Sendo molla Microsoft per Nokia

Con una mossa a sorpresa Sendo cambia in corsa le proprie strategie e abbandona la piattaforma per gli smartphone di Microsoft per passare a quella rivale firmata da Nokia e Symbian. Lo Z100 è cancellato


Birmingham (Gran Bretagna) – Dopo aver lavorato oltre un anno e mezzo in stretta simbiosi con Microsoft per lo sviluppo di quella che avrebbe dovuto essere una delle primissime linee di smartphone basata su Windows Powered Smartphone 2002 (WPS), una piattaforma per telefonini di nuova generazione lanciata proprio poche settimane fa dal Big di Redmond, Sendo fa un clamoroso dietro-front e passa al “nemico”.

Con un annuncio a sorpresa, e a pochissime settimane dal debutto sul mercato del suo primo smartphone, lo Z100 , ieri l’azienda britannica ha infatti annunciato l’abbandono della piattaforma di Microsoft a favore di quella firmata Nokia e basata sul sistema operativo Symbian OS.

Tagliato l’accordo con Microsoft, e cancellata la commercializzazione di quello che avrebbe dovuto essere uno dei primi due smartphone “Windows powered” ad arrivare sul mercato, Sendo insegue ora un nuovo futuro a cavallo di una piattaforma, la Series 60 di Nokia, che gli analisti considerano la prima rivale del WPS di Microsoft.

Ma quali sono i motivi che hanno indotto l’azienda britannica ad intraprendere questo repentino cambio di rotta a poche settimane di distanza dalla presentazione, in congiunzione con Microsoft, dello Z100? In un comunicato divulgato ieri, Sendo si limita a spiegare di aver rivisto, all’inizio dell’autunno, tutte le proprie strategie legate agli smart phone e di aver appurato che i suoi nuovi obiettivi si sposavano con la piattaforma Series 60 di Nokia.

Un portavoce italiano di Sendo, contattato da Punto Informatico, ha ammesso che l’annuncio è stato un vero e proprio fulmine a ciel sereno, sottolineando però di non essere a conoscenza di ulteriori dettagli sulle ragioni che hanno portato alla decisione dell’azienda. Secondo alcune fonti, l’azienda sarebbe obbligata al silenzio in rispetto ad alcuni vincoli legali che ancora la legherebbero a Microsoft. Il big di Redmond, infatti, non solo aveva un accordo di partnership con Sendo, ma lo scorso anno ne aveva addirittura acquisito una quota del capitale per una cifra che dovrebbe aggirarsi sui 12 milioni di dollari.


La notizia ha colto di sorpresa anche Fabio Falzea, direttore del corporate marketing di Microsoft Italia, che a PI ha spiegato di non essere a conoscenza di eventuali vincoli legali fra Sendo a Microsoft. Il dirigente italiano ha poi minimizzato l’accaduto sostenendo che la piattaforma WPS sta riscuotendo “ottimi consensi” fra i produttori del settore mobile.

L’azienda inglese sostiene che la piattaforma di Nokia “utilizza tecnologie e standard aperti, come MMS e Java, sviluppate congiuntamente dall’industria”, affermando poi che “la piattaforma è robusta ed eccezionalmente flessibile”. Ma sono queste le vere motivazioni che hanno spinto Sendo a mandare a monte buona parte del lavoro svolto negli ultimi due anni?

E’ difficile crederlo, soprattutto leggendo una dichiarazione rilasciata ieri a The Register da Marijke van Hooren, director of communications di Sendo: “Se avessimo avuto una scelta avremmo lanciato lo Z100 — abbiamo i clienti, abbiamo il prodotto finito e l’attenzione dei giornalisti, siamo a pochi giorni di distanza dalla commercializzazione — ma non abbiamo nessun’altra rotta d’azione”.

Sulla stessa home page del sito di Sendo, l’azienda ammette che “è stata una decisione davvero difficile rinunciare alla nostra posizione di leadership nello sviluppo delle smart device. Siamo frustrati dal fatto di non poter essere in grado di rilasciare lo Z100 dato il grande interesse sollevato da questo dispositivo”.

L’azienda inglese si è detta in ogni caso molto soddisfatta della migrazione verso la piattaforma di Nokia, soprattutto perché questa permette ai propri partner di prendere in licenza il codice sorgente: questa possibilità, secondo Sendo, le permette di personalizzare il prodotto secondo le sue esigenze, contribuire al suo sviluppo e “velocizzare il rilascio dei nuovi modelli di telefono con costi più bassi”.

Ora rimane da vedere quanto tempo sarà necessario al produttore britannico per sviluppare ed introdurre sul mercato i primi smartphone non-Windows.

Symbian, l’azienda che sviluppa l’omonimo sistema operativo che sta dietro alla piattaforma di Nokia, fornisce la sua tecnologia ad altri colossi del settore quali Motorola, Siemens AG, Samsung e Sony Ericsson. Durante la prima metà dell’anno, sono stati venduti circa 250.000 telefoni mobili equipaggiati con Symbian OS: la stessa Nokia, proprio pochi giorni fa, ha svelato alcuni nuovi modelli di telefoni cellulari basati sulla piattaforma Series 60, fra cui un dispositivo a metà strada fra un telefono mobile e una console da gioco portatile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    rileggiamo la notizia, per favore
    "un'altra reincarnazione del PC che mira a rimpiazzare i notebook entro cinque anni""Un Tablet PC pesa fra gli 1,5 Kg e i 2,5 Kg"Mi sta bene l'idea di un palm con uno schermo più grande, può essere comodo, per quel famoso medico, meno bene me lo vedo a trasportarsi dietro tutto il santo giorno 2 Kg di blocco note, idem per il manager... ma allora poi che devono fare, licenziare le loro sexissime infermiere e segretarie (quelle che prima ricopiavano i loro appunti)?Invece mi vedo bene il magazziniere, sufficentemente nerboruto per portarsi dietro i 2 Kg di taccuino, meno bene mi vedo il padrun che ogni mese ne deve comprare uno nuovo perchè il precedente è rimasto fracassato sotto una cassa da due quintali...morale: l'unico mercato per sto aggeggio sarà quello degli integralisti linuxari che lo compreranno per per la soddisfazione di farci girare sopra il loro pinguino pereferito :)
    • Anonimo scrive:
      Re: rileggiamo la notizia, per favore
      - Scritto da: giors
      "un'altra reincarnazione del PC che mira a
      rimpiazzare i notebook entro cinque anni"
      "Un Tablet PC pesa fra gli 1,5 Kg e i 2,5 Kg"La speranza sarebbe che diventassero piu' leggeri. Ma si' sa: chi visse sperando... "mori' disperato"
  • Anonimo scrive:
    correva l'anno di grazia 1994...
    Quando si parla di ricorsi storici...Nel 1994 la Compaq aveva presentato un tablet pc che leggeva la scrittura.... girava sotto windows 3.x.Chi l'ha più visto?Ormai l'informatica è diventata come la moda dell'abbigliamento.... ogni tot anni riappare una "novità".
    • Anonimo scrive:
      Re: correva l'anno di grazia 1992...
      Quando Apple proponeva l'antesignano del palmare, in grado di riconoscere la scrittura (vi ricordo, direttamente la scrittura, non una "stenografia semplificata come Graffiti o UniStrokes che dir si voglia), essere un sostituto mobile del computer. Per chi abbia letto qualcosa relativamente al progetto Newton (il nome del sistema operativo di quel palmare), sa che il prodotto finito era assai meno di quanto preventivato (si parlava di un sostituto elettronico del foglio di carta) in quanto sarebbe stato troppo costoso acquistarlo.In seguito sono usciti svariati modelli, sino all'ultimo (Apple MessagePad 2100) che come dimensioni non potevano ricalcare quelle dei palmari emergenti (leggi Palm Pilot Professional o Palm III, all'epoca appena uscito), ma come funzionalità li surclassavano: 2 mb di ram, 8 mb per memorizzare dati e applicazioni, possibilità di collegare tastiera e modem esterno o pcmcia, invio e RICEZIONE di fax direttamente sulla macchina, addirittura in grado di navigare in internet o fare Web server (se cercate un po' troverete qualcuno che fa hosting su un newton), pacco batterie ricaricabile ni-cd per 24 ore di funzionamento continuato o circa 2 settimane di uso "normale". C'è chi si è pure divertito a trasformarlo in un player MP3, e se (come sembra) si riuscirà a sviluppare un driver per le flash ATA (per intenderci, compact flash classiche) nemmeno la memorizzazione interna sarà più un problema.Anno?Primo modello 1992, Apple MessagePadUltimo modello: 1996 Apple MessagePad 2100Data cessazione di sviluppo: Maggio 1998, quando Win CE, ora rinominato PocketPC, stava facendo capolino fra i dispositivi più "innovativi" del momento.A voi le debite conclusioni di quanto "originale" e "innovativa" sia questa trovata di Microsoft
  • Anonimo scrive:
    ASSOLUTAMENTE INUTILE
    tablet pc ??? ma a che cavolo serve ?se devo prendere appunti preferisco avere un foglio di carta e non rischiare di perdere o rompere qualcosa che costa piu di 3 milioni io non lo comprero' MAI a meno che non mi serva per carnevale a far finta di essere uno della ciurma di startrek !!!buona spesa a tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: ASSOLUTAMENTE INUTILE
      - Scritto da: bgbg
      tablet pc ??? ma a che cavolo serve ?
      se devo prendere appunti preferisco avere un
      foglio di carta e non rischiare di perdere o
      rompere qualcosa che costa piu di 3 milioniE poi per prendere appunti non ci sono già i palmari che fanno egregiamente il loro dovere (e stanno in un taschino) ?
    • Anonimo scrive:
      Re: ASSOLUTAMENTE INUTILE: però ...
      - Scritto da: bgbg
      tablet pc ??? ma a che cavolo serve ?per es. prendere appunti universitari su un foglio elettronico, così posso rieditare facilmente quello che ho scritto, spostare, ecc senza dover riscrivere tutto quanto in bella copia, voglio poter scrivere direttamente le formule...
      se devo prendere appunti preferisco avere un
      foglio di carta e non rischiare di perdere o
      rompere qualcosa che costa piu di 3 milioni col tempo il prezzo scenderà
      io non lo comprero' MAI a meno che non mi
      serva per carnevale a far finta di essere
      uno della ciurma di startrek !!!all'inizio pareva assurdo che ci volesse la potenza del computer per navigare su pagine web... ma allora non si capiva cosa fosse l'interattività e la resa grafica potente usate l'immaginazione
      • Anonimo scrive:
        Re: ASSOLUTAMENTE INUTILE: però ...
        - Scritto da: futuro
        voglio poter scrivere
        direttamente le formule...Con quale programma ?Se pensi di usare l'Equation Editor di Office quanto te hai scritto la formula da dimostrare il prof ha gia' finito la dimostrazione... ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: ASSOLUTAMENTE INUTILE: però ...
          - Scritto da: Archimede Pitagorico
          - Scritto da: futuro


          voglio poter scrivere

          direttamente le formule...

          Con quale programma ?
          Se pensi di usare l'Equation Editor di
          Office quanto te hai scritto la formula da
          dimostrare il prof ha gia' finito la
          dimostrazione... ;)Appunto, preferisco un foglio elettronico su cui si scrive direttamente la formula con la penna elettronica.Poi alla fine il computer dovrebbe "catturare" il tutto e trascrivere il più possibile correttamente mediante funzionalità OCR.L'importante è che L'HW e lo SW funzionino a tale scopo.PS Io preferisco LaTeX a EquationWriter e ca%%ate di Micro$oft che è pessima per cose scientifiche, magari ci fosse questa interfaccia che traduca correttamente dall'integrale che scrivo al codice LaTeX o ML (o qualsiasi linguaggio OPEN non fornito da M$)
          • Anonimo scrive:
            Re: ASSOLUTAMENTE INUTILE: però ...
            - Scritto da: futuro
            magari ci fosse questa
            interfaccia che traduca correttamente
            dall'integrale che scrivo al codice LaTeX o
            ML Visto che devo fare un progettino per IA quasi quasi vedo se si puo' fare un riconoscitore di formule matematiche ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: ASSOLUTAMENTE INUTILE: però ...
        - Scritto da: futuro
        - Scritto da: bgbg

        tablet pc ??? ma a che cavolo serve ?

        per es. prendere appunti universitari su un
        foglio elettronico,E un notebook nopn lo fa? Oltretutto non mi sembra sta gran necessita'.
        col tempo il prezzo scenderàCome per i notebook?

        all'inizio pareva assurdo che ci volesse la
        potenza del computer per navigare su pagine
        web... ma allora non si capiva cosa fosse
        l'interattività e la resa grafica potente

        usate l'immaginazioneMa pensate a darmi cose utili a prezzi decenti piuttosto. Purtroppo invece la fuffa va tanto di moda. Mha?ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: ASSOLUTAMENTE INUTILE
      - Scritto da: bgbg
      tablet pc ??? ma a che cavolo serve ?sostituisce il notebook, aggiungendo alle sue ordinarie funzioni innovazioni in leggerezza e caratteristiche.
      se devo prendere appunti preferisco avere un
      foglio di carta e non rischiare di perdere o
      rompere qualcosa che costa piu di 3 milioni se dovessi "solo" prendere appunti sarei d'accordo.non credo che un processore ad 1gigahertz serva "solo" a prendere appunti.(ho in mente un paio di potenzialità, le metto in risposta a questo commento xkè sono OT)
      io non lo comprero' MAI a meno che non mi
      serva per carnevale a far finta di essere
      uno della ciurma di startrek !!!stavo già valutando l'acquisto di un notebook, e se i prezzi diventassero concorrenziali in prospettiva di nuove funzioni che si riveleranno davvero utili (non come la dettatura vocale... -_- ), un tabletpc mi piacerebbe assai. (peccato che dovrò attendere quelli linux-compatible...)
      buona spesa a tuttiper alcuni può essere un investimento...potrebbe aumentare la produttività.
      • Anonimo scrive:
        Potenzialmente utile
        se mi dicono che con quella robba lì io riesco a digitalizzare la mia scrittura (anche non in tempo reale, anche se debbo lasciare lavorare 'sta cosa la notte), allora è una ficata suprema.sarebbe un fallimento per le case editrici che distribuiscono libri scolastici. io sharerei gli appunti via internet, gratis, sotto gnu/gpl, in modo che i testi si "creerebbero" da soli...era quello che avrebbe dovuto essere Studenti.it, ma che non è mai stato, perchè adesso gli appunti sono prima di carta e poi (se si vuole, e se si ha tempo) riordinati sul pc.questa è una delle implicazioni che maggiormente mi toccano, come studente.
  • Anonimo scrive:
    Consigli per sviluppatori
    Consigli gratuiti per sviluppatori di TabletPC:- sarebbe molto comodo inserire la possibilita' di EVIDENZIARE e ANNOTARE qualunque testo stiamo leggendo sul TabletPC (pagina web, documento pdf, documento wordprocessor, ecc).- la tastiera esterna o a scomparsa sarebbe inutile se si inserisse una TASTIERA VIRTUALE. Ovvero, utilizzando uno schermo di tipo touch-screen, con la pressione di un tasto sullo chassis del TabletPC si potrebbe far apparire una tastiera virtuale in trasparenza sopra lo sfondo da utilizzare come una normale tastiera di dimensioni standard.- sempre utilizzando un touch-screen si potrebbe fare a meno di MOUSE, trackball e touch pad utilizzando semplicemente un dito.- nei normali PC portatili e' misteriosamente assente, perche' non inserire una MANIGLIA per il trasporto ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Consigli per sviluppatori

      Consigli gratuiti per sviluppatori di
      TabletPC:Sempre ben accetti! :)
      - sarebbe molto comodo inserire la
      possibilita' di EVIDENZIARE e ANNOTARE
      qualunque testo stiamo leggendo sul TabletPC
      (pagina web, documento pdf, documento
      wordprocessor, ecc).E' ancora + comodo far scegliere diretamente all'utente cosa fare quando si utilizza la penna sul testo e sui controlli standard della GUI di WindowsEs (oltre alle funzioni proposte da te):Barrare il testo, tagliarlo o incollarlo, ecc, ecc
      - la tastiera esterna o a scomparsa sarebbe
      inutile se si inserisse una TASTIERA
      VIRTUALE. Ovvero, utilizzando uno schermo di
      tipo touch-screen, con la pressione di un
      tasto sullo chassis del TabletPC si potrebbe
      far apparire una tastiera virtuale in
      trasparenza sopra lo sfondo da utilizzare
      come una normale tastiera di dimensioni
      standard.Windows ha un software che emula la tastiera via mouse da molto tempo (Win95 mi sembra), quindi presumo che anche WinXP x Tablet lo abbia.
      - sempre utilizzando un touch-screen si
      potrebbe fare a meno di MOUSE, trackball e
      touch pad utilizzando semplicemente un dito.La penna del Tablet ha proprio (tra l'altro) la funzione di mouse e un + evita di utilizzare le dita che raramente non lasciano impronte o altro sugli schermi...
      - nei normali PC portatili e'
      misteriosamente assente, perche' non
      inserire una MANIGLIA per il trasporto ?Le soluzioni proposte per le maniglie a scomparsa sono, di norma, poco affidabili (a lungo si poteva rovinare la maniglia e farti cadere il PC, oppure la maniglia non rientrava + facilmente al proprio posto) e le maniglie esterne permanenti sono scomode.
      • Anonimo scrive:
        Re: Consigli per sviluppatori
        - Scritto da: Biondo
        E' ancora + comodo far scegliere diretamente
        all'utente cosa fare quando si utilizza la
        penna sul testo e sui controlli standard
        della GUI di Windows
        Es (oltre alle funzioni proposte da te):
        Barrare il testo, tagliarlo o incollarlo,
        ecc, eccMi raccomando che tutto questo deve essere possibile su qualunque applicazione, in particolare Internet Explorer e Acrobat Reader, e non solo in applicazioni dedicate all'inserimento del testo nel TabletPC.Un'altra cosa che manca nella navigazione web e nella lettura dei documenti pdf e' la possibilita' di inserire un segnalibro preciso: mi sono ritrovato piu' di una volta a meta' di una pagina web molto lunga e il bookmark mi riportava all'inizio, facendomi perdere del tempo a ritrovare il punto esatto in cui avevo interrotto la lettura.
        Windows ha un software che emula la tastiera
        via mouse da molto tempo (Win95 mi sembra),
        quindi presumo che anche WinXP x Tablet lo
        abbia.Ecco cosa c'era nelle applicazioni per l'accesso facilitato che non installo mai... (ora sto scrivendo proprio con la tastiera su schermo ;)Pero' poter usare le dita di entrambe le mani invece che la penna sarebbe simpatico... a parte i problemi di impronte e schifezze varie
        Le soluzioni proposte per le maniglie a
        scomparsa sono, di norma, poco affidabili (a
        lungo si poteva rovinare la maniglia e farti
        cadere il PC, oppure la maniglia non
        rientrava + facilmente al proprio posto) e
        le maniglie esterne permanenti sono scomode.Capisco, ma anche uno scatolotto di quasi 3 chili senza appigli e' scomodo e rischia di cadere ogni volta che lo sposti. Io preferirei una maniglia a scomparsa robusta anche se dopo un po' di mesi non rientra piu' bene. Il continuo dentro-fuori dalla borsa fa venire due.... cosi' ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Consigli per sviluppatori
          Tutti consigli validissimi, ma l'idea di un computer "personale" e abbastanza potente da sostituire, in viaggio, uno fisso, è in giro da molto tempo...Chi si ricorda il Newton (o Apple MessagePad???
    • Anonimo scrive:
      Re: Consigli per sviluppatori
      sul mio ibook la maniglia e affidable, rientra senza inceppamenti da quasi 3 anni, e' l'unica cosa che non diventera obsoleta sul quel computer
  • Anonimo scrive:
    tablet pc?
    ma scusate un attimo, perchè serve l'ocr?anche un utonto mediamente impedito scrive molto più rapidamente a macchina che con una penna, per non parlare di chi è più pratico o se la cavicchia con la dattilografia... per stare al passo ci vorrebbe come minimo un ocr per la stenografia (e ovviamente utenti addestrati a stenogafare, il che è più difficile che dattilografare)che fastidio può dare una tastiera a scomparsa o una soluzione tipo normalissimi portatili con schermo che ruota e si chiude rendendolo un tablet pc?vedrete che tra poco l'accessorio più richiesto per i tablet pc sarà una tastiera, magari wireless. Non c'è proprio paragone per inserire testi, specialmente se ci devi lavorare per ore come negli uffici! Nemmeno uno scrivano dell'antico egitto troverebbe comodo un tablet PC per inserire i dati!
    • Anonimo scrive:
      Re: tablet pc?
      se devi prendere un tablet e poi vuoi usare la tastiera allora e` meglio prendere un laptop, il target del tablet e` diverso, e` nato per avere input vocali o da una penna, mai visto Star Trek? il problema e` un altro, sara` capace MS di far funzionare BENE il tablet senza la necessita` di una tastiera?
      • Anonimo scrive:
        Re: tablet pc?
        dimenticavo, il fatto che il primo accessorio nato per il tablet sia una tastiera la dice lunga.
      • Anonimo scrive:
        [Self OT] Re: tablet pc?
        - Scritto da: Pietro...
        il problema e` un
        altro, sara` capace MS di far funzionare
        BENE il tablet senza la necessita` di una
        tastiera?Intanto allenati a dire velocemente "controlaltcanc" (con l'ultima C dolce), casomai dovesse servire..Saluti, Ryo Takatsuki
        • Anonimo scrive:
          Re: [Self OT] Re: tablet pc?
          Grande!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: [Self OT] Re: tablet pc?
            OK, per i commenti ironici, tanto trattasi di microsoft, cmq se il sistema funziona bene... è interessante, la tastiera non serve per l'utilizzo al quale è predisposto questo nuovo software tabletPC! Infatti la praticità sta nel fatto che lo utilizzo a mo di blocchetto per prendere appunti durante una visita o cmq quando sono in piedi e non posso certo usare la tastiera!! E' chiaro che se sono seduto e comodo è molto meglio usare la tastiera, in ogni caso per scivere mezza paginetta o un mail della stessa lunghezza la penna va benissimo!Il tablet ho avuto modo di provarlo settimana scorsa e l'ho trovato veramente bello! Certo ci vuole un'hardware molto più leggero!- Scritto da: Pietro
            Grande!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: [Self OT] Re: tablet pc?

            Certo ci vuole un'hardware molto più leggero!
            che ne direste dello spessore del Titanium?
  • Anonimo scrive:
    In italiano tra 20 mesi!
    Alla Smau in una conferenza Microsoft ha detto che la versione in italiano sarà disponibile solo tra circa 20 mesi, a causa della necessità di campionare tutti gli stili di scrittura per fare un buon OCR... mah
  • Anonimo scrive:
    Torvalds tra innovazione e tristezza
    L'articolo dice:---8
    • Anonimo scrive:
      Re: Torvalds tra innovazione e tristezza
      Gia', perche Linus e' innovativo....
      E' divertente (o triste, a seconda dei punti
      di vista) notare che l'ultima fatica di
      Linus Torvalds, il processore Crusoe di
      Transmeta, trovi finalmente fortuna grazie
      ad una delle tecnologie "più innovative" in
      arrivo da Redmond :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Torvalds tra innovazione e tristezza
        riscrivi una tua versione di minix con kernel monoltico (bestiemma secondo Tanembaum, ai tempi) e fallo diventare cio che è oggi linux.poi ne parliamo.- Scritto da: Bob
        Gia', perche Linus e' innovativo....



        E' divertente (o triste, a seconda dei
        punti

        di vista) notare che l'ultima fatica di

        Linus Torvalds, il processore Crusoe di

        Transmeta, trovi finalmente fortuna grazie

        ad una delle tecnologie "più innovative"
        in

        arrivo da Redmond :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Torvalds tra innovazione e tristezza
          - Scritto da: findos
          riscrivi una tua versione di minix con
          kernel monoltico (bestiemma secondo
          Tanembaum, ai tempi) e fallo diventare cio
          che è oggi linux.
          poi ne parliamo.Una curiosità, ma HURD è monolitico oppure microkernel?E, per chi l'ha provato, come va?E quali sono i motivi che ne hanno ritardato così tanto lo sviluppo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Torvalds tra innovazione e tristezza
            GNU/Hurd è microkernel. Non so esattamente quali siano i motivi che ne hanno ritardato lo sviluppo, ma la mia idea è che il modello di gestione del progetto immaginato inizialmente da Stallman (cioè un piccolo numero di sviluppatori "fidati" che lavorano gomito a gomito) si è rivelato clamorosamente inadeguato allo scopo, specie se confrontato con il modello "aperto" e basato sulla Rete attuato anni dopo da Linus Torvalds.Fatalmente lo sviluppo di Linux è stato di gran lunga più spedito ed efficiente, ed è intuibile che a quel punto, avendo a disposizione un bel kernel Linux rilasciato sotto GPL e capace di supportare egregiamente gcc e le varie utility GNU, le menti più brillanti si siano date anima e corpo allo sviluppo di Linux piuttosto che di GNU/Hurd, a prescindere dalle differenze architetturali dei due sistemi.E' interessante notare che una delle maggiori critiche mosse all'architettura (almeno inizialmente) monolitica di Linux era l'essere stato pensato per girare su piattaforma i386. Grazie al design del tutto modulare l'hardware supportato da GNU/Hurd è teoricamente illimitato (a patto che vi sia un microkernel adatto a ciascuna, come ad es. Mach). Nei fatti però oggi le piattaforme supportate da Linux sono di gran lunga più numerose.Se vuoi maggiori informazioni sulla architettura di Hurd fatti un giro su http://www.hurd.it/ (il sito degli entusiasti italiani di questo kernel).- Scritto da: Info

            Una curiosità, ma HURD è monolitico oppure
            microkernel?
            E, per chi l'ha provato, come va?
            E quali sono i motivi che ne hanno ritardato
            così tanto lo sviluppo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Torvalds tra innovazione e tristezza
            - Scritto da: Darwin
            GNU/Hurd è microkernel. Non so esattamente
            (...)
            entusiasti italiani di questo kernel).Ti ringrazio molto per le esaustive e chiare delucidazioni.A buon rendere :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Torvalds tra innovazione e tristezza
          - Scritto da: findos
          riscrivi una tua versione di minix con
          kernel monoltico (bestiemma secondo
          Tanembaum, ai tempi)Bestemmia, allora come oggi, secondo chiunque capisca seriamente qualcosa di SO per specializzazione. Tutti i sistemi hard realtime ad altissime prestazioni ed affidabilità sono basati su microkernel, escluso il solo VxWorks (e si è visto che figura col pathfinder). I goffi e pachidermici monolitici sono morti, nella letteratura accademica e nei mercati hi-end, da più di 15 anni. Come i dinosauri sulla copertina del Silberschatz.Linux è nato vecchio sui rottami di SVR8, la sua relativa diffusione non è certo un tributo all'innovazione scientifica ma l'esaltazione di un binomio su hardware a bassissimo costo: smanettare, gratis.
          • Anonimo scrive:
            e dici poco???
            - Scritto da: OpenBSD

            - Scritto da: findos

            riscrivi una tua versione di minix con

            kernel monoltico (bestiemma secondo

            Tanembaum, ai tempi)

            Bestemmia, allora come oggi, secondo
            chiunque capisca seriamente qualcosa di SO
            per specializzazione.
            Tutti i sistemi hard realtime ad altissime
            prestazioni ed affidabilità sono basati su
            microkernel, escluso il solo VxWorks (e si è
            visto che figura col pathfinder).
            I goffi e pachidermici monolitici sono
            morti, nella letteratura accademica e nei
            mercati hi-end, da più di 15 anni. Come i
            dinosauri sulla copertina del Silberschatz.

            Linux è nato vecchio sui rottami di SVR8, la
            sua relativa diffusione non è certo un
            tributo all'innovazione scientifica ma
            l'esaltazione di un binomio su hardware a
            bassissimo costo: smanettare, gratis.e dici poco? prima per smanettare bisognava pagare i milioni per avere i codici sorgenti!!!per lo meno adesso si pongono le basi per una nuova generazione di persone informaticamente competenti abbastanza da poter sviluppare un kernel potenzialmente migliore di linux e gnu/gpl (e questo succederà solamente quando i difetti strutturali di linux supereranno la fatica di riscrivere un nuovo kernel da capo, e per giunta aggrattisse).avvelenato***ho visto sedicenni che non sapevano cosa fosse il ms-DOS imparare a programmare (bene) c e c++ in 2 mesi***
  • Anonimo scrive:
    Back to the future
    Curioso che si ritorni alla scrittura e al disegno manuali dopo mille diavolerie passanti per mouse e tastiera (quanti drawer e designer hanno una tavoletta grafica?).Un ritorno alla superiorita' dell'uomo sulla macchina.Ciao a tutti.Marco
    • Anonimo scrive:
      Re: Back to the future
      - Scritto da: Marco
      Curioso che si ritorni alla scrittura e al
      disegno manuali dopo mille diavolerie
      passanti per mouse e tastiera (quanti drawer
      e designer hanno una tavoletta grafica?).
      Un ritorno alla superiorita' dell'uomo sulla
      macchina.
      Ciao a tutti.
      Marcopeccato che il ragionamento si basi su aria fritta.Ti sei mai chiesto perche' la videoscrittura si e' fatta preferire a quella manuale?- perche' fa fico?- perche' mi allena le dita invece dei polsi?- perche' e' una congiura contro le BIC?NOperche' quello che scrivi e' piu' veloce da scrivere e da editare, nonche' da trasportare, da copiare ecc.ecc.se superi questo problema, poco importa se le frasi le concretizzi pigiando i tasti su una tastiera o muovendo il polso su un pad...a volte e' bene ragionare un po' prima di parlare, fa bene qui e fa bene qui....
      • Anonimo scrive:
        Re: Back to the future

        a volte e' bene ragionare un po' prima di
        parlare, fa bene qui e fa bene qui....Mangiato pesante? Da solo contro il mondo? Mi spiace per te...Mi spiegheresti, magari dopo la digestione, perche' allora, si sono studiati i tablet-pc? Nulla da dire sulla maggiore velocita' di una tastiera, ma tu confondi l'invezione della macchina da scrivere (tale e' la videoscrittura, con in piu' un sistema di gestione-memorizzazione) con il resto.Io sono ancora un essere umano. Pur con una discreta militanza informatica, so ancora tenere la penna in mano anche per fruire dei relativi vantaggi. Tu, invece, sei probabilmente nato QWERTY ;-))))))Non ti arrabbiare e digerisci... ;-))))Marco
        • Anonimo scrive:
          Re: Back to the future
          - Scritto da: Marco

          a volte e' bene ragionare un po' prima di

          parlare, fa bene qui e fa bene qui....

          Mangiato pesante? Da solo contro il mondo?
          Mi spiace per te...
          Mi spiegheresti, magari dopo la digestione,
          perche' allora, si sono studiati i
          tablet-pc? Nulla da dire sulla maggiore
          velocita' di una tastiera, ma tu confondi
          l'invezione della macchina da scrivere (tale
          e' la videoscrittura, con in piu' un sistema
          di gestione-memorizzazione) con il resto.
          Io sono ancora un essere umano. Pur con una
          discreta militanza informatica, so ancora
          tenere la penna in mano anche per fruire dei
          relativi vantaggi. Tu, invece, sei
          probabilmente nato QWERTY ;-))))))
          Non ti arrabbiare e digerisci... ;-))))
          MarcoNon hai capito una ceppa di quello che ti ha detto... ciao uomo :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Back to the future

            Non hai capito una ceppa di quello che ti ha
            detto... ciao uomo :DHo l'impressione che voi non abbiate capito una ceppa piu' o meno grande di quello che ho scritto all'inizio. Ma ci vi c'ha mandato? ;-)Marco
          • Anonimo scrive:
            Re: Back to the future
            Hai ragione, non hanno capito il tuo intervento. Forse non sanno leggere la tua scrittura... ;)Ciao,Stefano
            Ho l'impressione che voi non abbiate capito
            una ceppa piu' o meno grande di quello che
            ho scritto all'inizio. Ma ci vi c'ha
            mandato? ;-)
            Marco
        • Anonimo scrive:
          Re: Back to the future
          - Scritto da: Marco
          Pur con una
          discreta militanza
          informatica, so ancora
          tenere la penna in mano Non sono tutti come te, come testimonia anche questo articolo su ZDNET:http://www.zdnet.com/anchordesk/stories/story/0,10738,2897047,00.htmlIl mercato dell'hardware è già in crisi. Se inventi qualcosa che interessa a meno della metà del mercato ma in compenso costa di più dello standard, le possibilità che abbia successo sono scarse anche se chi lo spinge si chiama Microsoft.
      • Anonimo scrive:
        Re: Back to the future
        secondo me sti' robi sono una cagata pazzesca!!!(92 minuti di applausi)e' gia' lento e poco produttivo usare la tastiera di un portatile figuriamoci tornare all'uso della penna, magari mentri viaggi sballottato in treno o in macchina, sicuramente ne verra' fuori uno scritto facilmente e univocamente interpretabile dal processore lobotomizzato di quel robo ... ma mi facciano il piacere ....
        • Anonimo scrive:
          Re: Back to the future
          Io non ho ancora capito perchè parlate dei TabletPC se non siete gli utilizzatori per i quali è stato progettato. Avete presente un bel magazziniere che per catalogare merce in magazzino si deve muovere magari in grossi reparti dove un filo di corrente può essere d'intralcio e un notebook con batteria troppo pesante e scomodo? Oppure un medico che gira per le corsie di un ospedale dove può inserire dati e leggerne degli altri? Oppure manager (o altro tipo di dipendente-lavoratore) che vagano per grosse aziende tra riunioni, incontri con clienti in giro? Questi tre esempi non hanno bisogno di un notebook con tanto di tastiera ma di una specie di foglio elettronico dove avere notizie ed informazioni in modo immediato, veloce e senza troppe prestazioni... ebbene un Tablet PC è fatto proprio per loro... La leggerezza dell'unità, il tutto schermo (ad es. da 10,5"), la possibilità di scrivere a mano con la penna per veloci appunti sfruttando un software avanzato di OCR... ebbene sono cose che a talune categorie di lavoratori possono essere necesarie ed importanti. Ragionateci tutti! Un bacio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Back to the future
            - Scritto da: vannyciok
            Questi tre esempi non hanno bisogno
            di un notebook con tanto di tastiera ma di
            una specie di foglio elettronico dove avere
            notizie ed informazioni in modo immediato,
            veloce e senza troppe prestazioni...Praticamente un Palm.
          • Anonimo scrive:
            Re: Back to the future
            Infatti, esistono gia' i palm per questo tipo di cose sono molto piu' piccoli leggeri economici e possono scaricare di dati via infrarossi sul pc.A col tempo stanno diventando sempre piu' capienti e veloci ...- Scritto da: rdce


            - Scritto da: vannyciok

            Questi tre esempi non hanno bisogno

            di un notebook con tanto di tastiera ma di

            una specie di foglio elettronico dove
            avere

            notizie ed informazioni in modo immediato,

            veloce e senza troppe prestazioni...

            Praticamente un Palm.
          • Anonimo scrive:
            praticamente un palm sto ca________ppero
            - Scritto da: Ale
            Infatti, esistono gia' i palm per questo
            tipo di cose sono molto piu' piccoli leggeri
            economici e possono scaricare di dati via
            infrarossi sul pc.
            A col tempo stanno diventando sempre piu'
            capienti e veloci ...


            - Scritto da: rdce





            - Scritto da: vannyciok


            Questi tre esempi non hanno bisogno


            di un notebook con tanto di tastiera
            ma di


            una specie di foglio elettronico dove

            avere


            notizie ed informazioni in modo
            immediato,


            veloce e senza troppe prestazioni...



            Praticamente un Palm.pare che su un tabletPC giri un processore ad 1ghz.secondo te un OCR in grado di digitalizzare la calligrafia umana (ammesso che sia efficiente, non come quella banfata del dragon naturally speaking), può stare nelle dimensioni di un palm? e se sì, a che prezzo?avvelenato***forse un tabletPc mi piacerebbe, se avrò i soldi potrei farci un pensierino. se mi serve.***
        • Anonimo scrive:
          Re: Back to the future
          - Scritto da: Ale
          secondo me sti' robi sono una cagata
          pazzesca!!!
          (92 minuti di applausi)
          clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clapgrazie di esistere
    • Anonimo scrive:
      Re: Back to the future
      - Scritto da: Marco
      (quanti drawer
      e designer hanno una tavoletta grafica?).
      Quelli seri, tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Back to the future
      - Scritto da: Marco
      Curioso che si ritorni alla scrittura e al
      disegno manuali dopo mille diavolerie
      passanti per mouse e tastiera (quanti drawer
      e designer hanno una tavoletta grafica?).
      Un ritorno alla superiorita' dell'uomo sulla
      macchina.Sinceramente non capisco il tuo ragionamento. Superiorita' dell'uomo sulla macchina? Ma che significa? Guarda che sia tastiera che penna sono due tecnologie...Perche' dopo anni di tastiera si torna ad usare la penna sul TabletPC? Perche' il TabletPC e' una cosa da usare tipo blocco per appunti informatizzato da usare anche in piedi mentre lo reggi con una mano. Sarebbe impossibile usare una tastiera in quelle condizioni. Che poi il sistema funzioni e riesca a riconoscere la scrittura e' un altro discorso...
      • Anonimo scrive:
        Re: Back to the future
        - Scritto da: E(X)


        - Scritto da: Marco

        Curioso che si ritorni alla scrittura e
        al

        disegno manuali dopo mille diavolerie

        passanti per mouse e tastiera (quanti
        drawer

        e designer hanno una tavoletta grafica?).

        Un ritorno alla superiorita' dell'uomo
        sulla

        macchina.

        Sinceramente non capisco il tuo
        ragionamento. Superiorita' dell'uomo sulla
        macchina? Ma che significa? Guarda che sia
        tastiera che penna sono due tecnologie...
        Perche' dopo anni di tastiera si torna ad
        usare la penna sul TabletPC? Perche' il
        TabletPC e' una cosa da usare tipo blocco
        per appunti informatizzato da usare anche in
        piedi mentre lo reggi con una mano. Sarebbe
        impossibile usare una tastiera in quelle
        condizioni. Che poi il sistema funzioni e
        riesca a riconoscere la scrittura e' un
        altro discorso...Giusto quello che hai detto, confermo e approvo, l'utilizzo a cui è destinato è esattamente quello che hai descritto tu! Vorrei vedere qualcuno a scrivere in piedi con la tastiera!
Chiudi i commenti