Secure Boot, il trucco di Shim

Uno sviluppatore fornisce il suo personale hack per scavalcare il boot autenticato di Windows 8. Una chiave personale per tutti, in attesa di una soluzione definitiva

Roma – Windows 8 è approdato sul mercato , e il mondo FOSS deve ancora fare i conti con la discussa funzionalità di avvio autenticato nota come Secure Boot . In attesa della soluzione “definitiva” al problema a opera di Linux Foundation , uno sviluppatore open source si inventa una sua personalissima scappatoia a base di “keyring” archiviabile dall’utente.

Lo sviluppatore in oggetto è Matthew Garrett, ex-dipendente Red Hat che già da tempo tratta la questione Secure Boot: la soluzione di Garrett prevede l’utilizzo del bootloader open source Shim , sfruttabile da qualsiasi sistema operativo capace di eseguire la fase di boot da un ambiente GRUB.

Garrett ha firmato digitalmente Shim 0.2 con una chiave fornita da Microsoft, ma in più il nuovo bootloader ha la capacità di servirsi di una seconda chiave per fare il boot di qualsiasi sistema Linux “minore”: la chiave, in questo caso, dovrà essere fornita da chi ha sviluppato la distro e potrà essere integrata direttamente nel processo di boot UEFI durante il primo avvio.

Il procedimento ideato da Matthew Garrett serve naturalmente a bypassare i requisiti di autenticazione di Secure Boot con l’opzione attiva da BIOS: per continuare a fare il boot di sistemi operativi meno recenti (inclusi Windows 7 e XP) basta disabilitare la funzionalità sui sistemi x86 che la supportano.

L’utente che intende servirsi di Shim dovrà infine avere fiducia in Garrett stesso, e nell’assicurazione personale dello sviluppatore sulla distruzione della chiave privata – usata per firmare digitalmente il bootloader – una volta completata la fase di compilazione del codice binario.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sig8 scrive:
    Touch+tastiera è l'ideale
    Ritengo che la tastiera fisica sia un elemento indispensabile per un utilizzo senza fronzoli di uno smartphone. Non sopporto le versioni tutto touch senza nemmeno i tasti fisici di navigazione. Quante volte sfioriamo questi tasti avendo continuamente effetti indesiderati!?? Poi scrivere in movimento, anche solo stando seduti nell'auto è arduo e stressante. Spero l'abbuffata tutto touch sia al termine e si trovino soluzioni intermedie. Trovo assurdo poi la scomparsa dei tasti cursore, nokia implementa il tasto centrale con i cursori a circonferenza ma solo sui cell non touch...
  • nebulosa scrive:
    Me è proprio come il primo smartphone
    Quello che fu considerato il primo smartphone fu il Sony Erircsson P800 il quale aveva la possibilità di (s)montare uno sportellino flip con tastierino numerico che funzionava senza bisogno di contatti elettrici in quanto era un semplice pezzo di plastica semitrasparente (la retroilluminazione veniva direttamente dal display touch) con dei tasti che quando venivano premuti "premevano" loro lo schermo.Un soluzione semplice, economica ed ecologica.Volendo si poteva fare anche a meno di questo flip sostituendo solo una piccola parte della cover ed il tutto era incluso nella scatola (oltre alla base di ricarica e un porta cellulare specifico per quel modello.Probabilmente qui c'è rischio di violazione di brevetto (cylon)http://en.wikipedia.org/wiki/Sony_Ericsson_P800
  • Enjoy with Us scrive:
    ma come!!!!
    Per anni hanno predicato che touch è bello e ora rimettono i tastini?Se uno si compra un iPhone, ma anche qualsiasi smartphone e poi ricorre ad una cover del genere è un mentecatto o in alternativa uno che non aveva assolutamente bisogno di uno smartphone e che poteva comprarsi un cellulare da 30 euro... ops mi accorgo adesso che avrà un sucXXXXX travolgente almeno fra i macgrulli!
    • Fulmy(nato) scrive:
      Re: ma come!!!!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Per anni hanno predicato che touch è bello e ora
      rimettono i
      tastini?e ti stupisci?Per anni i Mac erano belli e colorati e di plastica, ora che sono di alluminio sono gli altri ad essere plasticoni. :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 dicembre 2012 17.53-----------------------------------------------------------
  • Michele Montanari scrive:
    Mi sembra di vedere il P800 e R280...
    di Ericsson...Che muovono la zanetta berciando "noi ce l'avevamo da un seeecolooohh"...
Chiudi i commenti