SongBird trova e denuncia la musica online

Scandaglia anche Napster e affini il nuovo sistema adottato dai produttori della IFPI per ridurre al silenzio tutto ciò che è file-sharing musicale e che non riconosca i diritti d'autore. Ma c'è un... ma


Londra – Ieri negli uffici londinesi della IFPI, la fondazione che riunisce i produttori musicali di mezzo mondo, è stata presentata la tecnologia SongBird, un sistema pensato per individuare su Internet le musiche degli artisti o delle etichette che lo richiedano per sapere chi e come ne sta abusando.

Il software, concepito da un 20enne della Media Enforcer, è pensato come supporto indispensabile per le attività anti-pirateria condotte sulla Rete, per scovare gli usi illeciti che vengono fatti della musica e per quindi arrivare a poter individuare chi è responsabile dell’illegalità stessa.

Stando a Jay Berman, chairman della IFPI, “SongBird offre a chi detiene il diritto d’autore tutta una nuova capacità di investigare su come Napster utilizzi la propria musica e, se lo desidera, per intraprendere i passi necessari affinché sia rimossa”.

Ma non c’è solo Napster, naturalmente, nel pensiero dei discografici, letteralmente circondati da sistemi di file-sharing illegali e da un numero crescente di alternative che aspirano alla legalità imponendo sottoscrizioni e abbonamenti agli utenti.

“SongBird – ha anche detto Berman – non solo aiuta nel lavoro di tutela dei propri diritti gli autori americani ma rientra anche perfettamente nelle strategie antipirateria globali della IFPI”. Come si ricorderà, la IFPI si è fatta promotore di numerose operazioni contro i sistemi di file-sharing. In un caso, in Belgio, addirittura contro singoli utenti dei sistemi che, una volta individuati, si sono visti sequestrare supporti digitali e sanzionare per aver scaricato musica.

D’altra parte lo slogan di Media Enforcer è: “Combattere la pirateria online con tecnologie, servizi e informazione”.


SongBird è un software che viene distribuito gratuitamente per rintracciare musica online che, stando alla presentazione che ne viene fatta, consente ad un utente di ottenere appena installato una lista delle diverse versioni di un pezzo che sono disponibili online. Una lista che potrebbe comprendere anche le versioni di musiche la cui riproduzione e diffusione non è coperta da autorizzazione e accordi tra produttore e distributore, o tra artista e utente di un sistema di file-sharing.

Si tratta, dunque, di una sorta di “agente intelligente” capace di girare sulla Rete a caccia di determinati file, consentendo a produttori ed artisti, per esempio, di sapere quanto è popolare un pezzo che hanno voluto diffondere via Internet o quale interesse sta suscitando un certo album di cui si è fornita una “clip”.

Il software pare sia in grado di riconoscere i nomi dei file anche quando vengono storpiati o modificati con algoritmi noti, sebbene sia probabile che l’evoluzione delle tecniche “mascherafile” renderà la vita difficile a SongBird.

Naturalmente, proprio le sue caratteristiche di “crawler intelligente” possono consentire, a chi lo scarica, di individuare facilmente sulla rete i brani che sta cercando, la musica che intende scaricare illegalmente. Trasformando così il sistema anti-pirateria in un ennesimo motore a disposizione dell’uso illecito.

Ed esiste una versione a pagamento del software: con 50 dollari si acquisisce il diritto di ricercare anche all’interno di Gnutella e di inserire nella lista dei file ricercabili, oltre ai file musicali, anche quelli dedicati ad altri media, come i film, sempre più diffusi nei sistemi di file-swapping. Siamo di fronte ad un “supergnutellone” un po ‘ macchinoso e a pagamento?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Altra definizione di hacker
    Sinceramente non ho mai visto nessuno ammettere che i motivi che spingono un hacker (o presunto tale) a compiere azioni di sabotaggio sono ben altre che quelle legate a sicurezza o ricerca.Molto spesso i motivi (io per esempio) sono solo dovuti alla voglia di imparare, quasi essere superiori agli altri, una sfida a chi è più bravo. Oppure, molto spesso, si è animati da ideologie quasi politiche o sociali.Free the Net.
  • Anonimo scrive:
    Che vi lamentate a fare!!!!!!
    Che vi lamentate a fare con noi hackers.Sono un ragazzo di 22 anni che è esperto in tutti gli accessi protetti da banche ad anagrafe e soprattutto telecom....Mi fate proprio ridere come a me anche tanti altri.Se sieti tanto stupidi da pagare sistemi così costosi per la protezione del vostro sistema da infiltrazioni o da virus.Sciocchi.Chi fabbrica i virus?Facile gente che vuole dimostrare che i programmi costosissimi fanno acqua...Chi è che accede nei sistemi protetti?Persone che vogliono dimostrare che il sistema di sicurezza e veramente labile. Anche tutti i dati americani su chi ha ammazzato JFK sono ormai da un po in giro.......Se esiste l'area 51...........Tutto per noi è chiaro e ogni giorno nascono piccoli hacker basta vedere l'affluenza di minorenni nei siti di hackerismo anche ragazzi di 12 o addirittura 9 anni.C'è qualcosa che non va!Tutto ciò che è segreto non deve esserlo anzi deve essere a portata di tutti.Ma + si va avanti sarà molto peggio.1)D+ Stream Facilmente non pagabili.....2)Ricariche telefoniche ma chi le compra2bis) i terminali che fanno ricarche dei telefonini nei negozzi Tim sono troppo facili da pingare e accedere a tutto anche al programma e alle password......Io sono uno che non vuole avere limiti almeno nella rete e uno che dove trova una barriera la abbatte e se per questo voi mi considerate un hacker "pirata" allora non avete capito niente.........Vedete di preoccuparvi di cose + serie ad esempio la pedofilia in internet.....Chi usa le proprie capacità è un hacker per voi!la nostra vita da hacker può durare + o meno tanto dipende dalla maturità e dall'intelligenza che usiamo. E' molto corta la nostra vita da hacker può durare dai 5 a 10 dove nei quali ho vieni arrestato oppure diventi un miliardario!!!Free space in the netBy PSYCO
  • Anonimo scrive:
    Ricerca :-))))
    Un hacker è uno fa ricerca e TROVA i vari bug...GRATIS - eh ehe Studiate - Ciao Gente BY BY -
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricerca :-))))
      - Scritto da: RIBOT....
      Un hacker è uno fa ricerca Ma l'italiano chi te lo ha insegnato?
      e TROVA i vari
      bug...
      GRATIS eheh, per me è anche questo... ;) Forse sarà perchè ancora sono giovane. Boh! Comunque hai ragione. :D
  • Anonimo scrive:
    Gli Hacker.....
    E' incredibile... hanno paura....che stupidi.sembra un po' l'accusatoria di Mitnik, quando hann detto di non fargli usare il cell al processo per paura che attivi un missile.Ma lo sapete almeno cosa e' un Hacker, io mi chiedo? sapete cosa hanno fatto di buono? vi ricordate quanto GRAZIE AGLI HACKER sia progredita la sicurezza informatica? vi ricordate di quando (a detta del mitico Lord Shinva) bastava digitare WIZ per avere il controllo di una macchina? pensate prima di parlare, ignoranti saccentoni che state ai piani alti dello statoSe non sapete cosa sia un hacker leggete qui sotto. un passo tratto dal manifesto di mentor[cut]Noi cerchiamo conoscienza... e ci chiamate criminali, noi esploriamo... e ci chiamate criminali... non esistiamo senza colore di pelle, credi religiosi e confini e ci chiamate criminali, voi costruite bombe atimiche, finanziate guerre, uccidete, ingannate, mentite e cercate di farci credere che e' per il nostro bene, e poi siamo noi i criminaliallora si, io sono un criminale, il mio crimine e' la mia curiosita', il mio crimine e' quello che i giurati pensano e sanno e no quello che guardano, il mio crimine e' scoprire qualche vostro segreto, qualcosa che non vi fara' mai dimenticare i mio nome.IO SONO UN HACKER E QUESTO E' IL MIO MANIFESTO, POTRETE FERMARE ME MA NON POTRETE FERMARCI TUTTI, DOPOTUTTO SIAMO TUTTI UGUALI+++ The Mentor+++ January 8, 1986
  • Anonimo scrive:
    Arrivano i nuovi DEI della REte....bhuhahahahah
    Lo sapevo...Me lo immaginavo che, prima o poi,sarebbe spuntato chi si crede un grande, un Diocazzo sceso in Terra, uno 'con le palle'...Eppure, caro il mio Derthis, se non ricordomale, solo due giorni fa eri d'accordo con mesul fatto che in Italia ci sia una quantitàsproporzionata di LAMER e di presunti HACKER,che professano i loro miracoli sulla rete earrivano su IRC gridando: "Ehi, andate subitoa vedere questo sito...l'ho appena bucato"Io non voglio dimostrare niente, non ne hobisogno. Ma l'essere preso di mira da ragazzinistupidi che non sanno cosa sia il protocolloTPC/IP o l'essere paragonato a gentaccia chenon frequento e che non pretendo di frequentare,beh, questo si che mi fa incazzare.Io abbasserei un pò la cresta, se fossi in te, emi rimetterei a studiare le basi di quest'arteche è hacking, visto che hai sempre avuto frettadi fare 'il grande colpo' ( e poi lasci sporchigli XFERLOG...vergogna! E ringrazia l'Admin...)E' gente come te che rovina i veri HACKER; checrede sia bello usare il PHF o i BOF codati daqualcun'altro per bucare...Bucare, bucare, bucare...possibile che non sappiatefare altro? Tutti hanno avuto il periodo 'nero',quello in cui l'unica preoccupazione era d'averel'accesso. "#" Eccolo, il simbolo magico...Era per questo cancelletto di merda che si perdevanonotti su notti a studiare un server, a trovareexploit, a consumare gli occhi sul monitor...Ma crescendo questo dovrebbe passare...Non dico non sia GRANDIOSO farsi una bellasfida (magari sulla propria LAN casalinga!)ma credo sia più costruttivo dedicarsi magarialla programmazione (non in BASIC, è logico!)o al fotoritocco, a smontare il computer,insomma, qualcosa che in futuro, magari, possaoffrirmi anche un'opportunità di lavoro in più!Non credo che un'azienda ti assumerà se ci scrivinel curriculum "esperto hacker, proprietario didiverse shell RedHat...".Ma se ci scrivi "esperto in sicurezza informatica,gestione ottimale di Unix, ..." è probabileche verrai assunto da una superazienda a10 milioni netti al mese (sempre che sia vero quelloche hai scritto nel curriculum...).No, non sono corrotto dal sistema...se ho scelto dicombattere sulla Rete, è proprio perchè questo sistemanon mi piace, è sporco, è corrotto.La madama su IRC che ti chiede 'scambiamo shell?',il finanziere che dopo aver sequestrato la roba sela vende, sbirri che ti entrano in casa alle 6:00del mattino e ti sequestrano il computer con tuttii tuoi CD masterizzati e i cari floppy su cui conservile e-mail più belle che ti spedisce la tua ragazza.Questo è successo a tanti...è difficile dire se eranovittime di una sorta di abuso di potere (tipo quello che è successo a Pacelink e a tutticoloro i quali hanno subito il sequestro delbeneamato PC, vedi http://www.alcei.it/news/sequestr.htm)o erano i coglionazzi di turno che con poca tecnica e tanto culo hanno sfondato un serverino decadente e hanno poigridato soddisfatti davanti al monitor :"Evvai, ve l'ho messo in culo!", mentre l'Admin,nello stesso momento, trovando spiccicato ilsuo IP in un log sperduto, grida la stessa frase.Ma come faremo noi, a combattere il sistema, seci facciamo acchiappare con le mani nel sacco?Perchè non mostrare a tutti com'è debole quellache loro chiamano 'sicurezza informatica'?E se non sanno garantire la sicurezza in un mondovirtuale, figuriamoci nella realtà!Non siate vuoti, senza un ideale, senza una vostraspiritualità...se per voi stare 8 ore di seguito asmanettare su un computer vi fa stare bene, fatelo,ma ricordate che qualcun'altro (vedi Admin) vuolestar bene come voi, e magari conservare anche ilsudato posto di lavoro.Per questo, caro Derthis, tu e i tuoi cari compagnid'avventure digitali, tornate a studiare.Anzi, butta via il computer, così non ticolleghi, lasci in pace la Rete e non rompi i maronia me e a tutta quella gente che vuole ancora imparare.Perchè di imparare non si smette mai, caro sig. Sottutto!Byez!Sir McGee
    • Anonimo scrive:
      L'E-MAIL DI SIRMCGEE
      Mi scuso per aver sbagliato a scrivere la mia e-mail...Quella vera è : sir_mcgee@yahoo.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Arrivano i nuovi DEI della REte....bhuhahahahah

      Me lo immaginavo che, prima o
      poi,
      sarebbe spuntato chi si crede un grande, un
      Dio
      cazzo sceso in Terra, uno 'con le palle'...Ma stai scendendo dalle nuvole? Sono decenni che ci sono gli "dei cazzi", quelli con le palle...
      Eppure, caro il mio Derthis,Chi è? Cioè voglio dire dov'è che ha scritto? Vorrei leggere quello che ha scritto.
      "Ehi, andate subito
      a vedere questo sito...l'ho appena bucato"E che poi magari non sono stati nemmeno loro in realtà.
      Io non voglio dimostrare niente, non ne ho
      bisogno.Ma perchè quando lo dico io vengo sempre criticato e nessuno mi crede mai? Bah!
      Io abbasserei un pò la cresta, se fossi in
      te, e
      mi rimetterei a studiare le basi di
      quest'arte
      che è hacking, visto che hai sempre avuto
      fretta
      di fare 'il grande colpo' ( e poi lasci
      sporchi
      gli XFERLOG...vergogna! E ringrazia
      l'Admin...)Ma che è? T'ha bucato la tua rete? Come fai a sapere che lascia sporchi gli XFERLOG?
      Bucare, bucare, bucare...possibile che non
      sappiate
      fare altro? Siete solo dei drogati!!
      Tutti hanno avuto il periodo
      'nero',
      quello in cui l'unica preoccupazione era
      d'avere
      l'accesso. Bello. Ogniuno ha le sue ragioni per farlo. Facile criticare.
      "#" Eccolo, il simbolo magico...WOW! Allora sono un mago!! Lo vedo praticamente ogni giorno! Quello del mio linux...
      Era per questo cancelletto di merda che si
      perdevano
      notti su notti a studiare un server, a
      trovare
      exploit, a consumare gli occhi sul monitor...E ha creato gente come Mitnick...degli eroi immortali!
      Ma crescendo questo dovrebbe passare...In alcuni si in altri no. Ma stiamo sempre a criticare!
      Non dico non sia GRANDIOSO farsi una bella
      sfida (magari sulla propria LAN casalinga!)Bello! E con chi la fai sta sfida? E' più seccante questo sinceramente.
      ma credo sia più costruttivo dedicarsi magari
      alla programmazione (non in BASIC, è logico!)E perchè no? Ha anche il suo fascino!
      o al fotoritocco, a smontare il computer,
      insomma, qualcosa che in futuro, magari,
      possa
      offrirmi anche un'opportunità di lavoro in
      più!Secondo te Raoul Chiesa che lavoro fa?
      Non credo che un'azienda ti assumerà se ci
      scrivi
      nel curriculum "esperto hacker, proprietario
      di
      diverse shell RedHat...".Bè, a Raoul Chiesa è successo...
      Ma se ci scrivi "esperto in sicurezza
      informatica,
      gestione ottimale di Unix, ..."Quello che vogliono vedere sono i fatti, non quello che scrivi sul curriculum. Io potrei anche scrivere "Dio di Unix. Creatore di tutti gli Unix visibili e invisibili..."
      è probabile
      che verrai assunto da una superazienda a
      10 milioni netti al mese (sempre che sia
      vero quello
      che hai scritto nel curriculum...).Ma t'ha fatto vedere anche il suo curriculum?? Comunque "Hacker" non ci sta bene con "superpagato".
      La madama su IRC che ti chiede 'scambiamo
      shell?',
      il finanziere che dopo aver sequestrato la
      roba se
      la vende, sbirri che ti entrano in casa alle
      6:00
      del mattino e ti sequestrano il computer con
      tutti
      i tuoi CD masterizzati e i cari floppy su
      cui conservi
      le e-mail più belle che ti spedisce la tua
      ragazza.
      Questo è successo a tanti...E cazzo, questo succede ovunque! Mica solo nel sistema!
      gridato soddisfatti davanti al monitor :
      "Evvai, ve l'ho messo in culo!", mentre
      l'Admin,
      nello stesso momento, trovando spiccicato il
      suo IP in un log sperduto, grida la stessa
      frase.Credo che sia più efficace quello dell'admin...
      Ma come faremo noi, a combattere il sistema,Hai detto che non vuoi combatterlo.
      se
      ci facciamo acchiappare con le mani nel
      sacco?Aho! Ti ce fai acchiappà te colle mani ner sacco!!
      Perchè non mostrare a tutti com'è debole
      quella
      che loro chiamano 'sicurezza informatica'?E' proprio per questo che si dovrebbero bucare i sistemi principalmente.
      E se non sanno garantire la sicurezza in un
      mondo
      virtuale, figuriamoci nella realtà!E non ne che ci vuole un mago per dircelo...
      Non siate vuoti, senza un ideale, senza una
      vostra
      spiritualità...se per voi stare 8 ore di
      seguito a
      smanettare su un computer vi fa stare bene,
      fatelo,
      ma ricordate che qualcun'altro (vedi Admin)
      vuole
      star bene come voi, e magari conservare
      anche il
      sudato posto di lavoro.E quindi dopo aver finalmente conquistato il sudatissimo "#", mandiamo una mail all'admin spiegandogli qual'è il problema e come risolverlo. Ma l'admin, dato che è un signore, se ne sbatte allegramente e, o ti denuncia (bastardo!!! Non l'admin, ma chi comanda), oppure non ti cagano proprio (per vanità e orgoglio) e cancellano la mail e lasciano tutto com'era. E allora al culo lo prende l'admin non l'Hacker (perchè in questo caso di Hacker si tratta! Ne sono convinto!).
      Anzi, butta via il computer, così non ti
      colleghi, lasci in pace la Rete e non rompi
      i maroni
      a me e a tutta quella gente che vuole ancora
      imparare.
      Perchè di imparare non si smette mai, caro
      sig. Sottutto!Ma che ha fatto questo???
  • Anonimo scrive:
    Poveri hacker italiani...
    Ho letto un pò le risposte al mio 'sfogo' (se così lo possiamo chiamare) e ad altri che hanno scritto qualcosina, vera o falsa che sia...Che vergogna!!!Gente che si professa come il nuovo Kevin M. o altri ancora che odiano gli hacker indifferentemente da quello che fanno, da quello che pensano, solo perchè vedono che avviano un programmillo che si chiama 'telnet' e cominciano a scriverci sopra 'helo'. "Cazzo, ma allora sei un hacker!" e ti guardano con un sguardo da cui traspare ammirazione e rispetto, e subito attaccano con l'opera di leccaculo. "Senti, se voglio distruggere il computer di qualcuno come faccio?". Allora tu, con fare benevolo, gli spieghi che così non arriverà mai da nessuna parte, che fare un OOB su un wincozz bacato non gli servirà a niente nella vita. Il ragazzino rimane stupito, quasi offeso...Dopo un paio di giorni è tornato da me e mi dice "ho fatto un sito, utenti.tripod.it/saipher, vallo a vedere se ti piace...". Ebbene, il nostro caro LAMER distribuiva dal suo sito, sotto forma di applicazioni per difendere il prorpio computer dagli attacchi esterni, trojan e virus.Non vi dico quanta gente aveva visitato il sito in poco più di due mesi...circa 1300.E' questo dunque l'underground italiano?E' così che vogliamo entrare in competizione con l'America? Lì le cose sono molto diverse, la concezione di hacker è talmente avanti a noi da apparirci futuristica.E poi i newbies pretendono di imparare dai 'nonni' quasi fosse un loro diritto? Un dovere a cui un 'veterano' non deve sottrarsi? Per poi vedere cosa? Un bamboccio di 15 anni sfornare trojan e distribuirli sulla Rete a poveri utenti ignari (e un pò sprovveduti?).Riflettete su questo, e rispondetemi secondo coscienza, non secondo i vostri pregiudizi.Adios... SirMcGee
  • Anonimo scrive:
    LowLevelLanguage
    come posso mettermi in cottatto con te?flinky@katamail.com
  • Anonimo scrive:
    IGNORANTI E PROFANI!
    muahahahhahahahahahhahale bestie che hanno utilizzato Lamersono un insulto all'ultimo ventenniodi cultura underground.Come potete leggere nel Jargon dictionaryhttp://info.astrian.net/jargon/terms/l/lamer.htmll'utilizzo principale del termine e' legatoal mondo delle warez di fine anni 80(I was there)Il termine giusto sarebbe:http://info.astrian.net/jargon/terms/w/wannabee.htmlMa volendo ben vedere gli hacker hanno pure una loro etica quindi.....
  • Anonimo scrive:
    Il baco(lamer) diventa farfalla(hacker)
    ebbene si, amici miei, come il baco diventa farfalla, anche il lamer (si spera!) diventa hacker. I primi tempi li conosciamo tutti: smanetti su tutto, anche sul citofono di casa, il computer viene tenuto acceso 20 ore al giorno, si passano notti insonni davanti ad un monitor a fosfori verdi cercando di arrivare ad un orgasmo digitale, a far diventare quel $ in #.Ma la mia speranza è che ognuno abbia una crescita culturale, che diventi una sorta di freno ad atti sconsiderati e si inserisca nella voglia di provare senza far danni. E allora via, ti costruisci la tua piccola rete in casa, Un!x come Dio comanda...poi magari viene l'illuminazione C, e via a codare per giorni e giorni, a disassemblare programmi per imparare fino a creare la prima finestrella con tanto d'help in linea.Penso sia una gran soddisfazione avere la prima shell redhat coreana, ma credo sia altrettanto soddisfacente codare un bel tool e darlo al mondo.Per me questo è l'hacker.Acneh se volete conoscere la grande arte dell'hacking, per favore, NON FATE I CAZZONI! Ricordate che il magistrato non perdona, vi mette a pecora, e vi fa un servizio inculatorio di prim'ordine!Ok, penso sia tutto!Byez!/S|r~McGeE/
    • Anonimo scrive:
      Re: Il baco(lamer) diventa farfalla(hacker)
      Apparte che te la tiri un pò.. cmq quello che dici tu al mio paese si chiama programmatore di rete.Secondo me faresti bene a scendere dal piedistallopotresti farti male..
  • Anonimo scrive:
    no al lavoro dei servizi italiani!
    dico di no riguardo al loro operato xchè nn misembra giusto dare la caccia agli hacker e a tutto quello che riguarda il mondo dell'hacking!gli hacker a volte sono riusciti a fare del bene per la nostra rete, ade esempio liberarci dai siti pedofili che mostravano oscene immagini e video a pagamento e tante altre cose che la gente comune, cioè gli "ignoranti e gli stolti" nn capiscono!

    vedi zerohack.it thegroup of underground

    con questo ho chiuso e..W GLI HACKERS!!!
  • Anonimo scrive:
    Non sanno nemmeno di cosa parlano...
    Quest'ammasso di raccomandati di stato o politicanti vari, non sanno nemmeno cosa sia una rete...Ed inoltre visto che non conoscono internet la temono...Tipico comportamento "xenofobo"...Secondo loro tutto cio' che e' internet e' illecito o addirittura illegale...Tutti quelli che usano lo strumento internet per loro sono dei delinquenti...Cose da pazzi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sanno nemmeno di cosa parlano...
      - Scritto da: Max
      Secondo loro tutto cio' che e' internet e'
      illecito o addirittura illegale...Mi sfugge la differenza tra "illecito" e "addirittura illegale", ti spiacerebbe molto renderci edotti in merito?
  • Anonimo scrive:
    Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
    A volte un atteggiamento di qualunquismo porterebbe al rogo molti nostri amici, conoscienti, sulla base di sospetti o semplici intuizioni. Lasciamo perdere il discorso fatto e rifatto sulla parziale colpa degli hackers (se la Microsoft o altre società di software codano in maniera 'pazzoide' non è mica colpa loro, poverini!) e sulla buona parte della colpa di sistemi poco protetti o programmi strabacati, io penso si stia generalizzando troppo il discorso hacker. Il vero hacker, o almeno per quello che ho imparato in dieci anni di attività fatti di modestia, studio e lavoro, è un esploratore, un curioso di natura, che esplora le potenzialità della rete per farle proprie. L'accesso al server è solo un traguardo, ma da questo a modificare dati o fare altro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
      - Scritto da: SirMcGee
      A volte un atteggiamento di qualunquismo
      porterebbe al rogo molti nostri amici,
      conoscienti, sulla base di sospetti o
      semplici intuizioni. Lasciamo perdere il
      discorso fatto e rifatto sulla parziale
      colpa degli hackers (se la Microsoft o altre
      società di software codano in maniera
      'pazzoide' non è mica colpa loro, poverini!)
      e sulla buona parte della colpa di sistemi
      poco protetti o programmi strabacati, io
      penso si stia generalizzando troppo il
      discorso hacker. Il vero hacker, o almeno
      per quello che ho imparato in dieci anni di
      attività fatti di modestia, studio e lavoro,
      è un esploratore, un curioso di natura, che
      esplora le potenzialità della rete per farle
      proprie. L'accesso al server è solo un
      traguardo, ma da questo a modificare dati o
      fare altro...TU LO SAI, IO LO SO, POCHI ALTRI LO SANNO.MOLTE ALTRE FACCE DA CULO FANNO FINTA DI NON SAPERLO E SPARANO ZIZZANIA A DESTRA ED A MANCA.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
        - Scritto da: Alien
        TU LO SAI, IO LO SO, POCHI ALTRI LO SANNO.
        MOLTE ALTRE FACCE DA CULO FANNO FINTA DI NON
        SAPERLO E SPARANO ZIZZANIA A DESTRA ED A
        MANCA.Il termine Hacker ha mille accezzioni e come dice il buon vecchio Tritemius, sostanzialmente l'Hacker è colui che comprende la portata epocale della rivoluzione dell'Informazione.Io concordo in questa sua interpretazione, e aggiungo anche che Hacker è colui che mette anima e corpo in quello che fa e che è molto propenso al reciproco aiuto volontario.Molti dicono che non si è Hacker se si buca un server...bè, allora al diavolo l'Hacker!! :DSi prova una gioia immensa e un senso di pienezza accompagnato da delle scariche di adrenalina che non si possono nemmeno immaginare, quando dopo 3 ore di smanettamenti ti ritrovi di fronte alla scritta "Welcome root, last login 03:26.43 AM"... Il fatto che rinforzino la sicurezza è molto interessante. Non mi piacciono i regali (no!! Il server del Pentagono non lo buco!!! ;D)...Mah, io mi diverto così, ma anche programmando e facendo altre cosette, ma questa è la cosa più bella e spero di farlo fino a quando le conoscenze me lo permetteranno.Ciao!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
          - Scritto da: Nemesis
          Si prova una gioia immensa e un senso di
          pienezza accompagnato da delle scariche di
          adrenalina che non si possono nemmeno
          immaginare, quando dopo 3 ore di
          smanettamenti ti ritrovi di fronte alla
          scritta "Welcome root, last login 03:26.43
          AM"... Cioe' quando ti ricordi qual'e' la pw di root che hai messo alla tua macchina? :)))Gioia immensa, senso di pienezza... ma per cortesia rendite conto de quello che stai addi'!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?

            Cioe' quando ti ricordi qual'e' la pw di
            root che hai messo alla tua macchina? :)))

            Gioia immensa, senso di pienezza... ma per
            cortesia rendite conto de quello che stai
            addi'!!!Non l'hai mai provato? Allora zitto, non puoi capire...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            Sei solo un ignorante.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            - Scritto da: Ufo13
            Sei solo un ignorante.Grazie! Cmq non c'è nessun bisogno di insultare. Se tu non hai mai hakkato un server non è colpa mia. Se non sai cosa si prova allora silenzio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?

            Grazie! Cmq non c'è nessun bisogno di
            insultare. Se tu non hai mai hakkato un
            server non è colpa mia. Se non sai cosa si
            prova allora silenzio.Mi pare di sentire un drogato. Solo che i drogatifanno in primo luogo male a sé stessi, tu potresti (potenzialmente)danneggiare gente che lavora. A far funzionare qualche baco, basta andare su bugtraq e se cerchi abbastanza un buco su un computer messo su da un non paranoico lo trovi. Facile! Quasi come farsi una dose di cocaina.Ps: tu hai mai fatto un discorso intelligente?Se non sai cosa si prova allora silenzio!.-þþþþ
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?

            Mi pare di sentire un drogato. Solo che i
            drogati
            fanno in primo luogo male a sé stessi, tu
            potresti (potenzialmente)danneggiare gente
            che lavora. Mi stai danneggiando con le tue idiozie.Se invece di dire queste cazzate avessi studiando un pò di più l'informatica, capiresti che danni non se ne fanno quando si buca un sistema, a meno che non si vogliano fare intenzionalmente, e questo mi spiace deluderti, ma non è nella mia etica.E comunque mentre leggevo quello che hai scritto, stavo lavorando...
            A far funzionare qualche baco,
            basta andare su bugtraq e se cerchi
            abbastanza un buco su un computer messo su
            da un non paranoico lo trovi.
            Facile! Quasi come farsi una dose di cocaina.Vedo che te ne intendi molto di droga...dacci un taglio alla cocaina.
            Ps: tu hai mai fatto un discorso
            intelligente?Comunque non mi sembra logico che uno che dimostra di non aver mai fatto un discorso intelligente, chiede a qualcun'altro se ha mai fatto un discorso intelligente. Prima impara a farlo tu.
            Se non sai cosa si prova allora
            silenzio!.Silenzio? Io non ho mai detto di fare discorsi intelligenti...A questo punto ne deduco che ci sono tre possibilità: o hai sbagliato sito, o non hai letto quello che ho scritto, oppure, la più logica, sei sotto l'effetto di qualche droga pesante...mooolto pesante...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            Casualmente (seguendo un link) sono capitato su questo forum, non vorrei intromettermi, ma non so stare lontano dai casini, soprattutto quando ci sono in giro degli ignoranti come FrakHum (ma per fortuna ci sono anche persone intelligenti come Nemesis). Ne ho piene le palle della gente che ha il PC da un anno e crede di essere il padrone della rete solo perchè spera di combinare qualcosa con qualche software da lamer totalmente obsoleto, che crede di crashare sistemi solo scrivendo una volta il comando PING dal prompt di MS-DOS, che visita tutti i giorni siti warez credendo che centri qualcosa con l'hacking ma che invece non centra un cazzo, e facendolo solo perchè hanno trovato quel sito su un motore di ricerca digitando la parola "acher".Poi i presunti hacker che si vantano su Internet di essere dei guru proprio non li digerisco, mi verrebbe voglia di prenderli a scarpate nel culo... gente così non riesce a combinare niente neanche se condividi tutte le risorse e gli dai l'IP, (il Netbios Name se sei su win), il MAC, (l'username e la password di root se sei su lin) il numero di telefono, l'indirizzo di casa, e gli dai in mano un martello indicandogli in che stanza tieni il PC.Io ho 15 anni, per mia fortuna possiedo un computer da quando avevo 4 anni (un introvabile Commodore con 1Mbyte di RAM), e navigo in Internet da quando avevo appena 8 anni: sono coscente delle mie avanzate capacità informatiche globali, ma non disprezzo per niente quelli che hanno comperato un PC da 2 giorni, magari perchè prima, per problemi economici, erano sempre rimasti esclusi da questo mondo dove il BAUD la fa da padrone... ma queste persone devono essere umili, ed accettare i propri limiti, che un giorno probabilmente supereranno... ma ogni cosa ha suo tempo!!!Saluti,EKERAZHA
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            Finalmente una persona umile. Restate con i piedi per terra perchè «più vi innalzate e più apparite piccoli a coloro che non sanno volare».Cercate di impararee di giudicare di meno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            Perfettamente daccordo.Attribuisco un grande merito a chi è disposto a impiegare (o perdere) parte del suo tempo per insegnare anche solo i fondamenti delle reti o il funzionamento del TCP/IP (tanto per partire dalle basi).Parimenti non applico l'equazione: "ho bucato un server, sono un vero Hacker".Ovviamente le mie sono solo opinioni personali.Saluti a tutti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?

            Il termine Hacker ha mille accezzioni e come
            dice il buon vecchio Tritemius, sostanzialmente
            l'Hacker è colui che comprende la portata
            epocale della rivoluzione dell'Informazione.
            Io concordo in questa sua interpretazione, e
            aggiungo anche che Hacker è colui che mette
            anima e corpo in quello che fa e che è molto
            propenso al reciproco aiuto volontario.Questo intendo principalmente per Hacker. E' solo il MIO pensiero. Non voglio assolutamente dire che il tuo sia sbagliato e il mio giusto, ma solo che non concordo. Ogniuno la pensa a modo suo. E proprio perchè «ha mille accezzioni», non può esistere la definizione oggettiva del termine.Io non voglio assolutamente imporre la mia idea agli altri, ma mi dà fastidio che uno mi viene a dire:«ti rendi conto di quello che stai dicendo» o robe simili, quando dico che per me è Hacker anche colui che entra in sistema.Certo, poi ci sono mille motivazioni per entrare, e di certo non è etico (almeno quello che intendo io per etica Hacker) fare danni dopo che si è entrati. Io se entro, entro solo per curiosità, per sapere che c'è lì dentro. Per sfida al sysadmin. Per un mio interesse; magari buco il sistema della mia banca perchè so che non è protetto e che contiene soldi miei e dati miei (è solo un esempio ;) ) e poi mando un e-mail dicendogli cos'è che non va, ecc ecc.
            E "qui" si considera hacker quello che sfonda un
            sistema "perchè è bello farlo " .... auguri .... Scusa, ma stai mettendo in discussione la MIA idea di Hacker (o una parte di essa), affermando implicitamente in questa frase, che non è *giusta*.
            (ed è una cosa che gli invidio tantissimo,
            perchè io non ci riesco)A chi lo dici...
            Nemesis, e' tutto tempo perso star qui a
            discutere di cose è o cosa non è un hackerMa hai letto bene il titolo del thread???
            Parimenti non applico l'equazione: "ho bucato un
            server, sono un vero Hacker".Non la applico nemmeno io...e l'ho appena detto...Comunque sia, mi piace hackare anche (e soprattutto) per il fascino del proibito. Ecco perchè leggi più dure non mi tangono minimamente. "Un cuore pieno di ardimento e di gaiezza ha bisogno ogni tanto di un pericolo, altrimenti il mondo gli diviene insopportabile" Friedrich Nietzsche - "Frammenti postumi"
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?


            Il termine Hacker ha mille accezzioni e
            come
            dice il buon vecchio Tritemius,
            sostanzialmente
            l'Hacker è colui che
            comprende la portata
            epocale della
            rivoluzione dell'Informazione.

            Io concordo in questa sua interpretazione,
            e
            aggiungo anche che Hacker è colui che
            mette
            anima e corpo in quello che fa e che
            è molto
            propenso al reciproco aiuto
            volontario.Togliti la curiosità di andare a vedere la definizione di "To Hack" sul dizionario Hazon Garzanti ... tralasciando "fare a pezzi con l'ascia" ;)To Hack: v.intr. (sl.) modificare il codice sorgente, inserirsi illecitamente (in un computer altrui). E ora guarda quella del Jargon (di cui, per la cronaca, possiedo giusto una delle rare copie cartacee :) )hack 1. /n./ Originally, a quick job that produces what is needed, but not well. 2. /n./ An incredibly good, and perhaps very time-consuming, piece of work that produces exactly what is needed. 3. /vt./ To bear emotionally or physically. "I can't hack this heat!" 4. /vt./ To work on something (typically a program). In an immediate sense: "What are you doing?" "I'm hacking TECO." In a general (time-extended) sense: "What do you do around here?" "I hack TECO." More generally, "I hack `foo'" is roughly equivalent to "`foo' is my major interest (or project)". "I hack solid-state physics." See Hacking X for Y. 5. /vt./ To pull a prank on. See sense 2 and hacker (sense 5). 6. /vi./ To interact with a computer in a playful and exploratory rather than goal-directed way. "Whatcha up to?" "Oh, just hacking." 7. /n./ Short for hacker. 8. See nethack. 9. [MIT] /v./ To explore the basements, roof ledges, and steam tunnels of a large, institutional building, to the dismay of Physical Plant workers and (since this is usually performed at educational institutions) the Campus Police. This activity has been found to be eerily similar to playing adventure games such as Dungeons and Dragons and Zork. See also vadding. Constructions on this term abound. They include `happy hacking' (a farewell), `how's hacking?' (a friendly greeting among hackers) and `hack, hack' (a fairly content-free but friendly comment, often used as a temporary farewell). For more on this totipotent term see "The Meaning of `Hack'". See also neat hack, real hack. Non ti sembrano due pianeti distanti anni luce ?
            che stai dicendo» o robe simili, quando dico
            che per me è Hacker anche colui che entra in
            sistema.
            Certo, poi ci sono mille motivazioni per
            entrare, e di certo non è etico (almeno
            quello che intendo io per etica Hacker) fare
            danni dopo che si è entrati. Perfetto ... la parolina magica ... "ANCHE". Hacker è tante cose TRA cui (anche se non principalmente) entrare nei sistemi. Ma anche entrare nei sistemi e fare le stesse identiche cose dipende dalla motivazione, motivazione che può fare la differenza tra hacker, cracker e terrorista informatico. Un esempio (stupido ma potrebbe rendere l'idea): Ho un bellissimo programma (scegli tu il tipo) che fa anche il caffè, ma, accidenti, caricando il mio file foo.bar si pianta miseramente. Si da anche il caso che l'eseguibile sia crittografato, protetto, o che so io ....Se io rimuovo la protezione per poi capire perchè diamine si pianta, sono un hacker? E Se io rimuovo la protezione per sfida personale con me stesso sono un hacker?E se rimuovo la protezione per poi farne delle copie sono un hacker?Eppure ho fatto sempre la stessa cosa ... rimuovere una protezione. Come giustamente fai notare tu, SICURAMENTE non è la ricerca del modo di far danni, che, dammi retta, è quel che pensa la stragrande maggioranza dei "presunti" hacker di produzione nostrana. E c'è da dire anche che se io "hacker" spiego al "novellino" di turno il perchè ed il percome di un exploit che mi permette di ... che so ... avere accesso come root ad un dato tipo di sistema, non glielo sto spiegando perchè lui cominci a provarci con tutti i sistemi che trova, glielo spiego perchè ne sia informato, in modo da riconoscere il problema quando se lo troverà davanti. E del resto, il bravo novellino si guarderà bene dal provarci su tutti i sistemi che incontra (anche se magari si cambierà i voti dell'ultimo compito in classe di italiano :) )L'ultima volta che, dietro sua richiesta, ho spiegato ad un collega giovane, appena arrivato, una cosa del genere, ci ha provato con tutti i server della rete aziendale, come se riuscire a bucare un sistema fosse per lui priorità assoluta!

            E "qui" si considera hacker quello che
            sfonda un
            sistema "perchè è bello farlo "
            .... auguri ....
            Scusa, ma stai mettendo in discussione la
            MIA idea di Hacker (o una parte di essa),
            affermando implicitamente in questa frase,
            che non è *giusta*.No, sto dicendo solo che qui in Italia, e magari è così anche in altri paesi che non hanno una "tradizione" di underground informatico (perchè gli americani saranno pure carenti nella loro "storia", ma il mondo hacker è roba loro) si tende a dare una definizione di hacker totalmente fuorviante. Hacker è chi fa questo, hacker è chi fa quello, l'hacker non fa questo o quest'altro.Perchè si cerca così tanto di trovare una definizione da appioppare all'hacker? Non ce ne sono. Almeno non nella percezione attuale del nostro mondo informatico ...

            Nemesis, e' tutto tempo perso star qui a

            discutere di cose è o cosa non è un hacker
            Ma hai letto bene il titolo del thread???Si, benissimo, è scritto giusto una ventina di righe qui sopra ;) ... E ti ripeto che non ha senso discurete sul cosa è (realmente) un hacker. Non esiste risposta a questa domanda, anzi, a ben pensarci, e' la domanda stessa a non avere senso ... la cultura hacker è nata in un contesto che "laggiù" esisteva già 30 anni fa, e qui non è (ancora|mai) arrivato. Punto. Ogni altra considerazione è pura retorica ...
            Comunque sia, mi piace hackare anche (e
            soprattutto) per il fascino del proibito.
            Ecco perchè leggi più dure non mi tangono
            minimamente.Vedi ... anche tu utilizzi "hackare" come forma verbale, assegnandogli un significato che, di fatto, non ha ... E sul fascino del proibito, nulla da ridire. Ma, perdonami, questo non fa di qualcuno un hacker ;)
            "Un cuore pieno di ardimento e di gaiezza
            ha bisogno ogni tanto di un pericolo,
            altrimenti il mondo gli diviene
            insopportabile"
            Friedrich Nietzsche - "Frammenti
            postumi" Perdonami la citazione irrispettosa rispetto alla tua, ma ..."E' impossibile per me discutere l'argomento senza un comune presupposto di riferimento" Mr. Spock
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            - Scritto da: LowLevelLanguage


            Il termine Hacker ha mille accezzioni e

            come
            dice il buon vecchio Tritemius,

            sostanzialmente
            l'Hacker è colui che

            comprende la portata
            epocale della

            rivoluzione dell'Informazione.


            Io concordo in questa sua
            interpretazione,

            e
            aggiungo anche che Hacker è colui che

            mette
            anima e corpo in quello che fa e
            che

            è molto
            propenso al reciproco aiuto

            volontario.
            Togliti la curiosità di andare a vedere la
            definizione di "To Hack" sul dizionario
            Hazon Garzanti ... tralasciando "fare a
            pezzi con l'ascia" ;)

            To Hack: v.intr. (sl.) modificare il codice
            sorgente, inserirsi illecitamente (in un
            computer altrui).

            E ora guarda quella del Jargon (di cui, per
            la cronaca, possiedo giusto una delle rare
            copie cartacee :) )

            hack 1. /n./ Originally, a quick job that
            produces what is needed, but not well. 2.
            /n./ An incredibly good, and perhaps very
            time-consuming, piece of work that produces
            exactly what is needed. 3. /vt./ To bear
            emotionally or physically. "I can't hack
            this heat!" 4. /vt./ To work on something
            (typically a program). In an immediate
            sense: "What are you doing?" "I'm hacking
            TECO." In a general (time-extended) sense:
            "What do you do around here?" "I hack TECO."
            More generally, "I hack `foo'" is roughly
            equivalent to "`foo' is my major interest
            (or project)". "I hack solid-state physics."
            See Hacking X for Y. 5. /vt./ To pull a
            prank on. See sense 2 and hacker (sense 5).
            6. /vi./ To interact with a computer in a
            playful and exploratory rather than
            goal-directed way. "Whatcha up to?" "Oh,
            just hacking." 7. /n./ Short for hacker. 8.
            See nethack. 9. [MIT] /v./ To explore the
            basements, roof ledges, and steam tunnels of
            a large, institutional building, to the
            dismay of Physical Plant workers and (since
            this is usually performed at educational
            institutions) the Campus Police. This
            activity has been found to be eerily similar
            to playing adventure games such as Dungeons
            and Dragons and Zork. See also vadding.
            Constructions on this term abound. They
            include `happy hacking' (a farewell), `how's
            hacking?' (a friendly greeting among
            hackers) and `hack, hack' (a fairly
            content-free but friendly comment, often
            used as a temporary farewell). For more on
            this totipotent term see "The Meaning of
            `Hack'". See also neat hack, real hack.

            Non ti sembrano due pianeti distanti anni
            luce ? Guarda invece cosa dice il Jargon File riguardo al termine "Hacker" invece: ":hacker: n. [Originally, someone who makes furniture with an axe] 1. A person who enjoys explorating the details of programmable systems and how to stretch their capabilities, as opposed to most users, who prefer to learn only the minimum necessary. 2. One who programs enthusiastically (even obsessively) or who enjoys programming rather than just theorizing about programming. 3. A person capable of apprecianting {hack value}. 4. A person who is good at programming quickly. 5. An expert at a particular program, or one who frequently does work using it or on it; as in 'a Unix hacker'. (Definition 1 through 5 are correlated, and people who fit them congregate). 6. An expert or enthusiast of any kind. One might be an astronomy hacker, for example. 7. One who enjoys the intellectual challange of creatively overcoming or circumventing limitations. 8. [deprecated] A malicious meddler who tries to discover sensitive information by poking around. Hence 'password hacker', 'network hacker'. The correct term for this sense is {cracker}."Hai letto bene il terzo punto? Una persona capace di apprezzare. Ma apprezzare cosa? Per me, apprezzare la conoscenza.E il sesto punto? Una persona esperta o entusiasta per ogni ambito, anche l'astronomia. Il mio ambito è la conoscenza. "La prima tentazione che venne all'uomo da parte del diavolo, il suo primo veleno, s'insinuò in noi attraverso la promessa che quello ci fece del sapere e della conoscenza." Michel Eyquem de MontaigneQuel veleno s'insinuò anche in me...

            che stai dicendo» o robe simili, quando
            dico

            che per me è Hacker anche colui che entra
            in

            sistema.

            Certo, poi ci sono mille motivazioni per

            entrare, e di certo non è etico (almeno

            quello che intendo io per etica Hacker)
            fare

            danni dopo che si è entrati.
            Perfetto ... la parolina magica ... "ANCHE".
            Hacker è tante cose TRA cui (anche se non
            principalmente) entrare nei sistemi. Ma
            anche entrare nei sistemi e fare le stesse
            identiche cose dipende dalla motivazione,
            motivazione che può fare la differenza tra
            hacker, cracker e terrorista informatico. E su questo punto sembra che siamo daccordo. Come dici tu (bada che non ho detto «come dici "giustamente" tu»...) è la motivazione che fa la differenza. Uccidere un cane per difesa e ucciderlo per il gusto di farlo...c'è differenza...
            Come giustamente fai notare tu, SICURAMENTE
            non è la ricerca del modo di far danni, che,
            dammi retta, è quel che pensa la stragrande
            maggioranza dei "presunti" hacker di
            produzione nostrana. Purtroppo sì. Ma (correggimi se sbaglio), solo i neofiti pensano che l'Hacker debba fare per forza dei danni. Cattiva informazione.
            Perchè si cerca così tanto di trovare una
            definizione da appioppare all'hacker? Non ce
            ne sono. Almeno non nella percezione attuale
            del nostro mondo informatico ...


            Nemesis, e' tutto tempo perso star qui a


            discutere di cose è o cosa non è un
            hacker

            Ma hai letto bene il titolo del thread???
            Si, benissimo, è scritto giusto una ventina
            di righe qui sopra ;) ... E ti ripeto che
            non ha senso discurete sul cosa è
            (realmente) un hacker. Non esiste risposta a
            questa domanda, anzi, a ben pensarci, e' la
            domanda stessa a non avere senso... Ti riassumo il tutto in una frase di Nietzsche che secondo me è una delle frasi più belle, profonde e intense di tutto il pensiero umano, da 3 milioni di anni fa a oggi. Leggila e comprendine il significato. Se non la comprendi interamente non serve a niente. "Oggi, per ogni conoscenza, si è obbligati a inciampare su parole eterne, pietrificate, e invece che rompere una parola è più facile che ci si rompa una gamba." Friedrich Nietzsche - "Aurora"

            Comunque sia, mi piace hackare anche (e

            soprattutto) per il fascino del proibito.

            Ecco perchè leggi più dure non mi tangono

            minimamente.
            Vedi ... anche tu utilizzi "hackare" come
            forma verbale, assegnandogli un significato
            che, di fatto, non ha ... Perchè «di fatto non "ha"»? La parola non è ancora stata «rotta», quindi non se ne conosce il significato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?

            Guarda invece cosa dice il Jargon File
            riguardo al termine "Hacker" invece:
            3. A person capable of apprecianting {hack value}.
            Hai letto bene il terzo punto? Una persona
            capace di apprezzare. Ma apprezzare cosa?
            Per me, apprezzare la conoscenza.No, La frase si riferisce ad "hack value" (Il link ipertestuale sembra un riferimento, ma nel cartaceo fa parte della frase)Una persona capace di apprezzare l'hack value ... ovvero:hack value n. Often adduced as the reason or motivation for expending effort toward a seemingly useless goal, the point being that the accomplished goal is a hack. For example, MacLISP had features for reading and printing Roman numerals, which were installed purely for hack value. See display hack for one method of computing hack value, but this cannot really be explained, only experienced. As Louis Armstrong once said when asked to explain jazz: "Man, if you gotta ask you'll never know." Toh ... l'ultima volta che l'ho letto mi sono perso la citazione di Armstrong ;)
            E il sesto punto? Una persona esperta o
            entusiasta per ogni ambito, anche
            l'astronomia.
            Il mio ambito è la conoscenza.Per "chiunque", credo ... la conoscenza è un'altra parola che non vorrei vedere sul vocabolario, perchè ammanettarla in una definizione mi sembra un'eresia ...
            E su questo punto sembra che siamo daccordo.
            Come dici tu (bada che non ho detto «come
            dici "giustamente" tu»...) Questo è fare della retorica :)Siamo in due che stiamo confrontando delle opinioni personali, se io uso la parola "giustamente" significa che quello che tu hai detto va daccordo con la mia idea, se ti dico "sbagli" significa il contrario. Se oltre all'argomento vero e proprio della discussione vogliamo discutere anche sulla forma, allora facciamo pure della retorica, ma non mi pare il caso :)

            non è la ricerca del modo di far danni,
            che,

            dammi retta, è quel che pensa la
            stragrande

            maggioranza dei "presunti" hacker di

            produzione nostrana.
            Purtroppo sì. Ma (correggimi se sbaglio),
            solo i neofiti pensano che l'Hacker debba
            fare per forza dei danni. Cattiva
            informazione.Ti correggo, ti correggo eccome. Potrei usare la tua stessa citazione "contro di te" "Uno tiene ferma un'opinione perchè si immagina di esserci arrivato da solo,l'altro perchè l'ha imparata a fatica ed è fiero di averla capita: entrambi dunque pervanità."Se tu vivessi in un paese isolato dove tutti respirano amianto perchè si vive più a lungo, respireresti amianto anche tu, senza neanche porti il problema. Allo stesso modo, visto che nel nostro piccolo "giardino" informatico, la maggior parte delle persone pensa che l'hacker è colui che entra illegalmente in un sistema o sprotegge il software (e c'è scritto persino sui vocabolari!!), la maggior parte dei neofiti si fermano li. Sono capace di aprire qualche sistema e scrivere "sono stato qui, ciao a tutti!" e di fare pernacchie alle chiavi hardware? , QUINDI tutti penseranno di me che sono un hacker. Mi specializzo nell'aprire sistemi e nel crackare software, Perchè andare oltre ? Quelli che vanno oltre, sono pochi. Meno di quanti tu possa pensare.
            "Oggi, per ogni conoscenza, si è obbligati
            a inciampare su parole eterne, pietrificate,
            e invece che rompere una parola è più facile
            che ci si rompa una gamba."
            Friedrich Nietzsche - "Aurora""Non mi sono mai piaciuti i filosofi, dicono sempre cose troppo intelligenti per essere utili" Chi ho citato? Me stesso, anni e anni fa, nell'ultima interrogazione di italiano che ho subito in 5a superiore ... ;)
            Perchè «di fatto non "ha"»? La parola non è
            ancora stata «rotta», quindi non se ne
            conosce il significato. E' questo quello che io contesto, la parola ha un significato precisissimo, ma solo nel contesto in cui essa è nata e si è sviluppata. Estrapolarla dal suo contesto per metterna in un altro corrisponde al creare una nuova parola, con significati diversi, e lo stesso suono. Se chiedi ad un falegname (inglese, ovviamente) di farti vedere un "router", ti tirerà fuori una fresa, se lo chiedi ad un tecnico delle telecomunicazioni ti tira fuori un .... router. Due parole, con significati diversi e lo stesso suono. E ti puoi sforzare quanto vuoi di spiegare al falegname che il router non è una fresa, ma è una missione impossibile. La parola "hacker", calata nel nostro contesto, è cresciuta nella direzione che la "nostra" realtà gli ha impresso, e adesso ha assunto il significato che "tutti" qui gli danno.

            E sul fascino del proibito, nulla da
            ridire.

            Ma, perdonami, questo non fa di qualcuno
            un

            hacker ;)
            Non ci siamo. Non ho mai detto che *solo*
            questo «fa di qualcuno un Hacker». Questa è
            una minima parte. E questo è solo il *MIO*
            pensiero. C'era la faccina ... mamma mia ... ;)

            "E' impossibile per me discutere
            l'argomento

            senza un comune presupposto di
            riferimento"

            Mr. Spock
            I presupposti ci sono. Non li riesci a
            individuare tu, ma ci sono. La mia risposta
            alla tua reply è tutta riassunta in quella
            meravigliosa frase di Nietzsche che ti ho
            scritto prima.Attenzione ... non mi riferivo ai presupposti comuni tra me e te, ma tra il nostro "underground informatico" e quello "originale".
            Apro una piccola parentesi.Continuiamo in e-mail se vuoi ...
            Per quale oscuro motivo non si dovrebbe
            discutere di questi argomenti? Nietzsche era
            un filologo e aveva compreso appieno
            l'importanza di «rompere» le parole
            «pietrificate», «eterne». Dovremmo capirlo
            anche noi. E quando lo capiremo, non diremo
            più che è inutile cercarne il significato.No aaalt, tira il freno. Forse non mi sono espresso bene. Non ho detto che non bisogna "discutere di questi argomenti", ho detto che non ha senso stare a discutere su cosa è o su cosa non è un hacker, perchè (e dammi un minimo di fiducia, conosco molto bene entrambe le realtà) la parola "hacker" che NOI conosciamo NON E' la parola "hacker" riferita all'underground informatico nato più di 30 anni fa in USA. E' una NUOVA PAROLA, che NIENTE ha a in comune con la parola originale, se non il suono. Vogliamo veramente "rompere" la parola hacker nella NOSTRA realtà? Vuoi veramente spiegare a tutti i falegnami cosa è un router e come funziona? Allora devi spiegare a tutti i falegnami i fondamenti delle telecomunicazioni, della trasmissione dati, dei protocolli, dell'elettronica, dell'informatica, e chissà che altro ... una impresa disperata, non trovi?
            Io la mia opinione non la tengo ferma. Se
            c'è qualcuno che possa illuminarmi con una
            sua definizione, ben venga. Allora cambierò
            idea.Questa "definizione" che tu cerchi, e' già stata scritta. La nostra "storia" ha decretato che in Italia (e non solo) l'Hacker è chi spr
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?




            è in grado di spiegarglielo "senza
            un


            comune



            presupposto di riferimento" ...


            Aridaje... ;) Per le il presupposto


            c'èè-è-è.....

            "Dimostramelo" (Morpheus in Matrix) :)Ok, sono andato a guardare. ;)Lo smanettone e l'hacker l'hanno il «comune presupposto di riferimento». E' la passione per la conoscenza. E se il termine "conoscenza" non ti sta bene allora ci metto "curiosità". E se infine non ti sta bene nemmeno questo allora ci metto "informatica" e tutto quello che ci gira intorno. Se non ti va bene nemmeno questo allora non so che dirti.Come vedi ce ne sono presupposti di riferimento e parecchi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            Mi hai convinto. Non del tutto, ma in gran parte mi hai convinto.Il tuo pensiero rispecchia approssimativamente quello di Rousseau. "Non cercare di capire, giovane artista, ciò che vuol dire la parola 'genio'. Se ne hai, te ne accorgerai tu stesso. Se non ne hai, mai saprai che cos'è." Jean-Jacques Rousseau - "Dizionario di Musica" "Non cercare di capire, giovane smanettone, ciò che vuol dire la parola "hacker". Se ne hai, te ne accorgerai tu stesso. Se non ne hai, mai saprai che cos'è." Nemesis - "Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?" :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cos'è realmente un hacker? Lo sappiamo?
            Lasciate Stare nemesis... chi non c'entra consta discussione, chi no sa cosa vuol dire Hackerare si legag queste paroleMa avete mai, con la vostra psicologia da due soldi e i vostro TeKnoCervello da anni '50 guardato dietro gli occhi dell'hacker? Non vi siete mai chiesti cosa possa aver fatto nascere la sua passione? Quale forza lo abbia creato, cosa puo' averlo forgiato?.. (The mentor)se la risposta e' no tacete, io forse non sono un Hackerm forse no lo saro' mai, sono solo un ragazzino che studia, che gi piacie quello che fa e lo fara' fino a quando non sapra' tutto ( e a meno che non venga ildiavolo a propormi nu patto tipo faust mi pare improbabile....)CHi non sa di cosa parla taccia... Crerigan del Kraken- Scritto da: Nemesis

            Mi pare di sentire un drogato. Solo che i

            drogati

            fanno in primo luogo male a sé stessi, tu

            potresti (potenzialmente)danneggiare gente

            che lavora.

            Mi stai danneggiando con le tue idiozie.
            Se invece di dire queste cazzate avessi
            studiando un pò di più l'informatica,
            capiresti che danni non se ne fanno quando
            si buca un sistema, a meno che non si
            vogliano fare intenzionalmente, e questo mi
            spiace deluderti, ma non è nella mia etica.
            E comunque mentre leggevo quello che hai
            scritto, stavo lavorando...


            A far funzionare qualche baco,

            basta andare su bugtraq e se cerchi

            abbastanza un buco su un computer messo su

            da un non paranoico lo trovi.

            Facile! Quasi come farsi una dose di
            cocaina.

            Vedo che te ne intendi molto di
            droga...dacci un taglio alla cocaina.


            Ps: tu hai mai fatto un discorso

            intelligente?

            Comunque non mi sembra logico che uno che
            dimostra di non aver mai fatto un discorso
            intelligente, chiede a qualcun'altro se ha
            mai fatto un discorso intelligente. Prima
            impara a farlo tu.


            Se non sai cosa si prova allora

            silenzio!.

            Silenzio? Io non ho mai detto di fare
            discorsi intelligenti...
            A questo punto ne deduco che ci sono tre
            possibilità: o hai sbagliato sito, o non hai
            letto quello che ho scritto, oppure, la più
            logica, sei sotto l'effetto di qualche droga
            pesante...mooolto pesante...
  • Anonimo scrive:
    Hackeraggio un arte....
    Hacker, Cracker,Cookbooker, Show OFF, assembler, c++, nuking, html, java, delphi, ecc.... STUPENDO!!!
  • Anonimo scrive:
    Alien stai attento...
    di Perocchio 10/05/2001
  • Anonimo scrive:
    Lamer.......hahahahaha
    Lamer sono aspiranti smanettoni? Siete sicuri??I LAMER SONO:COGLIONI, IGNORANTI, DEFICENTI, STUPIDI, IMBECILLI, BASTARDI e anche figli di puttana :)Xchè dico questo? semplice, basta andare in qualke canale IRC e trovare quel coglione che spera nella porta aperta del tuo netbus!!I servizi segreti italiani hanno paura dei Lamer? Poverini, immagino con tutti quei coglioni che stanno in polizia e nei carrabinieri che non riescono nemmeno a scoprire un indirizzo IP dovrebbero avere paura anche dei bambini di 14 anni che utilizzano imesh x scaricare filmati porno....Cmq, vi lascio ai migliori siti del web: alexmessomalex, bismark e tuttoscript....I SITI DEL VERO HACKING (AHAHAHAHHAHAA), poverini non sanno nemmeno cosa sia la parola hacking...detto questo vi lascio a quest'articolo e poi vorrei sentire una persona di p-informatico, LUCA SCHIAVONI, ndo' cazzo sei finito???
    • Anonimo scrive:
      Re: Lamer.......hahahahaha
      No dico ho letto bene? Hai detto bismark e alexmessolamer??Bè ti posso dire con certezza che questi due siti sono delle lamerate pazzesce!!!Prova un pò a fare la differenza non so...mmmhh...vediamo un pò che abbiamo qui nei preferiti...mmmhhhh....ma si questi vanno bene:www.spippolatori.comwww.tankcommandos.orgwww.aisprod.tsx.orgwww.s0ftpj.orgwww.hackerzzz2k.da.ruwww.spyrohack.comwarhearts.cjb.netspazioweb.inwind.it/feltonmembers.xoom.it/newsismateamwww.tritemius.comwww.newbieteam.f2s.comwww.goony.f2s.comcrash.to/hicodeputawww.ultimafrontiera.netondaquadra.cjb.netquequero.cjb.netPuff..ufff.puff..ecco prova un pò a dare un okkiata a questi 4 siti e fai un pò tu la differenza con quelle lamerate di bismark e alexmessolamer, che poi magari mi dici...Per quanto riguarda l'articolo, bè, che ti posso dì...per me fanno benissimo a prendere delle contromisure. Tu vuoi tutto facile vero? Maggiore è la sicurezza, maggiore è il divertimento a bucarli.D'altronde si sa, un sistema sicuro è un sistema spento.Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare!
    • Anonimo scrive:
      Re: Lamer.......hahahahaha
      Anche tu sei un coglione. Mi spiace
  • Anonimo scrive:
    Servizi segreti?
    ma guarda te dove siamo arrivati...Il problema é che le aziende pubbliche e private se ne fregano della sicurezza e non investono soldi per avere sistemisti competenti o per istruire quelli che hanno già.Basta un buon sistemista dove serve e amen.I servizi segreti non centrano un cazzo, probabilmente hanno tirato fuori sta cosa solo per far vedere che fanno qualcosa...Finalmente ora che sono scesi in campo loro, stasera potrò andare a chattare su irc senza venire "nukkato"...wow....
  • Anonimo scrive:
    stream##
    Secondo me si occuperanno principalmente di quei problemi legati alla privacy di banche dati/carte di credito o/e truffe vere e propie e non a veri attacchi ai "segreti di stato" figuriamoci ai nostri siti della pubblica amministrazione.Ma mi sorge un dubbio :ci saranno mica stati nuovi assunti da dedicarne parte a questo tipo di "vigilanza" perche ´se cosi non fosse mi meraviglia il fatto che si indebolisc ano ulterirmente forze che fino ad oggi qualche dubbio e ombra negli italiani lo hanno lasciato: (Es. attentato al papa,omicidio D´antona, ecc..)
  • Anonimo scrive:
    Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
    I Servizi Segreti in sè non sono un problema, anzi.. semmai e' l'uso che viene fatto dei Servizi che invece a volte e' un pochino meno chiaro.Io personalmente mi sono stufato di vedere siti della pubblica amministrazione e dei vari ministeri etc.. bucati dal primo pirla (molte volte straniero) che sa usare un remote exploit.Come Italiano tutto cio' mi urta e mi indispone quindi se i Servizi hanno intenzione di fermare un po' di questi pischellini annoiati che infilano le manine dove non dovrebbero allora ben venga il loro intervento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
      Ok, Slaytanic, ma perchè non si prepara meglio ANCHE chi viene pagato fior di testoni per gestire un sito eppoi non si installa neppure una patch o un firewall?ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
      Concordo con "the Raptus" gli amministratori di rete e i Webmaster dovrebbero quanto meno imparare l'ABC sulla Protezione di rete. Spesso e volentiere sui siti dell' amministrazione pubblica si può entrare e uscire come in un super market. - Scritto da: Slaytanic
      I Servizi Segreti in sè non sono un
      problema, anzi.. semmai e' l'uso che viene
      fatto dei Servizi che invece a volte e' un
      pochino meno chiaro.
      Io personalmente mi sono stufato di vedere
      siti della pubblica amministrazione e dei
      vari ministeri etc.. bucati dal primo pirla
      (molte volte straniero) che sa usare un
      remote exploit.
      Come Italiano tutto cio' mi urta e mi
      indispone quindi se i Servizi hanno
      intenzione di fermare un po' di questi
      pischellini annoiati che infilano le manine
      dove non dovrebbero allora ben venga il loro
      intervento.
      • Anonimo scrive:
        Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
        Avete perfettamente ragione, io pensavo al coinvolgimento dei Servizi non solo nell'attività di persecuzione dell'intruder, ma anche in una fase di prevenzione che passi anche per la formazione orientata verso la sicurezza da impartire ai sysadmin e webmaster (o pagati come tali).PS: ai bei vecchi tempi, bucato un sistema, si indicava all'admin come patcharlo. Se ancora oggi si facesse cosi', probabilmente i siti dell'amministrazione non sarebbero un "super-market" ma al massimo un negozietto di provincia.- Scritto da: NetDruid

        Concordo con "the Raptus" gli amministratori
        di rete e i Webmaster dovrebbero quanto meno
        imparare l'ABC sulla Protezione di rete.
        Spesso e volentiere sui siti dell'
        amministrazione pubblica si può entrare e
        uscire come in un super market.
        • Anonimo scrive:
          Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
          La cosa ridicola è che ancora oggi alcuni hacker looker segnalano agli admin i buchi coi quali sono entrati ma non sempre questi vengono chiusi o meglio non sempre poi vengono adottate delle politiche di firewall. E poi è davvero un servizio utile segnalare le porte lasciate aperte da admin poco capaci?- Scritto da: Slaytanic
          Avete perfettamente ragione, io pensavo al
          coinvolgimento dei Servizi non solo
          nell'attività di persecuzione dell'intruder,
          ma anche in una fase di prevenzione che
          passi anche per la formazione orientata
          verso la sicurezza da impartire ai sysadmin
          e webmaster (o pagati come tali).

          PS: ai bei vecchi tempi, bucato un sistema,
          si indicava all'admin come patcharlo. Se
          ancora oggi si facesse cosi', probabilmente
          i siti dell'amministrazione non sarebbero un
          "super-market" ma al massimo un negozietto
          di provincia.

          - Scritto da: NetDruid



          Concordo con "the Raptus" gli
          amministratori

          di rete e i Webmaster dovrebbero quanto
          meno

          imparare l'ABC sulla Protezione di rete.

          Spesso e volentiere sui siti dell'

          amministrazione pubblica si può entrare e

          uscire come in un super market.
          • Anonimo scrive:
            Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
            - Scritto da: NetDruid
            La cosa ridicola è che ancora oggi alcuni
            hacker looker segnalano agli admin i buchi
            coi quali sono entrati ma non sempre questi
            vengono chiusi o meglio non sempre poi
            vengono adottate delle politiche di
            firewall.
            E poi è davvero un servizio utile segnalare
            le porte lasciate aperte da admin poco
            capaci?
            E PERCHE' DEVO SEGNALARE A CHICCHESSIA DI TAPPARE PORTE APERTE?????TAPPATI LA TUA BOCCA CHE E' MEGLIO.ahhhhhhhHHHHHHHHHHHH.......BOCCACCIA MIA STATTENE ZITTAAAAAAAA.
          • Anonimo scrive:
            Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
            - Scritto da: Alien
            ahhhhhhhHHHHHHHHHHHH.......BOCCACCIA MIA
            STATTENE ZITTAAAAAAAA.Perche' insieme alla bocca non ti leghi anche le mani cosi' eviti di ammorbarci qui con le tue immani stronzate?Grazie
          • Anonimo scrive:
            Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato
            - Scritto da: NetDruid
            La cosa ridicola è che ancora oggi alcuni
            hacker looker segnalano agli admin i buchi
            coi quali sono entrati ma non sempre questi
            vengono chiusi o meglio non sempre poi
            vengono adottate delle politiche di
            firewall.
            E poi è davvero un servizio utile segnalare
            le porte lasciate aperte da admin poco
            capaci?Verissimo!Io stesso ho segnalato un buco della madonna ai capoccia di Virgilio e non mi hanno nemmeno risposto. E il buco è ancora lì.Un altro invece mi ha risposto!Una cavolata, un errore di configurazione. Cioè, se al posto del nome DNS, inserivi l'indirizzo IP, ti ritrovavi nella directory del server web con una bella lista di script con le password di connessione al database in bella vista e in chiaro.Però, loro almeno mi hanno risposto. Mi hanno risposto che andava bene così !!!!!!!...mi facessi i ca##i miei....!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Servizi segreti, hacking e senso dello Stato

          Avete perfettamente ragione, io pensavo al
          coinvolgimento dei Servizi non solo
          nell'attività di persecuzione dell'intruder,
          ma anche in una fase di prevenzione che
          passi anche per la formazione orientata
          verso la sicurezza da impartire ai sysadmin
          e webmaster (o pagati come tali).Fantastico ... sono d'accordo ... sempre che i servizi segreti abbiano la competenza per farlo.Ciao!Cla
  • Anonimo scrive:
    Alien stai attento...
    se cercano anche i lamer e leggono punto informatico sei rovinato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Alien stai attento...
      - Scritto da: Alienato
      se cercano anche i lamer e leggono punto
      informatico sei rovinato.E' più facile che un CAMMELLO PASSI ATTRAVERSO LA CRUNA DI UN AGO che i "Servizi Segreti" trovino Alien.
      • Anonimo scrive:
        Re: Alien stai attento...
        - Scritto da: Alien
        E' più facile che un CAMMELLO PASSI
        ATTRAVERSO LA CRUNA DI UN AGO che i "Servizi
        Segreti" trovino Alien.AHAHAHAHAHAHAH!!!Fossi in te alien starei tranquillo.La gente come te serve a far credere ai veri Lamer che i servizi segreti sono incapaci.Tu non sei ne lamer ne hacker.. sei solo un utile a divulgare stronzate.
        • Anonimo scrive:
          Re: Alien stai attento...
          - Scritto da: Alex


          - Scritto da: Alien

          E' più facile che un CAMMELLO PASSI

          ATTRAVERSO LA CRUNA DI UN AGO che i
          "Servizi

          Segreti" trovino Alien.

          AHAHAHAHAHAHAH!!!

          Fossi in te alien starei tranquillo.
          La gente come te serve a far credere ai veri
          Lamer che i servizi segreti sono incapaci.
          Tu non sei ne lamer ne hacker.. sei solo un
          utile a divulgare stronzate.UHEIII OCCHIO, ANCHE LA SIEMENS NE STA' LICENZIANDO 2000,......SICH......, CON QUESTA ARIA CHE TIRA IN GIRO DA UN PO' DI TEMPO IN QUA.......FOSSE PER ME LICENZIEREI PURE TUTTI I PRETORIANI DI REDMOND, COSI' INVECE CHE CONTINUARE A LECCARE CULI FINALMENTE POTRANNO DEDICARSI AL LORO SPORT PREFERITO: L' IPPICAAAAAAAAAAAA.
        • Anonimo scrive:
          Re: Alien stai attento...
          Beh! Non posso che dare ragione ad Alex: conosco gente che fa di mestiere certe cose, e per lo meno hanno un modo di comportarsi molto più serio e dignitoso ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Alien stai attento...
            - Scritto da: main
            Beh! Non posso che dare ragione ad Alex:
            conosco gente che fa di mestiere certe cose,
            e per lo meno hanno un modo di comportarsi
            molto più serio e dignitoso ...Non è mai venuto in mente a nessuno che Alienpotrebbe fare da animatore dei forum di P.I.per i boccaloni che partecipano ai suoithreads ignoranti?Su qualsiasi newsgroup dedicato a Linux(o.s. del quale lui si dichiara sostenitore)verrebbe subito catalogato come un troll.Meditate...
        • Anonimo scrive:
          Re: Alien stai attento...


          E' più facile che un CAMMELLO PASSI

          ATTRAVERSO LA CRUNA DI UN AGO che i

          "Servizi

          Segreti" trovino Alien.
          Tu non sei ne lamer ne hacker.. sei solo un
          utile a divulgare stronzate.Beh, pero' ha una buona conoscenza delle citazioni evangeliche.
          • Anonimo scrive:
            Re: Alien stai attento...
            - Scritto da: Lock One
            Beh, pero' ha una buona conoscenza delle
            citazioni evangeliche.Ecco. Meglio se PREGA e basta. Il maiuscolo significa urlare, ed a me non piace. Che urli qlc di + concreto!Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Alien stai attento...
            - Scritto da: The Raptus!

            - Scritto da: Lock One

            Beh, pero' ha una buona conoscenza delle

            citazioni evangeliche.

            Ecco. Meglio se PREGA e basta.
            Il maiuscolo significa urlare, ed a me non
            piace. Che urli qlc di + concreto!
            Ciao.Io non mi faccio prendere dai "RAPTUS", per quello che spesso prego.
          • Anonimo scrive:
            Re: Alien stai attento...
            Alien la tua ottusità mi affascina sai?Stai attento che se quelli dei servizi segreti ti beccano ti usano anche come cavia e faranno esperimenti sul tuo cervello da pikachu...
          • Anonimo scrive:
            Re: Alien stai attento...

            Ecco. Meglio se PREGA e basta.
            Il maiuscolo significa urlare, ed a me non
            piace. Che urli qlc di + concreto!
            Ciao.Alien,sei tutti noi!Questi forum sarebero un mortorio senza i tuoi strilli.Togli la gomma da masticare dal Caps Lock, ogni tanto :-)ciao
  • Anonimo scrive:
    Sicurezza garantita?
    il problema della sicurezza, degli attacchi hack va evitata a monte, secondo me, eliminando i bugs non sussisteranno nemmeno gli attacchi!Sfruttiamo le forze dell'ordine x la criminalità vera e propria, per combattere i pedofili ed eliminare materiale porno online!Sentiti saluti, PaolaLa Redazionewww.Cosmopoli.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezza garantita?

      Sfruttiamo le forze dell'ordine x la
      criminalità vera e propria, per combattere i
      pedofili ed eliminare materiale porno
      online!Ma che sei.. suor Paola?Perchè tutti 'sti taboo sul porno. Daccordissimo sulla pedofilia ma se uno vuole vedere culi e tette... fatti suoi.Non rompe a nessuno. non mi sembra la criminalità vera e proria.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezza garantita?
      - Scritto da: Paola
      il problema della sicurezza, degli attacchi
      hack va evitata a monte, secondo me,
      eliminando i bugs non sussisteranno nemmeno
      gli attacchi!

      Sfruttiamo le forze dell'ordine x la
      criminalità vera e propria, per combattere i
      pedofili ed eliminare materiale porno
      online!AHOOOOOOOOOOOOOOOO A BACCHETTONA ZITELLONA, CULI E TETTE MAGGIORENNI A ME MI PIACCIONO E ME LI SCARICO, CI HO QUA UNA PORNOTECA INTERA OVER 18.NON E' CHE SEI SEI STATA MANDATA QUI DAI TALEBANI A ROMPERE I MARONI?!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezza garantita?
      Retorica ...- Scritto da: Paola
      il problema della sicurezza, degli attacchi
      hack va evitata a monte, secondo me,
      eliminando i bugs non sussisteranno nemmeno
      gli attacchi!

      Sfruttiamo le forze dell'ordine x la
      criminalità vera e propria, per combattere i
      pedofili ed eliminare materiale porno
      online!

      Sentiti saluti, Paola
      La Redazione
      www.Cosmopoli.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezza garantita?
      - Scritto da: Paola
      il problema della sicurezza, degli attacchi
      hack va evitata a monte, secondo me,
      eliminando i bugs non sussisteranno nemmeno
      gli attacchi!C'e' anche un altro modo, mettiamo tutto alla portata di tutti, anche cosi' non ci saranno attacchi: nessuna restrizione
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezza garantita?

      il problema della sicurezza, degli attacchi
      hack va evitata a monte, secondo me,
      eliminando i bugs non sussisteranno nemmeno
      gli attacchi!See see, chiamiamo la fata turchina e le facciamo eliminare i buchi... il SO perfetto non esiste e credo non esistera' mai... piu' si va avanti e piu' sono complessi e soggetti a buchi... quindi l'hacking e' una pratica che moooolto difficilmente si estinguera'...
      Sfruttiamo le forze dell'ordine x la
      criminalità vera e propria, per combattere i
      pedofili ed eliminare materiale porno
      online!su questo sono daccordo :-)bye
      • Anonimo scrive:
        Re: Sicurezza garantita?
        E tu pensi che anche escludendo tutti i bug, mettendo caso che facciano un OS a dovere il social enginnering non esistera ?- Scritto da: slack\b0y

        il problema della sicurezza, degli
        attacchi

        hack va evitata a monte, secondo me,

        eliminando i bugs non sussisteranno
        nemmeno

        gli attacchi!

        See see, chiamiamo la fata turchina e le
        facciamo eliminare i buchi... il SO perfetto
        non esiste e credo non esistera' mai... piu'
        si va avanti e piu' sono complessi e
        soggetti a buchi... quindi l'hacking e' una
        pratica che moooolto difficilmente si
        estinguera'...



        Sfruttiamo le forze dell'ordine x la

        criminalità vera e propria, per
        combattere i

        pedofili ed eliminare materiale porno

        online!

        su questo sono daccordo :-)
        bye
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezza garantita?
      Il fatto è che spesso è proprio chi scrive i programmi, magari sicurissimi agli occhi di tutti, si lascia una porticina per entrare ...!!! ;)Come hanno detto anche gli altri, la complessità crescente dei sistemi non fa altro che rendere gli stessi ancora più delicati e vulnerabili, non se ne fa proprio niente.E per fortuna che ci sono gli hacker!!! Sono loro ad indicare quali sono i buchi dei sistemi, altrimenti magari nemmeno ce ne si accorge e sul più bello ti cade tutto ... Figurati che in molte ditte di Informatica esistono "hacker" legali, che cercano tutti i modi possibili per far crashare il proprio sistema, e spesso queste figure sono ragazzini genialoidi che sono in grando di fare cose che nemmeno ci sognamo!Francamente invidio un po' quelli che sanno fare certi "danni": non di certo come comportamento morale, ma come creatività e capacità, una vita!!Pornografia? Ognuno è libero di fare ciò che vuole, purchè il minore venga tutelato 8e poi in alcuni casi è terapeutica nel rapporto di coppia ... ;)Pedofilia? Beccarli e appenderli per i .... e torturarli ... se c'è un Dio, spero che se ne occupi per bene ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sicurezza garantita?
        Cristo santissimo benedetto! Ma noi maschi dobbiamo sempre farci riconoscere.Ok avrà pure sbagliato a dire quella cosa della pornografia, ma c'è bisogno di insultare? Se siete dei complessati insoddisfatti non è colpa di Paola. Tenetele per voi le vostre insoddisfazioni e al massimo criticate *CIVILMENTE* quello che Paola ciò che Paola ha esplicitato, per di più con molta gentilezza. Non posso certo dire che i maschi siano gentili. Ce ne possiamo accorgenere da tutte le reply a Paola, ma anche da come ho iniziato la mia reply...Controllate i vostri istinti animaleschi, bestie! P.S. Non sono solito insultare, anzi non lo faccio praticamente mai. Ma quando ce vò ce vò!Scusa la nostra razza Paola (e tutte gli esseri umani appartenenti al sesso femminile).P.S.2 Però sono orgoglioso di essere maschio! Sia ben chiaro, non sono nè femminista, nè tanto meno maschilista! Sono neutrale! P.S.3 Ok! Avanti con gli insulti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezza garantita?
      - Scritto da: Paola
      il problema della sicurezza, degli attacchi
      hack va evitata a monte, secondo me,
      eliminando i bugs non sussisteranno nemmeno
      gli attacchi!
      HAHAHAHAHAHAHSEI UNA GENIA!Ma pensi che i bug glieli mettono dentro apposta?(apparte qualche raro caso=)Pensi che in un software anche solo leggermente complesso, sia possibile evitare vulnerabilità?Pensi che l'uomo possa non fare mai errori??Non c'è bisogno di conoscere bene l'informatica per evitare stupidate di questo genere! eppure ci sei riuscita bho..
      Sfruttiamo le forze dell'ordine x la
      criminalità vera e propria, per combattere i
      pedofili ed eliminare materiale porno
      online!
      1) Perchè vuoi eliminare il materiale porno?2) Perchè le forze dell'ordine non dovrebbero combattere i pirati informatici? Perchè se uno ruba le forze dell'ordine devono intervenire, mentre se uno fa danni economici via rete no??Anche se non fa danni del resto il reato che commette è assimilabile ad una violazione didomicilio, o comunque della privacy. Se io scasso un lucchetto ed entro in una casa, poi mando una lettera al proprietario dicendo che il lucchetto è vulnerabile.. non penso che la passo liscia.
      Sentiti saluti, Paola
      La Redazione
      www.Cosmopoli.itBHA!
  • Anonimo scrive:
    beh.....
    trovatemi allora!hihihihii!che lamer le forze armate!
    • Anonimo scrive:
      Re: beh.....
      Ci mettono meno di quanto tu pensi, se per esempio per postare questo messaggio non sei passato da un http proxy ;-)Di solito, in questo tipo di applicazioni, viene sempre e comunque loggato l'ip di chi posta.- Scritto da: benjo
      trovatemi allora!

      hihihihii!
      che lamer le forze armate!
      • Anonimo scrive:
        Re: beh.....
        le forze armate ?A parte che devi il massimo rispetto alle forze armate che son formate da gente come me o come te e non da asini.Ricorda che carabinieri, guardia di finanza etcrischiano la propria vita anche per difendere il tuo c..o.A parte questo i servizi segreti sono di due tipio meglio anche tre :) militari interni .. esterni e problemi civili.E non sono stupidi come tu possa pensare. Sono come un rinoceronte .. lenti a partire ma difficili da fermare.E tu sei visibilissimo .. lasci la bava come le lumache.
        • Anonimo scrive:
          Re: beh.....
          Vi ricordate una frase del film "I Soliti Sospetti?"La piu' grande beffa del diavolo e' far credere che non esiste.- Scritto da: PhoenYx QuetzaCoatl
          le forze armate ?
          A parte che devi il massimo rispetto alle
          forze armate che son formate da gente come
          me o come te e non da asini.
          Ricorda che carabinieri, guardia di finanza
          etc
          rischiano la propria vita anche per
          difendere
          il tuo c..o.
          A parte questo i servizi segreti sono di due
          tipi
          o meglio anche tre :) militari interni ..
          esterni e problemi civili.
          E non sono stupidi come tu possa pensare.
          Sono come un rinoceronte .. lenti a partire
          ma
          difficili da fermare.
          E tu sei visibilissimo .. lasci la bava come
          le lumache.
        • Anonimo scrive:
          Re: beh.....
          Ciao- Scritto da: PhoenYx QuetzaCoatl
          le forze armate ?
          A parte che devi il massimo rispetto alle
          forze armate che son formate da gente come
          me o come te e non da asini.
          Ricorda che carabinieri, guardia di finanza
          etc
          rischiano la propria vita anche per
          difendere
          il tuo c..o.
          A parte questo i servizi segreti sono di due
          tipi
          o meglio anche tre :) militari interni ..
          esterni e problemi civili.
          E non sono stupidi come tu possa pensare.
          Sono come un rinoceronte .. lenti a partire
          ma
          difficili da fermare.
          E tu sei visibilissimo .. lasci la bava come
          le lumache.
          ?? dove lo vedi che è visibilissimo?
      • Anonimo scrive:
        Re: beh.....
        Gia' gia'... e cosa gli incrimini? Non penso che uno che sta chiedendendo di trovarlo sia incriminabile ;-)Inoltre cosa ti fa pensare che questo post non l'abbia scritto con l'IP di una shell bucata :?bye
        • Anonimo scrive:
          Re: beh.....
          Sottovalutate sottovalutate...bello sottovalutare la GdF e tutti gli altri, ma ricordate che hanno acchiappato anche Raoul Chiesa...dimmi, tu credi di essere migliore di Chiesa? Uno che lancia una sfida che sicuramente perderà (e lui lo sa) dovrebbe essere come Chiesa?Comunque questo tipo, Benjio (o come si chiama), ha lanciato la sfida per un semplicissimo motivo. Non ha mai hackato nulla, nemmeno il suo stesso computer e non sa nemmeno come si fa. E' uno "pulito", che non ha mai fatto nulla di illegale. Per questo lancia la sfida, tanto non lo troveranno mai perchè non possono perdere tempo cercando uno "pulito".Ma che cazzo posti a fare ste baggianate! Bambino...
  • Anonimo scrive:
    SPANDERE MERDA NON SERVE
    Ricordo a tutti i 'veri' hacker o supposti tali che postano le risposte a PI che uno dei piaceri dell'hacker è studiare, provare e rendere noto quello che si scopre.Inoltre non è fine che un hacker posti delle mail con questi toni di superiorità fomentando provocazioni -troll, non hacker- e pisciando sulle teste dei ragazzini (che pure dovranno imparare!)Un pò di rispetto quindi, e al lavoro-gioco!Infine un articolo che cita gli hackers non deve secondo me essere il pretesto per poter dire NULLA da parte di TUTTI.L'unica informazione utile su una decina di mail è stata questa:
    Il mio credo resta questo:
    http://www.tuxedo.org/~esr/faqs/hacker-
    howto.html#WHAT_ISComplimenti anche a Cla che almeno è intervenuto a tema :))
  • Anonimo scrive:
    Velocità/Sicurezza
    (Se ho capito bene) Sembra che nel rapporto si sia messo l'accento sul fatto che la transazione del dato sia il momento critico, secondo me non è così, infatti la maggior parte delle azioni di hacking non avviene "catturando" il dato in transito ma violando il sistema non protetto e attingendo dai loro DB. Mi ricordo che qualche mese fa una famosa banca del Nord Est con WINNT e IIS4 aveva "dimenticato" di rendere un minimo sicura la propria pagina di Home Banking e aveva lasciato a disposizione di tutti il proprio global asa con PWD database (nenache un grazie quando li ho avvisati :-( ) ... non che ci si possa fare molto però non è serio e bello. Per concludere l'accento andrebbe posto sul fatto che i sistemi sono penetrabili (anche da lamer) in quanto gestiti con approssimazione.Ciao a tuttiCla
    • Anonimo scrive:
      Re: Velocità/Sicurezza
      - Scritto da: Cla
      (Se ho capito bene) Sembra che nel rapporto
      si sia messo l'accento sul fatto che la
      transazione del dato sia il momento criticoIo questo accento non l'ho visto. Hanno messo l'accento sul fatto che è troppo facile (nell'era dell'informazione globale) avere accesso ad informazioni che dovrebbero essere appannaggio di chi si occupa di sicurezza soltanto.Si legge... ''Ad avere una parte fondamentale nello "sviluppo" di queste attività sarebbe l'uso che viene fatto di Internet e, appunto, la disponibilità in "tendenziale incremento" di "strumenti e conoscenze per iniziative di hackeraggio". Troppo facile, cioè, trovare online tools costruiti da hacker capaci di trasformare un lamer in un finto smanettone...''Non ho trovato nessun riferimeto all'Hijacking
      Mi ricordo che qualche mese fa una
      famosa banca del Nord Est con WINNT e IIS4
      aveva "dimenticato" di rendere un minimo
      sicura la propria pagina di Home Banking e
      aveva lasciato a disposizione di tutti il
      proprio global asa con PWD database (nenache
      un grazie quando li ho avvisati :-( ) Probabilmente si saranno sentiti un po deficentoidi. hihihihi
      Per concludere l'accento
      andrebbe posto sul fatto che i sistemi sono
      penetrabili (anche da lamer) in quanto
      gestiti con approssimazione.Daje con sto accento.I potenziali rischi di sicurezza dovrebbero essere segnalati in forma strettamente privata a chi gestisce il servizio a rischio.In questo mondo non ci sarebbero più lamer.Insomma quando tu hai scoperto il problema della banca che citavi prima, mica hai pubblicato la tua scoperta su 30 BBS, ma ti sei limitato a farlo sapere a loro soltanto (a mio parere giustamente). Che poi loro si siano comportati male è un'altra storia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Velocità/Sicurezza
        non sono d'accordo... perche' se anche io ho lo stesso buco non mi piace dovere aspettare un hacker buono per chiuderlo, non credi...??___________________________________Daje con sto accento. I potenziali rischi di sicurezza dovrebbero essere segnalati in forma strettamente privata a chi gestisce il servizio a rischio. In questo mondo non ci sarebbero più lamer. Insomma quando tu hai scoperto il problema della banca che citavi prima, mica hai pubblicato la tua scoperta su 30 BBS, ma ti sei limitato a farlo sapere a loro soltanto (a mio parere giustamente). Che poi loro si siano comportati male è un'altra storia.
        • Anonimo scrive:
          Re: Velocità/Sicurezza
          - Scritto da: Giulio Andreotti
          non sono d'accordo... perche' se anche io ho
          lo stesso buco non mi piace dovere aspettare
          un hacker buono per chiuderlo, non
          credi...??


          ___________________________________
          Daje con sto accento.
          I potenziali rischi di
          sicurezza dovrebbero essere segnalati in
          forma strettamente privata a chi
          gestisce il servizio a
          rischio.
          In questo mondo non ci
          sarebbero più lamer.
          Insomma quando tu hai
          scoperto il problema della banca che citavi
          prima, mica hai pubblicato
          la tua scoperta su 30
          BBS, ma ti sei limitato a farlo sapere a
          loro soltanto (a mio parere
          giustamente). Che poi
          loro si siano comportati male è un'altra
          storia.Prima regola dell' Hacker: "FARSI I CAZZI PROPRI".Qui, a quanto pare nessuno se li fa.Ma perchè un povero cristo di Hacker, per fare il BUONO, deve avvisare quei PARRUCCONI DI PRETORIANI che c'hanno un BUCOOOOOOO??????!!!!!!!Per poi magari beccarsi del PIRLA da un qualsiasi LECCACULO PRETORIANO, e magari farsi pure indagare?????????UHAAAAAAAAAAUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU, ma dove c'havete il cervello????????Ogni tanto controllate se è collegato?
    • Anonimo scrive:
      Re: Velocità/Sicurezza

      Per concludere l'accento
      andrebbe posto sul fatto che i sistemi sono
      penetrabili (anche da lamer) in quanto
      gestiti con approssimazione.
      Ciao a tutti
      ClaFinchè la "banca che ho in mente" invece di essere un istituto le cui caratteristiche siano l'efficenza del servizio clientela, la sicurezza delle transizioni, la dotazione di tecnici competenti, si trova su un prato dove vanno a pascolare le mucche e gli strumenti "tecnici" sono un bastone per disegnare cerchi sulla sabbia.... cosa vuoi...
  • Anonimo scrive:
    .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
    AH AH AH AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHALLORA POTETE STARE TUTTI TRANQUILLI...........NON SANNO MANCO USARE I PICCIIIIIIIIUHAAAAAAAAAAUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU
    • Anonimo scrive:
      Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
      Lo saprai usare tu, che manco sei capace di disabilitare il CAPS. E' da ieri che smarmelli gli zebedei.- Scritto da: Alien
      AH AH AH AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

      ALLORA POTETE STARE TUTTI
      TRANQUILLI...........

      NON SANNO MANCO USARE I PICCIIIIIIII

      UHAAAAAAAAAAUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU
      • Anonimo scrive:
        Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??

        - Scritto da: Alien

        AH AH AHsi ok!torna dai pretoriani!e' meglio...consiglio : la tua voce usala nel posto giusto!non qui su pi!fatti sentire...cazzo!
      • Anonimo scrive:
        Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
        Be, che non lo sappiano usare è tutto da dimostrare. Che fruttino le loro conoscenze informatiche contro gli hackers invece di dare la caccia a tantissimi veri criminali che girano in italia è dimostrabile palesemente ( basta seguire un po i telegiornali ). Io direi carissimi signori di tutte le forze armate, io come cittadino che paga le tasse e vi da lo stipendio credo che sia uno spreco di tempo e di danaro pubblico perdere tempo verso delle " Persone curiose " (perchè gli hackers sono proprio questo) perchè invece non vi dedicate a cose più importanti tipo: Voi pensate che la Mafia e tutte le organizzazioni criminali che esisono oggi in italia non abbiano intuito quale grande opportunità oggi sia internet e non si sia già organizzata in questo senzo? Be cari amici dedicatevi a loro, perchè sono loro i veri criminali da mettere in galera!!!Con rispetto Cucciolot
        • Anonimo scrive:
          Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
          caro cucciolo, forse non hai preso in considerazione il fatto che potrebbero essere prprio alcuni hackers, quelli che tu definisci semplici curiosi, a mettere le proprie capacità al servizio di organizzazioni criminali e sicuramente ciò è gia avvenuto. quindi l'allarme lanciato dai servizi segreti è più che giustificato.A CUCCIOLO. . . . . SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAA
          • Anonimo scrive:
            Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
            Caro amico, non sei l'unico ad avere un po di confusione sulla terminologia usata per definire talune persone. Le persone che tu dici, non sono gli hackers ma si chiamano crackers. La differenza è molta!!!Allora: Gli hacker sono quelle persone che, attraverso le loro conoscenze si infiltrano nei sistemi si, ma non creano danni ma anzi se mai lasciano all'admin una nota in cui riferiscono le falle che hanno riscontrato ni sistemi.I Crackers sono le persone che hai descitto tu. Quelle che magari entrano nei sistemi creando scompigli, quelli che fanno spinaggio sottraendo materiale riservato, ecc ecc eccPurtroppo l'informazione sull'argomento è poca e come per tante altre cose si cade nell'equivoco... l'italia stessa di oggi infatti è tutta un equivoco... am questo è un'altro discorso.Quindi non dire a me che mi devo svegliare... se mai prima di parlare informati di più sull'argomento.. che ne sai magari ti interesserai anche te sull'argomento.. :)))Ciao a tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
          caro mio amico... i servizi io li distinguerei dalle forze dell'ordine... perche' queste rischiano per noi, non possiamo nasconderlo, ma i servizi??? forse loro non rischiano che di non fare 13 alla schedina... i pc li usano eccome, ma per fare i sistemi...pensa che dopo avere impedito per anni ad Ultimo di arrestare toto' riina, alla fine si sono dovuti arrendere, e ora toto' gira libero di fare il mafioso mantenuto, in galera, essendo stato liberato dall'isolamento previsto per legge...non c'e' giustizia e alla fine credo che se qualche hacker robin hood cancelli dalla terra per sempre un server del ministero della giustizia, o della camera dei coglioni... pardon dei deputati, nulla di male, gli si sta soltanto ricordando che sono pagati molto profumatamente (anche se puzzano sempre di merda... non capisco...) e che sono al servizio del cittadino, non sono li' per soffocare il cittadino.perchè sono loro i veri criminali da mettere in galera!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
            Secono me sbagliate.....Le persone dei servizi segreti,della polizia,deicarabinieri etc sono per la maggior parte persone ottime che svoglono il loro dovere facendo rispettare le leggi...Certo sono sempre uomini che possono sbagliare ma io li stimo lo stesso!SONO LE LEGGI E LA CLASSE POLITICA CHE ROVINANO IL SISTEMA!!!NON PRENDETEVELA CON DEI POVERI FUNZIONARI!!!!CIaoTIatix - Scritto da: Giulio Andreotti
            caro mio amico... i servizi io li
            distinguerei dalle forze dell'ordine...
            perche' queste rischiano per noi, non
            possiamo nasconderlo, ma i servizi??? forse
            loro non rischiano che di non fare 13 alla
            schedina... i pc li usano eccome, ma per
            fare i sistemi...

            pensa che dopo avere impedito per anni ad
            Ultimo di arrestare toto' riina, alla fine
            si sono dovuti arrendere, e ora toto' gira
            libero di fare il mafioso mantenuto, in
            galera, essendo stato liberato
            dall'isolamento previsto per legge...
            non c'e' giustizia e alla fine credo che se
            qualche hacker robin hood cancelli dalla
            terra per sempre un server del ministero
            della giustizia, o della camera dei
            coglioni... pardon dei deputati, nulla di
            male, gli si sta soltanto ricordando che
            sono pagati molto profumatamente (anche se
            puzzano sempre di merda... non capisco...) e
            che sono al servizio del cittadino, non sono
            li' per soffocare il cittadino.






            perchè sono loro i veri criminali da mettere
            in galera!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
      Fossi in te non ne sarei cosi' certo :)
    • Anonimo scrive:
      Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
      Beh! Prima di tutto...che non sappiano usare i PC...ho qualche dubbio!!! Dove credi che siano finiti i "vecchi" hacker della scena italiana??? Tutti a fare i sysadmin alla Telecoz?? Innanzitutto non penso che il SISDe si diverta amonitorare una miriade di ragazzini che scoprono il Netbus e si credono degli Dei, prima di tutto perchè una semplice indagine telematica gli costa qualcosa come 40.000.000£ al giorno (stime ufficiose!!! :-))anche se non devono rendere conto della "spesa" a noi cittadini lo devono fare nei confornti del Ministero degli Interni (perchè nulla si crea, nulla si distrugge, soprattutto il denaro!). L'unico vero soggetto delle indagini potrebbe essere i cracker...ma quanti reati informatici vengono commessi da loro e quanti invece da dipendenti infedeli e sysadmin del cavolo??? Io comincerei risolvendo i problemi alla radice...
      • Anonimo scrive:
        Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
        Prima di tutto buongiorno.Secondo vorrei fare un memo: il fatto della security e' una questione di testa. Lo sapete che per entrare in una redazione o in una agenzia di pubblicita' o molti altri posti e' sufficente dire il nome della persona che si deve vedere e poi si ha libero accesso allo stabile ? E tutti i PC li belli dei giornalisti privi di password ? E tutte le info/documenti non custoditi ? E tutti quelli che fanno i network manager (quando ci sono) che non hanno "tempo" di mettere le patch sui server NT/2000 ?Fino a che non cambiera' la testa delle persone i problemi rimarranno, che ci sia o che non ci siano persone che controllano. L'Italiano medio e' cosi', c'e' poco da fare. Probabilmente dovranno passare ancora 5/10 anni prima che le cose funzionino meglio e tutti si saranno sensibilizzati.Saluti a tutti.Ciao.- Scritto da: DioPedalino
        Beh! Prima di tutto...che non sappiano usare
        i PC...ho qualche dubbio!!! Dove credi che
        siano finiti i "vecchi" hacker della scena
        italiana??? Tutti a fare i sysadmin alla
        Telecoz?? Innanzitutto non penso che il
        SISDe si diverta a
        monitorare una miriade di ragazzini che
        scoprono il Netbus e si credono degli Dei,
        prima di tutto perchè una semplice indagine
        telematica gli costa qualcosa come
        40.000.000£ al giorno (stime ufficiose!!!
        :-))anche se non devono rendere conto della
        "spesa" a noi cittadini lo devono fare nei
        confornti del Ministero degli Interni
        (perchè nulla si crea, nulla si distrugge,
        soprattutto il denaro!). L'unico vero
        soggetto delle indagini potrebbe essere i
        cracker...ma quanti reati informatici
        vengono commessi da loro e quanti invece da
        dipendenti infedeli e sysadmin del cavolo???
        Io comincerei risolvendo i problemi alla
        radice...
    • Anonimo scrive:
      Re: .......DAVVEROOOO???? I SERVIZI SEGRETI ITALIANI??
      - Scritto da: Alien
      AH AH AH AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

      ALLORA POTETE STARE TUTTI
      TRANQUILLI...........

      NON SANNO MANCO USARE I PICCIIIIIIII

      UHAAAAAAAAAAUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUPiuttosto di saper usare il PC per farne l'uso che ti limiti a farne tu è meglio passare il tempo a giocare a briscola.
  • Anonimo scrive:
    Hackeraggio, un arte ;)
    Pur essendo io un pivellino qualsiasi ho molta ammirazione per gli hacker. Quelli veri, non i lamerozzi che si limitano a usare programmini semiautomatici (che poi alla fine cmq non creano danni viste le ridottissime conoscenze di cui si ha bisogno per usarli).
    • Anonimo scrive:
      Re: Hackeraggio, un arte ;)
      bah,ormai i veri hacker sono rari come le mosche bianche, il mondo ormai e' pieno di stupidi ragazzini che giocano a fare gli hacker e non sanno neanche vagamente quello che fanno...no comment.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hackeraggio, un arte ;)
        1: using System; 2: 3: class Hackers 4: { 5:     public static void Main() 6:     { 7:         Console.WriteLine(" Hackers?,non esistono più!"); 8:     } 9: }
        • Anonimo scrive:
          Re: Hackeraggio, un arte ;)
          E' vero, è vero...Siamo circondati solo da una massa di ragazzini che giocano e se la tirano... Dichiarano tanto amore per la conoscenza e poi è un miracolo quando riescono a coniugare correttamente un verbo in italiano... fatevi un giro su qualche forum "hacker" per farvi 4 gustose risate...- Scritto da: Compiler

          1: using System;
          2:
          3: class Hackers
          4: {
          5:     public static void Main()
          6:     {
          7:         Console.WriteLine(" Hackers?,non
          esistono più!");
          8:     }
          9: }
        • Anonimo scrive:
          Re: Hackeraggio, un arte ;)
          - Scritto da: Compiler

          1: using System;
          2:
          3: class Hackers
          4: {
          5:     public static void Main()
          6:     {
          7:         Console.WriteLine(" Hackers?,non
          esistono più!");
          8:     }
          9: } si pero' sei pure molto lamer tu!che ti copy il c# dalla apogeo.Hello world, welcom in matrix
        • Anonimo scrive:
          Re: Hackeraggio, un arte ;)
          Bravo potevi però scriverlo in assembly per x86 vero? i soliti liguaggi ad alto livello...
      • Anonimo scrive:
        Re: Hackeraggio, un arte ;)
        - Scritto da: unz
        bah,
        ormai i veri hacker sono rari come le mosche
        bianche, il mondo ormai e' pieno di stupidi
        ragazzini che giocano a fare gli hacker e
        non sanno neanche vagamente quello che
        fanno...E non ci son piu' le mezze stagioni.E si stava meglio quando si stava peggio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hackeraggio, un arte ;)
        Forse, ma forse no... Kraken Hacking Krewsiamo solo un gruppo do ragazzi che vogliono capire come funzionano veramente le cose (citata dai Tankcommandos) Gli Hacker esisetono ancora... e ti assicuro che siamo nuovi e siamo sicuramente tre HACKER o aspirati tali che credono in quello che fanno e che non hanno mai rotto i maroni a qualcuno o crcato qualche scemo infettato dal NeTBus per quelache scherzetto.Crerigan del Kraken, Command in Chief of Kraken Hacking Crew- Scritto da: unz
        bah,
        ormai i veri hacker sono rari come le mosche
        bianche, il mondo ormai e' pieno di stupidi
        ragazzini che giocano a fare gli hacker e
        non sanno neanche vagamente quello che
        fanno...
        no comment.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hackeraggio, un arte ;)
      Un'arte si scrive con l'apostrofo.Il mio credo resta questo:http://www.tuxedo.org/~esr/faqs/hacker-howto.html#WHAT_ISPeace and Love --- Scritto da: .
      Pur essendo io un pivellino qualsiasi ho
      molta ammirazione per gli hacker etc etc etc
      • Anonimo scrive:
        Re: Hackeraggio, un arte ;)

        Il mio credo resta questo:
        http://www.tuxedo.org/~esr/faqs/hacker-howto.Già ... -----Specifically, hackerdom is what anthropologists call a gift culture. You gain status and reputation in it not by dominating other people, nor by beingbeautiful, nor by having things other people want, but rather by giving things away. Specifically, by giving away your time, your creativity, and theresults of your skill.-----Totalmente incompatibile con il mondo di oggi 8-(((((((((((((
        • Anonimo scrive:
          Re: Hackeraggio, un arte ;)
          - Scritto da: unz
          bah,
          ormai i veri hacker sono rari come le mosche
          bianche, il mondo ormai e' pieno di stupidi
          ragazzini che giocano a fare gli hacker e
          non sanno neanche vagamente quello che
          fanno...Ma che cazzate dite, ma per favore! Gli Hacker esistono ancora, forse non quanti ce ne erano una volta ma la differenza è davvero poca.Il fatto che gli Hacker stiano diminuendo è l'irrigidimento delle leggi e della sicurezza. Non si hanno le palle per fare cose che vanno contro le leggi.Anche io agli inizi pensavo che gli HAcker nonn esistevano più.Ma poi ho trovato i siti giusti dove ho trovato i veri Hacker (anche se come al solito loro dicono di non esserlo...mah! Chi li capirà mai...). Se voi continuate a frequentare siti come alexmessolamer e roba del genere ci potete giurare che non troverete altro che ragazzini bulletti che cercano di "imparare" come infettare un povero cristiano (o magari anche buddista dipende...) che si aggira in IRC!Provate ad andare in quei siti che ho elencato nella reply fatta a non ricordo il nick alla topic "lamer....ahahahahahahah", che poi magari ne parliamo!Certo, ancora siamo distanti anni luce dall'America, ma il distacco si sta colmando sempre più e chissà che un giorno non siano loro a doverci inseguire... ;)Ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Hackeraggio, un arte ;)
        Non c'era modo migliore di dare definizione di Hacker. Spesso, troppo spesso, nella nostra società questa parola viene usata senza nemmeno conoscerne il significato. Stampata in fronte a gente che si infiltra in sistemi informatici, crea virus, o sprotegge dei software. A volte si sente la necessità di urlare a tutti "MA COSA CAxxO DITE?!" ma quasi sempre è molto meglio lasciare che l'ignoranza regni sovrana, piuttosto che esporsi al tiro dei cecchini (parlando sempre degli ignoranti polemici di prima).. Il concetto di fondo è questo: sbraitate quanto volete, dite la vostra, pro o contro che sia. Sappiate comunque che hacker si nasce, e a meno che non vogliate ucciderci tutti per una colpa dataci dal destino, dovrete continuare a sopportarci.- Scritto da: Lock One
        Un'arte si scrive con l'apostrofo.

        Il mio credo resta questo:
        http://www.tuxedo.org/~esr/faqs/hacker-howto.

        Peace and Love --

        - Scritto da: .

        Pur essendo io un pivellino qualsiasi ho

        molta ammirazione per gli hacker etc etc
        etc
Chiudi i commenti