Sì, l'Eee PC avrà il touchscreen. E non solo

A confermarlo è un dirigente di Asus, che ha anche svelato l'imminente arrivo dei primi modelli di Eee PC basati sull'Atom dual-core. All'orizzonte c'è poi una versione ultra economica che dovrebbe rimpiazzare l'attuale 701. I dettagli

Roma – Asus ce l’ha in mente da tempo, e all’inizio del prossimo anno lo trasformerà finalmente in un prodotto concreto. Si stratta dell’Eee PC con schermo touch, sul quale sin dalla scorsa primavera si accavallano le indiscrezioni.

il dispositivo Ad annunciare la novità è stato il general manager di Asus per l’Eee PC, Samson Hu, che ha collocato il lancio del primo Eee PC con schermo sensibile al tocco al primo trimestre del 2009 . L’azienda taiwanese spera che il touchscreen possa contribuire a differenziare i propri netbook dai sempre più numerosi concorrenti, e incrementare ulteriormente la propria quota di mercato nel settore.

Il sito DigiTimes riporta che Asus non avrebbe ancora definito nei dettagli l’identità del primo Eee PC touch: prima di azzardare un qualsiasi passo, l’azienda sembra voler valutare attentamente gli attuali trend di mercato.

C’è chi ipotizza che il nuovo modello potrebbe adottare un design alla “Tablet PC” , ma è difficile immaginare un dispositivo di questa categoria con costi da netbook: se Asus riuscisse nel “miracolo”, darebbe certamente una bella scossa all’intero mercato dei laptop.

Qualcuno sostiene inoltre che gli Eee PC touchscreen saranno i primi della loro categoria a far girare Windows Vista , o quanto meno una versione ai minimi termini di questo sistema operativo. Per il momento, tuttavia, Asus tiene la bocca ben cucita su questo dettaglio.

Stando a quanto rivelato lo scorso anno da Kevin Lin, vice presidente alle vendite di Asus, la prossima generazione di Eee PC adotterà l’ormai collaudatissima ed economica tecnologia touchscreen resistiva , che dovrebbe incidere sull’attuale costo di produzione in modo marginale: si parla di circa 10 dollari in più per singolo laptop .

L’introduzione di un Eee PC con schermo sensibile al tocco lascia supporre che Asus aggiungerà il supporto a questa tecnologia anche all’interfaccia utente di Xandros Linux. A meno che il produttore non scelga, ma è assai improbabile, di estromettere Linux da questa tipologia di sistemi.

Asus conta di presentare l’Eee PC touchscreen in occasione dell’importante fiera hi-tech CES 2009 , in programma a Las Vegas dall’8 all’11 gennaio prossimi.

Hu ha poi rivelato che Asus introdurrà i primi netbook basati sull’Atom dual-core non appena Intel avvierà la produzione in volumi di questo chip. Il dirigente non ha fornito alcuna data di commercializzazione, ma è probabile che anche queste nuove incarnazioni dell’Eee PC arriveranno sul mercato all’inizio del prossimo anno.

A circa un anno di distanza dal lancio del suo primo mini notebook, il 701, Asus non ha più introdotto un modello altrettanto economico . Questa scelta è stata spesso criticata dai consumatori, e soprattutto da chi ritiene che i netbook abbiano senso di esistere solo come soluzioni ultraportatili a basso costo. Pare che il produttore taiwanese accontenterà questa fascia di utenti il prossimo anno, lanciando un Eee PC con prezzo inferiore ai 10mila dollari taiwanesi (circa 225 euro). Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente di Asus, Jerry Shen, che non ha però rivelato alcun dettaglio sul prodotto.

È assai probabile che il futuro Eee PC low cost conserverà lo stesso display da 7 pollici del modello 701, ma rispetto a questo monterà un processore Atom, 1 GB di memoria RAM, un SSD con maggior capacità ed eventualmente Bluetooth.

Mercato
Grazie all’Eee PC, Asus sta scalando sempre più posizioni nel mercato dei notebook, e conta di mettere presto sotto pressione anche le due leader Dell e Lenovo .

A dare una nuova spinta alle vendite di Asus sarà l’appena annunciato Eee PC S101 , di cui questo mese l’azienda prevede di vendere 50mila unità. Entro la fine dell’anno Asus stima che l’S101 rappresenterà, da solo, il 10% di tutte le vendite mensili di Eee PC.

Nei primi tre trimestri dell’anno Asus ha venduto quasi 3 milioni e mezzo di Eee PC, e conta di chiudere il 2008 raggiungendo i 5 milioni di unità.

Maggiori dati sono riportati in questo articolo di DigiTimes .

EeeStick
Più volte si è sottolineata la somiglianza tra l’Eee Box e Wii, ma da oggi tale somiglianza non si ferma solo al design. Negli scorsi giorni Asus ha infatti ufficialmente lanciato EeeStick, un controller wireless che racchiude all’incirca le stesse funzionalità dei famosi controller di Nintendo Wii: il Wii Remote e il Nunchuk. Tale dispositivo, da solo, ha le potenzialità per trasformare l’Eee Box in una vera e propria console da gioco, il cui unico limite è oggi rappresentato dalle scarse potenzialità in ambito grafico. Ma in futuro…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea scrive:
    cis.com
    vorrei segnalare che cis.com non è registrato
  • SbagliateTu tti scrive:
    Inabilitazione
    Gli spammer sono solo degli sciacalli che pasteggiano sulla demenza umana, quello che bisogna fare non e' colpire gli spammer ma chi da' retta allo spam e lo rende un business, e' gente che va inabilitata, messa sotto tutela, non bisogna permettergli che buttino via i loro soldi e in genere vanno messi sotto controllo, non e' solo spam, sono gli stessi tipi che ti parcheggiano in terza fila, sulla strisce, che ti sorpassano e cercano di buttarti fuori di strada per poi girare a destra 3 metri dopo e ritagliarti la strada, che quando votano accordano preferenza al candidato piu' cretino e piu' ladro, quelli insomma che sono semplicemente e puramente stupidi allo stadio piu' puro.
    • ZioTano. scrive:
      Re: Inabilitazione
      hai dimenticato, quelli che chiamano wanna marchi e si stupiscono che un chilo di sale non si sciolga in un bicchiere d'acqua....
      • SbagliateTu tti scrive:
        Re: Inabilitazione
        - Scritto da: ZioTano.
        hai dimenticato, quelli che chiamano wanna marchi
        e si stupiscono che un chilo di sale non si
        sciolga in un bicchiere
        d'acqua....Appunto, e' gente pericolosissima, eppure vota, spende soldi, circola ...Vanno assolutamente fermati!!!! E' come dare a un serial killer le chiavi del deposito armi di una caserma!!!!Gli spammer sono dei furfanti ma ci guadagnano, una logica c'e', chi ci casca spende soldi e non ne ricava nulla, se non e' gente da rintracciare e mettere sotto tutela ...
        • di passaggio scrive:
          Re: Inabilitazione
          esagerati!!! :-/io l'unico danno che ci vedo nello spam è il fatto che adesso la gente nn legge nemmeno le mail pubblicitarie VERE... inoltre a causa del problema sollevato dagli spammer è venuta fuori una legge anti-lavoro che vieta di mandare mail a scopo pubblicitario senza avere il consenso...
          • ZioTano. scrive:
            Re: Inabilitazione
            e la chiami legge anti lavoro?si chiama legge sulla privacy....o meglio legge anti rottura di scatole...
          • di passaggio scrive:
            Re: Inabilitazione
            zio tano, nn hai capito niente.io sono contro lo spam... mi lamento del fatto che esista! intanto xkè è una cosa che va oltre il buon senso (ed è per qsto che esiste... la razza umana nn ha buon senso) e poi xkè per colpa dello spam le email pubblicitarie VERE oggi han meno "valore" e perchè sono dovute nascere per forza di cose delle leggi che rendono più difficile l'operato di chi lavora veramente.
          • ZioTano. scrive:
            Re: Inabilitazione
            si ma giudichi sbagliata una legge che dice "non puoi mandarmi pubblicità se non ti autorizzo..." il che mi sembra giustissimo...forse sei un pubblicitario e allora capisco, pero'...credo sia normale. D'altronde come si definisce La SPAM se non pubblicità NON RICHIESTA?
          • Ryu scrive:
            Re: Inabilitazione
            - Scritto da: di passaggio
            esagerati!!! :-/
            io l'unico danno che ci vedo nello spam è il
            fatto che adesso la gente nn legge nemmeno le
            mail pubblicitarie VERE...Certo, per te è così, per un Isp sono danni economici. Sai cosa significa una mail buona ogni 10 ? significa sprecare il 90% delle risorse hardware & software solo per lo spam. Io questa gente, la farei incatenare in sala server a vita, con un portatie sulle gambe, a fare da filtri antispam umani!
          • di passaggio scrive:
            Re: Inabilitazione
            appunto ma infatti sono contro lo spam... perchè va contro il buon senso dell'uomo...dico solo che a causa di qsto schifo le email vere nn hanno più senso e sono dovute nascere per forza di cose aberrazioni di leggi che creano difficoltà a chi lavora.
  • ZioTano. scrive:
    castrazione chimica
    ....sarebbe un ottima cosa....visto che sono delle gran teste di c..........(bip) :D
    • Nome e cognome scrive:
      Re: castrazione chimica
      Propongo la stessa pena a chi la propone.
      • ZioTano. scrive:
        Re: castrazione chimica
        - Scritto da: Nome e cognome
        Propongo la stessa pena a chi la propone.la mia era solo una battuta...pero' se fosse stata x stupratori e pedofili non lo sarebbe stata...scusate l'O.T.
      • BlackLukes scrive:
        Re: castrazione chimica
        Quindi se la proponi a chi la propone, verresti impiccato pure tu ;)
  • ajeje scrive:
    IMPICCATELI!!!!
    Altro che multa!!!!MALEDETTI SPAMMER DEL CAXXO!!!!! :@
  • Giuseppe Rossi scrive:
    La pena capitale
    sarebbe una buona cosa per questi due elementi
Chiudi i commenti