Siri, sconfitta cinese per Apple

La giustizia cinese non è disposta a riesaminare il brevetto su cui si basa Xiao i Robot, assistente vocale sviluppato dall'azienda locale Zhizhen. Cupertino incassa e si prepara alla difesa

Roma – Le schermaglie intorno a Siri e ai brevetti che ne desrivono la tecnologia hanno impegnato Apple negli ultimi due anni in Cina: tra accuse incrociate, il confronto ha ora fatto segnare un punto a favore della telco Zhizhen Network Technology, che ritiene che Cupertino abusi del titolo su cui è basato il proprio chatbot, Xiao i Robot.

La denuncia di Zhizhen risale al 2012 , dopo un tentativo di negoziazione con Cupertino andato a vuoto: probabilmente incoraggiata all’offensiva dal successo conseguito dall’azienda locale Proview, che ha ottenuto da Apple 60 milioni di dollari dopo la contesa per il marchio iPad, la telco si era rivolta a una corte di Shanghai per ottenere un accordo di licenza, o un congruo risarcimento. Il brevetto di Zhizhen, depositato nel 2004 e riconosciuto dalle autorità locali nel 2006, sviluppato per le chat di MSN e Yahoo e poi come app per iOS e Android, secondo l’azienda racchiudeva la chiave delle stesse tecnologie con cui opera l’assistente vocale della Mela, disponibile dal 2011 per dispositivi iOS.

Zhizhen nel 2013 aveva chiesto il blocco delle vendite dei dispositivi che integrassero Siri, Apple aveva replicato invocando l’annullamento del brevetto di Zhizhen presso l’ufficio cinese che vigila sulla proprietà intellettuale, ricevendo un primo diniego. All’inizio del 2014 Apple era tornata all’attacco, facendo appello alla giustizia ordinaria per fare in modo che l’ufficio brevetti tornasse sui propri passi, e accettasse di riesaminare il titolo di Zhizhen, per eventualmente invalidarlo.

Il tribunale di Pechino ha però ora respinto le richieste di Cupertino: il brevetto di Zhizhen non verrà messo in discussione, e non verrà messa in discussione la decisione dell’Ufficio Brevetti. “Sfortunatamente non eravamo a conoscenza del brevetto di Zhizhen prima di presentare Siri e non crediamo di sfruttare questo titolo indebitamente” ha spiegato una portavoce di Apple: l’azienda sarebbe intenzionata a fare ricorso in appello, e si dice disponibile a “intavolare una discussione ragionevole con Zhizhen”.

L’accordo con l’azienda locale, nonostante in parallelo sia ancora aperto il processo con cui Zhizhen accusa Apple della violazione, potrebbe rappresentare la strada da imboccare per risolvere il contenzioso: “La cosa più importante è assicurare che a Zhizhen vengano riconosciuti i propri diritti – ha dichiarato il legale della telco – L’azienda non ha formulato una precisa richiesta economica, e alla fine potrebbe essere che le due parti riescano a cooperare per risolvere il problema e ottenere un risultato che rappresenti una vittoria per entrambe”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    L'inglese di Renzi
    Renzi prima dell'agenda è meglio che apra un corso di inglese.Dopo potrà andare in Europa a chiedere i fondi per la formazione dei professionisti ICT e i progetti.[yt]kfOjRetMqX4[/yt]Questo ha un QI uguale o inferiore a George W. Bush. E dobbiamo stare nelle mani di questa marionetta dei poteri che ci stanno riducendo a terzo mondo?
    • krane scrive:
      Re: L'inglese di Renzi
      - Scritto da: iRoby
      Questo ha un QI uguale o inferiore a George W.
      Bush. E dobbiamo stare nelle mani di questa
      marionetta dei poteri che ci stanno riducendo a
      terzo mondo?Beh, provarci con i voti non e' bastato, evidentemente i votanti piddini in giro son ancora troppi... Tra poco qualcuno si rompera' seriamente e comincera' ad eliminarne fisicamente: guerra civile !
    • collione scrive:
      Re: L'inglese di Renzi
      Renzi? ICT? ma di cosa vogliamo parlare?in svizzera la cassiera del LIDL guadagna 3000 euro al mese!!!qua ad un informatico con esperienza decennale e know-how che copre quasi tutti i settori dell'ICT, gli danno 1200 euro
  • qualcuno scrive:
    conosce le dimensioni del problema
    Il Vicepresidente della Commissione ha altresì sottolineato anche che "la proposta italiana Grand Coalition for Digital Jobs dimostra che l'Italia conosce le dimensioni di questo problema e gli strumenti necessari per rimediare". XXXXXXX, se veramente l'Italia conoscesse le dimensioni di questo problema non investirebbe solo quattro soldi in formazione professionale. Per tanti dopo l'università c'è il nulla, alla faccia della formazione continua.Spesso non sono soli i datori di lavoro il problema, tanti dicono di aver studiato tanto per tanti anni quindi ora si sentono a posto. Ho visto tanti informatici che hanno smesso di imparare.
    • bubba scrive:
      Re: conosce le dimensioni del problema
      - Scritto da: qualcuno
      Il Vicepresidente della Commissione ha altresì
      sottolineato anche che "la proposta italiana
      Grand Coalition for Digital Jobs dimostra che
      l'Italia conosce le dimensioni di questo problema
      e gli strumenti necessari per
      rimediare".

      XXXXXXX, se veramente l'Italia conoscesse le
      dimensioni di questo problema non investirebbe
      solo quattro soldi in formazione professionale.http://www.lavoce.info/fondi-strutturali-europei-disastro/ (notare "progetti di informazione")
      • qualcuno scrive:
        Re: conosce le dimensioni del problema
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: qualcuno

        Il Vicepresidente della Commissione ha
        altresì

        sottolineato anche che "la proposta italiana

        Grand Coalition for Digital Jobs dimostra che

        l'Italia conosce le dimensioni di questo
        problema

        e gli strumenti necessari per

        rimediare".



        XXXXXXX, se veramente l'Italia conoscesse le

        dimensioni di questo problema non investirebbe

        solo quattro soldi in formazione professionale.
        http://www.lavoce.info/fondi-strutturali-europei-dChi sei il solito che cerca di scaricare sull'europa la colpa di tutte le XXXXXte italiane? E' il solito ritornello che si legge su tutti i media e su tutti i forum di internet da un po di tempo.Però se fai bene attenzione al comportamento del tuo capo e dei tuoi colleghi ti accorgeresti che europa o non europa il problema della formazione professionale rimane.
        • collione scrive:
          Re: conosce le dimensioni del problema
          - Scritto da: qualcuno
          Chi sei il solito che cerca di scaricare
          sull'europa la colpa di tutte le XXXXXte
          italiane? E' il solito ritornello che si legge suEuropa? ma non era la Germania? :Dcomunque è interessante notare come l'italiano ami vestire i panni della vittima, continuando a non far nullaovviamente i risultati saranno scarsi, ma a quel punto non si fa autocritica, semplicemente si punta il dito contro i tedeschi brutti e cattivi
        • bubba scrive:
          Re: conosce le dimensioni del problema
          - Scritto da: qualcuno
          - Scritto da: bubba

          - Scritto da: qualcuno


          Il Vicepresidente della Commissione ha

          altresì


          sottolineato anche che "la proposta italiana


          Grand Coalition for Digital Jobs dimostra che


          l'Italia conosce le dimensioni di questo

          problema


          e gli strumenti necessari per


          rimediare".





          XXXXXXX, se veramente l'Italia conoscesse le


          dimensioni di questo problema non investirebbe


          solo quattro soldi in formazione
          professionale.


          http://www.lavoce.info/fondi-strutturali-europei-d

          Chi sei il solito che cerca di scaricare
          sull'europa la colpa di tutte le XXXXXte
          italiane?chi sei il solito che legge a malapena il titolo di una cosa che poi passa ferocemente a commentare subito dopo? (tutto senza punteggiatura per mimare la frase sopra riportata) :)
    • Joshthemajor scrive:
      Re: conosce le dimensioni del problema
      Da quando per essere "informatici" serve studiare?Per quello che so io, chi esce dall'università di informatica impara decentemente un paio di linguaggi, poi però non riesce a collegare la tastiera al computer e rimane in un angolo a piangere.
      • collione scrive:
        Re: conosce le dimensioni del problema
        la cosa divertente è che gli informatici autodidatti sono vari ordini di grandezza più capaci e competenti di quelli usciti dalle universitàpurtroppo credo che l'informatica richieda una gran dose di creatività, è un qualcosa di molto più vicino alla ricerca scientifica che alla comune ingegnerianegli altri settori ingegneristici, lo studio ti mette in condizioni di risolvere tutti i tipici problemi che incontrerainel campo informatico è invece necessaria una continua attività creativa
  • tucumcari scrive:
    Sostiene Kroes (no, non Pereira)
    Dice la Kroes: "All'Europa manca quasi un milione di lavoratori ICT specializzati".Dicono i gli ICT specializzati: "All'Italia mancano gli stipendi adeguati, all'Europa non si sa" :
    • ... scrive:
      Re: Sostiene Kroes (no, non Pereira)
      [img]http://qwejkl.files.wordpress.com/2011/02/i-came.jpg?w=300&h=281[/img]
    • qualcuno scrive:
      Re: Sostiene Kroes (no, non Pereira)
      Gurda che in Italia se la passano male tutti, gli informatici sono trattati meglio di tante altre catogorie. Per quanto riguarda il resto d'europa la risposta è si, a meno che non te ne vai in Grecia o in Romania puoi trovare stipendi nettamente migliori di quelli italiani.Guadagna molto di più un informatico indiano nel regno unito che un italiano nel suo paese.
      • Feet on the Ground scrive:
        Re: Sostiene Kroes (no, non Pereira)
        Gli informatici sono pagati per quello che valgono: niente. :)
        • ... scrive:
          Re: Sostiene Kroes (no, non Pereira)
          - Scritto da: Feet on the Ground
          Gli informatici sono pagati per quello che
          valgono: niente.
          :)[img]http://reactiongifs.me/wp-content/uploads/2013/08/terminator-smiling-Arnold-Schwarzenegger.gif[/img]
        • tucumcari scrive:
          Re: Sostiene Kroes (no, non Pereira)
          - Scritto da: Feet on the Ground
          Gli informatici sono pagati per quello che
          valgono: niente.
          :)Quelli sono i troll, ti confondi. Poi c'e' il caso che uno sia entrambe le cose, ma guadagna solo da una.
    • suca scrive:
      Re: Sostiene Kroes (no, non Pereira)
      Parole sante.
Chiudi i commenti