Software/ Symantec pcAnywhere 9

pcAnywhere è uno dei programmi più interessanti per il controllo remoto di un PC visto che permette di lavorare direttamente sul desktop del computer host. Diamo uno sguardo alle sue principali caratteristiche e funzionalità


Molto spesso all’interno di questa rubrica abbiamo trattato argomenti che riguardano strumenti più o meno noti per la gestione remota di computer, sia essa via Internet che dial-up.

Abbiamo visto che Back Orifice, SMS di Microsoft e alcuni altri possono interagire completamente (o quasi) con la macchina remota, accedendo a file, impostazioni di sistema, chiavi di registro e molto altro… ma con una modalità di lavoro quasi a riga di comando.

Ciò che da tempo propone una società affermata come la Symantec è la gestione remota con la facilità di “sedere” di fronte al computer remoto. Certo, in realtà si è sempre sul proprio PC, ma grazie ad una procedura del programma, potremmo operare sul computer remoto proprio come se ci fossimo seduti davanti, “impossessandoci” del desktop, potendo scegliere di visualizzare il computer remoto anche a tutto schermo.

Questo, per operazioni di emergenza, di ordinaria manutenzione, ma anche di dimostrazione remota dei problemi che risiedono in un PC, risulta davvero un punto a suo vantaggio, potendo così avviare programmi, utilizzando gli stessi per creare file o lavorare sugli stessi programmi (immaginate la gestione remota di un database, alla quale è necessario poter lavorare su Interbase per impostare alcuni parametri del programma), cancellare chiavi di registro direttamente dal Regedit… il tutto lavorando con la semplicità di mouse e tastiera, proprio come se avessimo il PC in casa!

Ma vediamo di capire cosa ci offre la nuova versione di uno degli strumenti di punta della casa produttrice di un altro affermato prodotto: la suite Norton.


Proprio perché appena citato, vale la pena evidenziare che pcAnywhere 9 può integrarsi proprio con SMS (System Management Server) di Microsoft (infatti incorpora la tecnologia DCOM), così come Tivoli NewView e Unicenter TNG.

Ma cosa offre questo prodotto?

Come ogni altro di questa categoria, pcAnywhere può fungere da:

– controllo remoto
– host per controllo remoto
– trasferimento file
– gateway
– servizi in linea

Per il trasferimento file, possiamo utilizzare i seguenti protocolli:

– ASCII
– PC Anywhere
– ZMODEM

Ovviamente per tutti e tre i protocolli c’è la possibilità di personalizzare le impostazioni.
Sempre per il trasferimento di file possiamo decidere di verificare ogni file (o gruppo di file) scaricati dal nostro antivirus, recuperare il download di file interrotti (molto comodo quando si deve operare con dati di grandi dimensioni e non possediamo una linea molto stabile!) e decidere una directory standard dove posizionare i nostri file.

Oltre agli strumenti standard, viene offerto un comodo script da poter eseguire ad ogni collegamento, script che potremmo usare per funzioni procedurali utilizzate mentre lavoriamo e che possiamo far eseguire in automatico dal programma stesso.

Un esempio potrebbe essere quello di far controllare la presenza di file e directory in un collegamento ad un nuovo PC e nel caso di responso negativo crearne di nuovi e creare un file di registro dell’operazione eseguita.

pcAnywhere può lavorare in modi diversi (host e controllo remoto):

– Dial-up (Connessione telefonica)
– COM 1
– COM 2
– COM 3
– COM 4
– IPX
– SPX
– NETBIOS
– Banyan VINES
– TCP-IP
– ISDN via CAPI 2.0
– Infrarossi

Questo vi permette di gestire ogni tipo di controllo remoto, sia il PC inserito in una rete aziendale intranet, sia Internet, sia collegandolo direttamente alle porte di comunicazione del PC, sia “chiamandolo” direttamente se stand-alone.
Esiste anche la possibilità di stampa remota.

La sicurezza non è da meno anche in questo programma, infatti possiamo impostare più utenti e più o meno restrizioni per ogni utenza quando pcAnywhere lavora in modalità host. Possiamo decidere di utilizzare le restrizioni del programma stesso o agganciarci alle autorizzazioni di NT, operando con maggior dettaglio.

Oltre a questo, possiamo bloccare le impostazioni dell’applicazione stessa con una password, in modo da bloccare eventuali interventi esterni sui vari host che abbiamo installato in giro per il mondo (o sulla nostra rete aziendale) e sul controllo remoto del nostro PC (magari se viene condiviso da più persone).

In questo modo l’amministratore in capo potrà delegare tranquillamente il lavoro ai suoi collaboratori senza dover temere eventuali cambi di impostazioni.

Ultima ma non in ordine di importanza, c’è la possibilità di riavviare la macchina remota e impostare il programma perché si avvii all’avvio del sistema operativo, così come la possibilità di disattivare lo schermo (perché eventuali occhi indiscreti non vedano le operazioni più delicate, anche se a quanto pare è legato alla scheda video), la tastiera ed il mouse remoti.


In conclusione, il prodotto si dimostra davvero utile in confronto ad altri sistemi di controllo remoto, poiché permette di avere la visione a 360° del PC su cui lavorare, non richiede grossi requisiti di sistema e grosse risorse dal processore.

E’ stato provato in situazioni di rete aziendale (TCP-IP), Internet (su computer che non risiedono nella stessa città) e dial-up (su computer della stessa città e non).

Il risultato è stato più che soddisfacente, sono stati addirittura installati e disinstallati programmi in remoto, con riavvio della macchina remota stessa.

Ovviamente le prestazioni sono legate al tipo di macchina remota (più lenta sarà, maggiore sarà il ritardo di risposta nelle operazioni remote), alla qualità della linea telefonica o al server Internet a cui vi collegate.

Per il resto, lo vedo come il prodotto ideale per l’amministratore, per il tecnico, per chiunque debba operare su PC che non risiedono nella stessa stanza o nello stesso piano, facendo risparmiare tempo e fatica a chi deve concentrarsi nel risolvere i problemi di tutti i giorni e deve poter avere un quadro completo e ben ordinato delle macchine di lavoro.

Anche il manuale in dotazione per comprendere come funziona il linguaggio di scripting mi sembra molto chiaro, con un utile “reference” ordinata alfabeticamente per tutti i comandi disponibili.

L’unica nota (che magari sarà inclusa nella versione 10 del prodotto) è l’impossibilità di poter utilizzare pcAnywhere anche per il trasferimento file su protocollo HTTP e FTP, strumenti ormai necessari per lavorare oggigiorno, che renderebbero il prodotto davvero completo.

Marco Trevisan

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti