Sony, giustificazioni per l'attacco

Il colosso videoludico, sostengono i suoi vertici, sarebbe stato attaccato perché protettore del copyright

Roma – Sony torna a parlare degli attacchi informatici che in questi ultimi mesi hanno costretto offline PlayStation Network e altri suoi siti e compromesso i dati dei suoi utenti.

Secondo il CEO Sir Howard Stringer a causare le ostilità che hanno portato all’offensiva sarebbe stata la posizione dell’azienda giapponese nei confronti del diritto d’autore : “Siamo entrati nel mirino degli attacchi perché abbiamo cercato di proteggere la nostra proprietà intellettuale, i nostri contenuti e i nostri videogiochi”.

In questo modo la giapponese cerca di far rientrare gli attacchi subiti tra quelli in generale lanciati contro il diritto d’autore. Sembra, insomma, voler ridurre a una delle tante battaglie che si addensano intorno al copyright le proteste degli utenti che ritenevano la PlayStation modificabile utile non tanto o comunque non solo per i videogiochi pirata, ma anche per far girare sistemi operativi alternativi e in particolare Linux. ( C.T. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lallo scrive:
    Hanno dimenticato il pedoXXXXX...
    si vede che in Danimarca il problema non è così sentito come quello del terrorismo. Quale migliore scusa per coprire ogni nefandezza dei governi che non quella di usare i molestatori di bambini come arma di distrazione di massa...
  • MeMedesimo scrive:
    Sempre più attuale...
    "Qualsiasi società che sacrifica un po' di libertà per una maggiore sicurezza non si merita nessuna delle due cose e le perde entrambe"Benjamin Franklin (1706-1790)
    • collione scrive:
      Re: Sempre più attuale...
      e poi c'è gente che mi viene a dire che non c'è nessun complotto in attocerto, infatti è una pura coincidenza che allo scoccare dell'11 settembre 2001 si è messa in moto una pericolosa macchina dittatoriale e liberticida in tutti i Paesi sottoposti all'egemonia USAe intanto l'Islanda ha dimostrato di essere una vera democrazia, alla faccia dei vari illuminati che credono di avere in mano il mondo http://www.abovetopsecret.com/forum/thread720094/pg1notare che i nostri amorevoli media ufficiali sempre così attenti a riportare la "verità" non hanno minimamente parlato di questa rivoluzione pacifica e democratica avvenuta in Islanda e contro i banchieri internazionali
    • next scrive:
      Re: Sempre più attuale...
      - Scritto da: MeMedesimo
      "Qualsiasi società che sacrifica un po' di
      libertà per una maggiore sicurezza non si merita
      nessuna delle due cose e le perde
      entrambe"

      Benjamin Franklin (1706-1790)Veramente è "Coloro che vorrebbero rinunciare alle libertà essenziali, per acquistare un po 'di temporanea sicurezza, non meritano né la libertà né la sicurezza."http://www.bartleby.com/73/1056.html
Chiudi i commenti