Sandy Bridge, licenza di uccidere

La nuova microarchitettura di Intel includerà una caratteristica a sorpresa: la possibilità di disabilitare il processore da remoto. Anche senza connessione di rete, a PC spento

Roma – Quando finalmente la microarchitettura Sandy Bridge farà la sua comparsa al Consumer Electronic Show di gennaio, in molti chiederanno a Intel spiegazioni sulla reale portata della tecnologia nota come “Anti-Theft 3.0” . Una tecnologia annunciata in sordina e che fa discutere per la capacità di disabilitare la CPU da remoto.

Anti-Theft è un sistema già presente da anni all’interno della componentistica Intel, ma la terza versione della tecnologia dovrebbe essere la prima fortemente integrata nel microprocessore centrale: grazie ad Anti-Theft 3.0 gli utenti avranno a disposizione un vero e proprio “kill switch” con cui disabilitare la CPU da remoto, indipendentemente dalla presenza di una connessione a Internet o allo stato di accensione del sistema.

Il management di Intel parla di Anti-Theft come di una garanzia sulla salvaguardia dei dati digitali degli utenti nel caso in cui il PC – prevedibilmente un laptop – venisse smarrito o capitasse nelle mani di un ladro/malintenzionato.

Ma a destare preoccupazione è l’effettiva portata di Anti-Theft, l’eventuale facilità con cui si potrebbe bypassare il blocco – estraendo ad esempio l’hard disk per collegarlo a un sistema terzo – e la possibilità che il “kill switch” sia più o meno configurabile, sia più o meno disponibile a soggetti esterni – o a Intel stessa? – rispetto all’utente che ha acquistato il sistema.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Eppur si muove scrive:
    Android...iPhone....meglio Nokia
    Anche se hanno una percentuale risicata messa insieme, i media parlano quasi esclusivamente di android e iphone. Questo articolo mi convince ancora di più a comprare Nokia.
  • il Gargilli scrive:
    una possibile soluzione
    Partendo dal fatto che c'era da aspettarselo che alcune (ma anche molte) applicazioni per smartphone avrebbero mandato dati sensibili in giro..Una soluzione potrebbe essere (almeno per i nokia) l'utilizzo del telefono in modalità offline. Tutti i nuovi modelli hanno questa funzione che non compromette per nulla l'utilizzo del telefono, tolto ovviamente il ricevere e fare chiamate e gli sms o i servizi legati ed essi. In pratica si utilizzerebbe il telefono senza la sim inserita. Ovviamente ne dobbiamo avere un'altro per ricevere le chiamate. Ma se pensiamo ai vantaggi, forse un pensierino ci puo stare, viste anche le ormai ridotte dimensioni degli apparecchi telefonici. Ne elenco solo alcuni, di vantaggi, nell'utilizzo di smartphone senza la sim.1) Possibilità di installare qualsiasi tipo di applicazione e/o gioco (tanto non puo comunicare con l'esterno e siamo sicuri al 100% di non spendere per servizi non richiesti o di essere truffati)2) Un utilizzo "pulito" di alcune applicazioni che, per default, privilegiano la connessione gsm a quella wi-fi (e quindi un sicuro risparmio di soldi)3) Utilizzo TOTALE delle applicazioni senza la paura che queste si connettano in gsm (se l'applicazione vuole la gsm per funzionare, semplicemente la si disinstalla..). E qui una precisazione: ci sono un sacco di software house che fanno uscire programmi che in automatico di connettono ai gestori di telefonia (ovviamente con il loro benestare). Altre che richiedono la connessione wi-fi SOLO ed esclusivamente SE non è presente una sim (e quindi un collegamento gsm.. se no partono in automatico in gsm anche loro.. - Testato personalmente)4) Niente piu sms autoconfiguranti, pubblicità mirata, ecc..5) Maggiore sicurezza nella privacy, non essendoci una sim, qundi nessun regisro chiamate e nessun sms. E in caso di perdita/furto, se non altro, non dobbiamo regalare 10 euro per un pezzettino di plastica, oltre al tempo risparmiato per telefonare al call center6) (Questo piu che un vantaggio è un consiglio) Prendete il vosto telefono e sbloccatelo. Avrete un cellulare piu reattivo, piu sicuro e, volendo, personalizzato..Infatti una dele cose che non vi dicono, per esmpio, riguarda la brandizzazione. Con il termine brand si indica un apparecchio che esce dalla casa madre, viene modificato il software da una determinata compagnia telefonica, gli stampano sopra il loro bel logo del XXXXX, e poi viene reinserito nel mercato.La bradizzazione classica prevede cose come:- Disattivazione di alcuni menu e/o opzioni. Per esempio alcuni telefoni non potranno piu scaricare applicazioni dal cavo usb, ma solo dalla rete gsm.- Disabilitazione delle capacità/funzionalità legate al bluetooth- Modifica dei tasti in maniera "mirata" (per esempio il tastino della connessione ad internet subito sotto a quello per rispondere alle chiamate... ecc..Io mio trovo bene e consiglio a tutti di provare. Vi accorgerete che, alla fine di ogni mese, avrete piu soldi voi, e meno le compagnie telefoniche.Aloha!
    • McCojon scrive:
      Re: una possibile soluzione
      Grazie per i consigli.
      • Fuzzy scrive:
        Re: una possibile soluzione
        oppure prendi un ipod touch
        • lordream scrive:
          Re: una possibile soluzione
          oppure seduto nudo su una lastra di metallo ti siedi a gambe larghe e sollevato il pene con 2 dita scaraventi con tutta la tua forza una mazza da 2 kili vicino ai testicoli mentre canti urlando "dolce remì" secondo me è una buona alternativa paragonabile all'acquisto dell'ipod che ne pensi?
          • il Gargilli scrive:
            Re: una possibile soluzione
            l'iPod non lo posseggo. Il mio commento era volutamente piu generico. Questo perchè la stragrande maggiornanza delle persone che usa un cellulare, non lo sfrutta, non lo conosce e non ha idea di come funzionano un sacco di cose. Detto questo ci sono poi problemi legati ai software e al loro funzionamento, o come vengono modificati in fase di brand, per funzionare in una certa maniera.La mia idea non mi sembra cosi insensata, dopotutto, caro lordreamProva a pensare ad uno smartphone con la sim inserita e alle funzioni che useresti. Poi pensa allo stesso smartphone senza la sim e ragiona su questa cosa:Quali funzioni posso usare con o senza la sim ?Che vantaggi o svantaggi ho ?Ovviamente, con vari accorgimenti, è possibilissimo usare un cellulare con carta sim inserita e funzionante senza che questo si connetta in giro a nostra insaputa. Un telefono "come si deve" che sfrutta tutte le sue reali possibilità.. ma si tratta di flashare il telefono (magari con una ottimo cooked firmware) cosa rischiosa se non ci si informa bene sulla procedura (che comunque consiglio appena scaduta la garanzia del cellulare)Basta fare una ricerca in Rete per capire quali siano i vantaggi nell'avere un cellulare "pulito".. e anche per capire meglio come operano le compagnie telefoniche all'insaputa di milioni di utenti, colpevoli del fatto di conoscere magari bene certe dinamiche..Aloha!
          • pippO scrive:
            Re: una possibile soluzione
            - Scritto da: il Gargilli
            l'iPod non lo posseggo. Il mio commento era
            volutamente piu generico. Questo perchè la
            stragrande maggiornanza delle persone che usa un
            cellulare, non lo sfrutta, non lo conosce e non
            ha idea di come funzionano un sacco di cose.
            Detto questo ci sono poi problemi legati ai
            software e al loro funzionamento, o come vengono
            modificati in fase di brand, per funzionare in
            una certa
            maniera.

            La mia idea non mi sembra cosi insensata,
            dopotutto, caro
            lordreamE come non essere d'accordo!?!Compro due telefoni: uno per telefonare e uno da 500 euro per NON telefonare, una logica sopraffina :D
          • aaaaaaaaaaa aaaaaaaaaa aa scrive:
            Re: una possibile soluzione
            Perchè, secondo te, tutti quelli che hanno uno smarphon lo usano per quello che è o solo perchè è di moda.
  • ruppolo scrive:
    L'UDID non è un dato personale.
    L'UDID può essere associato alla persona solo da Apple, alla quale abbiamo già affidato i nostri dati personali. Riguardo il resto, mi chiedo chi sia così stupido da rischiare di esser buttato fuori dall'appstore, la gallina dalle uova d'oro. No, queste sono solo storielle inventate dalla concorrenza. Se fosse vero avremmo nomi e cognomi, visto che tali malefatte non possono venir nascoste. Invece i nomi e cognomi non ci sono: non li possono inventare, né possono mentire.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: L'UDID non è un dato personale.

      Riguardo il resto, mi chiedo chi sia così stupido
      da rischiare di esser buttato fuori
      dall'appstore, la gallina dalle uova d'oro.Non sottovalutare mai la stupidità umana...
    • Fuzzy scrive:
      Re: L'UDID non è un dato personale.
      http://goo.gl/yFe7jGià controllato un paio di app con wireshark, purtroppo è vero..
      • Teo_ scrive:
        Re: L'UDID non è un dato personale.
        - Scritto da: Fuzzy
        http://goo.gl/yFe7j
        Già controllato un paio di app con wireshark,
        purtroppo è
        vero..Mi sembra però la solita montatura: ho guardato una delle più "colorare della tabella che citi: "Angry Birds".Accidenti, invia contatti, posizione e nome utente e password a terzi! :|Se i terzi però sono la piattaforma Game center o simili a cui si sceglie di aderire e i dati servono per quello, che problema cè?
        • Fuzzy scrive:
          Re: L'UDID non è un dato personale.
          Guarda meglio, tra i terzi ci sono anche doubleclick, adsense, analytics, yahho, medialets, etc...poi dubito che dei contatti (per esempio) la piattaforma possa farsene qualcosa se non rivenderli...(nota: mi riferisco ai dati trasmessi da iphone... su android è ovvio che i dati trasmessi sono meno visto che deve mostrare i permessi)
        • mpbUFKzwxmv zZmrAP scrive:
          Re: L'UDID non è un dato personale.
          http://buyvytorin.cf/#3764 vytorin 10 40 mg,
    • disgra scrive:
      Re: L'UDID non è un dato personale.
      ma certo ruppolone nostro...tutto il mondo ce l'ha con appple...poverina....il wsj è di parte...non è mica una testa giornalistica seria...va da via e ciap
    • zuzzurro scrive:
      Re: L'UDID non è un dato personale.
      No, sei tu che non capsici.Comunque complimenti per continuare a combattere i mulini a vento!:D
    • Gino scrive:
      Re: L'UDID non è un dato personale.
      Una volta si diceva che la concorrenza serve a scegliere il miglior prodotto e che va tutto a vantaggio dell'utente, ma allora io mi domando, a che serve essere "tifoso" di un solo marchio?
  • Sandro kensan scrive:
    nulla da dire
    come da oggettoLinux Pardus user.P.S. non comprate sistemi chiusi, tra poco uscirà pardus 2011.
    • sadness with you scrive:
      Re: nulla da dire
      - Scritto da: Sandro kensan
      come da oggetto

      Linux Pardus user.
      P.S. non comprate sistemi chiusi, tra poco uscirà
      pardus 2011.eccone n'artro... il problema non è il sistema, ma le applicazioni
      • Fuzzy scrive:
        Re: nulla da dire
        Il problema è che ios non notifica se l'app ha i permessi di leggere i dati dell'utente.O nella 4.2 è stato corretto qualcosa?
        • lordream scrive:
          Re: nulla da dire
          so che la geolocalizzazione viene notificata.. non so per il resto delle altre informazioni che vengono inviate.. ma imho non è una cosa che riguarda i sistemi operativi
          • Fuzzy scrive:
            Re: nulla da dire
            Hai ragione sulla geolocalizzazione, io mi riferivo ai contatti (e altro)..imho invece è una questione di sistemi operativi, perché se all'utente vengono presentati i permessi (come su android per esempio), almeno è possibile evitare o disinstallare le app poco discrete..
  • Steve Robinson Hakkabee scrive:
    Come al solito l'iphone...
    mette a nudo la politica di apple volta allo spennamento e all'intrusione nelle vite private dei propri utenti con metodi parafascisti.per apple gli acquirenti sono risorse da sfruttare fino in fondo
    • bertuccia scrive:
      Re: Come al solito l'iphone...
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      mette a nudo la politica di apple volta allo
      spennamento e all'intrusione nelle vite private
      dei propri utenti con metodi
      parafascisti.
      per apple gli acquirenti sono risorse da
      sfruttare fino in fondo :D nice try
    • mcguolo scrive:
      Re: Come al solito l'iphone...
      Si potrebbe anche tentare con "Ora la finirete di prostrarvi tutti ai piedi di steve jobs e della sua presunta politica di sicurezza assoluta. La censura Apple non protegge nessuno, ma è bello spendere 800 per un telefono e poi trovarsi il conto in banca svuotato e mezzo mondo che sa di come hai un solo testicolo"!
    • sadness with you scrive:
      Re: Come al solito l'iphone...
      come al solito non hai capito un bel niente...
      • zucca scrive:
        Re: Come al solito l'iphone...
        e certo hai capito tutto tu...
        • sadness with you scrive:
          Re: Come al solito l'iphone...
          - Scritto da: zucca
          e certo hai capito tutto tu...tutto no... ma sicuramente più di chi non capisce la differenza tra Apple (produttrice di dispositivi e OS) e gli sviluppatori delle App
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            ma apple queste cose non le controlla? nell'app store non è tutto pulito controllato certificato ecc.? ahh forse se ne fregano...
          • sadness with you scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            ma apple queste cose non le controlla? a parte il fatto che il problema è "anche" di Android (tanto sbandierato per essere free, open, linux, ...), Apple non può certo mettersi a controllare il codice delle applicazioni.
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            Apple non può certo mettersi a
            controllare il codice delle
            applicazioni.COME NO! Avevate detto che lo faceva! bugiardi!
          • sadness with you scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            Apple non può certo mettersi a

            controllare il codice delle

            applicazioni.

            COME NO! Avevate detto che lo faceva! bugiardi!bravo... mena il can per l'aia, che tanto non sai fare altro
          • zuzzurro scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            in effetti qualcuno lo aveva detto e ribadito...
          • sadness with you scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            - Scritto da: zuzzurro
            in effetti qualcuno lo aveva detto e ribadito...non è questo il punto.il punto è che il problema è delle applicazioni, non del sistema, tant'è che lo stesso problema esiste anche su Android
          • zuzzurro scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            A proposito dello sparare razzate, il problema è delle applicazioni?Chi fa girare le applicazioni secondo te?
    • attonito scrive:
      Re: Come al solito l'iphone...
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      mette a nudo la politica di apple volta allo
      spennamento e all'intrusione nelle vite private
      dei propri utenti con metodi
      parafascisti.
      per apple gli acquirenti sono risorse da
      sfruttare fino in
      fondonon c'e' miglior XXXXXXXX di colui che paga per essere XXXXXXXX.
      • pippO scrive:
        Re: Come al solito l'iphone...
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

        mette a nudo la politica di apple volta allo

        spennamento e all'intrusione nelle vite private

        dei propri utenti con metodi

        parafascisti.

        per apple gli acquirenti sono risorse da

        sfruttare fino in

        fondo

        non c'e' miglior XXXXXXXX di colui che paga per
        essere
        XXXXXXXX.Poveri macachi pure i puffi li fregano:http://www.pcmag.com/article2/0,2817,2374622,00.aspROTFL ROTFL ROTFL
        • bertuccia scrive:
          Re: Come al solito l'iphone...
          - Scritto da: pippO

          Poveri macachi pure i puffi li fregano:
          http://www.pcmag.com/article2/0,2817,2374622,00.as
          ROTFL ROTFL ROTFLimpostazioni -
          generali -
          restrizioni-
          disabilita in-app purchase
          • pippO scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: pippO



            Poveri macachi pure i puffi li fregano:


            http://www.pcmag.com/article2/0,2817,2374622,00.as

            ROTFL ROTFL ROTFL

            impostazioni -
            generali -
            restrizioni
            -
            disabilita in-app purchaseQuindi il default è fregatemi? :D
          • bertuccia scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            - Scritto da: pippO

            Quindi il default è fregatemi? :Dquindi in-app dovrebbe essere disabilitato di default? giusto per avere la rottura di balle di abilitarlo per ogni app che compri? che ti XXXXXXXXX il cervello??sai cosa succede se dai in mano un android based a un bambino?che addirittura può acquistare tutte le App che vuole,tanto non chiede nemmeno la passwordalmeno in iOS ila cosa è limitata all'in-app purchase,e comunque si può disabilitare.su android non puoi ottenere questo risultato,nemmeno volendo
          • zuzzurro scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            beh, difatti i bambini piccoli li mettono nei recinti, hai perfettamente ragione.
          • bertuccia scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            - Scritto da: zuzzurro

            beh, difatti i bambini piccoli li mettono nei
            recinti, hai perfettamente
            ragione.quello sopra si lamenta che c'è troppa libertàte invece che ce n'è troppa pocaio rispondo che è tutto settabile dalle impostazioni,e che un valore di default ci doveva pur essere.ovviamente è più sensato che gli in-appsiano abilitati, quindi no recintola richiesta di pw prima di ogni acquisto (non in-app)è sacrosanta
          • zuzzurro scrive:
            Re: Come al solito l'iphone...
            Il recinto difatti serve solo ed unicamente per una cosa:- controllo- spillare $
  • zuzzurro scrive:
    Sia che news...
    Ma non si sapeva già questa cosa?Ma forse ripetendola ci sarà qualcuno che farà la gara a chi ha il SO più sicuro :DQuant'è bello P.I. ;)
  • Trollalo scrive:
    Pop corn
    Questa sarà gustosa.
    • formichiere scrive:
      Re: Pop corn
      uuuuuuuuuuu lo pensavo anch'io.. e invece che delusione nel non trovare flame :(non conosco l'iphone, ma mi sembra di capire che ci sia un sistema di notifiche che informano l'utente sul tipo di attivita' svolte dall'applicazione. su android quando si installano applicazioni vengono richieste le autorizzazioni del caso.. non capisco la novita'! cioe' basta dare uno sguardo al market per capire come gira il mondo delle applicazioni, serviva un articolo del wsj?
      • zuzzurro scrive:
        Re: Pop corn
        Il problema è che se l'utente è utonto (
        83% dei casi globali, spostati quasi al 100% su SO Microsoft) puoi mettere tutte le richieste di autorizzazione del caso che la risposta sarà sempre e solo OK.Pertanto c'è poco da trollare, per questo non si vedono post trollosi... ma QUALCUNO potrebbe farcela anche questa volta!!!
      • Gaspare scrive:
        Re: Pop corn
        Eccoti accontentato...E meno male che Androidsss doveva essere sicuro...Alla facciazza.... :-)Va bene?
        • zuzzurro scrive:
          Re: Pop corn
          1) Si capisce chi sei2) dovevi rispondere a me, non a quello sopra3) Aprire un post nuovo?4) La sicurezza di Android non è delle migliori5) Anche quella di iPhone6) il punto 4 e 5 dipendono profondamente dall'utente e dalla app utilizzata. Tipo se su iPhone uso iFTPStorage
        • DOG scrive:
          Re: Pop corn
          - Scritto da: Gaspare
          Eccoti accontentato...
          E meno male che Androidsss doveva essere sicuro...
          Alla facciazza.... :-)
          Va bene?Già il solo fatto che appartiene a GOOGLE è tutto un "programma"......A questo punto preferisco zio Bill.Saluti "spiati".
          • Mangiafuoco scrive:
            Re: Pop corn
            - Scritto da: DOG
            Già il solo fatto che appartiene a GOOGLE è tutto
            un
            "programma"......Da voi invece è tutta una "falla"
            A questo punto preferisco zio Bill.
            Saluti "spiati".Dalla padella, nella brace...Salutami quei simpatici ragazzi russi che in questo momento stanno usando il tuo pc... (rotfl) (rotfl)
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Pop corn
      adesso inzio spee... chiamo in causa il solito mr. doppia R
Chiudi i commenti