Sequestrato portale italiano sugli stupefacenti

Chiuso d'autorità uno spazio web dedicato alle sostanze psicotrope, ai loro effetti e alle loro origini, con una quantità di dettagli che le normative italiane sembrano mal tollerare

Roma – “Questo sito è solo a scopo informativo – Tutte queste informazioni non sono presentate con lo scopo di incoraggiare la gente a sperimentare le sostanze psicoattive, bensì solo per dare un avvertimento a coloro che potrebbero farne uso. Siate informati, state attenti!”.

Si presentava così psicoattivo.it , un disclaimer che non ha salvato quello spazio web da una denuncia all’autorità giudiziaria, che ne ha così disposto il sequestro .

Il sito, che Netcraft dà come attivo da diversi anni, è stato avvistato dai cybercop della Polizia Postale che, come noto, hanno il compito di monitorare le attività online allo scopo di contrastare la criminalità. La denuncia colpisce il titolare del sito , L.C., di 26 anni, che risiede nel milanese e che ora va incontro ad un processo. Il sequestro sarebbe dovuto al fatto che sulle pagine del sito si trovavano non solo informazioni sulle sostanze allucinogene in circolazione sul mercato illegale e sui loro effetti, ma, a quanto pare, anche indicazioni sulla loro coltivazione, sulla preparazione, sulle modalità di consumo.

La home page sotto sequestro “Il sito sequestrato – scrive N. a Punto Informatico – rappresentava l’equivalente italiano del più noto ed internazionale www.erowid.org “. Dando un’occhiata alle pagine del sito indicizzate da Google è possibile verificare l’enorme quantità di dati che era presente sul sito il cui lead era qualcosa come: “Una miriade di informazioni sugli enteogeni, psichedelici, allucinogeni includendo l’uso tradizionale, spirituale, e responsabile, chimica, effetti”.

Va detto che non si tratta del primo sequestro del genere in Italia.
Come ricorderanno i lettori di Punto Informatico, nell’estate 2005 furono censurati alcuni siti e il loro webmaster venne arrestato. Un caso che aveva sollevato feroci polemiche e che si è concluso con il ritorno online dei siti, da marjuana.it a semini.it , tuttora attivi sebbene dietro ingombranti disclaimer che avvertono i visitatori sulla severità delle attuali normative pensate per punire le persone, maggiorenni compresi, che intendano fare libero uso delle sostanze che ritengono di voler assumere. Proprio su marjuana.it è attivo un forum dedicato al sequestro di psicoattivo.it, sebbene mentre scriviamo non risulti funzionante.

A ridosso di quegli eventi e proprio in merito ai sequestri dei “siti di settore”, Punto Informatico ha pubblicato Droghe e Internet, caccia aperta con una intervista al sostituto commissario Giovanni Ledda della Seconda sezione del servizio di Polizia Postale di Roma.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • angela prisco scrive:
    rambol
    con il figlio
  • piazza alessandro scrive:
    privato
    buon programma per duplicare video
  • nattu_panno_dam scrive:
    PCWorld...
    Ha subito pensato di farsi un po' di pubblicità, aggiungendo un link a pagamento anch'essa. :s
  • MeX scrive:
    pagare freeware...
    ci sono un pacco di portali che vendono download di "winrar", "winamp"... truffatori bas"/&£%$/i!
    • Anonimo scrive:
      Re: pagare freeware...
      ma soprattutto ci sono un sacco di portali che vendono fansubs a caro prezzo!!per fortuna che molti fansubbers ci applicano sopra bene la dicitura: questo è un fansub gratuito, se hai pagato per averlo sei stato truffato!e quando si tratta di hardsub non si può rimuovere e quindi il trucco è subito svelato. per il softsub è un altro discorso, ma di solito sono tutti all'interno di container quali .mkv e .ogm, che sono molto difficili da vendere al primo utonto che passa! LoL :D
  • Anonimo scrive:
    link in Google AdSense
    C'è di più: DVDShrink.org, nella home page ha un banner Google AdSense che, ovviamente, pubblicizza i siti "phishing" di cui nell'articolo.
  • Anonimo scrive:
    Segnalata!
    Segnalata a google...voglio vedere quanto ci mettono a verificare!!
  • Anonimo scrive:
    Perchè non aiutarli?
    Andate sul sito dei furbacchioni, seguite la procedura e rifilategli un mare di dati fuffa!Vogliono dei dati? Diamogli dei dati! Ma tanti!Ciao e buon divertimento
  • Anonimo scrive:
    anche dvdshrink.org/ chiede donazioni
    Nell'articolo invece dicono di no...
    • bt scrive:
      Re: anche dvdshrink.org/ chiede donazion
      - Scritto da:
      Nell'articolo invece dicono di no...Non è un errore della redazione.Se vai nella pagina "Scam alert" indicata c'è scritto così...
    • Anonimo scrive:
      Re: anche dvdshrink.org/ chiede donazion
      - Scritto da:
      Nell'articolo invece dicono di no...Temo che tu abbia equivocato.Un conto è, infatti, una libera e spontanea donazione, come quella che chiedono gli autori di DVDShrink, altro conto è, invece, imporre l'obbligo di versare una somma al fine di utilizzare un dato software: sono due cose assolutamente diverse.E' chiaro che qui non si parla della facoltà o meno di donare, ma dell'obbligo di farlo per utilizzare DVDShrink, e mai i suoi sviluppatori hanno imposto tale obbligo, giacché l'utilizzo del software è assolutamente libero e gratuito.
  • Anonimo scrive:
    Infami
    Questa è la gente da braccare e buttare in gabbia, bastardi!
  • Anonimo scrive:
    Phishingware per i fan di DVD Shrink
    ..."Il sito originale di DVD Shrink non è DownloadsGlobe, quello pubblicizzato su Google, ma DVDShrink.org dove, non a caso, i gestori hanno pubblicato uno Scam alert!, un avviso di quanto sta avvenendo"peccato che anche la pagina ufficiale di dvd shrink riporti in bella vista il famigerato link a downloadsglobe!sigh!
    • Anonimo scrive:
      Re: Phishingware per i fan di DVD Shrink
      - Scritto da:
      peccato che anche la pagina ufficiale di dvd
      shrink riporti in bella vista il famigerato link
      a
      downloadsglobe!
      sigh!Vero, ma è il banner della pubblicità legata a Google: stessa fonte, stessa informazione.E' la contraddizione dell'accettare denaro da una azienda che procura pubblicità e lega elettronicamente gli argomenti: se non ricordo male successe pochi anni fa che un sito che parlava di bambini si trovasse una pubblicità di porno che sottintendeva la presenza di immagini di minorenni (barely teen allora sottintendeva da thirteen in poi, ora in teoria hanno accettato di autolimitarsi da eighteen in su)... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Phishingware per i fan di DVD Shrink
      Non mi risulta
    • Anonimo scrive:
      Re: Phishingware per i fan di DVD Shrink
      ma guarda che il link che vedi e' proprio quello di cui si parla, cioe' quello di google (adsense nella pagina ufficiale)
Chiudi i commenti