SimCity sbarca su OLPC

La storica simulazione cittadina sbarca sull'XO. Servirà a divertire. Ma anche, perché no, a fare didattica

Roma – Electronic Arts salta sul carro di OLPC e regala agli utenti del portatile il codice di SimCity . Il porting della celebre simulazione urbanistica sarà curato da Don Hopkins, già responsabile della versione Unix, che sta ultimando le rifiniture del gioco per renderlo totalmente compatibile con l’ambiente Python di XO.

La versione finale sarà completamente modificabile via script. Nelle speranze di Hopkins questo consentirà non solo di aggiungere qualsiasi caratteristica al gioco, ma anche di trasformarlo in un’ottima base per insegnare ai ragazzi l’essenza del game programming . Altri sviluppatori, inoltre, potrebbero giovarsi del lavoro operato su SimCity per realizzare altre applicazioni videoludiche per XO .

Sull’utilità educativa di SimCity ci sono pochi dubbi: in ambienti in cui la programmazione urbanistica non è molto sviluppata, come ad esempio nelle comunità agricole di alcuni paesi a cui il laptop di Negroponte è destinato, la simulazione della creazione di una intera città potrebbe insegnare moltissimo sulla crescita sana di una metropoli . Strade, servizi, scuole, ospedali, negozi: una palestra per ispirare le giovani menti e spingerle verso la creazione di una società più attenta alla vivibilità degli agglomerati urbani. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sdfgdsfg scrive:
    Andava data come notizia grossa
    Quelli di comscore hanno replicato:http://www.comscore.com/blog/2007/11/comscore_radiohead_study.htmlPer me comunque i dati di comscore non vogliono dire niente. Quelli che non hanno dato un soldo sono il 60% di appena 1000, persone che non son prese a caso, ma hanno accettato da tempo di essere monitorate.Intanto però la notizia ha fatto li giro del mondo. Chi ha commissionato il lavoro a comscore? E' stato veramente curioso vedere tutti quei paginoni in cui veniva descritto il flop dei Radiohead senza che ci fosse alcuna analisi critica sui dati utilizzati.
Chiudi i commenti