Skype vs. Fring, videochiamate di guerra?

Skype avrebbe strozzato la connettività degli utenti di Fring. Ma si tratterebbe di una bugia. Fring avrebbe invece sfruttato il software di Skype in maniera impropria. Scontri a suon di VoIP
Skype avrebbe strozzato la connettività degli utenti di Fring. Ma si tratterebbe di una bugia. Fring avrebbe invece sfruttato il software di Skype in maniera impropria. Scontri a suon di VoIP

Alla fine della scorsa settimana, il fornitore di servizi di comunicazione mobile Fring aveva annunciato il lancio di un’applicazione aggiornata che avrebbe permesso ai suoi utenti di effettuare videochiamate su diversi dispositivi . Tra questi, il nuovo Melafonino iPhone 4 (versione WiFi e 3G), poi Android e Symbian.

L’annuncio aveva colpito gli osservatori di settore, dal momento che una simile applicazione nativa di Apple – FaceTime – funziona solo ed esclusivamente sulle versioni WiFi e, ovviamente, tra utenti della Mela. In un successivo post sul blog ufficiale , Fring aveva quindi parlato di un successo strepitoso, sottolineando quanto i suoi network fossero intasati.

“In modo da liberare capacità in favore delle videochiamate – si leggeva nel post – stiamo temporaneamente riducendo il supporto per Skype”. Si trattava solo di un bagliore, di un’avvisaglia di quello che sarebbe successo di lì a poco . “Ora che Fring ha ampliato le sue capacità di supportare un’enorme domanda relativa alle videochiamate – si può leggere in un secondo post – Skype ha provveduto a bloccarlo”.

L’operatore VoIP avrebbe infatti negato a Fring il permesso di ripristinare la connettività dei suoi utenti , in seguito agli interventi mirati all’espansione della sua capacità di network. “Codardi – si legge nel secondo post di Fring – hanno paura della comunicazione mobile aperta. Skype aveva inizialmente abbracciato la causa dell’ openness , ora cerca di imbavagliare la concorrenza, persino a costo dei suoi stessi utenti”.

Ma questo blocco è stato successivamente smentito dalla stessa Skype, attraverso un post scritto dal suo chief legal officer Robert Miller. “Si tratta di bugie – ha spiegato Miller – È stato Fring a decidere di rimuovere Skype”. C’è un però. “Fring stava utilizzando il software di Skype in una maniera impropria – ha continuato Miller – ovvero violando le condizioni d’utilizzo delle nostre API oltre che il nostro End User License Agreement “.

Miller ha dunque sottolineato come questo utilizzo improprio vada risolto in maniera del tutto amichevole. Fring avrebbe però danneggiato l’immagine e la reputazione del brand Skype , cosa che farebbe pensare a rapporti decisamente tesi tra i due fornitori di servizi mobile . E Miller l’ha paventato: si potrebbe certo ricorrere ai tribunali.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 07 2010
Link copiato negli appunti