So.cl, il social search di casa Microsoft

Apre al pubblico la versione beta della nuova piattaforma di Redmond. Con qualcosa di Twitter, qualcosa di Facebook, qualcosa di Pinterest e qualcos'altro. Provare per credere

Roma – È il mondo social secondo Microsoft, una piattaforma semplice per la condivisione di contenuti multimediali. Terminata la fase di testing con la collaborazione degli atenei a stelle e strisce, So.cl è ora a disposizione in versione beta per chiunque sia interessato all’ennesima incarnazione del social network.

Con un account Windows Live o Facebook – sembra proprio che non ci sia alcuna forma di rivalità con il gigante da 1 miliardo di utenti – gli utenti potranno realizzare un profilo So.cl (si pronuncia social ) per iniziare a condividere contenuti come gallery fotografiche, video e più in generale interessi personali .

I FUSE Labs di Microsoft hanno infatti puntato moltissimo sul concetto di topic , ovvero specifici argomenti in cui inserire fotografie, video e più generici post. Gli utenti di So.cl possono infatti ricercare per interessi o per singoli profili, con l’opzione aggiuntiva parties per visualizzare flussi video suddivisi per generi e data di caricamento .

In altre parole, gli sviluppatori di BigM non hanno realizzato un prodotto che si inserisca nel classico filone dei prodotti social. Nessuna concorrenza con Facebook o Twitter, bensì una piattaforma alternativa che mescoli gli aspetti tipici del social network (compresa la leva Pinterest) con le modalità classiche di un motore di ricerca per immagini e video .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ana Trollo scrive:
    Ricapitolando...
    Ricapitolando:In Equador si va per accuse di diffusione di informazioni riservate e/o segrete, o meglio per violenza sessuale, dipende dall'angolo con cui guardiamo i fatti. Poi si chiede di essere giudicati in Australia o in Gran Bretagna, con la promessa di non essere estradati negli Stati Uniti;In Guatemala si va per accuse di omicidio e si chiede un duello in perfetto stile western al Primo Ministro del Belize perche' si suppone sia plagiato dalla corruzione che potrebbe esserci nel suo paese.In Gran Bretagna per violazione del copyright, per acXXXXX alle infrastrutture di tutti gli acronimi esistenti, bisogna dichiararsi malati terminali e bisognosi di cure estreme per evitare di essere estradati;In Italia non c'e' problema, qualsiasi cosa fai, qualsiasi delitto tu commetta, ti fanno stare a casa, ti permettono di uscire anche un paio d'ore al giorno, di usare internet e telefono, non importa che la condanna sia passata in giudicato e per i 3 gradi di giudizio. E se proprio non riesci ad avere i domiciliari, fatti nominare senatore o deputato, tanto in Italia non occore essere eletti...Io scelgo l'Italia...
Chiudi i commenti