Scuola digitale, eppur si muove

Finalmente ratificato il decreto sull'adozione graduale dei libri di testo in formato elettronico, a partire dal prossimo anno scolastico. Alcune linee guida sull'accessibilità del nuovo materiale

Roma – Nelle parole del ministro all’Istruzione Maria Chiara Carrozza, è un “passaggio storico” che porterà grandi cambiamenti nei metodi di apprendimento a livello scolastico. Annunciato e più volte rimandato , il decreto sull’adozione dei libri di testo in formato elettronico è stato firmato e illustrato dal Miur per un percorso di introduzione graduale a partire dall’anno 2014/2015 .

“Credo che il libro digitale possa rappresentare una grande opportunità di crescita e progresso per la nostra scuola se sarà vissuto in modo aperto e progressivo da tutti gli attori del sistema scolastico”, ha spiegato Carrozza nella nota ministeriale. Il decreto sugli ebook nel sistema scolastico prevede anche una serie di linee guida sull’accessibilità dei testi dai più disparati dispositivi elettronici (tablet, PC e le cosiddette lavagne interattive) .

A partire dall’anno scolastico 2014/2015, i vari collegi dei docenti potranno adottare, “limitatamente alle nuove adozioni e non per le conferme di adozione”, libri nelle versioni elettronica o mista. Nelle prime classi della secondaria di primo grado e nelle prime e terze della secondaria di secondo grado, “i tetti di spesa saranno ridotti del 10 per cento laddove i libri richiesti saranno in versione mista (in parte digitali, in parte cartacei)”, come si evince dalla nota diramata dal Miur.

Qualora l’adozione si riveli interamente a favore del formato digitale, il tetto di spesa a carico delle famiglie italiane “sarà ridotto del 30 per cento”, con le stesse riduzioni che verranno applicate “progressivamente alle classi successive”. Con la ratifica del nuovo decreto si intende abrogato il precedente (n. 209 del 26 marzo 2013), mentre nel pacchetto di linee guida sono stati inserite alcune direttive sulla modalità di adozione del nuovo formato.

In particolare , il Miur ha pensato ai software che saranno utilizzati per l’accesso ai testi digitali, ovvero “aperti e interoperabili, fruibili con la stessa qualità, cioè, su tutti i supporti elettronici, dai computer ai tablet, in commercio per lasciare libertà di scelta alle famiglie e ai docenti nell’acquisto”. Non è però chiaro chi dovrà pagare i tablet necessari alla fruizione, né tantomeno con quali fondi verrà formato il corpo docente.

Ove siano necessari software specifici per l’utilizzo degli ebook o dei contenuti digitali dei libri misti, gli studenti dovranno essere in grado di scaricarli in maniera gratuita sui vari siti degli editori . Nel caso di testi misti, la parte cartacea “dovrà essere prodotta utilizzando materie prime di costo contenuto e con un occhio al peso complessivo del libro, favorendo i fascicoli rispetto ai tomi di molte pagine a patto di mantenere lo stesso prezzo di copertina”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Kriev scrive:
    dubbi
    cit: "Unfortunately, we are not currently permitted to report detailed information about the type and volume of any national security orders (e.g. FISA Orders and FISA Directives) that we may receive so any national security orders we may receive are not included in this report. We have summarized, per government direction, the aggregate volume of National Security Letters we have received." http://www.microsoft.com/about/corporatecitizenship/en-us/reporting/transparency/A parte questo sopracitato, aggiungerei che se ci si vuole basare sulle fonti e sulla loro attendibilità, anche credere ai report di microsoft non è il massimo, è ovvio che c'è un conflitto di interessi.
  • un chain scrive:
    spiritosi!
    e adesso alla microfott sono pure diventati trasparenti?(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • unaDuraLezione scrive:
    dati necessariamente falsi.
    contenuto non disponibile
    • mr_caos scrive:
      Re: dati necessariamente falsi.
      Fonte?
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: dati necessariamente falsi.
        contenuto non disponibile
        • Ricky Portera scrive:
          Re: dati necessariamente falsi.

          mio cugino.Meglio "mio cuggino".Almeno si capisce subito l'allusione alla canzone di Elio e le Storie Tese. :-D
        • mr_caos scrive:
          Re: dati necessariamente falsi.
          Infatti ne ero certo
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.
            contenuto non disponibile
          • Ricky Portera scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.

            il riferimento al tradimento è quanto affermato
            dal CEO di Yahoo (se non collaboriamo, rischiamo
            di essere accusati di
            tradimento).E ovviamente fa testo Marissa Mayer, una che non mai avuto scheletri nell'armadio e che parla al di sopra delle parti.
            Invece, DATO di FATTO, basta leggere quanto
            afferma
            lavabit:
            " <i
            My Fellow Users,

            I have been forced to make a difficult decision:
            to become complicit in crimes against the
            American people or walk away from nearly ten
            years of hard work by shutting down Lavabit.
            After significant soul searching, I have decided
            to suspend operations. <b
            I wish that I
            could legally share with you the events that led
            to my decision. I cannot. </b
            I feel you
            deserve to know whats going on--the first
            amendment is supposed to guarantee me the freedom
            to speak out in situations like this. <b

            Unfortunately, Congress has passed laws that say
            otherwise. </b
            As things currently stand,
            <b
            I cannot share my experiences over the
            last six weeks, even though I have twice made the
            appropriate requests </b

            .

            Whats going to happen now? Weve already started
            preparing the paperwork needed to continue to
            fight for the Constitution in the Fourth Circuit
            Court of Appeals. A favorable decision would
            allow me resurrect Lavabit as an American
            company.

            This experience has taught me one very important
            lesson: without congressional action or a strong
            judicial precedent, I would _strongly_ recommend
            against anyone trusting their private data to a
            company with physical ties to the United States.
            </i

            "Qui la parola tradimento (betrayal) non compare. Come mai? (newbie)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.
            contenuto non disponibile
          • il dito e la luna scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.
            - Scritto da: Ricky Portera

            il riferimento al tradimentoanche se non si chiamasse 'tradimento', è vietato comunicare dati sulle richieste avvenute per mano del governo USA.Il concetto è lo stesso.
          • Ricky Portera scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.

            anche se non si chiamasse 'tradimento', è vietato
            comunicare dati sulle richieste avvenute per mano
            del governo
            USA.
            Il concetto è lo stesso.E perché se il concetto é lo stesso vado a dire in conferenza stampa che il reato è "tradimento"?Posso credere a qualcuno che dice di essere stato pestato a morte con prognosi di 60 giorni, quando gli hanno dato solo una sberla?Una bugia è una bugia, inutile girarci attorno. Sintomo inequivocabile di malafede. E quando arriva da una fonte come il CEO di Yahoo!........
          • il dito e la luna scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.
            - Scritto da: Ricky Portera
            E perché se il concetto é lo stesso vado a dire
            in conferenza stampa che il reato è
            "tradimento"?A chi vuole conoscere i dati non cambia nulla se si chiama tradimento oppure no: hanno il divieto di divulgazione.
          • Ricky Portera scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.


            E perché se il concetto é lo stesso vado a
            dire

            in conferenza stampa che il reato è

            "tradimento"?

            A chi vuole conoscere i dati non cambia nulla se
            si chiama tradimento oppure no: hanno il divieto
            di
            divulgazione.Non sono sicuro di avere capito bene la frase. In ogni caso ti dico: da italiano delle richieste fatte dalla NSA a Google, Yahoo! e compagnia cantante mi interessa relativamente poco. Non intendo andare negli Usa e l'Italia non è fra gli stati canaglia, quindi immagino che le richieste riguardino persone di altre nazionalità, e in particolare persone che già sono negli Usa, o stanno per andarci.Da utente yahoo!, invece, che il CEO menta in maniera così sfacciata in una conferenza stampa mi importa eccome. Perché è garantito che lo farà ancora, e la prossima volta non su una questione come il tipo di reato eventuale, ma su cose molto più concrete.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.
            contenuto non disponibile
    • Ricky Portera scrive:
      Re: dati necessariamente falsi.
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Per quanto riguarda il governo USA, se un'azienda
      USA divulgasse dati su quanto richiesto, sarebbe
      punibile per
      tradimento.A Marissa Mayer di Yahoo! piace il melodramma e i film con tanti morti, specie se dopo esecuzione.La questione è discussa qui:http://valleywag.gawker.com/aclus-response-to-marissa-mayers-crying-treason-lol-1303365764Sostanzialmente, rischierebbe sì di essere portata in tribunale, ma non per reati della gravitá del tradimento, che qui c'entra come i cavoli a merenda. Sono cose molte più lievi.
    • collione scrive:
      Re: dati necessariamente falsi.
      avevi dubbi?si stanno facendo belli, pubblicando le richieste che arrivano nell'ambito di indagini convenzionalichiunque conosca un pochino le norme sull'istituzione del FISC, sa che le richieste sono secretate per motivi di sicurezza nazionale, ergo è traditore chi le rende pubbliche
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: dati necessariamente falsi.
        - Scritto da: collione
        chiunque conosca un pochino le norme
        sull'istituzione del FISC, sa che le richieste
        sono secretate per motivi di sicurezza nazionale,
        ergo è traditore chi le rende
        pubblicheleguleio però afferma il contrario (rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Ricky Portera scrive:
        Re: dati necessariamente falsi.

        si stanno facendo belli, pubblicando le richieste
        che arrivano nell'ambito di indagini
        convenzionali

        chiunque conosca un pochino le norme
        sull'istituzione del FISC, sa che le richieste
        sono secretate per motivi di sicurezza nazionale,
        ergo è traditore chi le rende
        pubblicheMacché traditore.... qui c'é gente che vuole giocare a fare l'eroe per non ammettere di aver fatto macelleria della privacy.
        • bubba scrive:
          Re: dati necessariamente falsi.
          - Scritto da: Ricky Portera

          si stanno facendo belli, pubblicando le
          richieste

          che arrivano nell'ambito di indagini

          convenzionali



          chiunque conosca un pochino le norme

          sull'istituzione del FISC, sa che le
          richieste

          sono secretate per motivi di sicurezza
          nazionale,

          ergo è traditore chi le rende

          pubbliche

          Macché traditore.... qui c'é gente che vuole
          giocare a fare l'eroe per non ammettere di aver
          fatto macelleria della
          privacy.bravo Legu... tanto piu che la M$, nei suoi dati ufficiali qui sopra citati [da cui sono esclusi i national security orders aka fisa/fisc], dice che respinge le richieste solo nel 8% dei casi... aka non gliene frega una mazza di divulgarli a tiziocaio...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.
            contenuto non disponibile
          • bubba scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: bubba


            bravo Legu... tanto piu che la M$, nei suoi
            dati

            ufficiali qui sopra citati [da cui sono
            esclusi
            i

            national security orders aka fisa/fisc],
            dice
            che

            respinge le richieste solo nel 8% dei
            casi...
            aka

            non gliene frega una mazza di divulgarli a

            tiziocaio...

            Una cosa non esclude l'altra:una "cosa" cosa? che siano falsi e contemporaneamente che non gli importi di divulgar i dati-utente? forse. ma perche fare una tabella falsa (tanto i fisc sono esclusi), con una % del 8? se volevano far qualcosa di "eroico" dovevano falsificare meglio :)
            http://goo.gl/Afh54Kbello, anche se non capisco -appieno- cosa c'entri con quel che ho detto. Si, il tizio Qwest la mette giu come atto "eroico" ecc... in chiave "complottistico-nsa" va bene... Pero' non vorrei che li' si giocasse alla berlusconi.. (aka lui pocciava con le stock option, e ora usa la scusa del fisc e del mood anti-nsa per far la vittima. Ovviam dovrei leggermi in dettaglio tutte le scartoffie, che non conosco...)
          • Ricky Portera scrive:
            Re: dati necessariamente falsi.

            Si, il tizio Qwest
            la mette giu come atto "eroico" ecc... in chiave
            "complottistico-nsa" va bene... Pero' non vorrei
            che li' si giocasse alla berlusconi.. (aka lui
            pocciava con le stock option, e ora usa la scusa
            del fisc e del mood anti-nsa per far la vittima.
            Ovviam dovrei leggermi in dettaglio tutte le
            scartoffie, Piuttosto, semplicmente controllare se questa correlazione con il suo diniego a una richiesta NSA l'aveva usata a sua difesa durante il proXXXXX di 4 anni fa, o se è un modo veloce per rifarsi una vita (e stato scarcerato pochi giorni fa). C'è una voce di wikipedia appena aggiornata che parla di lui:https://en.wikipedia.org/wiki/Joseph_NacchioMa durante il proXXXXX si direbbe che a questa storia non abbia mai accennato. E nemmeno coi giornalisti. C'é da credergli?
Chiudi i commenti