Schiaparelli, un crash per la missione ExoMars?

Il modulo di ammartaggio della sonda ESA esegue un atterraggio non previsto dai parametri di missione. Il suo destino è ignoto ma l'agenzia si dice soddisfatta

Roma – Schiaparelli è finalmente atterrato sul suolo di Marte, ma a questa buona notizia si accompagna un fatto non previsto che stempera parzialmente l’entusiasmo dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) nel comunicare i risultati di questa fase intermedia della lunga missione ExoMars.

Dopo essersi separato dalla sonda principale, il modulo Schiaparelli ha avviato la sua fase discendente verso il pianeta rosso come previsto dai piani. Ma il controllo di missione ha perso il contatto radio con il modulo cinquanta secondi in anticipo sui tempi, hanno spiegato dall’ESA, e ora il destino e l’integrità di Schiaparelli rappresentano un mistero che attende di essere risolto.

Gli uomini dell’agenzia europea parlano in ogni caso di un successo , nonostante l’ammartaggio “hard” non previsto presumibilmente causato dalla separazione del paracadute e dallo spegnimento dei razzi prima dell’arrivo a un’altitudine ideale per un atterraggio soft. Buona parte delle fasi previste per i sei minuti di discesa di Schiaparelli sono state completate, dicono dall’ESA, e i dati raccolti in quella ridotta finestra di tempo rappresentano esattamente il risultato che gli ingegneri europei si attendevano per lavorare al futuro di ExoMars.

L’orbiter TGO (Trace Gas Orbiter) è invece entrato perfettamente in orbita e continuerà a raccogliere dati per preparare l’arrivo del rover sviluppato in collaborazione con i russi di Roscosmos, mentre per le speranze di ricevere qualche segnale da Schiaparelli – o da quel che ne rimane dopo l’impatto – ci saranno una decina di giorni di tempo utile prima dello spegnimento definitivo della sonda.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bradipao scrive:
    Brave browser
    Il miglior browser alternativo è BRAVE, basato sul codice di chromium, ma con ad/track blocker nativi nel codice (senza plugin)
  • rfthrgtd scrive:
    VPN Che?
    Scusate ma che vuol dire VPN se hai un solo PC con lo scopo di connettersi ad internet?C'è qualche server conivolto? E in questo caso farebbe venire i brividi?O è solo un layer sul tuo IP cosicchè hai un IP privato e un IP pubblico che sono la stessa cosa? E in questo caso sarebbe solo marketing?Non può essere così stupido. Che mi sono perso?
    • rfthrgtd scrive:
      Re: VPN Che?
      - Scritto da: rfthrgtd
      Scusate ma che vuol dire VPN se hai un solo PC
      con lo scopo di connettersi ad
      internet?
      C'è qualche server conivolto? E in questo caso
      farebbe venire i
      brividi?
      O è solo un layer sul tuo IP cosicchè hai un IP
      privato e un IP pubblico che sono la stessa cosa?
      E in questo caso sarebbe solo
      marketing?

      Non può essere così stupido. Che mi sono perso?OK. Mi era sfuggita la parte finale dell'articolo. VPN con il loro proxy. Grazie no.
  • Sg@bbio scrive:
    Alternativo ?
    Ma se dal 2013 che hanno buttato via 20 anni di ricerca e sviluppo per trasformare Opera nell'ennesimo clone di google chorme! Tra l'altro non si possono nemmeno unire le schede in gruppi come si faceva in passato.Una porcheria.
    • curatevi scrive:
      Re: Alternativo ?
      - Scritto da: Sg@bbio
      Ma se dal 2013 che hanno buttato via 20 anni di
      ricerca e sviluppo per trasformare Opera
      nell'ennesimo clone di google chorme! Tra l'altro
      non si possono nemmeno unire le schede in gruppi
      come si faceva in
      passato.
      Una porcheria.sono stati assimilati, d'altra parte non potevano competere con le offerte free della concorrenza
Chiudi i commenti