Sicurezza, accordo tra USA e Cina

I due paesi hanno annunciato una partnership contro lo spionaggio industriale a mezzo telematico, una intesa la cui effettiva capacità di contrasto al fenomeno sarà tutta da testare sul campo. Cyber-warfare? Non se ne parla, per ora

Roma – Barack Obama e Xi Jinping hanno raggiunto un accordo per la sicurezza telematica, ambito nel quale Stati Uniti e Cina si sono in questi anni affrontati soprattutto a suon di propaganda e minacce di ritorsione a mezzo Internet. Ora i due paesi collaboreranno al contrasto del cyber-spionaggio, impegnandosi – almeno sulla carta – a verificare che ciascuno faccia la propria parte per raggiungere l’obiettivo comune.

Il “common understanding” fra i due presidenti arriva dopo la pubblicazione delle indiscrezioni che hanno accompagnato il viaggio del presidente cinese negli USA, e riguarda in particolare la lotta al “furto di proprietà intellettuale” per mezzo delle reti telematiche – una pratica che “deve finire” ha affermato Obama, e l’ha fatto presente a Xi Jinping.

L’accordo prevede che nessuno dei due governi condurrà o “supporterà deliberatamente” la compromissione e il furto di segreti industriali o “altre informazioni aziendali confidenziali” con l’obiettivo di “garantire vantaggi competitivi ad aziende o settori commerciali”.

Cina e USA dicono di voler collaborare, secondo le rispettive leggi e capacità, nelle indagini sul cyber-crimine e la raccolta di “prove digitali”, nel tentativo di mitigare l’attività telematica “malevola” proveniente dai loro territori.

L’annuncio della partnership anti-cybercrimine tra le due principali potenze economiche del pianeta prende una forma sensibilmente diversa rispetto alle indiscrezioni dei giorni scorsi, dove tra l’altro si parlava espressamente di una vera e propria messa al bando della corsa ai “cyber-armamenti” negli attacchi alle infrastrutture vitali dei due paesi.

Resta infine da capire quale sarà l’apporto di USA e Cina all’accordo, e quanto dalle dichiarazioni di intenti si passerà ai fatti quando le agenzie federali americani e le autorità governative di Pechino saranno chiamate a collaborare in concreto per contrastare l’attività del cyber-spionaggio industriale. Dalla Casa Bianca avvertono di essere pronti a fare la propria parte, e si aspettano che la Cina faccia seguire le azioni concrete alle parole.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Tanto io blocco tutto.
    Tutto. Sempre. Niente eccezioni nè "pubblicità accettabile". L'unica pubblicità che posso accettare è quella inesistente.
  • cognome scrive:
    mmmm
    Come utente di Gmail questa funzionalità mi sembra interessante.Per esempio potrei ottenere delle offerte speciali da un'azienda che cerca di fidelizzarmi.
    • AxAx scrive:
      Re: mmmm
      Come utente gmail (solo per le cagate) vedo questa cosa come stimolo ancora maggiore nel non loggarmi mai e scaricare la posta solo via imap o pop3
    • JJ JJ scrive:
      Re: mmmm
      Leggere il tuo commento mi fa sentire come il protagonista di soylent green, alla fine del film, quando viene portato fuori dalla chiesa:"il mondo deve sapere..." ma al mondo evidentemente non interessa.......
Chiudi i commenti