Samsung contro Apple, odissea di accuse e ripicche

Respinta la richiesta di Samsung di utilizzare spezzoni di film come prova a sfavore di Apple. Cupertino, intanto, chiede che Seoul venga multata e messa alla gogna per le email distrutte

Roma – Il processo californiano che vede Apple e Samsung allo scontro finale non risparmia colpi tra le due.

Entrato nel vivo da qualche giorno, Samsung ha già incassato una serie di sconfitte che mettono a dura prova la sua tesi difensiva che punta a dimostrare che non è lei ad aver copiato Apple, ma quest’ultima ad aver preso idee già in circolazione.

Secondo il giudice Lucy Koh, Samsung non può utilizzare in aula come prova spezzoni di filmati tratti da show televisivi britannici o da “2001: Odissea nello spazio” per dimostrare che l’idea di un tablet dalla forma simile ad iPad non fosse nuova.

Il film di Kubrick come lo show britannico degli anni 70 “Tomorrow People” avrebbero dovuto dimostrare, secondo Samsung, che i brevetti legati al design di iPad sono da considerare invalidi in quanto vi sarebbe la prior art che ne avrebbe dovuto impedire la registrazione.

Tuttavia, secondo il giudice Samsung avrebbe mancato di avvertire per tempo Apple dell’intenzione di usare tale materiale per contestare la validità dei suoi brevetti , impedendole di preparasi adeguatamente per una difesa.

Inizialmente la coreana aveva tentato di far valere le somiglianze con un prototipo “stile Sony” realizzato da uno dei designer di Cupertino: tuttavia il giudice Koh aveva già negato la possibilità di mostrare immagini relative a tale prototipo chiamato “JONY”.

In quella occasione i legali della coreana hanno deciso di entrare in rotta di collisione con il giudice divulgando pubblicamente le immagini proibite in tribunale, nel caso dei film questo è naturalmente superfluo, ma ciò non toglie che il clima tra le parti e il giudice Koh rimane esasperato: per cercare di mettere ordine nel procedimento ha stabilito che le parti devono limitarsi ad una sola serie di obiezioni e risposte nel momento in cui si affronteranno le prove accompagnate da testimoni.

Le due, d’altronde, dimostrano di non voler rinunciare a scaramucce e colpi bassi: dopo il tentativo di Samsung di influenzare l’opinione pubblica diffondendo le prove escluse dal giudice, strategia ora difesa in nome della “libertà di parola” e respingendo le accuse che parlano di un bieco tentativo di influenzare i giurati, Cupertino ha chiesto che il giudice rimuova le obiezioni circa la possibilità di far sapere alla giuria che Samsung ha distrutto una serie di email che avrebbero potuto essere utilizzate in tribunale.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ogni pacco che mi arriva e una festa scrive:
    Brutto
    Uno stereo-semi portatile truzzo qualsiasi, perché mai dovrebbe meritare un articolo?Brutto!
  • Fulmy(nato) scrive:
    la notizia...
    ...dove sta?Non ci vedo nulla di rivoluzionario in una boiata del genere, e non si capisce perché debba trovare spazio su PI.
    • Quotator Maximus scrive:
      Re: la notizia...
      - Scritto da: Fulmy(nato)
      ...dove sta?

      Non ci vedo nulla di rivoluzionario in una boiata
      del genere, e non si capisce perché debba trovare
      spazio su
      PI.Quoto! Sicuro... È pubblicità mascherata da notizia. :(
    • ruppolo scrive:
      Re: la notizia...
      - Scritto da: Fulmy(nato)
      ...dove sta?

      Non ci vedo nulla di rivoluzionario in una boiata
      del genere, e non si capisce perché debba trovare
      spazio su
      PI.Per ribadire che Android non se lo caga nessuno.
  • metro scrive:
    musica
    ... maranza non inclusa :D
  • alvaro scrive:
    la fiera delle XXXXXXX
    come no corro a comprarlo....un altro gadget inutile per l'inutile apple
Chiudi i commenti