Se la Wii-Fit diventa un tappeto volante

Interfacciare la fit-pedana della Wii a Google Earth, creando il tappeto volante del 21mo secolo, è possibile e richiede solo un po' di buona volontà: si sorvola, si sterza, si scende e si sale

Roma – Un gruppo di studenti tedeschi ha trovato il modo di impiegare al meglio il proprio tempo: ha fatto sì che il controller Wii-Fit – quello usato dalla Wii di Nintendo con i suoi programmi di fitness – possa essere usato per consentire di “navigare” in Google Earth .

Il risultato è una sorta di “tappeto volante”, collegato al PC, che in qualche modo risveglia i sogni infantili alimentati dalle fiabe e agisce sulla realtà sempre meno virtuale distribuita da Google. Il software agisce come se manovrasse, tramite la pedana, quei comandi di tastiera attraverso cui è possibile “sorvolare” il terreno mentre si impiega Google Earth che è dotato, come ben sanno i lettori di Punto Informatico , di una sorta di simulatore di volo incorporato.

Con il recente arrivo , poi, della beta del plugin per attivare le stesse funzionalità di Google Earth all’interno del browser, tale funzione potrebbe forse svolgersi anche senza utilizzare il programma vero e proprio, bensì limitandosi a navigare sull’ apposita pagina .

Una novità che alcuni definiscono non sensazionale ma certamente interessante sotto il profilo tecnico e che sta destando una certa curiosità , anche grazie ad alcuni video che vanno saltando di mouse in mouse, come quello qui sotto:

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • olindo scrive:
    stesso telefono
    bene ... bene ... se ho ben capito potremo - si fa per dire - usare lo stesso telefono sia in casa che fuori casa, con lo stesso numero.
  • VE LO DICO IO scrive:
    ed il 30% di....
    ....salute in meno?? E poi si ammazzano per un po di diossina... mah!?!? :|
    • Mc Laden scrive:
      Re: ed il 30% di....
      maledetta disinformazione!!! :@faresti meglio a prendertela con quelli che hanno inventato la benzina verde, li si che si creano problemi di salute?! e tumori! :@
  • infernus scrive:
    in italia
    col ***** che vedremo mai una cosa del genere...speriamo che escano preso cellulari in wimax e poi tutti in voip ed instant messaging ovunque..
    • Marco V. Principato scrive:
      Re: in italia
      Giù le penne... non sarà il WiMAX a risolvere il problema. Se già "rosicano" se in qualche modo si usa FRING, figurarsi a farne uso sul serio. Ci vuol poco a dire (e fare di conseguenza): "caaaro utente, traffico FLATissimo TRANNE che per il VoIP, che costa X centesimi al minuto, A PRESCINDERE DAL CODEC USATO e dal fornitore del servizio...".Sono troppo maligno? Spero di sbagliarmi, di essere smentito seccamente, di sentirmi dire "hai visto, brontolo? Non è andata come pensavi". Lo spero, uso il VoIP su rete fissa da una vita e ho fatto prove con FRING e simili su Symbian in tempi non sospetti. Ma ricordiamoci su quali torri (= di quali operatori) si vedono le "frustone" WiMAX.In più, rileggere:http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2301034che fa considerazioni niente male.Ad maiora.Marco "Mark" V. Principato
    • gohan scrive:
      Re: in italia
      peccato che le frequenze wimax non passano attraverso gli edifici... poi vedi tu. ;)
    • alberto scrive:
      Re: in italia
      te lo sogni il cellulare con wimax..la versione che sarà installata per wimax di qui a 1-2 anni, è lo standard solo per fissi...quindi nada..dai ma c'è veramente bisogno di instant messging ovunque...? il discorso puo' essere semmai di fregare gli operatori e chiamare gratis con internet!!!
    • Marco Benvenuti scrive:
      Re: in italia
      solito discorso disfattista italiota da vero italiota imho. Fino a che i discorsi sono questi di sicuro non cresceremo. C'è bisogno di gente che ha voglia di fare, non solo di criticare e dire che va tutto male. Queste secondi persone potrebbero anche scendere o andare da altre parti che l'Italia non ne ha bisogno alcuno.
Chiudi i commenti