Senseye, occhio al telefono

Il sistema di controllo basato sullo sguardo dell'utente strizza l'occhio ad Android: promette applicazioni già il prossimo anno

Roma – Il progetto danese Senseye promette agli utenti Android di controllare parte delle funzioni del proprio smartphone semplicemente attraverso lo sguardo .

Iniziato presso l’Università di Copenhagen, il progetto ora gestito da una startup si presenta come un nuovo strumento per controllare il proprio dispositivo mobile: il prototipo già permette di attivare lo schermo quando ci si getta lo sguardo , di scorrere una pagina Web semplicemente leggendola e giocare ad alcuni videogame, per esempio puntando ai nemici con gli occhi.

Il sistema sfrutta la fotocamera frontale dello smartphone per individuare lo sguardo e tracciare i movimenti degli occhi dell’utente in modo da processare i segnali come comandi per azioni da compiere a seconda della schermata in cui ci si trova.

Le interfacce uomo-macchina basate sull’ eye tracking hanno già trovato diverse declinazioni, anche se rimangono per la gran parte ancora funzioni in fase di sviluppo. Lo stesso Senseye deriva dal prodotto open source ITU Gaze Tracker , che è stato sviluppato pensando alle necessità degli utenti con disabilità motorie.

Senseye, per il momento, prevede di vendere un dispositivo da 100 dollari collegabile via USB a smartphone e tablet, ma promette di poter interagire in generale con applicazioni sviluppate da parti terze raggiungendo una profonda integrazione con il sistema operativo del dispositivo.

In particolare ha annunciato di poter arrivare su Android già nel 2012.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Shiba scrive:
    Programmi per scaricare da Youtube
    qualcuno li usa ancora?
  • eccerto scrive:
    mha
    sarebbe illegale
    • FridayChild scrive:
      Re: mha
      - Scritto da: eccerto
      sarebbe illegaleIllegale nel senso letterale, cioè contrario alla legge (Italiana)?Questo non lo so; hai qualche fonte?Di sicuro però è contrario ai termini di servizio di YouTube (ossia, al contratto tra utente e fornitore del servizio): nello specifico al punto 5, lettera L (http://www.youtube.com/t/terms?gl=IT&hl=it): è consentito fruire dei contenuti soltanto via streaming diretto da YouTube.
  • girovago scrive:
    YouTube
    Meglio YouTubeFisher. Non s'installa, leggerissimo, download multipli, molti formati.http://ppecile.blogspot.com/2011/04/scaricare-video-e-audio-da-youtube-mai.html
  • girovago scrive:
    youtube
    Meglio YouTubeFisher. Non s'installa, leggerissimo, download multipli, molti formati.http://ppecile.blogspot.com/2011/04/scaricare-video-e-audio-da-youtube-mai.html
  • panda rossa scrive:
    Altro oggetto sconosciuto di cui dubitar
    Ed eccolo qua l'ennesimo accrocchio closed, che sotto l'inganno del "gratis" chissa' che cosa nasconde e che cosa fa mentre e' connesso alla rete.Per poter archiviare i files di YT sul proprio computer, con qualunque sistema operativo (compreso il groviera su cui gira la roba dell'articolo) servono due cose: 1) un browser oper source2) un add-on open source: http://www.downloadhelper.net/Dubitare di tutto il resto!Dubitare sempre di software non open che si connette alla rete!
    • Sgabbio scrive:
      Re: Altro oggetto sconosciuto di cui dubitar
      ma devi avere firefox per usarlo :D
      • panda rossa scrive:
        Re: Altro oggetto sconosciuto di cui dubitar
        - Scritto da: Sgabbio
        ma devi avere firefox per usarlo :DSiamo in un paese democratico: sei libero di infilare i testicoli nel cassetto e sbattere forte, basta che poi non strilli.
Chiudi i commenti