Skateboard senza spinta

Per usare il noto mezzo di locomozione pensando solo a mantenere l'equilibrio

In passato, molte volte su queste pagine ci siamo occupati di skateboard futuristici. Uno su tutti è lo skate pensieroso , sviluppato presso i laboratori di Chaotic Moon e capace di trasformare gli impulsi cerebrali in comandi di accelerazione e frenata. Un prototipo, ovviamente, azionato da un controller neuronale piuttosto ingombrante, da mettere a punto sotto molti aspetti, soprattutto dal punto di vista della sicurezza.
A fronte di prototipi come questi, iniziano a diffondersi anche prodotti commerciali veri e propri, come ZBoard Electric Skateboard.

ZBoard Electric Skateboard

ZBoard è l’evoluzione in senso Segway di un tradizionale skateboard. Attenzione, però: niente sensori per l’equilibrio, la cui gestione resta quindi a carico dell’utente. A differenze degli skate tradizionali, gli utilizzatori non devono preoccuparsi di imprimere con piede e gamba la forza necessaria per il movimento. Le ruote, infatti, girano perché mosse da un motore elettrico da 400W, capace di raggiungere la velocità di 27 km/h.

Il rider può controllare la tavola semplicemente utilizzando due pad a pressione presenti nella parte anteriore e posteriore dello skate stesso. In pratica, premendo con il piede il pulsante anteriore, il motore inizia ad accelerare nella direzione frontale. L’accelerazione dipende dalla pressione esercitata dal piede. D’altra parte, premendo con il piede il pulsante posteriore, il motore inizia ad accelerare nel senso opposto. Questa azione si caratterizza come una frenata vera e propria e, dopo poco, si trasforma in un movimento dello skate nella parte posteriore, come una sorta di retromarcia.
Il sensore presente sotto i pulsanti riconosce le differenti pressioni e le traduce in un incremento o in una diminuzione della potenza.

L’azienda produttrice, Intuitive Motion, propone due modelli di ZBoard: il Classic e il Pro. Il primo, con una singola ricarica è capace di percorrere al massimo 8 chilometri con una velocità di punta di 24 km/h. Il Pro, invece, ha un’autonomia di 16 km a singola ricarica, con una velocità di crociera massima di 27 km/h.

Entrambi i modelli sono disponibili sullo store online dell’azienda , ad un prezzo di 649 dollari per il Classic e a partire da 949 dollari per il Pro.

A questi si affianca lo Special Edition SF (San Francisco) – disponibile dal prossimo Luglio – che presenta un motore da 24V/400W, con pacco batteria agli ioni di litio (LiFePO4) da 20 Ah, per un’autonomia di quasi 30 chilometri con una singola ricarica di 5 ore e velocità massima pari a 28 km/h. Il prezzo di quest’ultimo sfiora i 1200 dollari.

Gli ZBoard sono dunque mezzi di locomozione elettrici davvero interessanti, anche se costosi, ma in Italia non sono autorizzati a circolare né su strada, né su marciapiedi e neanche sulle piste ciclabili.

(via NBCNews )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Etype scrive:
    cattiva azienda
    EA ...eh si proprio una cattiva azienda :Dhttp://www.youtube.com/watch?v=_Z4J651SOvkhttp://www.youtube.com/watch?v=vdz58E1MWBMhttp://www.youtube.com/watch?v=2F3_JMYNB6Ahttp://www.youtube.com/watch?v=mnFZQQTtuds
  • andreabont scrive:
    Non c'e' peggior sordo
    La EA non si rende conto, come molte aziende moderne, che il loro lavoro deve concentrarsi su accontentare e coccolare il cliente, perche' l'obiettivo di una azianda e' VENDERE.Ora, milioni di clienti arrabbiati che minacciano di boicottare i prossimi prodotti EA... e' una prospettiva tragica per una azienda.Che se ne rendano conto.
    • Quillan scrive:
      Re: Non c'e' peggior sordo


      Ora, milioni di clienti arrabbiati che minacciano
      di boicottare i prossimi prodotti EA... e' una
      prospettiva tragica per una
      azienda.


      Che se ne rendano conto.Purtroppo la memoria di gran parte dei consumatori è solida come quella di un pesce rosso... fai passare pochi mesi, tira fuori il nuovo sequel del brand di punta (che sia BF/Fifa/Whatever) e vedi come ne venderanno badilate di copie già al day-0 (che di fatto spesso è una sorta di betatest allargato).
  • LOL scrive:
    Beh se lo meritano.
    L'ultimo videogioco decente della EA è Battlefield 3, io commisi l'errore di comprare Medal of Honor Warfighter, e me ne sono pentito. Non ho esperienza con FIFA perchè sono passato a PES già da tempo (anche se ho letto che ci sono problemi), ma se guardiamo lo schifo di Mass Effect 3, i vari Need for Speed che ormai fan tutti schifo (l'ultimo decente fu Most Wanted del 2005)e il disastro con SimCity, senza parlare di Origin che se rimanevano su Steam era meglio, EA si meriterebbe il titolo di peggior azienda per i prossimi 10 anni.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Beh se lo meritano.
      Sullo schifo di ME3, diciamo che EA centra poco, visto che la Bioware che fece alcune scelte discutibili, pure sul finale... Velo pietoso però sui buchi di trama, lasciati volutamente per lucrare sui DLC.
    • fred scrive:
      Re: Beh se lo meritano.
      - Scritto da: LOL
      L'ultimo videogioco decente della EA è
      Battlefield 3, Il drm di questo gioco e' esasperante, piu' meta' delle volte non sono riuscito a farlo andare a causa della connessione internet non stabile (che lo fa crashare letteralmente), del client Origin che non autentificava o aveva aggiornamenti in sospeso, o del gioco stesso che non si avviava per via delle impostazioni del browser (fra l'altro e' assurdo che per avviare un gioco serva internet explorer da un applet....).Dopo la morte della mobo e la conseguente resintallazione ho faticato per riaverlo funzionante, non riusciva a ripararlo e ho dovuto reisntallare da zero (ha riscaricato 14+ gibabyte di traffico).Di nuovo esasperato l'ho craccato con rdl-qualcosa e da li' in poi ha funzionare, pero' ormai mi ha rotto e nonostante tutto non l'ho piu' giocato.
  • ... scrive:
    Scuse puerili
    Capito? Loro possono "fare di meglio" ma non solo peggio di chi inquina il mare.Hei, Moore, ti suggerisco questa: "come potete dire che EA non e' una buona societa' quando quel pazzo dittatore coreano minaccia di bombardarci?"Ecco, la logica (del menga) e' la stessa.Cominciassero a darsi una ripulita loro stessi, allora si che potranno puntare il dito contro altri.Io, per sicurezza, non compro roba EA da anni.
    • zio fella scrive:
      Re: Scuse puerili
      ma su che basi è stata eletta "peggiore azienda d'America"?non si capisce....solo per il lancio disastroso di SimCity?mi sembra, che EA abbia un parco titoli invidiabile e di sicuro guadagno...
      • axl scrive:
        Re: Scuse puerili
        - Scritto da: zio fella
        ma su che basi è stata eletta "peggiore azienda
        d'America"?
        non si capisce....solo per il lancio disastroso
        di
        SimCity?
        mi sembra, che EA abbia un parco titoli
        invidiabile e di sicuro
        guadagno...devi vedere la serie fifa allora... i server fanno pena, pieno di bug e al lancio ci son voluti 2 mesi per sistemare qualcosa... tutt'ora ho problemi.. alla EA sono scarssimi
      • bubba scrive:
        Re: Scuse puerili
        - Scritto da: zio fella
        ma su che basi è stata eletta "peggiore azienda
        d'America"?pare che "aprano" il concorso, la gente gli manda tons di "nomination".. e sulla base dei numeri, tirano fuori un panel di 32 aziende, da far votare in un match stile calcio.
        non si capisce....solo per il lancio disastroso
        di
        SimCity?Nono moooolte piu' cose. C'e' un bel elenchino qui http://consumerist.com/2013/04/05/ea-admits-it-can-do-better-but-blames-worst-company-success-on-homophobes-and-whiny-madden-fans/
        • zio fella scrive:
          Re: Scuse puerili
          non conoscevo questa realtà visto che non gioco praticamente mai on-linema a quanto ne so è la prima azienda americana di videogiochiforse seconda dopo blizzard?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Scuse puerili
            - Scritto da: zio fella
            non conoscevo questa realtà visto che non gioco
            praticamente mai
            on-line
            ma a quanto ne so è la prima azienda americana di
            videogiochi
            forse seconda dopo blizzard?Ma non si guarda al mero fatturato o al parco titoli per eleggere la qualità di un'azienda del settore.Lasciamo perdere Blizzard, che se non fosse per i suoi fanboy senza cervello, che si sacrificano la dignità per difenderla, avrebbe ricevuto le stesse critiche di EA e Ubisoft, per Diablo 3 e per quella commercialata di Starcraft 2.
          • Copons scrive:
            Re: Scuse puerili
            - Scritto da: Sgabbio
            Lasciamo perdere Blizzard, che se non fosse per i
            suoi fanboy senza cervello, che si sacrificano la
            dignità per difenderla, avrebbe ricevuto le
            stesse critiche di EA e Ubisoft, per Diablo 3 e
            per quella commercialata di Starcraft
            2.Blizzard, nonostante i suoi fanboy senza cervello, è stata criticata pesantemente per Diablo 3.Meno rispetto a SimCity, ma direi che è imputabile al fatto che in Diablo non funzionavano "solo" i server, mentre in SimCity mancano un sacco di altre cose (che tuttora non sono state ripristinate).
          • Sgabbio scrive:
            Re: Scuse puerili
            - Scritto da: Copons

            Blizzard, nonostante i suoi fanboy senza
            cervello, è stata criticata pesantemente per
            Diablo
            3.Ma c'è stata una Defance force tutta per il gioco, perchè era "un giuoco blizzard, quindi belo!1", poi se ci mettiamo insieme una stampa del settore cala braghe.
            Meno rispetto a SimCity, ma direi che è
            imputabile al fatto che in Diablo non
            funzionavano "solo" i server, mentre in SimCity
            mancano un sacco di altre cose (che tuttora non
            sono state
            ripristinate).SimCity e ACII, furono bombardati di critiche, pure dalla stessa stampa internazionale. Ricordo poi che per SimCity, molte testate italiane a causa del DRM, non potevano fare la recensione.....Ripeto, Ubisoft e EA, sono stra odiate, sono in pochi difendono a spada tratta le loro scelte, per blizzard, invece c'è un numero sterminato di fanboy.
          • Copons scrive:
            Re: Scuse puerili
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Copons




            Blizzard, nonostante i suoi fanboy senza

            cervello, è stata criticata pesantemente per

            Diablo

            3.

            Ma c'è stata una Defance force tutta per il
            gioco, perchè era "un giuoco blizzard, quindi
            belo!1", poi se ci mettiamo insieme una stampa
            del settore cala
            braghe.


            Meno rispetto a SimCity, ma direi che è

            imputabile al fatto che in Diablo non

            funzionavano "solo" i server, mentre in
            SimCity

            mancano un sacco di altre cose (che tuttora
            non

            sono state

            ripristinate).

            SimCity e ACII, furono bombardati di critiche,
            pure dalla stessa stampa internazionale. Ricordo
            poi che per SimCity, molte testate italiane a
            causa del DRM, non potevano fare la
            recensione.....

            Ripeto, Ubisoft e EA, sono stra odiate, sono in
            pochi difendono a spada tratta le loro scelte,
            per blizzard, invece c'è un numero sterminato di
            fanboy.Continuo a non essere propriamente d'accordo sul fatto che Diablo 3 fu difeso a spada tratta quando addirittura l'Error 37 è divenuto un meme...In ogni caso, Ubi e EA sono inevitabilmente più bistrattate di Blizzard semplicemente perché sono a due livelli diversi di "male".Blizzard piazza il DRM su 3 giochi al decennio, tutti sviluppati internamente.Ubi e EA pubblicano tipo il 50% (cifra a caso) dei giochi totali, e se fanno una pecionata questa si propaga molto più rispetto a una pecionata di Blizzard.Senza contare poi che EA viene odiata anche e soprattutto per le sue politiche di assorbire, sfruttare e poi smembrare software house (e relativi IP) di pregio assoluto.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Scuse puerili
            - Scritto da: Copons

            Continuo a non essere propriamente d'accordo sul
            fatto che Diablo 3 fu difeso a spada tratta
            quando addirittura l'Error 37 è divenuto un
            meme...Credimi, c'è gente che giustificava pure che "l'intelligenza del gioco" era cosi complessa da richiedere un server Farm per essere gestito! Intanto Diablo 3 per ps3 e 4 sarà offline.....Nel periodo della sua uscita ne dicevano di tutti i colori per difenderla :D
            In ogni caso, Ubi e EA sono inevitabilmente più
            bistrattate di Blizzard semplicemente perché sono
            a due livelli diversi di
            "male".Diciamo che Blizzard fa pochi giochi quindi non è sempre "esposta mediaticamente" ma quando lo fa, i risultati si vedono.Ubi e EA sfornano titoli a nastro, ma se EA è odiata per uccidere software house talentuose e di trasformare i loro capolavori in M, la ubisoft ha il dono di auto sXXXXXXXrsi.Assasin Creed che ormai esce quando un COD, uno all'anno, facendo risentire la qualità di tutto, il 3 per essere una MEGA PRODUZIONE aveva un gameplay semplificato al massimo, energia auto rigenerate è una lunga serie d'imbarazzanti bug e glitch.Di recente fu sfanculato per Rayman origins o legends, non ricordo.Titolo esclusivo per wii u, rimandato a 2 settimane dall'uscita per farlo multi piattaforma, beccandosi pure insulti dagli sviluppatori.
            Blizzard piazza il DRM su 3 giochi al decennio,
            tutti sviluppati
            internamente.Ma tecnicamente parlando la connessione perenne non è nemmeno pensato come un DRM, anche perchè gli scopri erano ben altri.Poi le critiche su Starcraft 2 sono praticamente 2:1) L'enorme giro di vite ai mod vari, quando nei primo Starcraft erano una manna per quel titolo2) aver diviso la campagna single player in capitoli acquistabili a parte.
            Ubi e EA pubblicano tipo il 50% (cifra a caso)
            dei giochi totali, e se fanno una pecionata
            questa si propaga molto più rispetto a una
            pecionata di
            Blizzard.Peccato però che Blizzard ha nomi grossi, un Diablo smuove sempre, se consideriamo che è dal 2008 che parlavano :D
            Senza contare poi che EA viene odiata anche e
            soprattutto per le sue politiche di assorbire,
            sfruttare e poi smembrare software house (e
            relativi IP) di pregio
            assoluto.Infatti mi fa XXXXXXXre che EA abbia acquistato bioware, che è l'unica software house che ha fatto un gioco di sonic Titanico per il NDS, tra l'altro l'unico titolo decente della ormai passata generazione videoludica, dedicato al riccio blu di XXXX.Infatti quel gioco lasciava volutamente spazio per un seguito, che non vedrà mai la luce.
    • trullo scrive:
      Re: Scuse puerili
      non è la peggiore ma fa schifo tanto tanto
  • Luther_Blissett scrive:
    Electronic Arts
    Peggior Azienda d'America. Mi fa quasi tenerezza: pensate noi Italioti cosa dovremmo dire... FFSS, Poste, Telecom. Abbiamo l'imbarazzo della scelta. Ecco, imbarazzo è proprio il termine giusto
    • bubba scrive:
      Re: Electronic Arts
      - Scritto da: Luther_Blissett
      Peggior Azienda d'America. Mi fa quasi tenerezza:
      pensate noi Italioti cosa dovremmo dire... FFSS,
      Poste, Telecom. Abbiamo l'imbarazzo della scelta.
      Ecco, imbarazzo è proprio il termine
      giustobeh loro hanno fissi in classifica AT&T e Bank of America... :P a ognuno il suo...
    • Lia scrive:
      Re: Electronic Arts
      ma sei XXXXXXXXXX o cosa? si sta commentando una notizia su un'azienda americana e tiri in ballo le poste, telecom, etc...
      • Luther_Blissett scrive:
        Re: Electronic Arts
        E' da un paio di anni che ho smesso di frequentare punto-informatico.Tu mi hai appena ricordato il perchè.Ora continuerò ad evitarlo, grazie.
    • panda rossa scrive:
      Re: Electronic Arts
      - Scritto da: Luther_Blissett
      Peggior Azienda d'America. Mi fa quasi tenerezza:
      pensate noi Italioti cosa dovremmo dire... FFSS,
      Poste, Telecom. Abbiamo l'imbarazzo della scelta.
      Ecco, imbarazzo è proprio il termine
      giustoAlmeno le FFSS, le poste, etc, non partono dal principio che i loro clienti sono ladri da truffare.
      • il signor rossi scrive:
        Re: Electronic Arts
        - Scritto da: panda rossa

        Almeno le FFSS, le poste, etc, non partono dal
        principio che i loro clienti sono ladri da
        truffare.le poste sì, da quando sono state privatizzate. Ho assistito a un colloquio fra un'impiegata e una cliente dove l'impiegata cercava di piazzargli PosteMobile e francamente se non era truffa poco ci mancava, non voglio sapere come si comportano quando devono piazzare i loro bond, certificati di deposito e simili.Le FFSS anche, basta che tu guardi alle condizioni del trasporto regionale. Prendono soldi dalle regioni e forniscono un servizio indecente. Quindi insomma... siamo lì.
      • Quillan scrive:
        Re: Electronic Arts
        - Scritto da: panda rossa

        Almeno le FFSS, le poste, etc, non partono dal
        principio che i loro clienti sono ladri da
        truffare.Ne sei sicuro? ;p
Chiudi i commenti