Skype entra in azienda, con SIP

Nel corso dell'anno verrà rilasciata una speciale versione aziendale di Skype capace di supportare il protocollo di comunicazione SIP e, con esso, i centralini privati basati sulla stessa tecnologia

Roma – Nel corso dell’anno Skype lancerà una versione del suo celebre client VoIP espressamente indirizzato alle aziende, e in modo particolare a quelle che utilizzano centralini telefonici privati (PBX, Private Branch eXchange) basati sul protocollo standard SIP (Session Initiation Protocol).

Skype For SIP, di cui esisterà anche una versione italiana, consentirà agli utenti aziendali di effettuare e ricevere chiamate nazionali e internazionali utilizzando i telefoni già presenti in ufficio, dunque senza la necessità di utilizzare un PC.

“In questo modo le aziende possono ora essere raggiunte telefonicamente dagli oltre 405 milioni di utenti Skype, utilizzando il click-to-call sui loro siti web, senza che questo comporti costi addizionali per il chiamante – spiega Skype in un comunicato -Inoltre possono anche scegliere di attivare ulteriori soluzioni per ricevere attraverso lo stesso sistema Skype anche chiamate di utenti che chiamano da linee tradizionali fisse e mobili”.

Come tradizione, le chiamate verso i computer che utilizzano il software Skype saranno gratuite, mentre quelle dirette a numeri di rete fissa o mobile costeranno alle aziende 2,1 centesimi di dollari al minuto.

Skype è stata acquisita da eBay nel 2005, e l’omonimo client di telefonia IP è stato integrato nel celebre sito d’aste di quest’ultima per consentire un dialogo diretto e gratuito tra acquirente e venditore. Nonostante Skype sia il software di VoIP più diffuso al mondo, per eBay non è mai stato semplice monetizzarne la visibilità, e se è vero che nell’ultimo periodo i profitti generati da Skype sono cresciuti , certe fonti affermano che eBay sarebbe tuttora alla ricerca di un buon acquirente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gino scrive:
    Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
    Scusate ma volevo far notare:danni causati 75.000 dollari (costo effettivo player rubati)soldi intascati 400.000 dollari. I player vengono venduti ad un 60% circa del prezzo originale.cioè: a fronte di una spesa di 75.000 dollari Apple ne intasca 750.000.Con un guadagno del 1000%. Ha ha ha ha ha ha Troppo grandi loro e troppo coglio*i i clienti!!!
    • MeX scrive:
      Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
      vero i Jeans della Diesel invece li valgono proprio 240E chi non spenderebbe 650 per Vista Ultimate? li vale tutti!Ecco un altro che non capisce che il prezzo non é determinato dal costo...
      • Gino scrive:
        Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
        No no, guarda... già lo so che il prezzo non è determinato dal costo... ma un ricarico del 1000% può suscitare legittimamente qualche dubbio anche nel più liberale e liberista (nel senso del mercato) degli individui. E mette anche in dubbio il primo teorema del macaco che dice:Il costo dei prodotti Apple è dovuto alla maggior qualità.
        • MeX scrive:
          Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
          quindi continui a confondere il ricavo dal guadagno?
        • gi-NO scrive:
          Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
          Ok scusa ricarico del 900%.Ora va meglio? A me la percentuale continua a sembrare un po' elevata, a te no?Rimane il fatto che ho confutato il primo teorema del macaco, senza dover impazzire ad impostare il dimostratore di teoremi.
          • Pel scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            - Scritto da: gi-NO
            Ok scusa ricarico del 900%.

            Ora va meglio? A me la percentuale continua a
            sembrare un po' elevata, a te
            no?

            Rimane il fatto che ho confutato il primo teorema
            del macaco, senza dover impazzire ad impostare il
            dimostratore di
            teoremi.No, mi spiace per te, ma evidentemente non sei pratico di produzione industriale. Un prezzo di vendita al pubblico pari a 10 volte il costo di produzione è assolutamente normale perché un prodotto sia profittevole.
          • Gino scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            Ribadisco: qui si parla di danni globali, non del solo costo dell'oggetto in se, cioè di tutto quello che è stato speso(stipendio dei dipendenti compresi, costo della spedizione, e forse anche un briciolo di ammortamento...).I danni denunciati serviranno per chiedere risarcimento, quindi non credo proprio che Apple regalerà a quell'individuo anche un solo centesimo.Ne segue che qualsiasi cifra in più è già profittevole, ed è denaro sonante per gli azionisti... .
          • MeX scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            no il denaro in piú é il RICAVODal ricavo togli TUTTE le spese che l'azienda ha, anche non connesse al prodotto... ecco quello é il guadagno.
          • Gino scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            - Scritto da: MeX
            no il denaro in piú é il RICAVO
            Dal ricavo togli TUTTE le spese che l'azienda ha,
            anche non connesse al prodotto... ecco quello é
            il
            guadagno.E quei 75.000 dollari che Apple ha definito come DANNI cosa credi che siano? :D
          • MeX scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            se lo consideri il GUADAGNO allora non sai quanto è il ricavo
          • Stein Franken scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            Concordo ;) almeno c'è qualcuno che conosce cosa c'è dietro ai costi.
    • Giambo scrive:
      Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
      - Scritto da: Gino
      cioè: a fronte di una spesa di 75.000 dollari
      Apple ne intasca
      750.000.
      Con un guadagno del 1000%. Un DVD costa 20 centesimiMicrosoft Windows Server03 5x (?) quasi mille EuroGuadagno 5000000% (Ho messo uno '0' di troppo ?).Trova cosa c'e' di sbagliato nel mio (E quindi nel tuo) ragionamento ;)
      • Giuseppe Garibaldi scrive:
        Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
        - Scritto da: Giambo
        - Scritto da: Gino


        cioè: a fronte di una spesa di 75.000 dollari

        Apple ne intasca

        750.000.

        Con un guadagno del 1000%.

        Un DVD costa 20 centesimi
        Microsoft Windows Server03 5x (?) quasi mille Euro
        Guadagno 5000000% (Ho messo uno '0' di troppo ?).

        Trova cosa c'e' di sbagliato nel mio (E quindi
        nel tuo) ragionamento
        ;)Che la stima di Apple include il costo dell'HW e del SW (ovvero del prodotto finito in tutte le sue compoenti), la tua solo il supporto fisico e non il costo del SW.Puoi si può discutere se il prezzo del SW è congruo o meno, ma il tuo approccio è sicuramente errato.
        • Giambo scrive:
          Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
          - Scritto da: Giuseppe Garibaldi
          Che la stima di Apple include il costo dell'HW e
          del SW (ovvero del prodotto finito in tutte le
          sue compoenti), la tua solo il supporto fisico e
          non il costo del
          SW.Non solo, ma anche ricerca, sviluppo, pubblicita', trasporto, ...
          Puoi si può discutere se il prezzo del SW è
          congruo o meno, ma il tuo approccio è sicuramente
          errato.Chiaramente ;) !
    • di passaggio scrive:
      Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
      e i costi di gestione delle fabbriche? e degli uffici? e i costi dei dipendenti? e le bollette dell'energia? dell'acqua? i materiali di consumo (anche la carta igienica)? i costi burocratici?mmmm mi sa che dimentico qualcosa tra l'altro...
      • gi-NO scrive:
        Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
        - Scritto da: di passaggio
        e i costi di gestione delle fabbriche? e degli
        uffici? e i costi dei dipendenti? e le bollette
        dell'energia? dell'acqua? i materiali di consumo
        (anche la carta igienica)? i costi
        burocratici?
        mmmm mi sa che dimentico qualcosa tra l'altro...L'articolo parla di danni complessivi: 75.000.Con questi dati il mio ragionamento regge benissimo.
        • di passaggio scrive:
          Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
          ma che regge? i danni sono il materiale, che è una piccolissima parte dei costi complessivi... ovvio che il rincaro sul solo materiale sia enorme... sul costo complessivo ovviamente scenderà parecchio.
          • di passaggio scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            per inciso non sono nemmeno un fan apple, anzi! ma sono uno che sa cosa c'è dietro il prezzo delle cose.
          • gi-NO scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            - Scritto da: di passaggio
            ma che regge? i danni sono il materiale, che è
            una piccolissima parte dei costi complessivi...
            ovvio che il rincaro sul solo materiale sia
            enorme... sul costo complessivo ovviamente
            scenderà
            parecchio.Cito:"...secondo Apple, il suo operato ha causato danni pari a circa 75 mila dollari."Non vedo riferimenti al fatto che il costo calcolato sia dovuto solo al materiale. Anzi da qui sembra proprio un "tutto-compreso", anche le spese che apple ha dovuto sostenere per inviare all'individuo gli shuffle... il che abbassa ulteriormente il valore effettivo del materiale... .
          • di passaggio scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            ma è quello che diciamo tutti..il materiale nn vale un fico secco!e abbiamo dimenticato anche il rincaro dovuto al trasporto e soprattutto al rincaro che deve fare il negozio, che nn è un semplice passacarte ma che a sua volta ha costi di gestione del negozio, costi di stipendio dei dipendenti, ecc ecc...buona giornata.
          • gi-NO scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            Scusa, ma non era chiaro...
          • gi-NO scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000

            Cito:
            "...secondo Apple, il suo operato ha causato
            danni pari a circa 75 mila
            dollari."

            Non vedo riferimenti al fatto che il costo
            calcolato sia dovuto solo al materiale. Anzi da
            qui sembra proprio un "tutto-compreso", anche le
            spese che apple ha dovuto sostenere per inviare
            all'individuo gli shuffle... il che abbassa
            ulteriormente il valore effettivo del
            materiale...
            .Anzi se Apple ha dichiarato 75.000 dollari di danni, presumo sia allo scopo di ottenere un risarcimento, e che quindi ci abbia infilato dentro di tutto di più.
    • gi-NO scrive:
      Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
      NON SOLO:75.000 danni complessivi9.000 numero pezziUno shuffle costa alla Apple circa 8 euro. E lo vende a "solo 75" (citazione dall'Apple store).Giusto per riportare il ragionamento ad una dimensione più umana.
      • MeX scrive:
        Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
        chissá all'ENI quanto costa 1 Litro di benzina...
        • gi-NO scrive:
          Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
          Bella domanda! Puoi andare a postare il tuo dubbio sul forum di Punto Energetico.P.S. Stessa utilità benzina e shuffle, vero? :D
          • MeX scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            chissá quanto costa darti un mese di ADSL alla telecom
          • Gino scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            Non sono (diretto) utente telecom. Scelgo gli operatori meno costosi io. Al contrario di quello che fanno quelli che comprano uno shuffle.
          • MeX scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            bravo.La libertá di scelta.C'é chi sceglie l'ADSL di Tele2 perché costa poco... chi sceglie Fastweb su fibra ottica...Quanto ci ricaricano Tele2 e Fastweb?Bah... e chi se ne frega?Uno sceglie un prodotto che lo soddisfa e che abbia un prezzo sostenibile per le sue tasche.Non capisco a che serva scandalizzarsi per il ricarico di ogni singolo pezzo... perché se ragioni cosí TUTTO ha un ricarico spropositato... a partire dai frutti di bosco al Carrefour
          • Gino scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            Si ma c'è ricarico e ricarico... e comunque svanisce il mito del"costa di più perchè è materale migliore".Rimane il: "costa di più perchè è firmato mela". E se c'è qualcuno che lo considera valore aggiunto fa bene a comprare.
          • MeX scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            - Scritto da: Gino
            Si ma c'è ricarico e ricarico... e comunque
            svanisce il mito
            del

            "costa di più perchè è materale migliore".

            Rimane il: "costa di più perchè è firmato mela".
            E se c'è qualcuno che lo considera valore
            aggiunto fa bene a
            comprare.se mi trovi un altro player mp3 piccolo cosí con la stessa memoria flash che si sincronizza alla perfezione con iTunes ti do ragione.
          • Gino scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000


            se mi trovi un altro player mp3 piccolo cosí con
            la stessa memoria flash che si sincronizza alla
            perfezione con iTunes ti do
            ragione.Qualche tempo fa c'era il cubetto. Era bellissimo. Speriamo esca un sucXXXXXre.Per la sincronizzazione con itunes lo sai benissimo che non esite nient'altro, solo prodotti Apple, quindi la tua "condizione" è mal posta. Esistono altri software per gestire i lettori, o ancora meglio IMHO, esistono player che NON usano altri software, se non il sitema operativo, per poter essere utilizzati.Se per te la sincronizzazione con itunes è un parametro di qualità, soprattutto per un aggeggino come lo shuffle, e merita dei soldi in più, allora non ho altro da aggiungere: la nostra conversazione non potrà approdare a nessun punto d'accordo.
          • MeX scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            beh, se ho 3000 canzoni perfettamente organizzate all'interno di iTunes... beh si mi fa la differenza utilizzare un prodotto che si integra con il programma in questione, come vedi non paghi solo il logo, ma tutto l'ecosistema
          • Jack scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            - Scritto da: MeX
            se mi trovi un altro player mp3 piccolo cosí con
            la stessa memoria flash che si sincronizza alla
            perfezione con iTunes ti do
            ragione.Per quanto riguarda le dimensioni non parlo in quanto uso il cellulare come lettore MP3 e non sono informato.Per quanto riguarda il sincronizzarsi con iTunes, a me sembra uno svantaggio invece di un vantaggio, possibile che (su win) io debba installare itunes che si porta dietro quicktime e che insieme si insediano in ogni possibile angolo del sistema?Non voglio dire che altri software siano meglio, anzi, ma un sano lettore mp3 che si presenta come Mass Storage è troppo comodo?Si vede tanto che odio ogni genere di BHO, LogonNotify, Autorun e servizi? :-)
          • MeX scrive:
            Re: Un paio di conti... 75.000 vs 400.000
            concordo che su Windows iTunes non è perfettaemente integrato, o meglio non è così integrato come in OS X... sinceramente comunque iniziai ad utilizzarlo proprio sotto Win...Certo all'inizio ti fa arrabbiare perchè mette mano nella tua sacra struttura di folders... ma poi capisci che devi lasciarlo fare... ed ecco che mi basta digitare il nome dell'artista, una delle parole di un titolo e zacchete... mi pesca la canzone che cercavo tra 2000/3000 files... ho le smartplaylist... posso fare ricerche per genere... scova i brani che non ho ascoltato nell'ultimo mese... insomma... hai un database perfettamente organizzato di tutta la tua musica, in più la funzione GENIUS è davvero gudoriosa!Ecco... una volta che hai tale mole di dati perfettamente organizzata, fidati che è mooooolto più comodo che spostare gli mp3 a mano... certo devi farti il primo "sXXXXXXX" ma una volta che la tua libreria è ben organizzata... è tutta un'altra musica!
  • Giambo scrive:
    Caso simile
    Un caso simile e' stato segnalato per quel che concerne lo Zune della Microsoft, specificatamente il modello marrone.Al truffatore in questione e' stata concessa l'incapacita' di intendere e di volere :)
    • Mi scoccio di loggare scrive:
      Re: Caso simile
      - Scritto da: Giambo
      Un caso simile e' stato segnalato per quel che
      concerne lo Zune della Microsoft,
      specificatamente il modello
      marrone.
      Al truffatore in questione e' stata concessa
      l'incapacita' di intendere e di volere
      :)Giusto per il colore, perche' in quanto a prestazioni era molto avanti :D
      • Giambo scrive:
        Re: Caso simile
        - Scritto da: Mi scoccio di loggare

        Un caso simile e' stato segnalato per quel che

        concerne lo Zune della Microsoft,

        specificatamente il modello

        marrone.

        Al truffatore in questione e' stata concessa

        l'incapacita' di intendere e di volere

        :)

        Giusto per il colore, perche' in quanto a
        prestazioni era molto avanti
        :DSopratutto se usato il primo dell'anno 8) !
  • Macchianera scrive:
    Propongo una statua a Nicholas Arthur Wo
    Propongo una statua a Nicholas Arthur Woodhams: semplicemente un genio!!Dovremmo tutti prendere esempio da lui!!
  • attonito scrive:
    annuncio ai PODisti.
    Dovrete smettere di esercitare il vostro sport preferito (la marcia) a meno di non pagare una tassa ad Apple oppure campiare nome... "marcisti" non suona mica tanto bene, pero'
    • gips scrive:
      Re: annuncio ai PODisti.
      LOL!Ma se fa caldo non posso aprire le windows? perchè ne sfiorerei la surface con il mio touch? ho capito, mi mangio una apple....Fine esame scemografico... esito: io ne soffro.gips
    • KaysiX scrive:
      Re: annuncio ai PODisti.
      Il PODista si ferma; e la mela? Marcia! ;)
  • Registered scrive:
    POD non è un marchio di Apple
    Il marchio di Apple è iPod. Apple prova sempre a registrare la comune parola POD per appropriarsene in toto ma non tutti se la fanno nelle braghe, come avvenuto in Australia dove hanno risposto picche alla richiesta di Apple perchè POD è già un marchio registrato da una ditta che produce apparecchi per musicisti:http://cultofmac.com/strung-out-apple-loses-pod-trademark-down-under-to-guitar-co/8725Attenzione a non chiamare un vostro figlio col nome di Poldo perchè troppo assonante con POD e Apple potrebbe farvelo sequestrare!Sapete, basta solo questo volersi appropriare anche di una comunissima parola come pod per considerare di non comprare più i loro prodotti.
    • zest scrive:
      Re: POD non è un marchio di Apple
      Effettivamente, windows o word sono parole ben meno comuni e usate.
      • Registered scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        Non sei obiettivo. Windows e Word puoi usarle ovunque senza problemi, non puoi usarle per dare un nome a sistemi operativi o word proXXXXXr o altro in stretto legame con questi due elementi, che è normale. Ben diverso da quanto pretende Apple, e quanto pretende tutti possono vederlo. Pretende troppo. Obiettivamente. Chi vorrebbe sostenere il contrario è un appassionato nell'arrampicata sugli specchi. Unti, per la sua gioia.
    • ruppolo scrive:
      Re: POD non è un marchio di Apple
      Interessante come in questa notizia noti il fuscello, l'uso del termine Pod, e non la trave, Apple che invia immediatamente il player nuovo prima ancora di ricevere quello rotto, cortesia senza la quale la truffa non avrebbe potuto essere attuata...
      • Pleasedontt ouch scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        Fuscelli? Travi? Ma che stai a di'? Nell'articolo c'è un errore, e cioè che la parola POD sia marchio di proprietà Apple e non è vero. Un errore andrebbe corretto, sicuramente non puoi impedire che venga fatto rilevare.Com'è anche vero che, visto che è stata tirata in ballo la proprietà del marchio POD, Apple cerca di impedire chiunque a qualsiasi titolo dall'usarla. Una notizia segue l'altra, si chiamano correlazioni.Non importa se ti mandano a casa il prodotto prima di ricevere quello guasto, è una loro scelta e un loro problema, all'occorrenza. Problemi trascurabili se pensi a quelli che creano, cercare di appropriarsi di una parola d'uso comune è assai grave volendo guardare la cosa da vicino. Sempre parlando dell'assistenza e della garanzia, se compri in un Apple store la garanzia vale UN solo anno perchè compri dal negozio del produttore. Se a volte ti riparano l'apparecchio oltre la scadenza della garanzia è perchè in Italia la garanzia offerta dal venditore per legge è di 2 anni e non possono perdere la faccia a confronto con chi non è Apple store e offre per legge 2 anni di garanzia invece del misero singolo anno offerto da Apple. Tutto sempre a discrezione del gestore dell'Apple store, perchè non tutti "estendono" la garanzia. Travi, eh? Io vedo mezzucci per far credere al cliente d'essere trattato bene e fors'anche coccolato. Tsk!
      • gips scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        ciao ruppolo! quanto tempo!Oddio, ovvimente non lo invia "a muzzo", lo invia previa verifica del codice prodotto e dell'addebito du carta di credito del famoso dollaro.... Queste per apple ERANO le garanzie per l'invio... (onore cmq per l'invio PRE-ricevimento dell'ipod morto)Ora le politice saranno cambiate? mi auguro di si... gips
        • Diego scrive:
          Re: POD non è un marchio di Apple
          Un attimo.. oramai le aziende di questo tipo non riparano piu nulla. costa loro meno la sostituzione del prodotto.Quindi inviare il sostitutivo prima non fa loro alcuna differensa, anzi, probabilmente li facilita nella gestione della pratica, accorciandola a livello di tempo (e quindi di costo, con la chiusura del ticket di assistenza in tempi piu brevi).Nessuno regala nulla o fa nulla per cortesia... è il profitto che dirige le azioni, non viceversa.
      • Sticky scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        Cosa che fa anche Creative, Western Digital con gli hard disk e un gozzilione di altre società... -.-'- Scritto da: ruppolo
        Interessante come in questa notizia noti il
        fuscello, l'uso del termine Pod, e non la trave,
        Apple che invia immediatamente il player nuovo
        prima ancora di ricevere quello rotto, cortesia
        senza la quale la truffa non avrebbe potuto
        essere
        attuata...
      • Shezan74 scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        - Scritto da: ruppolo
        Interessante come in questa notizia noti il
        fuscello, l'uso del termine Pod, e non la trave,
        Apple che invia immediatamente il player nuovo
        prima ancora di ricevere quello rotto, cortesia
        senza la quale la truffa non avrebbe potuto
        essere
        attuata...La trave? Apple vende un device che costa 10 euro a 80 euro. E impone l'uso dei suoi software per la gestione del dispositivo (e ci spinge dentro tantissimo il suo store)E' logico che non voglia tenere gli utonti lontani dai suoi scaffali per più di 3 giorni...
    • MeX scrive:
      Re: POD non è un marchio di Apple
      eh si... guarda...http://www.google.ie/search?hl=en&q=pod&btnG=Search&meta=lr%3DApple mette al rogo chiunque anche solo pensi la parola POD!Non dire XXXXXXccie va... come per tutte le aziende che hanno registrato un MARCHIO Apple lo difende quando il nome viene usato per prodotti che vengono ritenuti nello stesso segmento di mercato dell'iPod... ció non toglie che prendano abbagli (come Podium, supporto per iPod e quell'aggegino da sala giochi)... ma non é che l'ufficio legale é fatto ad ingenieri... é fatto appunto da avvocati, al massimo sono loro che cercano di massimizzare i profitti tentando cause esotiche...
      • Caio scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        - Scritto da: MeX
        "ingenieri"HAHAHA!!!
      • alexarnz scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        Incredibile come tutto questo avvienda da una azienda che è stata più volte condannata in tribunale perchè usava un termine "Apple" che non avrebbe mai dovuto usare per qualcos che faceva suoni, faceva musica ed infine che servisse ad ascoltare musica di altri (e pure venderla, sull'Apple Store).Le sentenze in tribunale sono fatti, non opinioni. Ma Apple Computer non lo ha mai capito.
        • MeX scrive:
          Re: POD non è un marchio di Apple
          il link della condanna?Che io ricordi, c'era un accordo tra Apple Computers e Apple Records che Apple Computers poteva mantenere il suo nome a patto che non entrasse nel business discografico.iTunes ci si avvicina, ma non é corretto definire Apple una casa discografica... e la ripicca di Apple Records é non fornire i Beatles a iTunes...Se hai link piú precisi sulla questione e sulla condanna in tribunale ti ringrazio!
        • Ricky scrive:
          Re: POD non è un marchio di Apple
          No , non e' Apple a non avere capito ma tu.Le sentenze non sono fatte per loro ma solo per i comuni mortali.Le grandi societa' se ne sbattono delle sentenze...hanno il loro tornaconto a sbattersene,in Italia poi le pene sono ridicole e anche se devono pagare l'OBOLO guadagnano infinitamente di piu'.Se Apple , assieme alle altre che giocano con la legge per tornaconto, fossero state punite a dovere, avrebbero perso la voglia.Non e' cosi', e in America ci vanno comunque giu' duramente rispetto ad altre nazione.Comunque sia e' difficile trovare una azienda di alto livello che non abbia BARATO nel tempo,il mercato e' diviso tra sardine e pesci cane...tu quale vorresti essere?Spesso questo si trasforma in una fregatura per l'utente finale (NOI) , in questo caso invece l'assistenza ,a suo uso e consumo ovviamente, procede speditamente e da' fiducia,perche' le conviene, all'utente.Tutti contenti...fatto salvo per qualche "fetente" che se ne approfitta.Speriamo questo non faccia cambiare rotta alla politica di Apple.
      • gi-NO scrive:
        Re: POD non è un marchio di Apple
        Qui ti do ragione.Del resto ricordo la sentenza windows - lindows, in cui un tribunale (AMERICANO) ha stabilito che finestra non vuole più dire solo finestra. E Lindows ha dovuto cambiare nome in Linspire.
    • jobb scrive:
      Re: POD non è un marchio di Apple
      solo i fessi comprano apple...altre marche fanno le stesse cose meglio e alla meta' del prezzo..ma si sa...cosi' siete alla moda..
  • lellykelly scrive:
    cambiare
    Cupertin in Cupertino
Chiudi i commenti