetti (penso ai esempio agli archivi PST che diventano piano piano ingovernabili usandoli via rete), ma gli utenti migrati da Notes su Outlook si sono trovati bene proprio a livelli di facilita' d'uso per posta e gestione meeting, cioe' le due funzioni piu' usate. Sashimi
          • opazz scrive:
            Re: differenze?

            Sorry, era le versione 4.5 e precedenti che
            usavamo, non la 5 - ho sbagliato a
            scrivere.Versioni 4.5 o precedenti (roba ultra preistorica, è come se tu volessi paragonarmi 95/98, con XP) avevano problemi di API ad aprire LOCALMENTE più sessioni di Notes. Se avevi postazioni differenti, non avevi alcun problema rilevante, solo talvolta capitava, se l'admin aveva impostato l'accesso esclusivo.
            Azz, anche qui: ho scritto OE ma intendevo
            Outlook (+Exchange). Exchange come dicevo ha le
            sue brave rogne amministrative, cosi' come
            Outlook ha fior di difetti (penso ai esempio agli
            archivi PST che diventano piano piano
            ingovernabili usandoli via rete), ma gli utenti
            migrati da Notes su Outlook si sono trovati bene
            proprio a livelli di facilita' d'uso per posta e
            gestione meeting, cioe' le due funzioni piu'
            usate.E io posso dirti l'esatto contrario, soprattuto quando una azienda è grande è ha bisogno di qualcosa di affidabile soprattutto quando si parla di numerosi utenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            - Scritto da: opazz
            Ci son dei tasti sui quali premere e andare su
            rubrica locale, appuntamenti, o
            posta.Fosse così semplice.. comunque è inutile che stia a fare l'elenco, basta che vai ai link che avevo indicato. E ne avrei da aggiungere..
            Mah.. Non vedo cosa ci sia da nascondere, puoi
            farmi un esempio specifico di qualcosa da
            nascondere?

            Cosa c'è di tanto difficile da usare??Vedi sopra.
            Ma dai, provocazione va bene, ma questo non è
            comportato da alcun fatto. Non è solo mail e
            calendar domino. Altrimenti ti andrebbe bene
            qualsiasi altro programma opensource che fa
            questo, o molto meno
            caro.Eh già. Ma io penso che ci siano tante aziende che lo usano solo per quello, per mail e calendario.
            Se e quando potrò usare la medesima tecnologia in
            casa mia, ne potremo riparlare,Può darsi che tra non molto ne riparleremo:https://www.google.com/hosted
            Gmail e Gcalendar sono 2 pezzi di software, ma
            che non posso utilizzare a livello aziendale.In questo caso, la provocazione stava nel fatto che le applicazioni più ambiziose sul fronte della mail e collaborazione, ma soprattutto basate sulla soddisfazione dell'utente oggi le sta facendo Google (IMHO), non certo IBM/Notes. Ovviamente non c'entra molto con il topic iniziale.PS: spezzo una lancia a favore del Domino Server. E` il client che non si affronta! :)
          • opazz scrive:
            Re: differenze?

            Vedi sopra.Continuo a non vederlo, anche perchè l'esperienza lavorativa di circa 200 installazioni, in aziende medio-grandi, non è risultato difficoltoso neanche alla segretaria da ultimo livello, che non sa come si apre un documento word.
            Eh già. Ma io penso che ci siano tante aziende
            che lo usano solo per quello, per mail e
            calendario.La mia esperienza dice il contrario, altrimenti sono solo soldi spesi e male, come lo sarebbero per exchange, come per groupwise.
            In questo caso, la provocazione stava nel fatto
            che le applicazioni più ambiziose sul fronte
            della mail e collaborazione, ma soprattutto
            basate sulla soddisfazione dell'utente
            oggi le sta facendo Google (IMHO), non certo
            IBM/Notes. Ovviamente non c'entra molto con il
            topic iniziale.Io vedo tantissimi utenti soddisfatti in molte parti del mondo (per esperienze di installzioni personali) sia genericamente nel mondo.
            PS: spezzo una lancia a favore del Domino Server.
            E` il client che non si affronta! :)Mah...
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            Ma di quale link parli?
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?

            Ci son dei tasti sui quali premere e andare su
            rubrica locale, appuntamenti, o
            posta.ci sono dei tasti posizionati in maniera casuale e senza logica, che non sempre funzionano. Alcuni tasti ci sono, ma non devono essere premuti.gli utonti non hanno grossi problemi ad utilizzarlo: loro si scrivono su di un foglio A4 i vari comandi di base per utilizzarlo, e sono a posto.sono gli utenti più avanzati che hanno grossi problemi, quelli che ricevono miglia di email che finiscono tutte nella posta in arrivo perchè i filtri a volte funzionano, a volte no, poi li cancelli e per magia riprendono a funzionare...non mi sembra un programma scritto da una software house di professionisti, mi sembra un prodotto amatoriale, per capirci meglio io ritengo che la complessita del client Notes sia paragonabile alla complessità di un client di posta scritto, che ne so, in Access....e vi assicuro che questo paragone non è del tutto fuori luogo :)
          • opazz scrive:
            Re: differenze?
            Dico, c'è uno screenshot, quali sono i tasti che non sono comprensibili o come dici tu osizionati in maniera casuale e senza logica?
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            ma chi vi segue l'installazione Notes/Domino ??? Picasso ???
          • reXistenZ scrive:
            Re: differenze?

            Cioè? Questa è l'interfaccia STANDARD a 6.5.

            Questa è una a versione 7.
            A me è toccato usarlo nelle versioni precedenti (5 e 5.qualcosa) e, non per fare polemiche, ma era veramente brutto. E mal integrato in Windows (mi riferisco per esempio alla modalità di chiusura delle finestre).Sono un caprone ignorante, lo so, però anche chiamando più di un tecnico specializzato non sono mai riuscito a visualizzare di default i messaggi in ordine cronologico inverso, e ogni volta mi toccava scorrere la lista verso il basso per vedere gli ultimi arrivi.Non mi è mai andato giù poi il fatto che la creazione dei filtri mi replicasse tante volte i messaggi. Per come ero abituato io con la posta avrei avuto archivi di dimensioni gigantesche. Un tecnico mi aveva spiegato il perché doveva essere così, ma evidentemente l'antipatia verso il prodotto me l'ha fatto dimenticare. :
          • opazz scrive:
            Re: differenze?

            (mi riferisco per esempio alla modalità di
            chiusura delle finestre).Questa non l'ho capita.
            Sono un caprone ignorante, lo so, però anche
            chiamando più di un tecnico specializzato non
            sono mai riuscito a visualizzare di default i
            messaggi in ordine cronologico inverso, e ogni
            volta mi toccava scorrere la lista verso il basso
            per vedere gli ultimi arrivi.E' l'impostazione di default, l'amministratore domino doveva cambiarla..
            Non mi è mai andato giù poi il fatto che la
            creazione dei filtri mi replicasse tante volte i
            messaggi.Cioè?
            Per come ero abituato io con la posta
            avrei avuto archivi di dimensioni gigantesche. Un
            tecnico mi aveva spiegato il perché doveva essere
            così, ma evidentemente l'antipatia verso il
            prodotto me l'ha fatto dimenticare.
            :Vorrei capire il problema e la motivazione, anche in privato se ti va, oppure pubblicamente.. Io lo uso dalla 4.7 senza problemi..
          • reXistenZ scrive:
            Re: differenze?


            (mi riferisco per esempio alla modalità di

            chiusura delle finestre).

            Questa non l'ho capita.Che per chiudere la finestra di un messaggio selezionato la crocetta non me la trovo nell'angolo in alto a destra, ma in un inconsueto posto a mezza altezza...

            volta mi toccava scorrere la lista verso il
            basso

            per vedere gli ultimi arrivi.

            E' l'impostazione di default, l'amministratore
            domino doveva cambiarla..Sarà che ho usato Notes facendo affidamento a un supporto alquanto discutibile, ma che mi hanno sempre presentato come il meglio in circolazione dalle mie parti...Un'informazione: il settaggio è vincolante per tutti gli utenti o no?

            Non mi è mai andato giù poi il fatto che la

            creazione dei filtri mi replicasse tante volte i

            messaggi.

            Cioè?Cioè che, sempre in base agli insegnamenti dei tecnici, non era possibile creare dei filtri "virtuali", che visualizzassero solo i messaggi corrispondenti a determinati criteri, ma si dovessero duplicare *fisicamente* i messaggi inserendoli in viste (cartelle) diverse.
          • opazz scrive:
            Re: differenze?

            Che per chiudere la finestra di un messaggio
            selezionato la crocetta non me la trovo
            nell'angolo in alto a destra, ma in un inconsueto
            posto a mezza altezza...Sulla 4.7 in effetti era così. Ma si parla di roba "preistorica" di Quando il Windows "stabile" era Windows 98 ;)
            Sarà che ho usato Notes facendo affidamento a un
            supporto alquanto discutibile, ma che mi hanno
            sempre presentato come il meglio in circolazione
            dalle mie parti...Dovresti andare in quella aziende delle tue parti che fornisce la Ferrrari ;) Vedresti che bel supporto che hanno..
            Un'informazione: il settaggio è vincolante per
            tutti gli utenti o no?Ci sono le impostazioni generali lato server, e la possibilità di poter fare un ovverride su un utente o gruppi di utenti. Un po' come alcune policy su Windows.
            Cioè che, sempre in base agli insegnamenti dei
            tecnici, non era possibile creare dei filtri
            "virtuali", che visualizzassero solo i messaggi
            corrispondenti a determinati criteri, ma si
            dovessero duplicare *fisicamente* i messaggi
            inserendoli in viste (cartelle)
            diverse.Datemi un cestino che voglio vomitarci. Ok che i database di domino, gli NSF non sono "database" nel senso stretto del termine, ne sono relazionali, ma quella specie di filtraggio che mi indichi, è possibile e oserei dire da una 3.5.. Su di un PC con domino e client 4.7 che ho, lo faccio regolarmente.Ora che poi lo "standard" (inteso standard di installato a giro per il mondo) è la 6.x o 6.5.x sti problemi non sussistono proprio, i filtri sono anche meglio di altri prodotti.Lessi non molto tempo fa su Windows Magazine della Duke (non so se sia vero o meno beninteso) che il futuro di Outlook (non Express ovviamente non essendo paragonabile per funzioni) sarà avvicinare l'usabilità di Notes, specialmodo per alcune funzioni, comprese quelle di regole e filtri.
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            - Scritto da: reXistenZ

            Cioè? Questa è l'interfaccia STANDARD a 6.5.



            Questa è una a versione 7.



            A me è toccato usarlo nelle versioni precedenti
            (5 e 5.qualcosa) e, non per fare polemiche, ma
            era veramente brutto. E mal integrato in Windows
            (mi riferisco per esempio alla modalità di
            chiusura delle
            finestre).Concordo con te la 5 non era il massimo dal punto di vista dell'interfaccia, ma stiamo parlando di una release vecchia, oggi siamo alla 7 e per l'anno prossimo è prevista l'uscita di hannover, completamente rivisto.
            Sono un caprone ignorante, lo so, però anche
            chiamando più di un tecnico specializzato non
            sono mai riuscito a visualizzare di default i
            messaggi in ordine cronologico inverso, e ogni
            volta mi toccava scorrere la lista verso il basso
            per vedere gli ultimi
            arrivi.Pessimi tecnici mi vien da dire, la 5 prevedeva di default l'ordinamento cronologico partendo da i più vecchi (in alto), ma personalizzando le impostazioni del template era possibile cambiarlo.
            Non mi è mai andato giù poi il fatto che la
            creazione dei filtri mi replicasse tante volte i
            messaggi. Per come ero abituato io con la posta
            avrei avuto archivi di dimensioni gigantesche. Un
            tecnico mi aveva spiegato il perché doveva essere
            così, ma evidentemente l'antipatia verso il
            prodotto me l'ha fatto dimenticare.
            :

            Filtri che replicano le mail? Questo mi sembra molto strano, forse perche non capisco io di preciso cosa intendi, ma per esperienza normalmente il messaggio resta sempre uno solo, anche se lo stesso può essere visualizzato da diverse cartelle. Se il tecnico è lo stesso di sopra, mi sà che lui non conosce notes e le spiegazioni che ti ha dato non sono affidabili. Ma è un'ipotesi personale ... ;)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?

            Filtri che replicano le mail? Questo mi sembra
            molto strano, forse perche non capisco io di
            [...]anche da me alcuni utenti di un gruppo si trovano tutte le mail inviate da un altro gruppo duplicate, ma non so se dipenda dai filtri...sembra che questi problemi siano inseriti apposta per poter dare uno stipendio ai poveri consulenti notes :)
          • Anonimo scrive:
            Re: differenze?
            forse che il problema sia SOLO il team di sviluppo ???Ho conosciuto un piccolo ufficio che aveva lo stesso problema. Dopo alcuni mesi delle mie cure ho fatto tornare il sorriso sui loro volti.Se poi gli utenti con cui hai a che fare non riescono ad utilizzare notes, forse nessuno ha mai spiegato loro un minimo come si fa o più probabilmente hanno un QI troppo ridotto.
    • Anonimo scrive:
      Re: differenze?
      Chi mette sulla bilancia una suite openoffice oppure outlook con lotus notes non ha capito cosa è lotus notes e nemmeno cosa sono outlook e openoffice.Prima di parlare DOCUMENTATEVI!!!
  • Anonimo scrive:
    milioni di migrazioni a linux anche qui
    il parco installato di notes è di parecchie decine di milioni di copie: per molte di queste il prossimo sistema non sarà certo un costoso, instabile e insicuro sistema windows, ma un'alternativa piu seria e adeguata all'utenza business, ovver linux
    • Anonimo scrive:
      Re: milioni di migrazioni a linux anche
      e' open o si ricade nello stesso discorso ?la regola e' == per tutti: linux open source
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche
        Ovvio che Lotus Notes non è Open Source.
        • Anonimo scrive:
          Re: milioni di migrazioni a linux anche
          - Scritto da:
          Ovvio che Lotus Notes non è Open Source.Basta che non sia Microsoft vi va bene anche se non è open source:-) Alla faccia della coerenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Ovvio che Lotus Notes non è Open Source.

            Basta che non sia Microsoft vi va bene anche se
            non è open source:-) Alla faccia della
            coerenza.nessuno qui ha detto che ogni software che gira su linux deve essere open (vedi: kde fino a un paio d'anni fa, vmware, skype, i codec per i video o per gli mp3 (sono proprietari quelli) e ora lotus notes).Molte aziende usano notes (quella dove lavoro compresa) ora sono costrette a pagare licenze (solo per usare un client as400 (ovviamente concesso in licenza), notes e openoffice). Ricordo che molte di queste aziende sono pubbliche: vengono sprecati anche i vostri soldi.
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche

            Basta che non sia Microsoft vi va bene anche se
            non è open source:-) Alla faccia della
            coerenza.sinceramente credo che Lotus Notes sia il peggior programma in circolazione: nemmeno la microsoft avrebbe il coraggio di vendere un disastro del genere :) :)
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            Evidentemente lo conosci poco...troppo poco.Non dicoc che sia il migliore, ma è lontanissimo dall'essere il peggiore.Dei fronzoli grafici ci si dimentica in fretta, della sostanza no.
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            - Scritto da:
            Evidentemente lo conosci poco...troppo poco.
            Non dicoc che sia il migliore, ma è lontanissimo
            dall'essere il
            peggiore.
            Dei fronzoli grafici ci si dimentica in fretta,
            della sostanza
            no.http://lotusnotessucks.4t.com/http://blogs.vertigosoftware.com/jatwood/archive/2005/08/11/1366.aspxSottoscrivo il 90% di quello che c'è scritto nei due link.Ricordiamoci che chi deve usare Lotus Notes non sono gli amministratori di sistema o gli sviluppatori, peraltro anche loro costretti a subire una perla di IDE quale il Lotus Designer, ma i poveri utonti, che non sono interessati nè ai fronzoli nè alla sostanza (nel senso di quello che c'è "sotto"), ma semplicemente a un software che gli permetta di lavorare in condizioni umane.IMHO Notes/Domino è stato (e continua ad essere) acquistato nella maggior parte dei casi da dirigenti della serie "nessuno è mai stato licenziato per aver comprato IBM".
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche

            Sottoscrivo il 90% di quello
            che c'è scritto nei due link.a me non piace lotus, anche se sono contento che vi sia una versione nativa per linux inquanto questo può spalmare un bel pò di copiedi linux in girod'altra parte lotus notes è stato creatodall'attuale capo della progettazione delsoftware di microsfot, Ray Ozzie, che staandando a sostituire b.gatesse tanto mi da tanto ne vedremo delle belle
          • Anonimo scrive:
            De Lotus Migratione


            Ricordiamoci che chi deve usare Lotus Notes non
            sono gli amministratori di sistema o gli
            sviluppatori, peraltro anche loro costretti a
            subire una perla di IDE quale il Lotus Designer,
            ma i poveri utonti, che non sono interessati nè
            ai fronzoli nè alla sostanza (nel senso di quello
            che c'è "sotto"), ma semplicemente a un software
            che gli permetta di lavorare in condizioni
            umane.

            IMHO Notes/Domino è stato (e continua ad essere)
            acquistato nella maggior parte dei casi da
            dirigenti della serie "nessuno è mai stato
            licenziato per aver comprato
            IBM".Concordo, ho usato Notes come utente e installatore 4/5 anni fa e ancora pochi mesi fa (solo come utente): in questo lasso di tempo e' migliorato, ma resta incredibilmente farraginoso rispetto all'accoppiata Outlook/Exchange, che hanno le loro brave magagne (un amministratore lo sa bene) ma per l'utente sono decisamente piu' a portata di mano.Sashimi
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche

            http://lotusnotessucks.4t.com/
            http://blogs.vertigosoftware.com/jatwood/archive/2

            Sottoscrivo il 90% di quello che c'è scritto nei
            due
            link.

            Ricordiamoci che chi deve usare Lotus Notes non
            sono gli amministratori di sistema o gli
            sviluppatori, peraltro anche loro costretti a
            subire una perla di IDE quale il Lotus Designer,
            ma i poveri utonti, che non sono interessati nè
            ai fronzoli nè alla sostanza (nel senso di quello
            che c'è "sotto"), ma semplicemente a un software
            che gli permetta di lavorare in condizioni
            umane.E cosa dovrebbe fare un softare per consentire agli utenti di lavorare in condizioni umane? Se installato e manutenuto correttamente credo che chunque possa utilizzarlo.

            IMHO Notes/Domino è stato (e continua ad essere)
            acquistato nella maggior parte dei casi da
            dirigenti della serie "nessuno è mai stato
            licenziato per aver comprato
            IBM".
            Questo tuo parere è molto interessante, peccato che Lotus era leadear prima dell'acquisizione da parte di IBM, che i livelli di sicurezza offerti sono altissimi ed il costo di installazione/manutenzione sono inferiori ad altre soluzioni, io credo possano essere questi i motivi per cui è scelto. :D
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            Bhe quoto ma sul fatto dei costi di gestione/installazione avrei qualche rimostranza :)....- Scritto da:

            http://lotusnotessucks.4t.com/


            http://blogs.vertigosoftware.com/jatwood/archive/2



            Sottoscrivo il 90% di quello che c'è scritto nei

            due

            link.



            Ricordiamoci che chi deve usare Lotus Notes non

            sono gli amministratori di sistema o gli

            sviluppatori, peraltro anche loro costretti a

            subire una perla di IDE quale il Lotus Designer,

            ma i poveri utonti, che non sono interessati nè

            ai fronzoli nè alla sostanza (nel senso di
            quello

            che c'è "sotto"), ma semplicemente a un software

            che gli permetta di lavorare in condizioni

            umane.

            E cosa dovrebbe fare un softare per consentire
            agli utenti di lavorare in condizioni umane?


            Se installato e manutenuto correttamente credo
            che chunque possa
            utilizzarlo.




            IMHO Notes/Domino è stato (e continua ad essere)

            acquistato nella maggior parte dei casi da

            dirigenti della serie "nessuno è mai stato

            licenziato per aver comprato

            IBM".


            Questo tuo parere è molto interessante, peccato
            che Lotus era leadear prima dell'acquisizione da
            parte di IBM, che i livelli di sicurezza offerti
            sono altissimi ed il costo di
            installazione/manutenzione sono inferiori ad
            altre soluzioni, io credo possano essere questi i
            motivi per cui è
            scelto.
            :D
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            Boia che siti autorevoli..Paragonabili al blog di vincos eh..
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche

            sinceramente credo che Lotus Notes sia il peggior
            programma in circolazione: nemmeno la microsoft
            avrebbe il coraggio di vendere un disastro del
            genere :)uhuhuhuhu!!!!!!!!!!!!!!!!ti sei fregato da solo!l'uomo che sta iniziando a sostituire il famigerato b.gates non è altri che.....l'inventore di Lotus Notes !!!!Ora è il nr 2 di microsoft in quanto viene considerato per questo un genio del softwareahahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!su, non rosicare troppo, la figuraccia da ridicoli capita prima o poi a tutti
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche

            nemmeno la microsoft avrebbe il coraggio di
            vendere un disastro del genere purtroppo per te l'attuale nuovo capo di microsfot, che gradualmente sostituirà b.gatescome architetto capo del software, è unodegli inventori di notes, di cui ha scrittoun milione di righe codice personalmentela microsfot pensa che questo Ozzie, inventore di notes, sia proprio per questo un genio del software: che brutta figura hai fatto !
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Ovvio che Lotus Notes non è Open Source.

            Basta che non sia Microsoft vi va bene anche se
            non è open source:-) Alla faccia della
            coerenza.La Microsoft non fa programmi per linux. Mi facesse un msn probabilmente lo userei ma non li fa. Quanto ai programmi opensource, da linaro quale sono, ti assicuro che non ci sono solo quelli.E ti dirò di piu: esattamente come Windows, che è closed, fa girare programmi open, anche linux, che è open, fa girare programmi di natura closed :. Questo non è per mancanza di coerenza ma perchè i programmi closed sono parte integrante di un sistema operativo!E piantatela con certi luoghi comuni, svegia gente, siamo nel 2006!
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche
        - Scritto da:
        e' open o si ricade nello stesso discorso ?
        la regola e' == per tutti: linux open sourceMamma mia, non è possibile che nel 2006 ci siano delle persone che parlano a vanvera di cose che qui su PI conoscono tutti. Linux non è solo per l'open source, linux è uno dei tanti programmi opensource ma questo non vuol dire, e ti scandalizzerò, che permette di usare solo software closed. Linux è un sistema operativo e come tale permette di usare qualsiasi programma scritto per linux, sia esso open o closed. La cosa importante è che linux stesso continui a restare open, perchè un sistema open è piu sicuro e controllabile...i programmi possono essere di qualsiasi tipo e funzionano benissimo...Non fare il fondamentalista, non associare linux a qualcosa che non è. Linux è una piattaforma open che permette di far girare programmi. Di qualsiasi tipo, anche commerciali.La regola è == per tutti? Già peccato che non hai ancora capito quale regola...
    • Anonimo scrive:
      Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
      - Scritto da:
      il parco installato di notes è di parecchie
      decine di milioni di copie: per molte di queste
      il prossimo sistema non sarà certo un costoso,
      instabile e insicuro sistema windows, ma
      un'alternativa piu seria e adeguata all'utenza
      business, ovver
      linuxDubito molto che gli utenti che usano Lotus Note passino a Linux... Non sono smanettoni come voi; loro il PC lo usano per lavorare, non per fare esperimenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
        Certo certo, ed è per questo che nei grandi uffici a volte trovi fedora o red -hat o debian saranno pazzi?
        • Anonimo scrive:
          Re: milioni di migrazioni a linux anche
          Ecco perchè in Italia trova poco spazio...per gente che la pensa così.L'Italia è il pese al mondo più Microsoffizzato e questo purtroppo si ripercuote su tutti i giudizi.
        • Anonimo scrive:
          Re: milioni di migrazioni a linux anche

          nei grandi uffici a volte trovi fedora o red -hat
          o debian saranno pazzi?e invece negli ufficietti del comune santa mona ammare trovi le schifezze di b.gates per mandare le letterozze da qui a li, in modo che i malati crepano senza medicine, i vecchi crepano di fame perchè gli ufficiozzi buttano a centinaia di migliaia una montagna di denaro in schifezzeal muro !
        • Anonimo scrive:
          Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
          - Scritto da:
          Certo certo, ed è per questo che nei grandi
          uffici a volte trovi fedora o red -hat o debian
          saranno
          pazzi?Ahahah a volte? Ad esempio? Di quali grandi uffici parliamo? Slashdot?
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            Un nome tra i tanti.Pirelli.
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche
            - Scritto da:
            Un nome tra i tanti.

            Pirelli.Si come no... pieni di linsux gli uffici pirelli.
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            Certo certo, ed è per questo che nei grandi

            uffici a volte trovi fedora o red -hat o

            debian saranno pazzi?
            Ahahah a volte? Ad esempio? Di quali grandi
            uffici parliamo?
            Slashdot?Puo' essere che tra gli oltre 60 milioni di siti che hanno usato apache nel 2005 ci sia anche slashdot.http://news.netcraft.com/archives/2005/03/01/march_2005_web_server_survey_finds_60_million_sites.html
          • Anonimo scrive:
            Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Certo certo, ed è per questo che nei grandi


            uffici a volte trovi fedora o red -hat o


            debian saranno pazzi?


            Ahahah a volte? Ad esempio? Di quali grandi

            uffici parliamo?

            Slashdot?

            Puo' essere che tra gli oltre 60 milioni di siti
            che hanno usato apache nel 2005 ci sia anche
            slashdot.

            http://news.netcraft.com/archives/2005/03/01/marchOh ma per voi gli uffici sono solo le cantine in cui tenete i server? Provate a salire ai piani superiori dove ci sono i dirigenti e trovatemi un linsux.
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche
        Io a giugno ho fatto consulenza ad una grande azienda di prefabbricati industriali. Quindi una tipologia di azienda che con l'informatica non ha niente a che vedere.È un'azienda piuttosto grande e ricca, con 3 sedi nel triveneto-lombardia che esiste da 50 anni e non ha visto grandi periodi di crisi.Eppure dei loro quasi 400 client la metà li hanno già migrati a Linux.E i server hanno iniziato a migrarli ancora prima tanto che di Windows Server ne è rimasto uno solo ma ormai in fase di estinzione.Il loro CED ha esperti Linux e cerca solo esperti Linux non senza difficoltà. Il software di contabilità lo hanno sempre cercato per Unix con grande lungimiranza non hanno mai voluto legarsi mani e piedi a Micro$oft.Con l'adozione del solo OpenOffice hanno risparmiato almeno 150.000 euro, e finora non hanno avuto grandi difficoltà con i documenti che vengono prodotti tutti in ODF o in PDF per quelli sola lettura.
        • Anonimo scrive:
          Re: milioni di migrazioni a linux anche
          mitico! e vai :) questo è il futuro dell'umanità
        • Anonimo scrive:
          Avrei optato per un sistema 400
          Ci sono dei vecchi AS/400 che possono essere acquistati per pochi euro, rottamati da grandi aziende.
          • opazz scrive:
            Re: Avrei optato per un sistema 400
            Se come no, facci girare domino e poi ne riparliamo.. :'(
        • Anonimo scrive:
          Re: milioni di migrazioni a linux anche

          Con l'adozione del solo OpenOffice hanno
          risparmiato almeno 150.000 euro, e finora non
          hanno avuto grandi difficoltà con i documenti che
          vengono prodotti tutti in ODF o in PDF per quelli
          sola
          lettura.150.000 euro sono briciole. Licenziando il direttore dei sistemi informativi che gli ha suggerito quella cazzata avrebbero risparmiato molto di piu'.
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche
        - Scritto da:
        Dubito molto che gli utenti che usano Lotus Note
        passino a Linux... Non sono smanettoni come voi;
        loro il PC lo usano per lavorare, non per fare
        esperimenti.eh, infatti...
        • Anonimo scrive:
          Re: milioni di migrazioni a linux anche
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Dubito molto che gli utenti che usano Lotus Note

          passino a Linux... Non sono smanettoni come voi;

          loro il PC lo usano per lavorare, non per fare

          esperimenti.
          eh, infatti...quante cazzate dite (scusate la parola ma è la sua). Penso (e spero) nessun utente usi notes a casa, lo usano in azienda; ogni azienda medio piccola ha un ced che si occupa della gestione dei pc. Il ced è quel gruppo di persone strane, e spesso brutte, che prende i pc, installa il sistema operativo (se non presente o se non di gradimento), lo configura e lo rende utilizzabile dall'utente. All'impiegato medio che sa solo accenderlo e usare i suoi 3 programmi che cazzo cambia?
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche

        Non sono smanettoni come voi; loro il PC lo usano
        per lavorare, non per fare esperimenti.proprio per questo, ovvero perché la gente non ha tempo per schifezze piene di vermi maleodoranti, ibm propone ai clienti notes/domino di passare alinux, più stabile, sicuro, performante, efficente, economico, personalizzabile, scalabile, portabile
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
        Guarda che sui client mica ti devono mettere linux l hai capito questo?- Scritto da:

        - Scritto da:

        il parco installato di notes è di parecchie

        decine di milioni di copie: per molte di queste

        il prossimo sistema non sarà certo un costoso,

        instabile e insicuro sistema windows, ma

        un'alternativa piu seria e adeguata all'utenza

        business, ovver

        linux

        Dubito molto che gli utenti che usano Lotus Note
        passino a Linux... Non sono smanettoni come voi;
        loro il PC lo usano per lavorare, non per fare
        esperimenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
      - Scritto da:
      il parco installato di notes è di parecchie
      decine di milioni di copie: per molte di queste
      il prossimo sistema non sarà certo un costoso,
      instabile e insicuro sistema windows, ma
      un'alternativa piu seria e adeguata all'utenza
      business, ovver
      linuxè vero che la base di sistema operativo che 1) posso spostare2) non necessariamente devo pagare3) posso aggiornare senza pensarci e senza pagaremi da estrema libertàma posso usare openofficee sono quasi sicuro che esistono alternative opensource anche a Lotus Notes.giusto?
    • Anonimo scrive:
      Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
      Ma stai scherzando ????Notes è nella fossa da almeno due anni, manco più in Corea lo vogliono ed hanno migrato la più grossa installazione al mondo a Exchange.Crack o Erba ???
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche
        Ma quale pusher usi ?Il brand Lotus di IBM, come incremento di vendite è in doppia cifra positiva da circa 48 mesi.
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche

        Notes è nella fossa da almeno due anniti assicuro che Lotus/Domino sono in Italia la piattaforma piu usata nella PAforse tu vivi in Corea, dove effettivamente sono molto piu avanti che qui da noi (e quindi non userebbero mai quel cesso a pedali di exchange)
    • Anonimo scrive:
      AHAHAHAHAHAHAH
      - Scritto da:
      il parco installato di notes è di parecchie
      decine di milioni di copie: per molte di queste
      il prossimo sistema non sarà certo un costoso,
      instabile e insicuro sistema windows, ma
      un'alternativa piu seria e adeguata all'utenza
      business, ovver
      linux(rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: AHAHAHAHAHAHAH
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        il parco installato di notes è di parecchie

        decine di milioni di copie: per molte di queste

        il prossimo sistema non sarà certo un costoso,

        instabile e insicuro sistema windows, ma

        un'alternativa piu seria e adeguata all'utenza

        business, ovver

        linux

        (rotfl)Al solito : complimenti per l'argomentazione.(troll2)
    • Anonimo scrive:
      Re: milioni di migrazioni a linux anche qui
      - Scritto da:
      il parco installato di notes è di parecchie
      decine di milioni di copie: per molte di queste
      il prossimo sistema non sarà certo un costoso,
      instabile e insicuro sistema windows, ma
      un'alternativa piu seria e adeguata all'utenza
      business, ovver
      linuxMolto piu' probabile una migrazione da notes a exchange come hanno ormai fatto tutte le aziende piu' grosse. Notes e' morto...
      • Anonimo scrive:
        Re: milioni di migrazioni a linux anche
        :Dsono almeno 10 anni che a più riprese viene detto che notes è morto.Direi che al passaggio dalla 3 alla 4 ha iniziato a diffondersi questa diceria.Se così fosse non sarebbe uscita la 5, poi la 6, la 6.5 poi la 7, adesso la 7.0.x per linux, non sarebbe in programma la 8 etc...Comunque provate a fare girare Exchange su Linux, Aix, solaris, As 400, Os/390, z/linux (cylon)(cylon) oltre che ovviamente Windows.Provate a scegliere di non usaqre Active Directory con Exchange ...Provate a fare un cluster misto fra diversi sistemi operativi (ovviamente Active / Active) etc etc etc ci sono molti motivi per cui Domino e Notes vengono scelti, e l'interfaccia utente potrebbe essere migliorata, provate a migliorarla senza stravolgere il modo di lavorare di milioni di persone...
Chiudi i commenti