Server Web: Apache giù, IIS in ripresa

Dopo lungo tempo di calma piatta Internet Information Server torna a crescere con decisione erodendo quote ad Apache. Fuoco di paglia?


Web – Era davvero un bel po’ di tempo che le puntuali statistiche di Netcraft sulla diffusione dei web server non mostravano un guadagno così netto di Internet Information Server su Apache, il software open source che da anni domina incontrastato il mercato dei server web.

Secondo l’ultimo rapporto di Netcraft, nel numero di host web IIS avrebbe guadagnato 5,49 punti percentuali, mentre Apache ne avrebbe persi più di 4. Fra i siti attivi, invece, IIS guadagna un più modesto 1,77% e Apache perde l’1,89%.

Netcraft sostiene che questa inversione di tendenza si è innescata a partire da marzo , ma lo scorso mese è stata particolarmente evidente soprattutto per effetto del gran numero di servizi di web hosting che in USA sono passati da Solaris a Windows 2000.

Solaris perde infatti parecchio terreno nel mercato web, scendendo di altri quattro punti percentuali rispetto a giugno.

Questo mese Netcraft ha anche trovato il primo server non Microsoft ad offrire i servizi.NET. Il sito, www.empowered.com, è un Microsoft Gold Certified Partner e ha pensato di anticipare tutti installando sui propri server versioni quasi definitive di Windows.NET (la versione server di Windows XP) e IIS 6.0.

Presto si potrà assistere alla sfida fra l’accoppiata Windows.NET/IIS6.0 e Linux2.4/ Apache2.0 . La nuova versione di Apache, attualmente nelle ultime fasi di beta testing, rappresenta una delle maggiori riscritture del codice di questo noto server open source ed uno sforzo senza precedenti per renderlo ancora più veloce, più facile da configurare e meglio integrato con tutti i sistemi operativi supportati.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il futuro CRISC è AMD?
    CISC: Istruzioni molto complesse e con durata molto variabile di cicli macchina, un mucchio di feature e di gadget (i windows 3.11 dei processori)RISC: Istruzioni ridotte ma molto potenti con una durata minima in cicli macchina (i linux dei processori) I processori risc in genere non hanno tempi morti di elaborazione interna.Provate ad installare linux PPC su un imac!!! anzichè su un solito intelIl maggiore costo dei RISC è dovuto al fatto che questi processori (alpha, G4, Ultra Sparc, ecc..) sono generalmente già a 64 bit e vista la minore diffusione ne ammortizzano ancora i costi.L'ibrido migliore è il processore Athlon di AMD un RISC che interpreta macrocodice CISC!!! Velocissimo ed anche economico!!!Vedremo cosa uscirà con la concorrenza Intel e soprattutto con il 64 bit di AMD
    • Anonimo scrive:
      Re: Il futuro CRISC è AMD?
      - Scritto da: Ginko
      RISC: Istruzioni ridotte ma molto potentima che potenti!!! le istruzioni risc sono molto semplici!!! il vantaggio è che, essendo semplici, sono anche molto veloci ad essere eseguite ma non c'entra niente la potenzaStefanoR
  • Anonimo scrive:
    Perché RISC costano di più ?
    So che le istruzioni sono più limitate ma che vuol dire con il costo più alto ?Qualcuno meno ignorante di me mi pò illuminare ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché RISC costano di più ?
      Le istruzioni sono piu' limitate non mi pare corretto.Le istruzioni sono meno "potenti", nel senso che se vuoi sommare 2 numeri che stanno in memoria su un RISC ti devi portare i numeri in 2 registri del processore, sommarli e mettere il risultato in un terzo registro, mettere il risultato in memoria.Si CISC puoi fare operazioni con operandi che sono in memoria direttamente.Di conseguenza un istruzione CISC richiede piu' tempo per essere eseguita di un istruzione piu semplice tipo RISC. Spesso la somma di piu' istruzioni semplici da risultati migliori di una complessa per vari motivi.I CISC tenderebbero ad avere clock piu' bassi (i pentium hanno una ventine di pipeline per raggiungere gli Hz che hannno)Comunque oggi non e' piu' cosi' netta la distinzione, entrmbe le filosofie si sono rese conto che c'era del buono anche nel modo opposto di pensare.Del perche' i RISC siano piu' costosi non ti saprei dire. Forse perche' meno diffusi??Bho??Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché RISC costano di più ?
        -
        Le istruzioni sono meno "potenti", nel senso
        che se vuoi sommare 2 numeri che stanno in
        memoria su un RISC ti devi portare i numeri
        in 2 registri del processore, sommarli e
        mettere il risultato in un terzo registro,
        mettere il risultato in memoria.
        Si CISC puoi fare operazioni con operandi
        che sono in memoria direttamente.

        Di conseguenza un istruzione CISC richiede
        piu' tempo per essere eseguita di un
        istruzione piu semplice tipo RISC.Scusa non ti seguo... per un RISC hai descritto piu' operazioni rispetto ad un CISC... quindi dovrebbe metterci piu' tempo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché RISC costano di più ?
          - Scritto da: §o§e
          -
          Le istruzioni sono meno "potenti", nel
          senso

          che se vuoi sommare 2 numeri che stanno in

          memoria su un RISC ti devi portare i
          numeri

          in 2 registri del processore, sommarli e

          mettere il risultato in un terzo registro,

          mettere il risultato in memoria.

          Si CISC puoi fare operazioni con operandi

          che sono in memoria direttamente.



          Di conseguenza un istruzione CISC richiede

          piu' tempo per essere eseguita di un

          istruzione piu semplice tipo RISC.

          Scusa non ti seguo... per un RISC hai
          descritto piu' operazioni rispetto ad un
          CISC... quindi dovrebbe metterci piu' tempo.No, perché le operazioni RISC si chiamano ancheoperazioni "atomiche", che non possono esseresuddivise in operazioni più elementari.Possono essere eseguite quindi in un tempoinferiore a quelle CISC. A parte che oggi, daiPentium in su quasi tutte le operazioni prendono1 ciclo macchina, e di meno non possono... eccoperché da entrambe le parti si cerca di eseguirepiù di una istruzione per volta, con l'architettura superscalare ( = a più pipelines).Io sono a favore dell'architettura CISC: è vero,la RISC sta raggiungendo dei limiti invalicabili,e per quanto mi riguarda l'avevo previsto giàda diversi anni, che questo limite l'avrebberaggiunto. Ciononostante penso che Intel abbiafatto una colossale stupidaggine nell'implementareil sistema di protezione degli indirizzi, specieper quello che riguarda operazioni di LETTURAdalla memoria, che in tutti i sensi sono innocue,e che causano la maggior parte dei GPF di Windows,ovvero quando vi dice: "l'applicazione ha eseguito un'operazione non valida e sarà terminata..." ecc...Bè, sappiate che la principale colpa è di Intel.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?

            il sistema di protezione degli indirizzi, specie
            per quello che riguarda operazioni di LETTURA
            dalla memoria, che in tutti i sensi sono
            innocue, e che causano la maggior parte dei GPF
            di Windows, ovvero quando vi dice:
            "l'applicazione ha eseguito un'operazione
            non valida e sarà terminata..." ecc...Qualcuno mi può spiegare meglio questa cosa ?Grazie
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            Premesso che non conosco molto bene gli errori di windows penso che sia un errore simile al segmentation foult.Ad ogni processo viene allocato un pezzetto di memoria entro il quale lui deve lavorare.Se cerca di accedere ad un ID al difuri di quello a lui assegnato viene generato un errore (trap al S.O.) che avviera' le sue procedure di gestione per quel determinato errore.Spegato alla vole' e in modo superficiale, ovviamente.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            - Scritto da: Krecker
            Premesso che non conosco molto bene gli
            errori di windows penso che sia un errore
            simile al segmentation foult.Esatto.Mi sono anche un po' stupito che leapplicazioni Linux non girassero in FLAT,che insomma anche Linux abbia abbracciatoquesto pessimo sistema di protezione.Potevano optare per un modello semiflat.Non sto a spiegare cosa sia, ma sarebbe statomeglio...
            Ad ogni processo viene allocato un pezzetto
            di memoria entro il quale lui deve lavorare.Giusto!
            Se cerca di accedere ad un ID al difuri di
            quello a lui assegnato viene generato un
            erroreID = indirizzo relativo di memoria;relativo cioè all'inizio del segmento,e al di fuori dell'estensione attualedel segmento.
            (trap al S.O.)Proprio! Precisamente un GPF,General Protection Fault, che nel 99% dei casiè dovuto alla protezione degli indirizzi, cioèallo sconfinamento del programma al di fuoridell'area assegnatagli. Il fatto è che moltiprogrammi ottengono indirizzi per arrotondamentodi vari calcoli, e quindi alcune "sbavature" nonsempre prevedibili (difficilmente prevedibili,in effetti) sono difficilissime da evitare.Intel, insomma, è stata "troppo pignola", potevaalmeno lasciare un po' di tolleranza, allineandoi confini dei segmenti su blocchi che so, di 64Ko giù di lì... oppure implementare una strutturasemiflat, che ancora non sto a spiegare...
            che avviera' le sue
            procedure di gestione per quel determinato
            errore.
            Spegato alla vole' e in modo superficiale,
            ovviamente.Ma spiegato bene.
            Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            Salve,ho capito il nocciolo del problema ma mi resta un dubbio: perché Linux non ha tutti i problemi di cui soffre win? Eppure girano sugli stessi processori, percui un errore dell'architettura hardware si rifletterebbe anche in Linux.Forse è dovuto al fatto che la memoria in win non è protetta mentre Linux dispone di un'ottima protezione che gli evita i segfault? Anche BeOS dispone di buone protezioni e non ha i prob di win, perciò ritengo sia questo il punto.Qualcuno sa dirmi se ho indovinato o dirmi qual'è la risposta esatta?Grazie.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            - Scritto da: palomar29
            Salve,
            ho capito il nocciolo del problema ma mi
            resta un dubbio: perché Linux non ha tutti i
            problemi di cui soffre win? Eppure girano
            sugli stessi processori, percui un errore
            dell'architettura hardware si rifletterebbe
            anche in Linux.
            Forse è dovuto al fatto che la memoria in
            win non è protetta mentre Linux dispone di
            un'ottima protezione che gli evita i
            segfault? Anche BeOS dispone di buone
            protezioni e non ha i prob di win, perciò
            ritengo sia questo il punto.
            Qualcuno sa dirmi se ho indovinato o dirmi
            qual'è la risposta esatta?
            Grazie.Perche' hanno buoni commerciali, ma pessimi programmatori;) se guardi i sorgenti di Dos 6, fai un trova di alcune parole:shit, bug, around, ceck, mather, God.Ne troverai migliaia, e seguendoli ti accordi di alcuni commenti lasciati dai programmatori, che tradotti suonano piu'ì o meno cosi':- Questa parte funziona, e' meglio che non la tocchiamo piu' seno non va.- Controllo del vettore in memoria di 512k, sarebbe meglio controllare anche il resto.- Questa parte non funziona.- Questo sarebbe da rifare.In generale i controlli sulla memoria e sui processi sono molto piu' raffazzonati e meno precisi; infatti capita che un vettore riesca a sporcare aree di memoria non sue, poi il programma magare si pianta, ma le aree di memoria sporche (fuori dal programma) restano e fanno danno non appena qualcosa vi accede.Se vuoi piu' dettagli posto qualche link sull'analisi dell'uso della memoria ma sono un po' spissi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            Potresti postare i link che dicevi?Se vuoi puoi farlo alla mia casella personale ;)GrazieIl Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            - Scritto da: Count Zero
            Potresti postare i link che dicevi?
            Se vuoi puoi farlo alla mia casella
            personale ;)Fammi sapere se e' arrivata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            Roger, messaggio ricevuto e reinviatoIl Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            - Scritto da: Count Zero

            Roger, messaggio ricevuto e reinviato
            Ottimo, temo non riusciro' a rispondere prima di lunedi', sono un po' di corsa e non ho il modem a casa :)Ciao buon week.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            Come funge il sistema Flat??Puoi anche rispondermi in mail privata se preferisci:krecker@supereva.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            Allora avevo capito bene (credevo ci fosse sotto qualcosa d'altro).Mi rimane un però un dubbio:Gestisco la medesima procedura sia in win che in unix, ma windows, al contrario di unix, mi pare molto piu' casuale nel segnalare questo tipo di errore, cioè se in unix l'errore accade basta ripetere gli stessi passi e l'errore si ripete.In windows non è sempre così ad esempio mi è accaduto un caso in cui l'errore si verificava solo se eseguivo il programma per la seconda o terza volta dopo il riavvio del pc pur eseguendo gli stessi passi nel programma la prima come la seconda volta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?

            il sistema di protezione degli indirizzi,
            specie
            per quello che riguarda operazioni di LETTURA
            dalla memoria, che in tutti i sensi sono
            innocue,Ti riferisci per caso al protect-mode dal 386 in su?Guarda che questo è il minimo per avere un SO multitasking affidabile.Come, altrimenti, impedire ad una qualsiasi applicazione di scrivere su una zona di memoria non riservata esclusivamente a lei?In buonafede, una applicazione può far crashare tutto il sistema. in malafede, può sostituirti in toto il funzionamento del SO e fare quello che si vuole.Il protected-mode in lettura, poi, a parte l'implementazione, che è molto più facile avere il set di indirizzi virtuali che non a controllare di volta in votla se è una scrittura o una lettura in memoria, è necessaria per garantire determinati standard di sicurezza.Per ottenere un livello di certificazione C2, per es, è necessario che un'applicazione non possa scorrazzare per tutta la memoria a leggersi i dati di chiunque.A maggior ragione su sistemi multiutente.Sinceramente, intel non ha inventato nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            - Scritto da: l
            Ti riferisci per caso al protect-mode dal
            386 in su?Proprio a quello.
            Guarda che questo è il minimo per avere un
            SO multitasking affidabile.L'abbiamo appunto visto con Windows.
            Come, altrimenti, impedire ad una qualsiasi
            applicazione di scrivere su una zona di
            memoria non riservata esclusivamente a lei?Come, altrimenti, far smettere di lavorare deltutto un'applicazione quando c'è un minuscoloerrore di approssimazione? E' un po' come iltribunale che ti condanna all'ergastolo perchései passato col rosso...con grande gioia dell'utente che non può piùsalvare nemmeno una fettina di dati.
            In buonafede, una applicazione può far
            crashare tutto il sistema. in malafede, può
            sostituirti in toto il funzionamento del SO
            e fare quello che si vuole.Senti, il DOS non lavorava in PM.E guarda, lavorava benissimo...Mi puoi venire a dire che non era multitasking,e io ti porto ad esempio i TSR. E i vettorid'interrupt. Tutto conviveva pacificamente.Quanto alla malafede, c'è sempre il mododi rompere i cosidetti, stai tranquillo.
            Il protected-mode in lettura, poi, a parte
            l'implementazione, che è molto più facile
            avere il set di indirizzi virtuali che non a
            controllare di volta in votla se è una
            scrittura o una lettura in memoria, è
            necessaria per garantire determinati
            standard di sicurezza.Questi discorsi mi sembrano un po' vuoti:non è che ti stai arrampicando sugli specchi?E' LOGICO impedire la lettura di una cella dimemoria? E' logico solo per chi vuol nasconderequalcosa, mi pare...
            Per ottenere un livello di certificazione
            C2, per es, è necessario che un'applicazione
            non possa scorrazzare per tutta la memoria a
            leggersi i dati di chiunque.
            A maggior ragione su sistemi multiutente.Sarà che io non volevo sistemi né multiutente,né multitasking. Sarà che voglio solo un sistemache, come il mio cervello, fa una sola cosa pervolta, ma la fa bene. E se non si vogliono farleggere i dati, si criptano... invece didestabilizzare il tutto a questo modo.
            Sinceramente, intel non ha inventato nulla.A questo punto mi piacerebbe sapere chil'ha inventata...
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?

            Sarà che io non volevo sistemi né
            multiutente,
            né multitasking. Sarà che voglio solo un
            sistema
            che, come il mio cervello, fa una sola cosa
            per
            volta, ma la fa bene. E se non si vogliono
            far
            leggere i dati, si criptano... invece di
            destabilizzare il tutto a questo modo.Solo domande:Sei sicuro che il tuo cervello possa fare una sola cosa alla volta?Se è così mi spieghi come fai a pensare e nello stesso tempo a respirare?Non è forse che, come una machina seria dotata di un SO serio (non Intel+Winzoz), ti "nasconda" la complessità sottostante?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perché RISC costano di più ?
            Mah.. sara' che i RISC sono arrivati ai loro limiti (e questo poi vorrei sapere chi lo dice).. ma non mi sembra che i CISC siano messi molto meglio. A parte che moltissimi dei RISC moderni rispecchiano in parte la dicitura Reduced (guardate l'iunstruction set del G4) mentre mantengono i vantaggi di avere istruzioni a lunghezza fissa, una migliore predizione dei salti, un esecuzione Out of Order delle istruzioni decisamente piu' efficiente e meno complessa dei CISC (parliamo cisc x86) e tutta una serie di altre belle cosine.. Cmnq a questo punto mi viene da chiedere come mai AMD ha implementato un traduttore Hardware delle istruzioni x86 da far eseguire poi a un core Risc? (aumentando dimensioni del die, numero dei transistor, calore dissipato, piuttosto che trovare altre vie per migliorare l'efficienza del processore). Un ultima cosa, quasi tutti i processori moderni eseguono ben piu di un istruzione per ciclo di clock...
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché RISC costano di più ?

          Scusa non ti seguo... per un RISC hai
          descritto piu' operazioni rispetto ad un
          CISC... quindi dovrebbe metterci piu' tempo.
          Non e' vero.Se per un'istruzione MUL impieghi 124 cicli di clock, per uno shift impiegi 1 ciclo di clock e per una somma impieghi 2 cicli di clock, come succedeva sul i386, ottieni che parecchie moltiplicazioni brevi ti conviene trasformarle in somme , quando scrivi le tue librerie in assembler.Lev
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché RISC costano di più ?
        credo che sia il contrario del perche' piu' costosi ,ovvero meno diffusi perche' +' costosi ma il motivo a dire il vero e' oscuro anche a me.Anche se considero il fatto che Risc o cisc che siano, sono architetture ormai supercollaudate,Mentre Intel con il suo ITANIUM deve dimostrare ancora tutto.Buone Vacanze a tutti!
Chiudi i commenti