SeaMonkey 2: un po' Firefox, un po' Netscape

La nuova versione del browser open source combina il design all-in-one del vecchio Communicator con le più recenti tecnologie di Mozilla. Ma per il momento niente versione italiana

Roma – Erede diretto della Mozilla Application Suite , a sua volta nata dal codice open source di Netscape, il web browser SeaMonkey tenta di riemergere dall’oblio con una nuova major release, la 2.0, che trapianta lo spirito di Netscape Communicator nel corpo di Firefox.

Proprio come la storica e ormai defunta suite di Netscape, SeaMonkey integra in un solo applicativo web browser, client di posta elettronica (basato su Thunderbird), supporto ai newsgroup, client IRC ( ChatZilla ) e editor di codice HTML ( Mozilla Composer ). Rispetto al passato, la versione 2.0 unisce in modo più stretto il design della vecchia Application Suite di Mozilla con il codice e le tecnologie di Firefox 3.5.4.

“SeaMonkey è ora molto più allineato a Firefox per quanto riguarda profili, add-on e ed elementi dell’interfaccia utente”, spiegano gli sviluppatori nelle note di rilascio . “Il nuovo Add-on Manager permette di installare, aggiornare, disattivare e rimuovere estensioni, temi e plugin utilizzando gli stessi meccanismi che usa Firefox”.

Tra gli add-on supportati dal client email di SeaMonkey c’è Lightning , il noto software di PIM da tempo integrabile in Thunderbird.

Tra le altre funzionalità che SeaMonkey 2.0 ha ereditato da Firefox c’è poi il sistema di crash recovery, capace di ripristinare automaticamente lo stato del browser dopo una chiusura inaspettata; un più sofisticato sistema di gestione della cronologia, che permette ricerche più mirate e rende l’autocompletamento degli indirizzi ancor più efficace; un migliorato download manager, ora capace di sospendere e riprendere gli scaricamenti; l’introduzione del supporto alle tab e ai feed RSS nel client email; infine, la possibilità di personalizzare quasi ogni aspetto delle toolbar. Migliorato anche il supporto alle caselle di posta IMAP, di cui ora il client email incluso in SeaMonkey è in grado di fare una copia locale e renderne più rapida la gestione.

SeaMonkey 2.0

SeaMonkey 2.0, che va a sostituire la precedente versione 1.1.18, può essere scaricato da qui per Windows, Linux o Mac OS X. Al pari di Firefox 3.5, anche SeaMonkey 2.0 non supporta più i sistemi operativi meno recenti, quali Windows 95, 98, Me e NT4 e Mac OS X 10.2 e 10.3.

Va notato come tra le 18 localizzazioni disponibili, tra le quali compaiono quella lituana, ungherese, galiziana e bielorussa, manchi quella italiana. SeaMonkey è del resto un progetto portato avanti esclusivamente da volontari: Mozilla si limita a fornire spazio web e copertura legale.

Alcuni screenshot di SeaMonkey 2.0 sono disponibili qui .

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mario Rossi scrive:
    Hard Disk e speranze
    I sostenitori degli Hard Disk possono solo sperare ed accendere una candela
  • Nome & Cognome scrive:
    Il calore?
    Staccare i chip e' bello, ma in genere aumenta la densita ma anche il calore fino a renderli una fornace.
    • p4bl0 scrive:
      Re: Il calore?
      staccare? :)non sono tra quelli che odiano gli inglesismi ma almeno usiamoli bene: "stackare"se no meglio "impilare", almeno non cambia il senso della tua frase :P
    • TheKaneB scrive:
      Re: Il calore?
      Non voglio fare polemica sulla tua corretta osservazione, ma non credo che la Intel abbia ingegneri tanto sprovveduti da non pensare a questi fattori così ovvi!Sono assolutamente certo che sappiano il fatto loro, e che lo stacking degli array di memoria sia stato studiato, ovviamente, nel rispetto delle caratteristiche di propagazione e dissipazione del calore tipico del materiale di cui è costituito il substrato (silicio in questo caso).
    • il signor rossi scrive:
      Re: Il calore?
      - Scritto da: Nome & Cognome
      Staccare i chip e' bello, ma in genere aumenta la
      densita ma anche il calore fino a renderli una
      fornace.hai ragione! maledizione... scrivilo subito alla Intel, così che risparmieranno tanti sforzi inutili!!!
  • Enjoy with Us scrive:
    Molto interessante...
    Qui almeno un prototipo funzionante lo hanno prodotto... forse i tempi di commercializzazione sono relativamente brevi e non le solite chimere tipiche degli annunci di questo tipo...
    • pentolino scrive:
      Re: Molto interessante...
      eh come al solito siamo al "vedremo", se no finisce come per i net* con proXXXXXre arm; quanti se ne sono visti finora?E a scanso di equivoci sai bene quanto non veda l' ora che escano in quantità, semplicemente guardo alla realtà, ce ne è qualcuno ma sa molto di nicchia!
Chiudi i commenti