Solaris x86 più vicino all'open source

Visto il discreto interesse mostrato dalla comunità di utenti Intel verso Solaris x86, Sun sta valutando la possibilità di un cambiamento epocale. Ma non è detto che la ricetta dell'open source sia la panacea


San Francisco (USA) – “Sun è “davvero vicina” alla possibilità di far leva sull’open source per allargare la base di utenti del suo sistema operativo Solaris”. A dirlo è Jonathan Schwartz, vice presidente esecutivo di Sun, che in un’intervista ha svelato come la propria azienda stia valutando molto seriamente l’ipotesi di rilasciare la versione di Solaris per la piattaforma Intel sotto una licenza open source.

Schwartz sostiene che l’idea ha preso corpo in seguito al grande successo registrato dal recente programma di valutazione di Solaris 9 x86: il programma, che fino ad oggi avrebbe totalizzato 1,4 milioni di download, prevede la possibilità di scaricare una versione d’anteprima di Solaris 9 x86 per 20$.

Quasi un milione e mezzo di download non sono pochi se si pensa che, solo pochi mesi addietro, Sun era decisa a cancellare lo sviluppo della versione Intel-based di Solaris a causa dello scarso ritorno economico. Sebbene Sun garantì la continuazione del supporto di Solaris 8 per altri sette anni, la comunità di utenti x86 diede inizio ad una vera e propria campagna di protesta che recentemente ha finito per convincere Sun a riaprire il ramo di sviluppo di Solaris x86.

Il “favore” concesso da Sun alla piccola ma vivacissima comunità di utenti Intel ha però un costo: a differenza di Solaris 8, che nella versione x86 poteva essere scaricato gratuitamente, Solaris 9 sarà infatti disponibile solo a pagamento.

Dopo il rinnovato interesse nato attorno a Solaris 9 x86, e soprattutto dopo questa prima fase di valutazione, Sun sembra molto curiosa di conoscere quale sarebbe la reazione del mercato nel caso in cui questo sistema operativo venisse rilasciato come open source.

“La domanda è: se noi aprissimo il suo sorgente, riusciremo a raddoppiare il numero di download?”, s’interroga Schwartz.

Per rispondere a questa domanda bisognerebbe innanzitutto capire se sul mercato dei sistemi operativi dedicati alla piattaforma Intel vi è ancora spazio per un’eventuale espansione di Solaris, questo anche alla luce della rapida crescita di Linux sul mercato enterprise: la stessa Sun offre Linux come alternativa a Solaris su alcuni modelli di server low-end.

Solaris x86 sembra destinato, secondo alcuni, a finire nella morsa di due avversari sempre più temibili: Linux e Windows. A Sun resterà ora da capire se l’open source sarà scudo abbastanza solido per tenere in vita e rinvigorire la nicchia di mercato di Solaris x86: in caso contrario, infatti, la “medicina” potrebbe rivelarsi un semplice e inutile palliativo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Lo metterei sopra il letto.....
    sarebbe veramente figo.....
  • Anonimo scrive:
    LCD = 100Hz = Trascinamento immagine
    Il VERO problema degli LCD e' che sono perfetti per immagini statiche, ma quando riproducono movimenti purtroppo ancora non sono all'altezza.E', seppur originato da cause diverse, un po' come guardare un televisore 100Hz, che digitalmente si "inventa" dei fotogrammi da interpolare a quelli originali.Per cui, parlo ovviamente per me, se anche dovessero costruire uno schermo da 100 pollici, io ci penserei 1000 volte prima di acquistarlo, soprattutto all'inizio quando costera' un occhio della testa. Quando inizieranno a "regalarli" vedremo........
    • Anonimo scrive:
      Re: LCD = 100Hz = Trascinamento immagine
      - Scritto da: Anonimo
      Il VERO problema degli LCD e' che sono
      perfetti per immagini statiche, ma quando
      riproducono movimenti purtroppo ancora non
      sono all'altezza.
      E', seppur originato da cause diverse, un
      po' come guardare un televisore 100Hz, che
      digitalmente si "inventa" dei fotogrammi da
      interpolare a quelli originali.
      Per cui, parlo ovviamente per me, se anche
      dovessero costruire uno schermo da 100
      pollici, io ci penserei 1000 volte prima di
      acquistarlo, soprattutto all'inizio quando
      costera' un occhio della testa. Quando
      inizieranno a "regalarli" vedremo........Facendo due conti questo non dovrebbe avere problemi di persistenza, teoricamente ovvio, anche i CD all'inizio dicevano era perfetto invece si sentiva metallico.comunquel'occhio vede movimenti a scatti sotto i 18 fotogrammi al secondo, quindi 1 cambio immagine ogni 55 ms.al cinema abbiamo 24 fotogrammi al secondo quindi il movimento appare fluidoin dvd abbiamo (pal) 25 foto/sec quindi un cambio immagine ogni 20 ms, il monitor ha una ritenzione di 12 dovrebbe apparire fluido.andrebbe provato sul campo.
  • Anonimo scrive:
    Fahrenheit 451
    E così anche i salotti di Bradbury ci stanno entrando in casa.Fra quanto gli incendiari faranno piazza pulita dei libri?
    • Canvil scrive:
      Re: Fahrenheit 451
      Scusa ma non ho capito il senso del tuo messaggio, io leggo libri e guardo film, quando leggo spengo il video e quando guardo un film chiudo un libro; se ho la possibilita ( e i soldi attualmente non si sende sotto i 10000? per LCD che di fatto sono quasi la metà di quelli annunciati , perchè non dovrei pensare di acquistarli?
  • Anonimo scrive:
    problema degli LCD
    Fino a quando la sostituzione in garanzia di un monitor viene fatta _solamente_ se ci sono molteplici (non uno solo) pixel difettosi in punti _differenti_ dello schermo io non compero questi schermi, se non costretto (come p.es. i portatili).Spendere da 500 EUR in su per un oggetto che, se si ritrova un pixel danneggiato al centro dello schermo, non e' coperto da garanzia e' un rischio ingiustificabile per un privato.Possibile che non si possa fare nulla contro questa prevaricazione?Luigi
    • Anonimo scrive:
      Re: problema degli LCD


      Spendere da 500 EUR in su per un oggetto
      che, se si ritrova un pixel danneggiato al
      centro dello schermo, non e' coperto da
      garanzia e' un rischio ingiustificabile per
      un privato.
      Qualcosa e stato fatto, c'e' una normativa la iso 13406che e divisa a sua volta in 4 sotto-classi che indica con qualitermini ti devono sostituire il monitor, la classe 1 non la adottapraticamente nessuno in quanto ti devo cambiare il monitoranche con solo un pixel bruciato, la classe 2 che adottanopraticamente tutti indica che ti devono cambiare il monitorcon se questo presente piu di 2 pixel bruciati ( accesi o spenti ) o 5 sub-pixel, dalla classe 3 in poi si passa a piudi 20 pixel....da qui in poi e meglio lasciar stare.Quasi tutti i maggiori produttori di monitor lcd hanno adottatoo stanno adottando la classe 2 percio se si compra un lcdper prima cosa e meglio dare una occhiata se l'oggettoin questione ha questa normativa.Ciao....:)
      • Anonimo scrive:
        Re: problema degli LCD
        - Scritto da: Anonimo
        o 5 sub-pixel,cos'è un sub-pixel?
        • Anonimo scrive:
          Re: problema degli LCD
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          o 5 sub-pixel,

          cos'è un sub-pixel?come non detto, ho cercato in rete, il sub pixel è uno dei tre componenti (R, G, o B) del pixel (RGB)
    • Anonimo scrive:
      Tamerlano: problema degli LCD
      Scritto da: Anonimo
      Fino a quando la sostituzione in garanzia di
      un monitor viene fatta _solamente_ se ci
      sono molteplici (non uno solo) pixel
      difettosi in punti _differenti_ dello
      schermo io non compero questi schermi, se
      non costretto (come p.es. i portatili).

      Spendere da 500 EUR in su per un oggetto
      che, se si ritrova un pixel danneggiato al
      centro dello schermo, non e' coperto da
      garanzia e' un rischio ingiustificabile per
      un privato.sottoscrivo su tutta la linea, lascio i fanatici a far da cavie al consolidamento della tecnologia TFT fino a quando sarà davvero una cosa seria.Fino a quel momento un sano CRT 21" per il televisore e un CRT 17" per il monitor sono più che perfetti per le mie esigenze.....soprattutto quando li devi portare in assistenza tecnica in caso di guasto.....(chi ha un 28" ed oltre sa di cosa parlo....)Tamerlano
  • Anonimo scrive:
    lo voglio io
    12 ms, 500:1.. 1920:1280..... fenomenale... lo voglio io per attaccarlo al mio computer. quanto pensate che costerà
    • Anonimo scrive:
      Re: lo voglio io
      se sei di arcore,forse te lo puoi permettere...
      • Canvil scrive:
        Re: lo voglio io
        Attualmente LG Philips propone a Listino il solo "vetro" , leggi LCD senza scheda interfaccia TV segnale analogico, scart e/o VGA , ne copertura plastica ( leggi case ) un 30' a circa 2500?.... infondo forse ad arcore possono installarsene 10... anche se come indicavo prima ho visto un 30' a circa 10000?
    • Anonimo scrive:
      Re: lo voglio io
      Anche io. Giusto come radiosveglia.
Chiudi i commenti