Seattle, assalto ai bus di Microsoft

Dopo le manifestazioni contro Google e Facebook, stavolta la protesta è rivolta contro Microsoft, colpevole con i suoi 40mila dipendenti nello stato di Washington di incrementare i costi e creare spaccature socio-economiche
Dopo le manifestazioni contro Google e Facebook, stavolta la protesta è rivolta contro Microsoft, colpevole con i suoi 40mila dipendenti nello stato di Washington di incrementare i costi e creare spaccature socio-economiche

Le proteste contro i giganti hi-tech si allargano dalla Baia di San Francisco a Seattle e nel mirino finiscono sempre i bus aziendali, simbolo dei privilegi della categoria. Sarà l’effetto emulazione, la ricerca della celebrità o semplicemente la necessità di frenare il fenomeno prima che degeneri come in California, ma lunedì mattina nella città dello stato di Washington si sono ripetute le scene già viste a San Francisco con i manifestanti intenti a bloccare le navette dei dipendenti di Microsoft.

Certo, la portata dei disordini è decisamente minore, perché il gruppo di protestanti scesi in strada a Capitol Hill contava un nugolo di persone, che però sono riuscite a ritardare di 45 minuti la partenza di cinque bus esponendo striscioni e intonando cori contrari all’azienda fondata da Bill Gates.

Come per Google, Facebook e altri colossi del ramo tecnologico con sede nella Silicon Valley, anche Microsoft è considerata la prima colpevole dell’aumento dei prezzi degli alloggi e dell’utilizzo di mezzi pubblici per trasportare agevolmente i dipendenti verso il campus di Redmond. Non a caso la protesta è andata in scena in una strada simbolica di Capitol Hill – l’area che ha subito i maggiori rincari dovuti alla presenza di buona parte dei circa 40mila dipendenti di Microsoft residenti nello stato di Washington – dove sempre più antiche residenze vengono abbattute per far spazio a nuovi complessi multifamiliari.

Il servizio navetta è stato inaugurato alla fine del 2007 in cinque quartieri residenziali, saliti con gli anni a dodici, con Microsoft che ha sostenuto la scelta additando benefici ambientali e quelli alla viabilità cittadina. Dopo aver assistito all’escalation nella Bay Area, però, i cittadini sono passati all’azione dichiarando che col suo comportamento la società crea spaccature socio-economiche profonde e difficilmente rimarginabili. Seguendo l’esempio dei manifestanti californiani, è assai probabile che la comunità di Seattle e Capitol Hill chiederà alle autorità cittadine di trovare un rimedio soddisfacente per entrambe le parti, prevedendo ovviamente un congruo rimborso per le casse municipali.

Alessio Caprodossi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti