Socrate rinasce attraverso Fastweb

La società milanese acquisisce i diritti per sfruttare la connettività veloce del progetto Socrate, il più clamoroso fiasco della rete infrastrutturale Telecom


Roma – Anni fa Punto Informatico fu il primo quotidiano in Italia a prevedere il fallimento del Progetto Socrate, enorme operazione di cablaggio che Telecom Italia aveva realizzato sperando di trasformare la propria rete nella rete vera e propria… Ora quelle infrastrutture, rimaste finora pressoché inutilizzate e costate moltissimo all’ex monopolista, potranno essere sfruttate da Fastweb, l’azienda della banda larga che fa capo ad eBiscom.

Prima del passaggio di mano di Telecom Italia, infatti, e in ottemperanza con quanto deciso dall’Antitrust dopo l’acquisizione di TMC da parte del Gruppo Telecom, il consiglio di amministrazione dell’ex monopolista aveva deliberato il trasferimento a Fastweb dei diritti di utilizzo delle condutture per l’impianto di fibre ottiche.

Il contratto, i cui termini economici devono ancora essere esplicitati, potrebbe consentire ad eBiscom di allargare la propria rete veloce molto più rapidamente del previsto e in molte città che fino a questo momento non erano contemplate nel progetto originario di sviluppo di Fastweb. L’azienda, come noto, è impegnata a Milano, Torino, Genova, Roma e Napoli.

Il Cda Telecom ha posto alcune limitazioni all’uso delle infrastrutture per la posa delle fibre ottiche. In particolare da qui a novembre, qualora Telecom non avesse più il controllo delle emittenti televisive, potrebbe essere esercitato il “diritto di recesso”, che consentirebbe all’ex monopolista di rientrare in possesso di quella infrastruttura.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti