SABAM prende, SABAM non dà

La collecting society belga non avrebbe corrisposto ai suoi artisti quanto dovuto
La collecting society belga non avrebbe corrisposto ai suoi artisti quanto dovuto

SABAM, l’equivalente belga della SIAE, non paga gli artisti ciò che dovrebbe . Questo almeno secondo quanto emerso dalle indagini appena concluse dal procuratore generale di Bruxelles.

Dopo tre anni di lavoro è stato infatti scoperto che i dirigenti della collecting society belga negli ultimi anni avrebbero falsificato i documenti che attestavano gli emolumenti devoluti agli artisti. Per cinque di loro verrà quindi istituito un regolare processo.

L’investigazione ha inoltre stabilito che l’ente era scarsamente organizzato : non era chiaro come gestisse e distribuisse i ricavi delle royalty. Tuttavia non è stato quantificato quali cifre fossero state sottratte agli artisti dai tutori del copyright.

In passato SABAM aveva militato tra le fila dei più strenui difensori del diritto d’autore, caldeggiando iniziative volte a costringere i provider a consegnare i nomi degli utenti colpevoli di file sharing. ( G.P. )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 07 2009
Link copiato negli appunti