Silicon Valley continua a deprimersi

Alla fine del tunnel c'è un altro tunnel: negli Stati Uniti i prossimi mesi saranno parecchio duri. Ai licenziamenti si aggiunge la scarsa propensione a investire da parte dei capitalisti di ventura

Roma – Il presidente USA Barack Obama ha già avvertito mercati e cittadini: anche nei prossimi mesi la recessione investirà aziende e posti di lavoro, con un continuo susseguirsi di licenziamenti, bancarotte e difficoltà distribuite un po’ in tutti i settori. Anche l’ Information Technology , che ha già cominciato a pagare il prezzo salato della crisi, continuerà a riempire il bollettino di guerra di posti di lavoro tagliati, fondi mancanti e indici economico/finanziari in caduta libera.

I vertici aziendali della Silicon Valley, cuore pulsante dell’economia tecnologica statunitense, si aspettano in larga maggioranza un 2009 peggiore dell’anno precedente: secondo una stima di Silicon Valley Leadership Group , il 74% dei CEO della Valley vedono nero nel quadro complessivo dell’occupazione nella regione, un 18% in più di pessimisti rispetto al 2008.

Il peggioramento delle aspettative si misura anche nel numero di dirigenti che prevedono una crescita o comunque un mantenimento dello status quo per quanto riguarda la forza lavoro, il 40% rispetto all’83% del 2008. Le file di licenziati non accennano a sgonfiarsi, e un’ analisi del quotidiano San Jose Mercury News sostiene che nell’area i posti persi nell’IT sono il 21% del totale nei primi due mesi del 2009. Erano il 13,6% nel dicembre del 2007.

Le aziende della Valley licenziano , magari chiudono e accumulano spazio vuoto per un mercato immobiliare che vede crescere le proprietà disponibili molto più della media nazionale USA. Non stupisce, in questo clima, che anche i capitalisti di ventura abbiano deciso di defilarsi dagli investimenti, con un crollo a picco dei fondi raccolti nel primo quarto del 2009 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Anche Yahoo!, da tempo al centro di un balletto di indiscrezioni, speranze, timori e speculazioni sul destino aziendale e un eventuale futuro accordo con l’ex-nemico Microsoft, si appresterebbe (secondo le solite fonti anonime ma ben informate sui fatti) a usare per l’ennesima volta la forbice, liberandosi di “svariate centinaia di dipendenti”, dice il NY Times , che andrebbero ad aggiungersi ai 2.400 lavoratori già licenziati dal 2008 a oggi.

Nel caso della Internet company di Santa Clara ai licenziamenti dovrebbe seguire anche un nuovo piano di ristrutturazione degli asset societari, l’ennesimo di una lunga serie inanellata prima e dopo la gestione del nuovo CEO Carol Bartz . Il piano, che andrebbe a toccare anche il management di medio livello dell’azienda, porterà Yahoo! a dividersi in due gruppi distinti: vale a dire la divisione product & engineering , guidata dall’attuale CTO Ari Balogh, e la divisione business seguita dal vice-presidente esecutivo Hillary Schneider.

La nuova organizzazione dovrebbe permettere di gestire la società in maniera più unitaria e quindi di renderla più forte anche di fronte alle scelte per il futuro, sempre più impellenti vista la crisi e la continua preponderanza di Google nel mercato del search e dell’advertising: parlando ancora di accordo Microsoft-Yahoo!, l’analista Youssef Squali quantifica in 1,6-2,1 miliardi di dollari il guadagno annuo totale (inclusi riduzione dei costi e ricavi) per Yahoo! generato da una partnership forte tra le due società.

In tale partnership si esclude a ogni modo che Yahoo! ceda in maniera definitiva una parte delle sue risorse a Microsoft, quindi niente “vendita” del settore ricerca o cose del genere, ma un accordo paritario che favorisca entrambe e dia più efficacemente battaglia a Google. L’accordo tra pari è uno dei punti fermi della gestione Bartz, una gestione che dopo i primi 100 giorni piace per il decisionismo e il coraggio di affrontare la tempesta davanti al rischio che anche questa volta salti tutto, con le prevedibili conseguenze sul futuro della Internet company di Santa Clara.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti