Silverlight diventa mobile. Su Symbian

La prima piattaforma mobile su cui la tecnologia Silverlight vede la luce è la S60 5th Edition di Nokia, che anticipa così Windows Phone 7. Il plug-in è già disponibile sull'Ovi Store

Roma – Seguendo quanto fatto da Adobe con Flash , anche Microsoft sta spingendo il suo ambiente di esecuzione run-time, Silverlight, sui dispositivi mobili. E come previsto, la versione mobile di Silverlight fa il suo debutto su una piattaforma di terze parti: Symbian.

Il plug-in di Redmond, rivale diretto di Flash Player, supporta i dispositivi basati sulla piattaforma Nokia S60 5th Edition, tra i quali si trovano i Nokia 5800, 5530, 5230, N97 e X6. Gli utenti di questi smartphone, che secondo Microsoft sono oltre 20 milioni in tutto il mondo, possono scaricare gratuitamente Silverlight for Symbian dall’Ovi Store, e far girare così le applicazioni e gli altri contenuti creati per questo ambiente: tra quelle già disponibili vi sono un client per il motore di ricerca Bing ed uno per il portale nokia.hsn.com .

Come Microsoft aveva promesso, la versione mobile di Silverlight non ha molto da invidiare a quella desktop: essa supporta l’accelerazione in hardware dei video H.264, la tecnologia IIS Smooth Streaming per l’accesso a contenuti live e on demand, e un ricco set di API per la costruzione di interfacce grafiche. Le applicazioni desktop non possono girare direttamente su uno smartphone, ma il big di Redmond afferma che nella maggior parte dei casi la loro conversione risulta piuttosto semplice.

L’accordo di collaborazione per lo sviluppo di Silverlight for Symbian fu annunciato da Microsoft e Nokia due anni or sono. Il rilascio della versione finale del codice era inizialmente previsto per la fine del 2008, ma a quanto pare non tutto è andato per il verso giusto: è probabile che alla base di questo ritardo vi siano più ragioni strategiche che tecniche, probabilmente legate alle grandi novità che hanno nel frattempo interessato le roadmap di Windows Mobile e Symbian.

Come noto, Windows Phone 7 supporterà Silverlight in modo nativo, ed è destinato a diventare il principale framework di sviluppo per questa piattaforma. Ma se Microsoft intende contrastare con piena efficacia la versione mobile di Flash Player 10.1, di cui Adobe ha pianificato il porting su tutte le principali piattaforme per smartphone (ad esclusione di iOS), il gigante di Redmond non potrà permettersi il lusso di snobbare Android.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Vampirla scrive:
    Chiarimenti
    Dall'articolo:"Tante cose potevano andare storte, una giornata poco luminosa, un vento troppo forte poteva far spendere forze eccessive, il pilota poteva accusare lo stress: tante cose che potevano costringerlo ad un atterraggio di emergenza prima della fine delle batterie. E invece tutto è finito bene, anzi meglio delle aspettative."Un vento troppo forte??????
    • Innovatore scrive:
      Re: Chiarimenti
      Immagino intendino un vento contrario troppo forte
    • max scrive:
      Re: Chiarimenti
      - Scritto da: VamXXXXX.
      Un vento troppo forte??????un aereo non può volare con sicurezza con tutte le condizioni atmosferiche, soprattutto un aliante.... se è per questo neppure gli aerei di linea... ma tanto paga l'assicurazione :(
  • max scrive:
    il problema siamo noi!!
    ribadisco... il problema siamo noi110 anni fale auto elettriche cérano giá... ma poi tutti passarono a quelle a scoppio pur con gli enormi difetti dei motori dell'epoca... perchè erano più potenti, molto più potenti e si poteva correre di più, una elettrica commerciale (lasciamo perdere la "Jamáis Contente") più dei 40 km/h non faceva, mentre una a scoppio poteva arrivare a più di 60km/h!! ora, facciamo la fila a 15km/h di media in città, ma ca%%o!! ho un motore da 150CV!! e la mia macchina potrebbe fare i 220km/h!!! vuoi mettere?un aereo elettrico quanti km/h potrá fare? 50? 100? scomettiamo che se facessero una linea berlino-roma con questi mezzi, nessuno ci andrebbeperchè ci vogliono troppe ore?in realtá siamo dei XXXXXXXX, lasciatemelo dire. cosa serve tutta questa fretta di arrivare per poi correre correre correre e non vedere neppure il panorama? Meno male che hanno inventato lo space marker altrimenti metá di noi sarebbe giá al creatore....poi arriviamo la sera stanchi a letto a dormire e le giornate volanono via senza esserci fermati neppure 5 minuti a meditare o a contemplare il panorama... blah!!Tutto sommato spero che arrivi presto una grossa crisi energetica in modo che le città diventino inabitabili.Abbiamo la possibilitá di lavorare meno, di goderci di più la vita,e invece ci accontetiamo di guardare la pubblicitá che ti promette proprio quello che vorresti avere, ma che non osi fare... rilassarti.ciaoMaX
    • angros scrive:
      Re: il problema siamo noi!!
      - Scritto da: max
      ribadisco... il problema siamo noi

      110 anni fale auto elettriche cérano giá... ma
      poi tutti passarono a quelle a scoppio pur con
      gli enormi difetti dei motori dell'epoca...
      perchè erano più potenti, molto più potenti e si
      poteva correre di più, una elettrica commerciale
      (lasciamo perdere la "Jamáis Contente") più dei
      40 km/h non faceva, mentre una a scoppio poteva
      arrivare a più di 60km/h!! Guarda che il problema non era affatto la velocità, era (ed è ancora oggi) l'autonomia.Le auto elettriche si usavano in sostituzione delle carrozze, per girare nelle città. Per i viaggi lunghi si usava il treno.L'auto a benzina (che pure era più scomoda, perchè richiedeva di avviare il motore manualmente, e nei periodi freddi occorreva pure scaldare la benzina in un fornelletto prima di mettere in moto) offriva il vantaggio di poter viaggiare anche da una città all'altra (e di potersi rifornire in poco tempo: la benzina veniva venduta nelle farmacie). E la possibilità di fare a meno del treno, e di fare tutto il tragitto in auto, ha decretato il sucXXXXX dell'auto a benzina a discapito dell'auto elettrica.
      • max scrive:
        Re: il problema siamo noi!!
        - Scritto da: angros
        - Scritto da: max

        ribadisco... il problema siamo noi



        110 anni fale auto elettriche cérano giá... ma

        poi tutti passarono a quelle a scoppio pur con

        gli enormi difetti dei motori dell'epoca...

        perchè erano più potenti, molto più potenti e si

        poteva correre di più, una elettrica commerciale

        (lasciamo perdere la "Jamáis Contente") più dei

        40 km/h non faceva, mentre una a scoppio poteva

        arrivare a più di 60km/h!!

        Guarda che il problema non era affatto la
        velocità, era (ed è ancora oggi)
        l'autonomia.....
        ...E la possibilità
        di fare a meno del treno, e di fare tutto il
        tragitto in auto, ha decretato il sucXXXXX
        dell'auto a benzina a discapito dell'auto
        elettrica.invece era proprio la velocitá a determinare la scelta, perchè all'epoca, allontanarsi 50km era una avventura sia con motore elettrico che non benzina, visto le condizioni delle strade. Quindi, l'autonomia era secondaria. Non farti influenzare dalle pubblicitá dell'epoca. Uno dei punti forti venduti come importante era proprio l'autonomia.Del resto l'uomo ha SEMPRE cercato di aumentare la velocitá, sia con cavalli, cavalli vapore, motori elettrici, e motori a scoppio.... o mi vuoi dire che adesso siamo diventati saggi e cerchiamo l'efficenza senza subordinarla alla velocitá?max
        • Max scrive:
          Re: il problema siamo noi!!
          Ma scusa.. ritornando al discorso dell'aereo.. se a me dicono che con una certa sicurezza (e senza troppi scossoni) arrivo a berlino nel giro di 7 o 8 ore a 50/100 euro.. beh.. invece che usarlo per lavoro.. lo uso per la vacanza.. visto che è troppo "lento".. no?poi parto dal presupposto che i più lenti saranno quelli dei primi 2 anni, poi mano a mano si velocizzano.. direi che è un buon inizio.. no?
          • max scrive:
            Re: il problema siamo noi!!
            - Scritto da: Max
            Ma scusa.. ritornando al discorso dell'aereo.. se
            a me dicono che con una certa sicurezza (e senza
            troppi scossoni) arrivo a berlino nel giro di 7 o
            8 ore a 50/100 euro.. beh.. invece che usarlo per
            lavoro.. lo uso per la vacanza.. visto che è
            troppo "lento"..
            no?
            poi parto dal presupposto che i più lenti saranno
            quelli dei primi 2 anni, poi mano a mano si
            velocizzano.. direi che è un buon inizio..
            no?certo che potrebbe essere un inizio, e guarda bene che io non ne sono affatto contrario, però la vedo dura cambiare la nostra mentalità.Perchè il problema è tutto li... abbiamo le nostre città che sono veramente insostenibili, le nostre case pure, le nostre auto non ne parliamo e il problema sono le nostre abitudini.La città ideale devrebbe essere, un paesino di 10.000 abitanti, senza palazzi e costruzioni più alte di 3 piani, auto elettriche leggere(400kg max) 6 ore di lavoro al giono, tutti campi coltivati attorno e qualche mulino a vento nelle colline.Le case con non più di 2 kW di corrente cada una...sic!!praticamente una utopia,ah!! e nota che io non sono di sinistra :Dciaomax
          • Max scrive:
            Re: il problema siamo noi!!
            non puoi obbligare la gente a fare le cose.. come io non posso obbligarti a scegliere se prendere la macchina o l'autobus.. al massimo posso fare in modo che prendi l'autobus perchè ti conviene di più.. ma non posso di certo obbligarti.Beh.. per il discorso degli aerei.. quello che intendevo era un discorso diverso.. dato dal fatto che io prendo l'aereo che va ad energia solare perchè costa di meno.. perchè non devo pagare il carburante.. (la manutenzione c'è sempre) e magari un paio di meno di hostess.. anche se siamo meno coccolati.. non soffriamo così tanto xDnon so forse mi sbaglio.. ma chissà.. magari è un'idea :P
          • max scrive:
            Re: il problema siamo noi!!
            - Scritto da: Max
            non puoi obbligare la gente a fare le cose.. come
            io non posso obbligarti a scegliere se prendere
            la macchina o l'autobus.. al massimo posso fare
            in modo che prendi l'autobus perchè ti conviene
            di più.. ma non posso di certo
            obbligarti.bèh, visto che è obbligatorio avere la patente, essere in buona forma fisica, avere una assicurazione, pagare una enormitá di tasse sull'energia, non vedo dove sarebbe il problema a mettere un obbligo in più diu andare più piano.al limite come dici tu si potrebbe "convincere"la gente ad andare +piano eliminando per esempio l'obbligo di assicurazione se stai sotto in 45 km/h o cose del genere
            Beh.. per il discorso degli aerei.. quello che
            intendevo era un discorso diverso.. dato dal
            fatto che io prendo l'aereo che va ad energia
            solare perchè costa di meno.. perchè non devo
            pagare il carburante.. (la manutenzione c'è
            sempre) e magari un paio di meno di hostess..
            anche se siamo meno coccolati.. non soffriamo
            così tanto
            xDsi, potrebbe essere una idea,in ogni caso i costi di manutenzione di questo tipo di aerei sarebbero molto bassi, viisto che non hanno turbine con un numero limitato di ore di funzionamento,pichissime parti meccaniche in movimento e bassissima sollecitazione strutturale.Se un aereo di linea ha bisogno di revisioni praticamente giornaliere, uno elettrico basterebbe farne una mensile leggera e una approfondita annuale.le tasse aeroportuali sarebbero anche moto basse perchè le piste possono essere molto più corte (avendo una massa molto bassa, ha bisogno di molta meno energia per decollare o frenare l'atterraggio).insomma, l'idea è ottima e, sulla carta realizzabile, a patto che cambiamo il chip e ci decidiamo a spendere meno energia e soprattutto fare durare gli acquisti molti molti anni.Per esempio... perchè buttiamo le macchine a 100.000km quando una qualsiasi utilitaria può fare 200.000km e cambiando il motore si arriva a 500.000 senza grossi problemi?La mano d'opera... si bella scusa... con 1500 euro ti cambiano il motore e con garanzia, ma è meglio rottamare la vecchia auto che con altri 5 o 10.000 euro ne ho una nuova... proprio una bella pensata, non c'è che dire!! :(Finchè non cambiamo questo modello di vita, le cose sono destinate a peggiorare... ma tanto tra un po'arriva un'altra crisi energetica e allora avremo una ennesima occasione per cambiare idea. :D
          • max scrive:
            Re: il problema siamo noi!!
            - Scritto da: angros
            Così i limitatori vengono craccati il primo
            giorno.poi arriva la polizia, ti da una bella multa, sequestra il mezzo e lo manda a rottamare dalla sfasciacarrozze, in modo che tu non lo possa recuperare, ti straccia la patente e chiama un taxi per farti tornare a casa... dici che sarebbe un buon deterrente?
            E poi, ti assicuro che mi piacerebbe assai avere
            il lavoro sottocasa, se ci fosse. Ma non c'è,
            perch richiede attrezzature costose, che non si
            possono mettere ovunque. Cosa dovrei fare?
            Cambiare
            casa?...e sarebbe una cattiva idea quella di cambiare casa?cmq, mi sono espresso male, la genta non andrebbe obbligata, ma convinta a cambiare il modo di vedere le cose. Oggi viviamo un 160% al di sopra delle nostre possibilità e questo non può durare purtroppo.Azioni semplici e considerate normali, come scendere dall'appartamento in ascensore, prendere la macchina e fare 20km per andare a lavorare... non sono sostenibili, Perchè hai speso molta più energia per spostarti di quella che hai reso sul lavoro. Non guardare il prezzo della benzina(energia) perchè è mantenuto artificiosamente basso. In realtá siamo di fronte ad una enorme bolla commerciale, in cui si tengono bassi i prezzi su un articolo civetta per far girare tutto il mercato, ma la cosa non può durare e si capirà meglio quando avremo il petrolio sui 300-400 dollari al barile tra pochissimi anni.ma non voglio rovinarvi la giornata :Dora abbiamo davanti alcuni anni di calma e il mercato tornerá a rendere,vi consiglio solo di pensare a quello che vi sto dicendo e prendere le opportune precauzioni per paliare gli effetti della prossima crisi. Per esempio, avere un orto (100m2 per persona della famiglia), qualche bici elettrica, una casa ben termicamente isolata, qualche pannello solare, un mulino a vento, acqua del pozzo, ecc.Ogniuno valuti la propria posizione e attitudini e cerchi una soluzione per i propri bisogni tenendo in conto che servizi come Enel, Telecom,Acqua potabile. gas metano, benzina, potrebbero non essere disponibili o alla portata di tutti durante la crisi che verrà.ciaoMaX
          • angros scrive:
            Re: il problema siamo noi!!

            poi arriva la polizia, ti da una bella multa,
            sequestra il mezzo e lo manda a rottamare dalla
            sfasciacarrozze, in modo che tu non lo possa
            recuperare, ti straccia la patente e chiama un
            taxi per farti tornare a casa... dici che sarebbe
            un buon
            deterrente?E il giorno dopo scoppia una guerra civile, il governo viene rovesciato, e tale norma viene tolta.


            E poi, ti assicuro che mi piacerebbe assai avere

            il lavoro sottocasa, se ci fosse. Ma non c'è,

            perch richiede attrezzature costose, che non si

            possono mettere ovunque. Cosa dovrei fare?

            Cambiare

            casa?

            ...e sarebbe una cattiva idea quella di cambiare
            casa?Per andare a vivere in una topaia pagando una sberla di affitto? Non vado proprio a lavorare, a questo punto, così non pago tasse e mi prendo il sussidio di disoccupazione. Vedi che, con la metà della popolazione in questo stato, farebbero marcia indietro subito, e mi fornirebbero immediatamente due ferrovie ad alta velocità e tre autostrade.

            cmq, mi sono espresso male, la genta non andrebbe
            obbligata, ma convinta a cambiare il modo di
            vedere le cose. Oggi viviamo un 160% al di sopra
            delle nostre possibilità e questo non può durare
            purtroppo.Ecco, detta così ha più senso. La prima cosa da fare è tagliare tutte le spese inutili: basta con il dover cambiare cellulare ogni anno, computer ogni due e auto ogni tre: facciamo durare di più quello che abbiamo. Basta con il buttare soldi in ciò che possiamo avere gratis (notizie, musica...)
            Azioni semplici e considerate normali, come
            scendere dall'appartamento in ascensore, prendere
            la macchina e fare 20km per andare a lavorare...
            non sono sostenibili, Perchè hai speso molta più
            energia per spostarti di quella che hai reso sul
            lavoro. Non guardare il prezzo della
            benzina(energia) perchè è mantenuto
            artificiosamente basso.Ma se oltre la metà di tale prezzo è costituito da tasse! Direi che è tenuto artificiosamente alto!Comunque, niente benzina: metano.
            In realtá siamo di fronte
            ad una enorme bolla commerciale, in cui si
            tengono bassi i prezzi su un articolo civetta per
            far girare tutto il mercato, ma la cosa non può
            durare e si capirà meglio quando avremo il
            petrolio sui 300-400 dollari al barile tra
            pochissimi
            anni.Io ho già risolto: metano.

            ma non voglio rovinarvi la giornata :D

            ora abbiamo davanti alcuni anni di calma e il
            mercato tornerá a rendere,vi consiglio solo di
            pensare a quello che vi sto dicendo e prendere le
            opportune precauzioni per paliare gli effetti
            della prossima crisi. Per esempio, avere un orto
            (100m2 per persona della famiglia)Per avere l'orto non puoi stare in appartamento: devi stare in campagna. E questo significa che se il tuo lavoro è in città devi fare ogni giorno 20 km e più per andare a lavorare. Ti contraddici da solo (prima proponi di cambiare casa, per abitare vicino al lavoro, poi dici di abitare lontano per poter avere l'orto)
            , qualche bici
            elettrica, una casa ben termicamente isolata,
            qualche pannello solare, un mulino a vento, acqua
            del pozzo,
            ecc.L'acqua del pozzo, se la sollevi elettricamente, costa di più di quella dell'acquedotto.
            Ogniuno valuti la propria posizione e attitudini
            e cerchi una soluzione per i propri bisogni
            tenendo in conto che servizi come Enel,
            Telecom,Acqua potabile. gas metano, benzina,
            potrebbero non essere disponibili o alla portata
            di tutti durante la crisi che
            verrà.La prima cosa sensata che dici. Hai dimenticato il rifugio antiatomico in cantina, poi ci siamo.
          • attonito scrive:
            Re: il problema siamo noi!!
            - Scritto da: Max
            Ma scusa.. ritornando al discorso dell'aereo.. se
            a me dicono che con una certa sicurezza (e senza
            troppi scossoni) arrivo a berlino nel giro di 7 o
            8 ore a 50/100 euro.. beh.. invece che usarlo perdipende da DOVE parti.
  • pandadisoss ato scrive:
    Ogni tanto una bella notizia
    Fa piacere sapere che ci sono sempre più progressi in relazione all'uso di energie alternative, quell'aereo pesa quanto la mia macchina con qualche aggiustamento si potrebbe pensare di farne piccole navette diurne per collegare le grandi città, che so tipo Milano-Berlino a costi ridotti e senza inquinare.Spero tanto d'esserci ancora quando tutto questo si avvereràPandadisossato
    • angros scrive:
      Re: Ogni tanto una bella notizia
      - Scritto da: pandadisoss ato
      Fa piacere sapere che ci sono sempre più
      progressi in relazione all'uso di energie
      alternative, quell'aereo pesa quanto la mia
      macchina con qualche aggiustamento si potrebbe
      pensare di farne piccole navette diurne per
      collegare le grandi città, che so tipo
      Milano-Berlino a costi ridotti e senza
      inquinare.[img]http://www.fabiobe.com/wp-content/uploads/2009/07/neophelios.jpg[/img]Magari così?
  • Formalmente Errato scrive:
    Se puo farlo un aereo...
    PErchè non farlo anche sulle macchine? per fare sollevare un cesna ci vogliono 160Cv di motore, per una macchina 80 sono abbastanza....
    • angros scrive:
      Re: Se puo farlo un aereo...
      Perchè un aereo non viaggia all'ombra, e inoltre ha una superficie maggiore sulla quale mettere i pannelli.
      • Innovatore scrive:
        Re: Se puo farlo un aereo...
        Ha viaggiato per tutta la notte con l'energia accumulata durante il giorno.
        • angros scrive:
          Re: Se puo farlo un aereo...
          - Scritto da: Innovatore
          Ha viaggiato per tutta la notte con l'energia
          accumulata durante il
          giorno.Ma ha potuto accumularla proprio perchè volava sopra le nubi, e perchè l'intera superficie delle ali era costituita da pannelli solari. Un'auto viaggia sotto le nubi (e sotto le ombre di alberi ed edifici), e ha una superficie molto più piccola (metti i pannelli su tetto e cofano... e poi?)Inoltre, un aereo di quel tipo ha la forma di un aliante: potrebbe rimanere in quota anche per diverse ore con il motore spento. Il consumo sarebbe decisamente minore rispetto a quello di un'auto.
          • Teo_ scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...
            - Scritto da: angros
            - Scritto da: Innovatore

            Ha viaggiato per tutta la notte con l'energia

            accumulata durante il

            giorno.

            Ma ha potuto accumularla proprio perchè volava
            sopra le nubi, e perchè l'intera superficie delle
            ali era costituita da pannelli solari. Un'auto
            viaggia sotto le nubi (e sotto le ombre di alberi
            ed edifici), e ha una superficie molto più
            piccola (metti i pannelli su tetto e cofano... e
            poi?)Sul tetto di casa.
      • sapio scrive:
        Re: Se puo farlo un aereo...
        - Scritto da: angros
        Perchè un aereo non viaggia all'ombra, e inoltre
        ha una superficie maggiore sulla quale mettere i
        pannelli.hai ragione.bisogna anche tener conto però che l'industria petrolifera è quella che produce il maggior fatturato a livello mondiale. questo non aiuta a velocizzare il percorso verso le rinnovabili. le leve del comando le tengono loro...
        • angros scrive:
          Re: Se puo farlo un aereo...

          hai ragione.
          bisogna anche tener conto però che l'industria
          petrolifera è quella che produce il maggior
          fatturato a livello mondiale. questo non aiuta a
          velocizzare il percorso verso le rinnovabili. le
          leve del comando le tengono
          loro...Le auto elettriche esistono da 110 anni. E all'inizio del 1900, l'industria petrolifera non aveva ancora nessuna influenza. Eppure, furono un flop.Lo stesso vale per altre tecnologie (come la Eolo, l'auto ad aria compressa: un modello simile era già stato proposto più di un secolo fa, e non funzionava)
          • sapio scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...
            - Scritto da: angros

            hai ragione.

            bisogna anche tener conto però che l'industria

            petrolifera è quella che produce il maggior

            fatturato a livello mondiale. questo non aiuta a

            velocizzare il percorso verso le rinnovabili. le

            leve del comando le tengono

            loro...

            Le auto elettriche esistono da 110 anni. E
            all'inizio del 1900, l'industria petrolifera non
            aveva ancora nessuna influenza. Eppure, furono un
            flop.bé però in 110 anni gli accumulatori e i motori elettrici sono un po' cambiati...c'è stata senza dubbio un'evoluzione maggiore in ambito elettrotecnico (nonché elettronico), che nella tecnologia del motore a scoppio, che del resto più di tanto non può dare per limiti fisici intrinseci (se l'80% se ne va in calore non è colpa sua, e non si può sperare di migliorare significativamente questo parametro). invece nell'ambito generazione/conservazione dell'elettricità molto ancora si può fare.a inizio '900 chi aveva l'elettricità in casa?suvvia...
          • angros scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...

            bé però in 110 anni gli accumulatori e i motori
            elettrici sono un po'
            cambiati...Non in meglio: gli accumulatori attuali (al litio, o al NiMH) forniscono 1,2 volt per elemento, e sopportano in media 1000 cicli di ricarica prima di deteriorarsi. I vecchi accumulatori (al piombo, e pieni di acido solforico) fornivano 2 volt per elemento, e sopportavano in media 3000 cicli di ricarica.
          • guast scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...
            - Scritto da: angros

            bé però in 110 anni gli accumulatori e i motori

            elettrici sono un po'

            cambiati...

            Non in meglio: gli accumulatori attuali (al
            litio, o al NiMH) forniscono 1,2 volt per
            elemento, e sopportano in media 1000 cicli di
            ricarica prima di deteriorarsi. I vecchi
            accumulatori (al piombo, e pieni di acido
            solforico) fornivano 2 volt per elemento, e
            sopportavano in media 3000 cicli di
            ricarica.Almeno gli altri commenti che hai fatto erano tecnicamente corretti. Questo è proprio sballato. Non so se per ignoranza o malafede. Però quello che conta è l'energia accumulata non il voltaggio.Dei buoni accumulatori al piombo possono accumulare fino a 35 w/h per kilo.(di più quelli ad elettrodi sinterizzati, ma non sono prodotti in larga scala perchè hanno altri problemi)Gli accumulatori al litio con elettrodi al cobalto vanno abbodantemente sopra i 100 w/h per kilo, però scaldano. Gli accumulatori al litio polimeri stanno intorno ai 100 w/h per kilo e non scaldano tanto.Ci sono accumulatori al litio sperimentali che arrivano fino a 200 w/h per kilo
          • guast scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...

            Le auto elettriche esistono da 110 anni. E
            all'inizio del 1900, l'industria petrolifera non
            aveva ancora nessuna influenza. Eppure, furono un
            flop.
            La tecnologia delle batterie è cambiata nettamente negli ultimi 15 anni, così come la tecnologia dei materiali che permette scocche molto più leggere, più tutto quanto il resto.Tutti i commenti che hai aggiunto agli altri post avevano pure un senso. Puoi aggiungere che ad 8000 metri di quota il sole è molto più forte visto che gli ultimi strati dell'atmosfera sono quelli più densi.Però hai sorvolato su tanti particolari. Tipo: nella maggior parte dei casi un'auto cammina per un'ora fino al lavoro. Rimane parcheggiata fuori per almeno nove ore a prendere sole e poi torna indietro.
          • angros scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...

            La tecnologia delle batterie è cambiata
            nettamente negli ultimi 15 anni, così come la
            tecnologia dei materiali che permette scocche
            molto più leggere, più tutto quanto il
            resto.Sarà cambiata, ma se io ti propongo una batteria con 2 volt per elemento e in grado di sopportare 3000 cicli di ricarica, tu sei in grado di controbattere con una batteria migliore?
          • guast scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...
            Le macchine elettriche che stanno per arrivare in commercio hanno un'autonomia intorno ai 200 kilometri.Degli accumulatore che sopportano solo mille cicli di ricarica significano una durata vicino ai 200000 km
          • angros scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...

            Degli accumulatore che sopportano solo mille
            cicli di ricarica significano una durata vicino
            ai 200000
            kmSe gli accumulatori mantenessero le stesse prestazioni per tutta la loro vita, ma non è così.
          • guast scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...

            Se gli accumulatori mantenessero le stesse
            prestazioni per tutta la loro vita, ma non è
            così.Peccato che con mille cicli facevo una stima per difetto.Peccato che con 200 km di autonomia facevo una stima per difetto.Peccato che 150000 km di durata mi vanno benissimo.Peccato che esistono anche queste batterie:http://en.wikipedia.org/wiki/Lithium-titanate_batteryche potrebbero resistere fino a 9000 cicliStai proprio trollando
          • sapio scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...
            - Scritto da: guast

            Se gli accumulatori mantenessero le stesse

            prestazioni per tutta la loro vita, ma non è

            così.

            Peccato che con mille cicli facevo una stima per
            difetto.
            Peccato che con 200 km di autonomia facevo una
            stima per
            difetto.
            Peccato che 150000 km di durata mi vanno
            benissimo.
            Peccato che esistono anche queste batterie:
            http://en.wikipedia.org/wiki/Lithium-titanate_batt
            che potrebbero resistere fino a 9000 cicli


            Stai proprio trollandopoi ci sono anche questioni di forma e peso che limitano le vecchie batterie... inoltre c'è tutta una ricerca aperta sulle celle a combustibile...
          • maranric scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...

            Le auto elettriche esistono da 110 anni. E
            all'inizio del 1900, l'industria petrolifera non
            aveva ancora nessuna influenza. Eppure, furono un
            flop.Saranno e sono il futurohttp://it.wikipedia.org/wiki/Pininfarina_Bluecare la EV1 c'era gia' 10 anni fa..http://it.wikipedia.org/wiki/General_Motors_EV1
          • sapio scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...
            - Scritto da: maranric

            Le auto elettriche esistono da 110 anni. E

            all'inizio del 1900, l'industria petrolifera non

            aveva ancora nessuna influenza. Eppure, furono
            un

            flop.

            Saranno e sono il futuro
            http://it.wikipedia.org/wiki/Pininfarina_Bluecar

            e la EV1 c'era gia' 10 anni fa..
            http://it.wikipedia.org/wiki/General_Motors_EV1anche se per fare in modo che le auto elettriche comportino una vera diminuzione dell'inquinamento globale bisogna anche che aumenti l'energia elettrica prodotta da fonti non inquinanti
        • Formalmente Errato scrive:
          Re: Se puo farlo un aereo...
          Le leve del comando le hanno le banche che tengono per i co***oni le grosse aziende
          • sapio scrive:
            Re: Se puo farlo un aereo...
            - Scritto da: Formalmente Errato
            Le leve del comando le hanno le banche che
            tengono per i co***oni le grosse
            aziendenon mi metterei a discutere su chi è più potente tra banche e compagnie petrolifere, è una bella lotta.chi "produce soldi" sono comunque le compagnie petrolifere, e le banche si attaccano a chi produce soldi.ma non mi sembra la sede per una dissertazione di economia politica.
Chiudi i commenti