Lo smart working tra produttività e isolamento

Uno studio focalizza l'attenzione sul lavoro da remoto ai tempi dell'emergenza sanitaria: supporto ai collaboratori e aspettative per il futuro.
Uno studio focalizza l'attenzione sul lavoro da remoto ai tempi dell'emergenza sanitaria: supporto ai collaboratori e aspettative per il futuro.

Non avessimo dovuto fare i conti con una improvvisa crisi globale e con la necessità di adottare in tempi stretti le misure di distanziamento ci troveremmo ora a discutere con toni differenti di lavoro da remoto e smart working. Sta di fatto che la furia di COVID-19 si è abbattuta sulla quotidianità di tutti e ora, a oltre un semestre dall’inizio della pandemia, è tempo di trarne qualche prima conclusione.

Microsoft Work.Reworked: come va lo smart working?

Microsoft lo ha fatto con lo studio Work.Reworked focalizzando l’attenzione sull’Italia e coinvolgendo oltre 600 tra manager e dipendenti di grandi imprese nostrane. Il primo dato che ne emerge conferma il cambiamento di abitudini attuato e ancora in atto, seppur spesso in modo forzato: oggi il 77% delle aziende adotta modelli flessibili per rimanere operative, lo scorso anno la quota era ferma al 15%. Secondo il 66% i dipendenti continueranno a essere impiegati con questa modalità anche in futuro per almeno un giorno alla settimana.

I benefici sono anzitutto per le società: l’87% conferma un aumento della produttività, il 71% ritiene lo smart working uno strumento in grado di ridurre i costi. A questo proposito è bene sottolineare come il prima possibile andrà normato chi paga cosa evitando che le spese finiscano per pesare esclusivamente su chi collabora da casa. Ancora, il 64% ritiene il lavoro da remoto efficace per trattenere i migliori talenti. Luba Manolova, Direttore della Divisione Microsoft 365 di Microsoft Italia.

L’emergenza sanitaria ha rivoluzionato il nostro modo di vivere e lavorare, rendendo le nuove tecnologie ancora più essenziali per la nostra vita quotidiana. Grazie al supporto del nostro vasto ecosistema di partner, negli ultimi mesi abbiamo aiutato le organizzazioni italiane a lavorare, comunicare e collaborare da remoto, garantendo la loro sicurezza e quella degli asset aziendali.

Tra i benefici vengono annoverati con maggiore frequenza la possibilità di vestirsi in modo più casual (77%), quella di personalizzare il proprio ambiente di lavoro (39%) e l’avere più tempo per i propri hobby (49%), figli (36%) e animali domestici (22%). Prosegue Manolova.

Il successo di un percorso di digitalizzazione non dipende solo dagli strumenti tecnologici implementati, quanto dalla capacità di far sentire i dipendenti uniti tra loro, apprezzati e liberi di esprimere le proprie idee. La nostra ricerca mette in luce l’importanza di un approccio umano all’innovazione: i team che avranno davvero successo saranno quelli caratterizzati da un maggiore spirito di gruppo, da empatia e fiducia negli altri. Fondamentale continuare a promuovere la cultura del digitale contestualmente alla cultura dell’innovazione e mettere a disposizione tecnologie in grado di favorire l’empowerment dei singoli ma anche la collaborazione dei team.

Tanti i vantaggi apprezzati, non c’è dubbio, ma anche qualche campanello d’allarme. Il senso di isolamento è uno degli effetti collaterali manifestati più di frequente venendo meno le opportunità di socializzazione e condivisione con i colleghi. Un feedback che anche secondo Microsoft le aziende non devono sottovalutare in quanto alla lunga potrebbe comportare un importante calo nel tasso di innovazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti