Siria fuori e dentro Internet

Nuovo blackout in medioriente, il secondo in poco più di una settimana. Gli utenti locali sono rimasti al buio per otto ore. Si pensa a un gesto del regime di al-Assad
Nuovo blackout in medioriente, il secondo in poco più di una settimana. Gli utenti locali sono rimasti al buio per otto ore. Si pensa a un gesto del regime di al-Assad

Nuovi misteriosi problemi tecnici ai cavi in fibra ottica nello stato siriano, annunciati su Twitter dall’agenzia di stampa nazionale Syria News . L’ennesimo blackout ha portato gli utenti locali al buio cibernetico, tagliati fuori da Internet per circa 8 ore dalla scorsa mattinata . È la seconda disconnessione di massa registrata nell’area siriana in poco più di una settimana.

Da Akamai a Renesys, le principali società d’analisi del traffico Internet hanno confermato un calo significativo nel traffico DNS da e per la Siria. I responsabili di Arbor Networks hanno diramato un grafico a dimostrazione di un completo azzeramento nel traffico web a partire dalle ore 8 (UTC) . Numerosi siti governativi sono rimasti inaccessibili, così come quelli dell’informazione nazionale ed internazionale.

grafico arbor networks

Come già accaduto col precedente blackout, la spiegazione tecnica offerta dai media di stato non sembra aver convinto gli osservatori esterni. Si vocifera che il regime guidato dal presidente Bashar al-Assad abbia ordinato il blocco delle connessioni per evitare la circolazione di notizie sull’attesa risoluzione delle Nazioni Unite contro il massacro di civili che sarebbe ancora in corso in terra siriana. ( M.V. )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 05 2013
Link copiato negli appunti