Se è la tv a guardare lo spettatore

Un intruso nel salotto riconoscerà i membri della famiglia, apprenderà i loro gusti televisivi, propinerà loro programmi e pubblicità personalizzata. Comcast spierà la sua audience

Roma – Il monitoraggio passa dai salotti, lo spionaggio si perpetra fra le mura di casa: voci dicono che Comcast si starebbe preparando a munire i dispositivi per la ricezione della tv via cavo di telecamere in grado di monitorare ciò che avviene sul divano, di ispezionare il rassicurante ambiente domestico, di individuare, tracciare e blandire l’audience familiare con programmi e comunicati pubblicitari personalizzati.

Se è la tv a guardare lo spettatore - Comcast A svelare qualche succosa anticipazione riguardo al dispositivo ancora in fase di sperimentazione è il dirigente Comcast Gerard Kunkel. Sarà una cam che guarda il pubblico mentre guarda la tv , sarà un sistema per ritagliare la tv su misura degli spettatori.

La telecamera, integrata nei dispositivi per ricevere la tv via cavo, si integrerà a pieno titolo con il nucleo familiare: dall’ara domestica dedicata al televisore controllerà tutto ciò che avviene nel campo visivo che le compete. Imparerà a riconoscere i membri della famiglia, ne studierà le abitudini di fruizione, immagazzinerà dati riguardo alle preferenze e alle reazioni di ciascuno a ciò che scorre sullo schermo.

Kunkel smorza i timori: il sistema non è basato su tecnologie di riconoscimento facciale, non registrerà immagini del volto e dati personali relativi al pubblico. Per individuare lo spettatore che gli si para davanti, sfrutterà degli algoritmi per l’ identificazione della forma del corpo . Imparerà a conoscere le silhouette di tutti i membri della famiglia e le abbinerà alle abitudini di ciascuno: la chioma fluente del nonno si presenterà di fronte allo schermo quando la programmazione è dedicata a film d’annata, la sagoma tondeggiante della piccola di casa significherà cartoni animati a profusione.

Conoscendo e riconoscendo l’audience, il sistema Comcast sarà in grado di ritagliare su misura la programmazione, di innescare filtri ad hoc per proteggere i più piccoli dai contenuti inadatti. Ma il sistema non permetterà semplicemente di mandare in onda palinsesti personalizzati, di prevedere quali show il pubblico potrà gradire: Comcast, al pari di quanto aveva intuito Microsoft depositando un brevetto nel 2006, intravede nel sistema uno strumento efficiente per colpire i target pubblicitari, per instillare nella mente dello spettatore comunicati rivolti direttamente a lui, analogamente a quanto si propone di fare Google .

Sarà uno strumento fondamentale per migliorare la user experience del telespettatore, ha spiegato il dirigente Comcast. Lecito dubitare che il pubblico gradirà.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti