Se mancano le parole, ci pensa Google

BigG tira fuori dal cilindro dei suoi Labs un sistema di suggerimento dei termini cercati durante la digitazione nel motore. Una feature già impiegata dalla concorrenza

Roma – Sono molti i prodotti di successo di Google nati nel 20 per cento di tempo che i dipendenti hanno a disposizione ogni settimana per dedicarsi a progetti personali. Le carte geografiche di Maps sono solo un esempio di questa prolifica “perdita di tempo”, ma ora dal recinto dei Labs è uscito un nuovo componente che si va ad aggiungere al motore di ricerca principale: l’autocompletamento durante la digitazione delle parole desiderate, altrimenti noto come Google Suggest .

Non si tratta di una novità assoluta per BigG, che già integra qualcosa di simile ad esempio proprio all’interno di Maps. Per di più, Yahoo! e persino il neonato Cuil incorporano da tempo questa caratteristica : per il motore di Mountain View si tratta comunque di una novità, che arricchisce la funzionalità già presente nella pagina dei risultati, e che secondo l’azienda dovrebbe contribuire alla diminuzione degli eventuali errori di battitura che costringono a ripetere da capo la ricerca.

Senza contare, ribadiscono quelli di BigG, che con Suggest si risparmia tempo e si possono effettuare ricerche più accurate , purché ci si fidi dei suggerimenti proposti. E senza dimenticare che il tutto funziona per il momento solo sulla pagina in lingua inglese, quella reperibile all’indirizzo Google.com , e che dunque è in grado di fornire chiavi di ricerca utili esclusivamente per la lingua inglese. Il risultato, inserendo termini in italiano, è al momento piuttosto deludente.

La funzionalità è in corso di introduzione, e occorreranno alcuni giorni affinché diventi visibile a tutti. Per i più impazienti, basta recarsi sulla pagina dei Labs per attivarla in anticipo. Per gli altri, si può sempre provare ad impostare la homepage di Google in lingua inglese e tentare la fortuna scoprendo se si è tra i primi fortunati a poterla sperimentare. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Carlo Mannelli scrive:
    Nanocosi
    Che noia questa mania dell'usare sempre il termine "nanocosi".Pensate di essere simpatici: io lo trovo solo stupido.
  • Enjoy with Us scrive:
    Leggi termodinamica?
    saranno efficentissimi sti nanocosi, ma riuscire a convertire una energia ad un'altra senza dispersioni sotto forma di calore mi sembra che violi le leggi dell'entropia!Riusciranno a essere efficenti al 99.999...% ma mai al 100%Staremo a vedere comunque quando ste mirabolanti invenzioni veranno introdotte sul mercato di massa, Io sto aspettando ancora le memorie olografiche tanto pubblicizzate già da alcuni anni... mi sento tanto S. Tommaso, finchè non tocco non ci credo!
    • icy scrive:
      Re: Leggi termodinamica?
      La "legge dell'entropia" dice solo che l'entropia globale di un sistema chiuso non può diminuire, non che non può restare costante, quindi efficienze del 100% possono essere teoricamente fattibili (un superfluido puro per non muta la sua entropia poiché scorre senza attrito).
      • ... scrive:
        Re: Leggi termodinamica?
        scorrere senza attrito = annullarsi delle forse elettromagnetiche = impossibilec'è sempre attrito, per quanto piccolocosì come in un superconduttore la resistenza non è 0, ma è qualcosa di vicinissimo allo 0 (infatti ci sono super conduttori in cui la corrente può circolare per mesi con dissipazione minima, ma prima o poi diventa tutto calore)
        • pallopinko scrive:
          Re: Leggi termodinamica?
          nope, l'elio superfluido scorre senza attrito. provare per credere ;)deltasmaggioreoUGUALEazero
    • marco scrive:
      Re: Leggi termodinamica?
      mi accontenterei di una efficienza al 90% :-)
    • lollo scrive:
      Re: Leggi termodinamica?
      perche' non li chiamiamo drolli?4-4-1
  • aaaaaaaargh scrive:
    "solo energia"
    "Dispositivi che non producono più calore, ma solo energia"certo infatti notoriamente il calore non è energia...
    • Joy scrive:
      Re: "solo energia"
      Il calore sarà energia, ma non tutta l'energia è calore... Se vedi l'articolo dice che questi nanotubi disperdono pochissimo (o nessun) calore, quindi nessuna energia termica (=calore) viene sprecata.
      • aaaaaaaargh scrive:
        Re: "solo energia"
        - Scritto da: Joy
        Il calore sarà energia, ma non tutta l'energia è
        calore... Se vedi l'articolo dice che questi
        nanotubi disperdono pochissimo (o nessun) calore,
        quindi nessuna energia termica (=calore) viene
        sprecata.questo che c'entra?? la frase che ho riportato e' "Dispositivi che non producono più calore, ma solo energia", tale frase e' palesemente una castroneria
        • Matteo scrive:
          Re: "solo energia"
          - Scritto da: aaaaaaaargh
          - Scritto da: Joy

          Il calore sarà energia, ma non tutta l'energia è

          calore... Se vedi l'articolo dice che questi

          nanotubi disperdono pochissimo (o nessun)
          calore,

          quindi nessuna energia termica (=calore) viene

          sprecata.

          questo che c'entra?? la frase che ho riportato e'
          "Dispositivi che non producono più calore, ma
          solo energia", tale frase e' palesemente una
          castroneriaPerchè non vi soffermate sull'informazione contenuta nell'articolo invece di stare a pignolare su ogni cosa?Mi pare che sia la notizia delle nanolampadine, sia quelle delle memorie siano grandiose.
          • Fiamel scrive:
            Re: "solo energia"

            Perchè non vi soffermate sull'informazione
            contenuta nell'articolo invece di stare a
            pignolare su ogni
            cosa?Perché l'informazione di cui parlano i post precedenti, fanno parte di quella informazione che nomini tu, ed essendo errata è disinformazione; e perché la disinformazione è una brutta bestia e se gli articolisti di PI si degnassero di scrivere qualcosa di corretto e di controllare quello che scrivono, farebbero un buon favore a tutti i lettori.Non passa giorno che non trovi:- pacchiani errori di concetto o di ortografia- parole inesistenti tradotte a malo modo dall'inglese (tipo "contributori", come se "contribuenti" fosse solo per le tasse e "contributori" si trovasse in qualche dizionario).- parole semplicemente adattate in modo schifoso ("uplodare" - che, se preso fedelmente dall'inglese, deve invece essere "uploadare", ma se adattato alle regole di lettura/scrittura dell'italiano dovrebbe essere "aplodare" - invece di un semplice, piacevole, pronunciabile italiano "caricare" --- idem per "downlodare" e simili).- errori di comprensione degli articoli originali inglesi che talvolta finiscono per creare una notizia falsaSinceramente, un po' più di precisione e di professionalità, da parte degli articolisti, non le disprezzerei.
  • Marvho scrive:
    quando si vedra?
    da quando si fa l'annuncio a quando se ne metteranno in commercio i primi prodotti, possono passare anche dieci anni... dipende da quanto sono ampie le scorte del prodotto che si vuole sostituire.. :)pensa alla transizione tra CD e dvd .. e blu ray ora.
    • gohan scrive:
      Re: quando si vedra?
      non solo, devi anche trovare un processo produttivo che garantisca la funzionalità e ad un costo ragionevole.
  • Barac Obaldo Bau scrive:
    Quando si vedrà qualcosa di concreto?
    Questi articoli di PI sono bellissimi, però un giorno si e uno no, PI sbandiera scoperte rivoluzionarie senza poi, anche a distanza di tempo vedere alcun seguito alla notizia.Quanto ci vuole perchè queste scoperte trovino appilicabilità reale?Nel settore delle memorie di massa ad esempio, la tecnologia di base degli HD è ferma a 40 fa. Perchè di fornte a scoperte del genere se veritiere i produttori non spingono sull'accelleratore?Se vero saranno senz'altro delle "killer applications" e chi arriva prima diventa ricco.
    • HAL scrive:
      Re: Quando si vedrà qualcosa di concreto?
      Forse perché gli utenti non sono stati ancora spremuti fino all'osso. Poi, forse, si cambierà tecnologia
    • Zappatore scrive:
      Re: Quando si vedrà qualcosa di concreto?
      è un problema molto comune questo, dovresti leggere tutto quello che ruota intorno a kurzweill ed il suo lavoro, ci sono ambiti scientifici che al momento che promettono tantissimo (biotecnologie e nanotecnologie) però al momento hanno pochissime applicazioni dirette per via di una serie di problemi di fondo (si possono fare moltissime cose con la nanotecnologia, ma costano troppo, manca una sistema di produzione di massa) non è un problema di PI è un problema generalizzato, PI riporta le notizie.piccola diversione personale:nessuno osa dire però che tutte queste evoluzioni se le stanno spartendo i grandi gruppi decidendo a tavolino proprio in questo momento come andranno utilizzate e chi ci dovrà/potrà guadagnare senza interpellarci.intanto gli accademici discutono pacatamente di codici deontologici al riguardo (per carità è una cosa basilare) senza neppure cercare di porsi/risolvere la questione del rapporto tecnologia/potere e senza batter ciglio al riguardo, se parli perdi i finanziamenti.
    • MESCAL. scrive:
      Re: Quando si vedrà qualcosa di concreto?
      C'è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.Henry Ford
  • bien scrive:
    questa è un'Azienda non venditori di cd
    La differenza tra un'azienda con una struttura industrialediversificata che opera con metodologie d'avanguardia invari settori e un'altra, che vende cd inscatolati invirtù di una posizione di monopolio in disfacimento è semprepiù evidente non per nulla questa ha laboratori di ricerca in cui si vinconopremi nobel persino per ricerche di base, a differenza di quelleper lucchettare gli utenti al proprio vaporware nei modi piusubdoli
    • alex scrive:
      Re: questa è un'Azienda non venditori di cd
      'zzo c'entra con l'articolo ?
    • Zappatore scrive:
      Re: questa è un'Azienda non venditori di cd
      - Scritto da: bien
      La differenza tra:
      un'azienda con una struttura
      industriale
      diversificata che opera con metodologie
      d'avanguardia
      in
      vari settori Immagino tu stia parlando di mediaset
      e un'altra, che vende cd inscatolati
      in
      virtù di una posizione di monopolio in
      disfacimento immagino che questa invece sia la virgin records o la emi.
      è
      sempre
      più evidente
      non per nulla questa ha laboratori di ricerca in
      cui si
      vincono
      premi nobel persino per ricerche di base, a
      differenza di
      quelle
      per lucchettare gli utenti al proprio vaporware
      nei modi
      piu
      subdoliqui invece stai parlando di apple vero?I pregiudizi sono intercambiabili.
      • ullala scrive:
        Re: questa è un'Azienda non venditori di cd
        - Scritto da: Zappatore
        - Scritto da: bien

        La differenza tra:




        un'azienda con una struttura

        industriale

        diversificata che opera con metodologie

        d'avanguardia

        in

        vari settori

        Immagino tu stia parlando di mediasetVolendo fare l'avvocato del @^No!Mediaset (come dice il nome) opera nel settore dei MEDIA e è una azienda molto più commerciale (guardare da dove viene la maggior parte del fatturato please) che industriale...In Linguaggio economico si dice "terziario avanzato"...Manca il "match" :p


        e un'altra, che vende cd inscatolati

        in

        virtù di una posizione di monopolio in

        disfacimento

        immagino che questa invece sia la virgin records
        o la
        emi.Ancora no Ne la Virgin ne La EMI hanno una quota "monopolistica" di mercato!Arimanca il match :p


        è

        sempre

        più evidente

        non per nulla questa ha laboratori di ricerca in

        cui si

        vincono

        premi nobel persino per ricerche di base, a

        differenza di

        quelle

        per lucchettare gli utenti al proprio vaporware

        nei modi

        piu

        subdoli

        qui invece stai parlando di apple vero?Anche qui non proprio... Apple "lucchetta" gli utenti preferibilmente al proprio Hardware... il lucchettamento "vaporware" è più che altro un mezzo per ottenere il primo fine (HW)..Match solo parziale! :D

        I pregiudizi sono intercambiabili.Non sempre ... dipende dai casi....o quantomeno volendo fare il "pignolo" hai trovato esempi infelici! @^
    • ansi_c scrive:
      Re: questa è un'Azienda non venditori di cd
      - Scritto da: bien
      La differenza tra un'azienda con una struttura
      industriale
      diversificata che opera con metodologie
      d'avanguardia
      in
      vari settori[CUT]
      non per nulla questa ha laboratori di ricerca in
      cui si
      vincono
      premi nobel persino per ricerche di base[CUT]Tutto vero, IBM ha fatto e fa cose egregie, ma il signor Thomas J Watson a cui è intitolato un loro centro di ricerca ha anche fatto affari d'oro fornendo ai nazisti i sistemi a schede perforate che sono serviti per sterminare gli ebrei:http://en.wikipedia.org/wiki/IBM_and_the_Holocausthttp://www.youtube.com/watch?v=pkoM8RB-kJ0Senza pensare alle cause degli ex dipendenti che si sono presi un cancro per l'esposizione inconsapevole alle sostanze tossiche negli stabilimenti IBMPer farti capire che non sono di parte ti dirò che sono un soddisfatto possessore di un Thinkpad, ma la verità è la verità.Per quanto riguarda la M$ parlarne male è come sparare alla crocerossa, anche se gli si devono alcune innovazioni originali (Visual Basic e Access, quell'idea di RAD, non il linguaggio VB* in genere).
    • battagliacom scrive:
      Re: questa è un'Azienda non venditori di cd
      la IBM credo sia l'azienda hardware più all'avanguardia sulla Terra in questo momento, ha creato molte tecnologie che usiamo oggi, e il fatto di essere una leader dell'informatica da più di 100 anni, non è una cosa da sottovalutare.P.S. Non credo che qualcuno abbia il monopolio della vendita dei CD...
Chiudi i commenti