Smartphone subacquei

Apple e Samsung sempre più interessate a rendere impermeabili gli smartphone. Nel frattempo proliferano trattamenti e gadget di terze parti resistenti all'acqua

Roma – Gli smartphone della prossima generazione potranno probabilmente immergersi nell’acqua, senza riportare danni. Samsung e Apple potrebbero infatti includere nel processo produttivo una nuova e promettente tecnologia che utilizza una pellicola interna per proteggere l’hardware del telefono.

Il sistema “WaterBlock” brevettato da Hz0 propone una barriera idrorepellente con cui sigillare l’elettronica durante l’assemblaggio, e non uno scafandro che l’utente dovrà applicare esternamente, dopo aver acquistato il device.

Nelle dimostrazioni effettuate durante il CES 2012 Hz0 ha immerso in un acquario telefoni marchiati Motorola, Samsung e Apple, trattati con questo particolare film. Il portavoce Hz0 ha svelato che ora c’è un certo interesse da parte dei produttori di smartphone e che un noto produttore di auricolari sta già investendo sull’impermeabilizzazione interna.

In commercio esistono già materiali per l’impermeabilizzazione che non permettono ai liquidi di danneggiare i prodotti. Per quanto riguarda le protezioni da applicare esternamente al momento si tessono lodi del trattamento Liquipel , un rivestimento isolante in nano-polimeri che non compromette l’utilizzo del touch-screen. La speciale pellicola viene applicata dai tecnici del laboratorio statunitense ad un costo di circa 60 dollari.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti