Seagate, un tera per piatto

Il costruttore californiano infrange l'ennesima barriera, presentando HDD dalla densità record. Merito della cooperazione con le menti Samsung o è tutta farina del loro sacco?

Roma – I laboratori Seagate Technology hanno raggiunto l’ennesimo traguardo legato alla registrazione magnetica. La nuova tecnologia storage presentata ieri riesce a far stare 1 Terabyte di dati nello stesso piatto, con una densità record di 625Gb per pollice quadrato.

Il nuovo disco rigido esterno della famiglia GoFlex sarà il primo dispositivo ad adottare questa avanzata soluzione, ma in arrivo c’è anche un drive per il desktop della serie Barracuda XT che utilizzerà tre soli piatti magnetici per arrivare a 3TB.

Questo hard disk interno da 3.5 pollici sarà disponibile anche con capacità di 2TB, 1,5TB e 1TB ma, potenzialmente, nel futuro sarà possibile produrre drive interni da 4 o 5 Terabyte, con prezzi tutt’altro che proibitivi.

L’annuncio del nuovo record arriva a pochi giorni di distanza dall’accordo stipulato con la divisione hard disk della coreana Samsung . Joint venture strategica che parla di una convergenza proprio sulla produzione delle unità di memorizzazione.

Lo scorso anno, i cervelloni della Samsung avevano già dimostrato di poter realizzare super-piatti con una densità altrettanto impressionante, presentando i dischi EcoGreen Spinpoint F6 .

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dataghoul scrive:
    forse abbiamo problemi più urgenti...
    ...del software libero o del software prigioniero, in questo inutile paese!
    • Bad Sapper scrive:
      Re: forse abbiamo problemi più urgenti...
      - Scritto da: dataghoul
      ...del software libero o del software
      prigioniero, in questo inutile
      paese!Ti quoto, aggiungendo che anzi, sarebbe meglio che la politica non si interessasse proprio di Open Source.Se una cosa diventa un argomento politico diventa impossibile discuterne, senza la propria rappresentanza politica, così come è sucXXXXX con l'energia per esempio dove a discutere dei vantaggi e della sicurezza delle varie tecnologie, trovi saccenti esperti, geologi e fisici nuclerari come Di Pietro e La Russa.
      • Lemon scrive:
        Re: forse abbiamo problemi più urgenti...

        Ti quoto, aggiungendo che anzi, sarebbe meglio
        che la politica non si interessasse proprio di
        Open
        Source.
        Parole Sante!!!! Ache perchè, se dovesse entrare nel merito, perchè non fargli decidere anche le marche dei computer? o la dimensione dei video? o il colore della tastiera? Se la politica vuole fare qualcosa per il software degli Enti ha solo una possibilità: fare una bella palazzina in Sicilia (così rilanciano un pò l'economia del luogo, ma può essere anche un'altra regione ovviamente), ci mette dentro 100 sviluppatori e 30 all'helpdesk e che inizino a scriversi sto casso di software da soli.
  • panda rossa scrive:
    zero costi = zero mazzette
    C'e' un motivo se il software libero e gratuito non viene adottato: non c'e' possibilita' di magna magna!Con una fornitura di centomila licenze di MS Office, prelevate dalle nostre tasse, una discreta percentuale finisce nelle tasche del politico che autorizza, sotto forma di mazzetta, generosamente elargita da M$ che intasca il resto.Con una fornitura di centomila OpenOffice o Libo, a costo zero per l'erario, le tasche del politico che autorizza restano vuote.
    • LaMiaDistro scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      Eh vorrai mica pagare mazzette in cd pieni di codice?
    • shevathas scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' un motivo se il software libero e gratuito
      non viene adottato: non c'e' possibilita' di
      magna
      magna!
      illuso. L'assistenza sul software verrà svolta gratis da volontari ? la manutenzione del codice e gli aggiornamenti, anche quelli critici come gli aggiornamenti dei programmi fiscali verranno rilasciati prontamente e gratuitamente dalle community ? Personalizzazioni e manutenzione migliorativa ?
      Con una fornitura di centomila licenze di MS
      Office, prelevate dalle nostre tasse, una
      discreta percentuale finisce nelle tasche del
      politico che autorizza, sotto forma di mazzetta,
      generosamente elargita da M$ che intasca il
      resto.
      cosa di cui tu hai certissime prove, che stranamente non mostri a chi di dovere ovvero la magistratura.
      Con una fornitura di centomila OpenOffice o Libo,
      a costo zero per l'erario, le tasche del politico
      che autorizza restano
      vuote. peccato che chi sappia benissimo come far funzionare un grosso sistema informativo sia troppo impegnato a lucidare schermi e disinceppare stampanti per farlo
      • panda rossa scrive:
        Re: zero costi = zero mazzette
        - Scritto da: shevathas
        - Scritto da: panda rossa

        C'e' un motivo se il software libero e gratuito

        non viene adottato: non c'e' possibilita' di

        magna

        magna!


        illuso. L'assistenza sul software verrà svolta
        gratis da volontari ? L'assistenza oggi da chi viene svolta?
        la manutenzione del codice
        e gli aggiornamenti, anche quelli critici come
        gli aggiornamenti dei programmi fiscali verranno
        rilasciati prontamente e gratuitamente
        dalle community ? Io ho parlato di sostituire MS Office con OOo.E comunque una bella legge che obbliga la PA ad adottare unicamente software open, fa si che le gare di appalto per la fornitura di software dovranno adeguarsi.
        Personalizzazioni e
        manutenzione migliorativa ?Tu hai una idea molto oscura del software open, vero?

        Con una fornitura di centomila licenze di MS

        Office, prelevate dalle nostre tasse, una

        discreta percentuale finisce nelle tasche del

        politico che autorizza, sotto forma di mazzetta,

        generosamente elargita da M$ che intasca il

        resto.


        cosa di cui tu hai certissime prove, che
        stranamente non mostri a chi di dovere ovvero la
        magistratura.Io non ho certissime prove, ho solamente testimonianze di gente che non vuole rogne e che quindi non riferira' a chi di dovere, e quand'anche fossi io coinvolto e potessi testimoniare personalmente, sarebbe sempre la mia parola contro quella di rispettabili dirigenti pubblici che vantano diverse denunce per corruzione, prescrizioni, e cose del genere, che fanno parte del loro curriculum. E quindi finirebbero con l'averla vinta come sempre.

        Con una fornitura di centomila OpenOffice o
        Libo,

        a costo zero per l'erario, le tasche del
        politico

        che autorizza restano

        vuote.

        peccato che chi sappia benissimo come far
        funzionare un grosso sistema informativo sia
        troppo impegnato a lucidare schermi e
        disinceppare stampanti per
        farlo L'importante e' che venga pagato per quello che sa fare, e non per quello che fa.
        • shevathas scrive:
          Re: zero costi = zero mazzette
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: shevathas

          - Scritto da: panda rossa


          C'e' un motivo se il software libero e
          gratuito


          non viene adottato: non c'e' possibilita' di


          magna


          magna!




          illuso. L'assistenza sul software verrà svolta

          gratis da volontari ?

          L'assistenza oggi da chi viene svolta?
          non di certo da volontari e non di certo gratis.

          la manutenzione del codice

          e gli aggiornamenti, anche quelli critici come

          gli aggiornamenti dei programmi fiscali verranno

          rilasciati prontamente e gratuitamente

          dalle community ?

          Io ho parlato di sostituire MS Office con OOo.
          E comunque una bella legge che obbliga la PA ad
          adottare unicamente software open, fa si che le
          gare di appalto per la fornitura di software
          dovranno
          adeguarsi.
          C'e' un motivo se il software libero e gratuito non viene adottato: non c'e' possibilita' di magna magna! quindi software libero e gratuito = OO.org ?

          Personalizzazioni e

          manutenzione migliorativa ?

          Tu hai una idea molto oscura del software open,
          vero?
          e tu del software che serve ad una PA.

          Io non ho certissime prove, ho solamente
          testimonianze di gente che non vuole rogne e che
          quindi non riferira' a chi di dovere, e
          quand'anche fossi io coinvolto e potessi
          testimoniare personalmente, sarebbe sempre la mia
          parola contro quella di rispettabili dirigenti
          pubblici che vantano diverse denunce per
          corruzione, prescrizioni, e cose del genere, che
          fanno parte del loro curriculum.
          ah, i famosi pizzini di ciancimino...
          • panda rossa scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette
            - Scritto da: shevathas

            L'assistenza oggi da chi viene svolta?


            non di certo da volontari e non di certo gratis.Si ma che c'entra col fatto che il software dovra' essere open source?Chi fa assistenza oggi fara' assistenza anche domani.E se non sara' capace, prego, alzarsi e liberare le sedie per chi i computer li sa usare sul serio.
            C'e' un motivo se il software libero e
            gratuito non viene adottato: non c'e'
            possibilita' di magna
            magna!

            quindi software libero e gratuito = OO.org ?E' una delle possibilita'.


            Personalizzazioni e


            manutenzione migliorativa ?



            Tu hai una idea molto oscura del software open,

            vero?


            e tu del software che serve ad una PA.Il software specifico per le PA viene fatto sviluppare mediante bando?Basta scrivere nel bando che il software alla fine dovra' essere rilasciato con licenza GPL3.Il resto non cambia.

            Io non ho certissime prove, ho solamente

            testimonianze di gente che non vuole rogne e che

            quindi non riferira' a chi di dovere, e

            quand'anche fossi io coinvolto e potessi

            testimoniare personalmente, sarebbe sempre la
            mia

            parola contro quella di rispettabili dirigenti

            pubblici che vantano diverse denunce per

            corruzione, prescrizioni, e cose del genere, che

            fanno parte del loro curriculum.


            ah, i famosi pizzini di ciancimino...Mettila un po' come vuoi, ma non pensare di pretendere prove di corruzione.La corruzione esiste, e ci conviviamo.Le prove non servono.
          • shevathas scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette

            Si ma che c'entra col fatto che il software
            dovra' essere open
            source?che open o non open se ci si vuole mangiare in quel tipo di contratti ci si riesce benissimo.

            Il software specifico per le PA viene fatto
            sviluppare mediante
            bando?quello sviluppato su indicazione della PA si.
            Basta scrivere nel bando che il software alla
            fine dovra' essere rilasciato con licenza
            GPL3.
            Il resto non cambia.
            già previsto dal CAD, se una pubblica amministrazione commissiona lo sviluppo di un software deve acquisire anche i sorgenti e metterli gratuitamente a disposizione di qualsiasi altra PA ne faccia richiesta.
            Mettila un po' come vuoi, ma non pensare di
            pretendere prove di
            corruzione.
            La corruzione esiste, e ci conviviamo.
            Le prove non servono.chi corrompe è chi vuol far mettere un prodotto scarso come cuba libre office per lucrare con i contatti di assistenza. Me l'ha detto mio cuggino.
      • hermanhesse scrive:
        Re: zero costi = zero mazzette

        cosa di cui tu hai certissime prove, che
        stranamente non mostri a chi di dovere ovvero la
        magistratura.
        Queste cose capitano di continuo anche nelle PMI italiane.Figurati nelle grandi aziende. Figurati nell'"Azienda Italia".Le prove ci sono solo nel caso si venga beccati (cosa difficile: non li beccano per cose più gravi), ma credimi (e puoi avere conferma se ne conosci uno) che agli EDP non è così rara l'offerta di "una percentuale" sulla scelta di uno o dell'altro software o hw.
      • Enzo scrive:
        Re: zero costi = zero mazzette
        Software libero e open source non sono sinomini perforza di roba gratis e di elargire senza ricevere nulla. Nella definizione di software libero si evince che il software è libero perchè liberamente modificabile (senza chiedere permessi e senza pagare per farlo) e liberamente consultabile il codice sorgente, la cosa principale che promulga la fsf è questa.Poi nell'open source (quand'anche nn fosse perforza soft libero) le opportunità di guadagno ci sono, e ci sono proprio appunto sull'assistenza o sull'eventuale sviluppo causato da particolari esigenze del committente; in questo nn c'è nulla di male ne di contrario all'etica del free software e dell'open source.Quindi il tuo intervento o è frutto di informazioni distorte, oppure è del tutto tendenzioso e quindi privo di senso
        • shevathas scrive:
          Re: zero costi = zero mazzette

          Quindi il tuo intervento o è frutto di
          informazioni distorte, oppure è del tutto
          tendenzioso e quindi privo di
          sensole solite risposte automatiche dei fan boy. Semplicemente rispondevo alla cavolata che C'e' un motivo se il software libero e gratuito non viene adottato: non c'e' possibilita' di magna magna! purtroppo ci può essere il magna magna anche con il software libero, visto che mazzette ci possono essere anche per la vendita di modifiche, la vendita di assistenza. Purtroppo se c'è scambio di denaro ci possono essere mazzette.
          • Enzo scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette
            nn sono un fan boy per tendenza :) e nn dico nulla di nuovo.semplicemente rispondevo a questa affermazione
            illuso. L'assistenza sul software verrà svolta gratis da volontari ? la manutenzione del codice e gli aggiornamenti, anche quelli critici come gli aggiornamenti dei programmi fiscali verranno rilasciati prontamente e gratuitamente dalle community ? Personalizzazioni e manutenzione migliorativa ?che ok che tu rispondevi al fatto del magna magna, ma qui si intende anche altro... oggetto appunto del mio intevento
          • shevathas scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette
            - Scritto da: Enzo
            nn sono un fan boy per tendenza :) e nn dico
            nulla di
            nuovo.
            semplicemente rispondevo a questa affermazione


            illuso. L'assistenza sul software verrà svolta
            gratis da volontari ? la manutenzione del codice
            e gli aggiornamenti, anche quelli critici come
            gli aggiornamenti dei programmi fiscali verranno
            rilasciati prontamente e gratuitamente dalle
            community ? Personalizzazioni e manutenzione
            migliorativa
            ?
            non so se hai notato i punti interrogativi :) erano domande retoriche.
            che ok che tu rispondevi al fatto del magna
            magna, ma qui si intende anche altro... oggetto
            appunto del mio
            inteventovolevo intendere che anche con il software libero c'è in ogni caso giro di soldi e, purtroppo, dove c'è giro di soldi ci possono essere mazzette. :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 maggio 2011 13.04-----------------------------------------------------------
          • Enzo scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette

            volevo intendere che anche con il software libero c'è in ogni caso giro di soldi e, purtroppo, dove c'è giro di soldi ci possono essere mazzette.questo l'ho capito :) e cmq se nn fosse cosi nn staremmo in italia (come in qualsiasi altro paese), mi pare ovvio xDaggiungo un altra cosa (se mi dai del fanboy ecc nn mi interessa, mi ritengo più un attivista etico che altro :)) ma il free software (o meglio l'etica e il messaggio che vuol far passare) è quello di condivisione della conoscenza, libertà nel poter controllare ciò con cui si ha a che fare, aiuto reciproco ed essere svincolati da qualsiasi tipo di monopolio semplicemente perchè questo è lesivo per la libertà dell'utente; era giusto una parentesi.Fin quando si parla solo di mele marcie (cioè che si prestano a giochi di questo tipo) è passabile, ma nn è passabile quando invece è un intero sistema ad essere marcio perchè marce sono le idee su cui basa ciò che fa.
          • shevathas scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette

            ma il free software (o meglio
            l'etica e il messaggio che vuol far passare) è
            quello di condivisione della conoscenza, libertà
            nel poter controllare ciò con cui si ha a che
            fare, aiuto reciproco ed essere svincolati da
            qualsiasi tipo di monopolio semplicemente perchè
            questo è lesivo per la libertà dell'utente; era
            giusto una
            parentesi.sono mitologie ma la realtà è diversa:-la conoscenza la puoi condividere con chi ha le capacità per riceverla, ad un non tecnico digiuno della programmazione del poter accedere ad un codice sorgente di cui non capirà nulla può non interessare.- controllo e verifica dei sorgenti lo puoi fare se hai le competenze, se non sai programmare non lo puoi fare.controllo e verifica dei programmi lo puoi fare se conosci l'ambito di uso dei programmi e se sei in grado di accorgerti di errori nell'elaborazione dei dati.- teoricamente potresti metterci le mani su un programma OS, praticamente potrebbe essere una attività troppo onerosa, e questo ti espone al rischio di monopolio. Teoricamente potrei pagare un gruppo di programmatori diverso per portare avanti il programma che mi interessa, ma quanto potrebbe venirmi a costare ?
            Fin quando si parla solo di mele marcie (cioè che
            si prestano a giochi di questo tipo) è passabile,
            ma nn è passabile quando invece è un intero
            sistema ad essere marcio perchè marce sono le
            idee su cui basa ciò che
            fa.Le idee in ogni caso bisogna confrontarle con la realtà, e la realtà è che per il mondo il software è uno strumento e la diatriba fra open e closed viene erroneamente banalizzata solo come open=gratis closed=qualità.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 maggio 2011 13.24-----------------------------------------------------------
          • Enzo scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette
            quindi in pratica il fatto stesso che esista il software libero sarebbe un allucinazione.. ma dai dai :D diciamo pure che l'occasione fa l'uomo ladro.per quanto riguarda lo studio del software beh all'utente gli si da la possibilità e la sfrutta se ne ha le capacità; poi le libertà nn si limitano solo a questo.
            - teoricamente potresti metterci le mani su un programma OS, praticamente potrebbe essere una attività troppo onerosa, e questo ti espone al rischio di monopolio. Teoricamente potrei pagare un gruppo di programmatori diverso per portare avanti il programma che mi interessa, ma quanto potrebbe venirmi a costare ?se fosse stata troppo onerosa le aziende nn avrebbe investito su linux ma su un software probabilmente proprietario ( visto che per molti closed=qualità come hai detto te) e invece hanno investito su linux perchè era meno dispensioso e più flessibile e ad oggi linux monopolizza gran parte del mercato server.
            Le idee in ogni caso bisogna confrontarle con la realtà, e la realtà è che per il mondo il software è uno strumentoe infatti questa è un visione vuota che si ha del software, priva di qualsiasi aspirazione e dedita solo per far business che è tipica di buona parte del software proprietario.Nel realizzare un progetto di free software ci si mette anche dell'altro, perchè la realizzazione viene condivisa tra la gente, la stessa che poi utilizzerà quel software e ognuno contribuisce come può.Io capisco che per molti la realtà del free software sia difficile da capire, ma fatto sta che tanto utopica nn mi sembra (come in molti pensano).... perchè fin ora è sempre cresciuta come realtà acquistando un certo peso, e sempre più produttori si stanno affacciando su questa realtà perchè i vantaggi che porta sono enormi e l'hanno capito ;)
          • pippo75 scrive:
            Re: zero costi = zero mazzette

            aggiungo un altra cosa (se mi dai del fanboy ecc
            nn mi interessa, mi ritengo più un attivista
            etico che altro :)) ma il free software (o meglio
            l'etica e il messaggio che vuol far passare) è
            quello di condivisione della conoscenza, libertà
            nel poter controllare ciò con cui si ha a che
            fare, aiuto reciproco ed essere svincolati da
            qualsiasi tipo di monopolioMa hai letto l'articolo? si parla di politici, il regno della burocrazia.L'open interessa in proporzione ai voti che porta. Poi esistono anche politici che non pensano solo a questo, ma ......
    • whitemagic scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      le PA non hanno soldi per le licenze MS perchè pagate quelle non resta niente per gestire la clientela. Al Politico nella PA conviene finanziare progetti con molto servizio e poche licenze xé sul servizio può gestirlo politicamente le licenze (qualsiasi licenza italiana o yankee non importa)no le paghi e basta. Conclusione l'open favorisce i politici corrotti.
      • panda rossa scrive:
        Re: zero costi = zero mazzette
        - Scritto da: whitemagic
        le PA non hanno soldi per le licenze MS perchè
        pagate quelle non resta niente per gestire la
        clientela. Al Politico nella PA conviene
        finanziare progetti con molto servizio e poche
        licenze xé sul servizio può gestirlo
        politicamente le licenze (qualsiasi licenza
        italiana o yankee non importa)no le paghi e
        basta. Conclusione l'open favorisce i politici
        corrotti.E quindi perche' non c'e' ancora l'open nella PA?
        • collione scrive:
          Re: zero costi = zero mazzette
          - Scritto da: panda rossa
          E quindi perche' non c'e' ancora l'open nella PA?boh, sarà che forse siamo un Paese di santi :D
        • pippo75 scrive:
          Re: zero costi = zero mazzette


          basta. Conclusione l'open favorisce i politici

          corrotti.

          E quindi perche' non c'e' ancora l'open nella PA?è molto indietro ma esiste. devi solo guardare in tutti i punti.problema: il SW closed rappresenta un problema minimo, perché dovrei cambiarlo per poi trovarmi in altre rogne? Quando capita si prende anche open. ( meglio se gratis, per maggiore info chiedi a tutti i sindaci dei piccoli paese se non sono disposti ad avere SW gratis ed in "regola" ).
    • Bad Sapper scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' un motivo se il software libero e gratuito
      non viene adottato: non c'e' possibilita' di
      magna
      magna!

      Con una fornitura di centomila licenze di MS
      Office, prelevate dalle nostre tasse, una
      discreta percentuale finisce nelle tasche del
      politico che autorizza, sotto forma di mazzetta,
      generosamente elargita da M$ che intasca il
      resto.

      Con una fornitura di centomila OpenOffice o Libo,
      a costo zero per l'erario, le tasche del politico
      che autorizza restano
      vuote.Avendo avuto a che fare con i commerciali Microsoft, non è che sia proprio così, a parte la questione delle mazzette che ci può anche stare il punto è un altro, visto che la stessa cosa accade per le grosse aziende.Il punto è che Microsoft se ti deve attrezzare un parco macchine piuttosto considerevole include l'intera suite di prodotti che vanno da office agli strumenti organizzativi a prezzi scontatissimi, garantendoti poi una continuità con la classica gabella annuale e fornendoti la sua "assistenza".In questo contesto o fai come hanno fatto in Germania cioè rimpiazzi addirittura il sistema operativo con Linux e allora ha senso usare prodotti free come OpenOffice o Thunderbird (ma in quel caso ti ci vorrebbe una azienda di stato come era "SUSE" prima che Novell la comperasse a fornirti assistenza), oppure è inutile, prendi i prodotti Microsoft e non ti assumi inutili responsabilità.Diverso è il discorso di adottare Silverlight per la TV di stato con la scusa che è compatibile con varie piattaforme, per poi, allo scopo di evitare che le persone la vedano senza, inseire dei trucchi che lo rendono compatibile solo con windows. Ecco quello è spiacevole, specie se qualcuno ti obbliga a pagare il canone per il solo fatto di possedere un PC, significa sostanzialmente persistere in un sopprusi fregarsene degli altri, calunniandoli e facendogli pagare la propria ignoranza e malafede, o in altre parole significa essere tipicamente italiani.
    • Alcolemic AKA Il Solito scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' un motivo se il software libero e gratuito
      non viene adottato: non c'e' possibilita' di
      magna
      magna!

      Con una fornitura di centomila licenze di MS
      Office, prelevate dalle nostre tasse, una
      discreta percentuale finisce nelle tasche del
      politico che autorizza, sotto forma di mazzetta,
      generosamente elargita da M$ che intasca il
      resto.

      Con una fornitura di centomila OpenOffice o Libo,
      a costo zero per l'erario, le tasche del politico
      che autorizza restano
      vuote.C'è sempre spazio per mazzette sull'assistenza.. che è la fetta + grossa e + mazzettabile...
      • collione scrive:
        Re: zero costi = zero mazzette
        hai ragione e aggiungo che l'assistenza passa per i canali locali e il problema è che il tecnico informatico italiota medio non sa nemmeno cos'è l'open o un sistema unix
    • collione scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      molto simile alle rinnovabili, reattori al torio e celle betavoltaiche al trizio aka se non fa soldi e non possiamo mangiarci sopra che vada al diavolo insieme al popoloe meno male che siamo in democrazia!!!!ma la colpa in fondo è nostra, visto che pensiamo che non andare a votare = esprimere un parere
    • Lemon scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' un motivo se il software libero e gratuito
      non viene adottato: non c'e' possibilita' di
      magna
      magna!
      Invece ce ne sarà molto di più e probabilmente per avere meno, non perchè il prodotto open non valga, assolutamente, ma perchè in preda al magna magna è ovvio che lo sviluppo del software sarà l'ultima priorità.Se stiamo parlando di openoffice o libreoffice non ci sono problemi se non per il fatto che molti software gestionali sono ancora legati a MSoffice. Ma non è quello il punto, quella è la spesa minima, le spese maggiori sono per vari software gestionali.Diciamo subito che non la si può continuare a menare con sta storia che se ho il codice open allora l'assistenza la può fare chiunque. Non è vero, o meglio, è vero se avessi capitale da spendere perchè di certo non posso cambiare fornitore di volta in volta pretendendo che si vadano a leggere e capire il codice che ha scritto qualche altro, dovrei avere personale interno piuttosto.La verità è che conviene (sempre) affidarsi a ditte che lavorano seriamente e che in qualche modo garantiscano continuità nel tempo ed a prezzi onesti, in tal caso sono convenienti alcune convenzione che certe regioni virtuose sono riuscite ad ottenere con alcuni fornitori.Se poi il software è open o closed non cambia nulla perchè, lo ripeto, mai nessuno ci andrà a mettere le mani.PS: e comunque, per quello che ho visto io, spesso il codice è closed ma il tracciato dati dei db è fornito quindi se vuoi migrare ad altre soluzioni la possibilità la hai.
    • pippo75 scrive:
      Re: zero costi = zero mazzette
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' un motivo se il software libero e gratuito
      non viene adottato: non c'e' possibilita' di
      magna magna!forse non ne vale la pena.
      Con una fornitura di centomila licenze di MS
      Office, prelevate dalle nostre tasse, una
      discreta percentuale finisce nelle tasche del
      politico che autorizza, sotto forma di mazzetta,se hai le prove denuncialo.
      Con una fornitura di centomila OpenOffice o Libo,
      a costo zero per l'erario, le tasche del politico
      che autorizza restano vuote.se andiamo ad installarlo noi è gratis.
Chiudi i commenti