Siria, dubbi sulle foto della blogger scomparsa

Dopo la massiccia circolazione della notizia del sequestro di Amina Arraf, alcune fonti di informazione sollevano dei dubbi sulla veridicità delle foto diffuse

Roma – Dopo la notizia dell’arresto o presunto sequestro, alcuni blog riportano dei dubbi sull’autenticità delle foto relative ad Amina Arraf, la blogger siriano-statunitense scomparsa nella giornata di ieri a Damasco.

Il Wall Street Journal fa riferimento a una fonte britannica secondo la quale le immagini affiancate alla notizia ritrarrebbero un’altra persona , una donna di nome Jelena Lecic residente a Londra.

Andy Carvin, giornalista di NPR , sostiene che al momento risulta complicato mettersi in contatto con le persone che dicono di aver incontrato di persona la persona scomparsa, così da chiarire i contorni della vicenda. ( C.S. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gomez scrive:
    disattivati da sempre
    i "servizi" di autocomplete e instant di google, non sono di alcuna utilita', scrivi i termini che vuoi cercare, clicca e leggi i risultati, e solose non vedi nulla che ti soddisfi aggiungi itermini che TU ritieni importanti e ricliccao devo aspettare che sia google a dirmi che se voglio cercare bottiglie di vetro fatte in Cina devo scrivere "bottiglie vetro Cina"???????Mauro
  • andrea scrive:
    e la censura dei risultati dove la mett?
    provate a confrontare i risultati di questa stringa di ricerca in google e in bing:"social network" site:megaupload.comperché google restituirsce 95 risultati mentre bing ne restituisce 2.800.000?perché nei risultati di google non vi sono file di grosse dimensioni?e perché nessuno parla della censura dei RISULTATI delle ricerche, e non dei soli suggerimenti??
  • ovvero scrive:
    la redazione de che?
    la redazione di TorrentFreak? ma allora se hanno una redazione vuol dire che e' un business...
    • Mighael scrive:
      Re: la redazione de che?
      beh è una rivista come punto informatico dove sta il problema?stai fuori? o la rendiamo illegale solo perchè c'è torrent nel nome? ^^
      • gia fatto scrive:
        Re: la redazione de che?
        - Scritto da: Mighael
        beh è una rivista come punto informatico dove sta
        il
        problema?
        stai fuori? o la rendiamo illegale solo perchè
        c'è torrent nel nome?
        ^^gia fatto in francia (f minuscola voluta)
  • Fetente scrive:
    Ottimo!
    Sempre più utenti per il muletto...
    • anonimo scrive:
      Re: Ottimo!
      - Scritto da: Fetente
      Sempre più utenti per il muletto...Comunque il titolo parla di p2p, ma a parte bittorrent gli altri mi pare che siano semplici siti che permettono di caricare e scaricare file da un server. Non c'è un passaggio peer to peer
      • deactive scrive:
        Re: Ottimo!
        bittorrent non e' solo un client?
        • anonimo scrive:
          Re: Ottimo!
          - Scritto da: deactive
          bittorrent non e' solo un client?No, è un protocollo p2p (c'è anche l'omonimo programma che usa ovviamente il protocollo bittorrent), quando scarichi condividi i chunks con gli altri
          • deactive scrive:
            Re: Ottimo!
            ok ok, so che c'e' un client che si chiama proprio bittorrent per Win ( che non ho mai usato, io ho sempre usato Transmission )Cmq, leggendo meglio l'articolo in lingua orginale si capisce che "Other file-sharing terms, like BitTorrent, torrent, and Rapidshare, only make suggestions after users have typed in the full first word. " si parla dunque sia di 'bittorrent' che 'torrent', come termini di ricerca, e cmq soltanto nelle suggestions ( di cui peraltro potevamo tranquillamente fare a meno )
          • anonimo scrive:
            Re: Ottimo!
            - Scritto da: deactive
            ok ok, so che c'e' un client che si chiama
            proprio bittorrent per Win ( che non ho mai
            usato, io ho sempre usato Transmission
            )

            Cmq, leggendo meglio l'articolo in lingua
            orginale si capisce che

            "Other file-sharing terms, like BitTorrent,
            torrent, and Rapidshare, only make suggestions
            after users have typed in the full first word.
            "

            si parla dunque sia di 'bittorrent' che
            'torrent', come termini di ricerca, e cmq
            soltanto nelle suggestions ( di cui peraltro
            potevamo tranquillamente fare a meno
            )Sì ma resta un brutto precedente. Fra l'altro ero intenzionato a mettere dei fumetti che avevo fatto usando un sito tipo mediafire, visto che costa pochi dollari all'anno e mi permette di piazzare file enormi senza dovermi preoccupare del traffico mensile. Ma se poi vuol dire avere molta meno visibilità è una bella XXXXXXXX.
          • deactive scrive:
            Re: Ottimo!
            allora forse e' meglio usare flickr sotto Creative Commons.
          • anonimo scrive:
            Re: Ottimo!
            - Scritto da: deactive
            allora forse e' meglio usare flickr sotto
            Creative
            Commons.Sì ma con flickr se uno li legge poi deve aspettare tra una pagina e l'altra che carica. Volendo poi si può anche usare Deviantart che ti crea un widget in flash (magari lo fa anche flickr). Così invece potevo dare un pdf o un cbr/cbz (cioè un rar o uno zip)Poi mi ruga usare quei servizi americani perché se magari metto un'immagine erotica per loro è XXXXX e mi bannano. Anche se per ora non faccio cose di quel genere voglio la massima libertà.
  • panda rossa scrive:
    La polvere sotto il tappeto.
    Noi che siamo in italia, siamo ormai da secoli abituati alle classiche soluzioni all'italiana, che non risolvono niente, ma fanno sempre tutti contenti.Avremmo potuto brevettarle e ora vivremmo tutti dei proventi delle royalties.Ma purtroppo per noi, le soluzioni all'italiana fanno parte della prior art, e in ogni caso, i diritti sarebbero scaduti da secoli.E quindi eccoci qua ad assistere alla piu' classica delle soluzioni al problema della sporcizia: nascondere la polvere sotto il tappeto.Non frega a nessuno di pulire la stanza, l'importante e' che gran parte della polvere non si veda.Poi fa niente se sotto il tappeto si annideranno piattole e scarafaggi, ancora piu' difficili da stanare.
    • deactive scrive:
      Re: La polvere sotto il tappeto.
      perche' parli di Italia? Google applichera' queste ( discutibilissime ) policies a tutte le ricerche, non solo a quelle italiane.Il solo fatto che alcune keyword vengano blacklisted e altre no, gia' mi fa scendere di 20K punti google ai miei occhi.Tutte marchette, come tutti gli altri.
      • panda rossa scrive:
        Re: La polvere sotto il tappeto.
        - Scritto da: deactive
        perche' parli di Italia? Perche' noi ci siamo gia' fatti riconoscere, prima perche' quelli della vividown invece di ringraziare google per aver permesso l'identificazione di 4 deficienti, fanno incriminare l'AD di google italia.Poi perche' quell'altro truffatore, siccome quando cercano il suo nome esce il suggerimento "truffatore", perche' il galantuomo in questione e' noto alla cronaca per essere un truffatore, si e' lamentato per aver visto lesa la sua reputazione.
        Google applichera'
        queste ( discutibilissime ) policies a tutte le
        ricerche, non solo a quelle
        italiane.Be' certo, gia' che le fa le fa per tutti.
        Il solo fatto che alcune keyword vengano
        blacklisted e altre no, gia' mi fa scendere di
        20K punti google ai miei occhi.Google che c'entra. Sono tutti quegli idioti che pretendono che la loro polvere sia ben nascosta sotto il tappeto, che hanno provocato tutto questo.
        • Guybrush scrive:
          Re: La polvere sotto il tappeto.
          - Scritto da: panda rossa[...]
          Google che c'entra. Sono tutti quegli idioti che
          pretendono che la loro polvere sia ben nascosta
          sotto il tappeto, che hanno provocato tutto
          questo.E comunque se ignori il completamento automatico e avvii la query, i risultati arrivano lo stesso.In ogni casu basta rivolgersi a Baidu ^___^ o ad Ask, o Yahoo eccetera, eccetera, eccetera.GT
          • Sgabbio scrive:
            Re: La polvere sotto il tappeto.
            yahoo ? Quella a cui hanno intimato di filtrare il filtrabile ?
Chiudi i commenti