Seagate Savvio, 600GB frullati a 10mila giri

Il noto produttore di soluzioni storage offre sul mercato un prodotto da 2,5 pollici destinato a soluzioni NAS. In attesa della discesa dei prezzi degli SSD

Roma – La giovane famiglia di hard disk Seagate Savvio 10K, caratterizzata da un formato di 2,5 pollici e da una velocità di 10mila RPM, è stata aggiornata con due nuovi modelli da 450 e 600 GB.

Seagate Savvio 10K.4 I nuovi modelli, denominati Savvio 10K.4 , raddoppiano le capacità dei precedenti drive e ne portano il Mean Time Between Failure (MTBF) da 1,6 milioni a 2 milioni di ore, con una percentuale annua di guasti dello 0,44%: ciò si traduce, almeno sulla carta, in una maggiore affidabilità. Tale miglioria va incontro alle esigenze delle aziende, che sono del resto il principale target di mercato dei Savvio 10K: in tale ambito questi dischi sono utilizzati soprattutto in sistemi di archiviazione esterna, come NAS, SAN e DAS, o sui blade server.

Come i precedenti modelli, i nuovi Savvio 10K.4 utilizzano l’interfaccia SAS da 6 Gbit/s o, in alternativa, la Fibre Channel da 4 Gbit/s; inoltre includono una tecnologia di protezione dei dati in grado di rilevare eventuali corruzioni delle informazioni durante la trasmissione tra il sistema host e il disco. Opzionalmente i drive possono infine integrare un motore crittografico in hardware (disponibile solo con i modelli SAS) capace di cifrare i dati in tempo reale.

Le specifiche tecniche integrali dei nuovi hard disk sono qui .

Seagate sostiene che i suoi Savvio 10K forniscono un risparmio energetico consistente rispetto ai modelli da 3,5 pollici. Presto, però, questa categoria di dischi potrebbe essere minacciata dagli SSD, le cui performance sono già largamente superiori e il costo per gigabyte continua a scendere rapidamente.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anna scrive:
    grazie gabriele
    leggo con piacere i tuoi articoli che si inseriscono perfettamente in quello che PI era (informatica dal punto di vista umanistico) e con un'attenzione all'arte, alla narrativa.Al video, nel tuo caso ;-)grazie, sono sempre interessanti le cose che scovi e che, tutto sommato, selezioni.Continua! ;)
  • il texano scrive:
    gabriele niola
    è l'unico che su pi produce veramente qualcosa di innovativo.
    • Anna scrive:
      Re: gabriele niola
      - Scritto da: il texano
      è l'unico che su pi produce veramente qualcosa di
      innovativo.quelli che hanno prodotto qualcosa di innovativo sono quelli di cui Niola ci racconta. Fa bene a farlo, ma non ha inventato nulla: ha solo avuto interesse per una cosa, la capacità di raccontarlo, la forza di volontà di proporlo alla redazione e la fortuna di vedersi accettate le proposte.Buon per lui e che ce ne fossero, ma non dire che ha inventato qualcosa sminuendo il lavoro degli altri redattori. TUTTI qui scrivono di qualcosa che esiste e l'unico tratto autoriale che c'è è quello dello stile.Per il resto il mestiere richiede approfondimento, precisione, saper scrivere (in un certo modo) ... questo articolo come tutti gli altri, di ogni rubrica.Questo per giustizia verso gli altri, dato che in effetti il tuo commento era volto praticamente non ad un complimento a Niola, ma ad usarlo per insultare tutti gli altri.
      • il texano scrive:
        Re: gabriele niola
        se volevo insultare gli altri andavo a commentare le notizie degli altri per farle leggere dagli altri, non scrivevo in un posto che prima di me ha ricevuto zero commentibuonannotte
Chiudi i commenti