Solar Impulse fa le ore piccole

Primo volo notturno per l'aereo a energia solare svizzero. Punta a fare il giro del mondo senza carburante

Roma – Il volo è partito mercoledì mattina poco prima delle sette, per fare la maggior scorta possibile di Sole. L’obiettivo era di quelli ambiziosi: essere il primo velivolo a energia solare a rimanere in volo per 24 ore consecutive , riuscendo quindi a raccogliere e accumulare durante il giorno le energie necessarie per la buia notte. Tante cose potevano andare storte, una giornata poco luminosa, un vento troppo forte poteva far spendere forze eccessive, il pilota poteva accusare lo stress: tante cose che potevano costringerlo ad un atterraggio di emergenza prima della fine delle batterie. E invece tutto è finito bene, anzi meglio delle aspettative.

Con il suo pilota Andre Borschberg, Solar Impulse ha sorvolato le Alpi e il massiccio del Giura ad una quota massima di 8.500 metri: il quadrimotore di 1500 chili, con un’apertura alare di 61 metri interamente ricoperta da celle fotovoltaiche, faceva affidamento sulle sue 12 mila celle solari ( montate sulle ali e sulla fusoliera) per alimentare le batterie che lo hanno mantenuto in volo per tutta la notte.

Una lunga notte, quella del pilota e dell’aereo, che sono rimasti in volo per 26 ore , riuscendo a resistere fin quando il Sole non è sorto di nuovo sulla base aerea Payerne (alle 5:43). Il velivolo sarebbe addirittura riuscito a risparmiare 3 ore di energia nelle proprie batterie : risultato superiore alle più rosee aspettative.

“Niente ci può fermare da un altro giorno e una notte di volo… e dal mito del volo perpetuo” ha commentato un entusiasta Bertrand Piccard, l’avventuriero che guida l’iniziativa.

Si tratta, d’altronde, della prima volta che un aereo a energia solare riesce a resistere in volo una notte intera. Con la meta del volo non-stop raggiunta, ora il progetto punta al giro del mondo per il 2013-2014 . Con l’obiettivo di convincere l’opinione pubblica che l’energia alternativa sia un’opportunità da cogliere, anche sulla terraferma.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Popcorn da fare col microonde
    Buonissimo e in meno di 4 minuti è pronto. E a conti fatti costa pure meno che al cinema.
    • angros scrive:
      Re: Popcorn da fare col microonde
      L'ho provato anche io, è pure più buono che al cinema
      • Joshthemajor scrive:
        Re: Popcorn da fare col microonde
        - Scritto da: angros
        L'ho provato anche io, è pure più buono che al
        cinemaSpecialmente se stai guardando un blueray piratato su uno schermo da 50'' ed impianto audio annesso.(aggiungerei bestemmiando e facendo atti osceni con una strappona svedese ma poi mi moderano)
    • W.O.P.R. scrive:
      Re: Popcorn da fare col microonde
      Non è male ma è unto da far paura.meglio il popcorn classico che si può fare anche quello nel microonde.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Popcorn da fare col microonde
        - Scritto da: W.O.P.R.
        Non è male ma è unto da far paura.Quello al burro sì (anche se quello al burro della popz, che era molto più buono e meno unto, non lo riesco più a trovare). Quello normale no, al massimo è molto salato (c'è anche quello con meno sale, comunque), ma non è unto. Anche perché di cosa sarebbe unto? :)
    • panda rossa scrive:
      Re: Popcorn da fare col microonde
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Buonissimo e in meno di 4 minuti è pronto. E a
      conti fatti costa pure meno che al
      cinema.Confermo!Ne ho a casa sempre 2 o 3 scatole...Tra l'altro il motivo per cui la vendita di popcorn al cinema e' in mostruoso calo e' da ricercarsi nello spropositato costo al quale il popcorn medesimo viene venduto.Io quando vado al cinema, metto a budget 10 euro (compresi i biglietti del tram).Quando ho esaurito il budget, basta!La vogliono capire questa cosa o no?
  • angros scrive:
    Il DRM è morto
    [img]http://www.spurgeonworld.com/willsblog/archives/drm-burn-in-hell-729666.jpg[/img]E chi è ancora convinto che serva a qualcosa e vuole usarlo merita di pagare la sua stupidità con la rovina e il fallimento.
    • Joshthemajor scrive:
      Re: Il DRM è morto
      - Scritto da: angros
      [img]http://www.spurgeonworld.com/willsblog/archiv

      E chi è ancora convinto che serva a qualcosa e
      vuole usarlo merita di pagare la sua stupidità
      con la rovina e il
      fallimento.Big quote
  • Sgabbio scrive:
    non si capisce bene.
    Levano i drm e danno tutto a gratis e poi fanno causa a chi li condivide ? Oo"La pirateria mette a disposizione contenuti gratuitamente al di là del fatto che ci siamo noi a proteggerli o meno - ha spiegato Bunimovitz - Non si combatte la pirateria limitando la vendita dei contenuti, bensì combattendo i pirati stessi". Cosa che PMG ha tutta l'intenzione di fare, avviando una serie di cause legali contro alcuni siti che hanno ripreso illecitamente i suoi contenuti per adulti.Fare causa a mezzo internet mi pare un'azione contro producente....
    • hp sucs scrive:
      Re: non si capisce bene.
      semplicemente questi avevano fatto un paio di applicazioni per ipad/iphonesarebbe potuto esserci qualche video o foto XXXXX (magari erano legittimamente possessori dei diritti su video/foto) poi apple se n'è uscita con la crociata antiXXXXX e questi quà hanno detto siccome che non possiamo farci + nulla con queste applicazioni, le regaliamo a gratis (l'unico DRM è quello di apple, loro non hanno tolto ne messo nulla) fingendo di non sapere come si faccia a far girare una app senza drm sugli iphone
Chiudi i commenti