Sospesa la petizione contro l'EUCD

Dopo il recepimento all'italiana l'Associazione Software Libero chiude la raccolta firme in attesa di rilanciare le iniziative di contrasto ad una normativa che preoccupa oggi più che mai


Roma – La battaglia contro la direttiva europea sul copyright recepita di recente dall’Italia può ricominciare a partire da quelle quasi 2mila firme raccolte attorno alla petizione che chiedeva di rigettare la European Union Copyright Directive (EUCD) perché pericolosa e preoccupante.

Questo il senso del comunicato diffuso ieri dall’ Associazione Software Libero che ha proposto la petizione ottenendo l’attenzione dei media ma, evidentemente, non quella del Governo né dei parlamentari che hanno deciso di adottare la direttiva.

Come noto la EUCD, considerata a sua volta il recepimento europeo del famigerato Digital Millennium Copyright Act (DMCA), è accusata di immolare agli interessi del copyright numerose libertà finora garantite, a partire dal modo di fruire dei media acquistati (come CD e DVD, sui quali sono pure aumentate le tasse) per arrivare a come si sviluppa software e tecnologia.

“Visto che la finalità della petizione è venuta a cadere dopo il recepimento della direttiva – spiega l’Associazione – l’Associazione Software Libero ha tolto la possibilità di aggiungere nuove firme, sospendendo di fatto la petizione online”.

Nella nota diffusa dall’Associazione si ricorda anche che la Commissione Europea “è tenuta a presentare al Parlamento europeo una relazione sugli effetti dell’EUCD, in particolare sulle conseguenze della tutela legale per le misure tecnologiche di protezione. Nell’EUCD (art. 12) si legge che la prima relazione verrà presentata entro il 22 dicembre 2004”.

Dunque è su quella scadenza che probabilmente si concentreranno le prossime azioni di contrasto alla direttiva. “Occorrerà – conclude la nota – sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere materiale documentale sugli effetti perversi della normativa (in stile “Four Years Under the DMCA”) per convincere il Parlamento europeo o la Commissione a rivedere la direttiva. E questo lavoro non sarà svolto solo in Italia”.

L’elenco dei firmatari della petizione-lettera aperta resterà disponibile su questa pagina .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Cliente yahoo: vittima od untore?
    Mi scuso per la schematicità, ma sono fatto così.- Sono un utente yahoo.- Mando una e-mail ad un cliente iol (o libero o wind)- La mail viene respinta perché vengo considerato uno spammer (sic!)- Wind si scusa dicendo che determinati indirizzi IP usati da yahoo (anche, ma non solo, da normali utenti come me) sono finiti sulle blacklist antispam di Spews.org.- Yahoo si scusa, con sospetto ritardo, vantandosi di essere «da sempre impegnata nella lotta contro lo spam, «combattuto utilizzando strumenti come ad esempio «SpamGuard, la cui efficacia è ulteriormente potenziata «dalle segnalazioni degli utenti". "Il filtro antispam di Yahoo! «- spiega la nota dell'azienda - filtra automaticamente la «posta indesiderata e la trasferisce in una cartella dedicata «per una successiva cancellazione, fornendo quindi un «efficace servizio antispam senza per questo effettuare «alcun tipo di controllo o di censura sulle mail ricevute dai «nostri utenti";- tutte le mattine ho il piacere di vedere nella mia casella signorine (a volte veramente belle, devo ammettere) + o - siliconate con link immediato a video porno offerti da "lattefresco.net" e similari;- il mittente di cui sopra risulta essere qualcosa del tipo "sintiax_error.@invalid_adress." al cui fianco NON appare il link "questa è spam", con conseguente impossibilità di segnalare il messaggio a spamguard;- il problema che ha scatenato questo putiferio non è che gli utenti yahoo siano pieni o meno di "pornerie" nelle loro caselle di posta elettronica, ma che, poiché taluni utenti yahoo rompono gli zebedei al prossimo, TUTTI gli utenti yahoo, con le rispettive caselle piene di immondizia, vengono di punto in bianco trasformati da vittime ad untori.Che faccio, apro altrove un nuovo indirizzo e-mail?Già fatto, ne ho provati 6 o 7 (tipo libero, caltanet, supereva, kataweb), e yahoo mi è sembrato nonostante tutto il migliore.Siamo messi bene.
    • kensan scrive:
      Re: Cliente yahoo: vittima od untore?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi scuso per la schematicità, ma sono fatto
      così.Comunque bel post :)
      Che faccio, apro altrove un nuovo indirizzo
      e-mail?
      Già fatto, ne ho provati 6 o 7 (tipo libero,
      caltanet, supereva, kataweb), e yahoo mi è
      sembrato nonostante tutto il migliore.Vuoi un consiglio? Fatti una mailbox da un provider che usi BL efficaci come quelle di SPEWS, Non pubblicare mail la tua email in internet, ne sui siti ne su usenet, se la tua email deve comparire usa un antispam, non usare outlook, non rispondere mai agli spammer, non aprire mai le email di chi non conosci e se le apri assicurati di essere off-line, gli allegati vanno cestinati se non arrivano da persone di fiducia che sanno come funziona internet, poi fai quel che vuoi :))
      • Anonimo scrive:
        Re: Cliente yahoo: vittima od untore?
        - Scritto da: kensan
        Vuoi un consiglio? Fatti una mailbox da un
        provider che usi BL efficaci come quelle di
        SPEWS, Non pubblicare mail la tua email in
        internet, ne sui siti ne su usenet, se la
        tua email deve comparire usa un antispam,
        non usare outlook, non rispondere mai agli
        spammer, non aprire mai le email di chi non
        conosci e se le apri assicurati di essere
        off-line, gli allegati vanno cestinati se
        non arrivano da persone di fiducia che sanno
        come funziona internet, poi fai quel che
        vuoi :))Insomma, in una parola "non usare la posta elettronica". Mica male per un paladino di autistici/inventati... Hai qualche altra battuta?
        • kensan scrive:
          Re: Cliente yahoo: vittima od untore?

          Insomma, in una parola "non usare la posta
          elettronica". Mica male per un paladino di
          autistici/inventati... Hai qualche altra
          battuta?Senti signor nessuno ovvero signor anonimo, va a fare il Troll da qualche altra parte, io ho dato consigli utili che permettono l'uso valido di una mailbox, non c'è motivo di pubblicarla in internet senza antispam e non c'è motivo di scambiarsi file powerpoint, word, exe ecc, ecc con la posta da parte di persone che non si conoscono.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cliente yahoo: vittima od untore?
            - Scritto da: kensan
            Senti signor nessuno ovvero signor anonimo,
            va a fare il Troll da qualche altra parte,E' forse reato essere anonimi in rete? Punto informatico ha il mio IP. Se non ti piace puoi sempre andare da un'altra parte tu.
            l'uso valido di una mailbox, non c'è motivo
            di pubblicarla in internet senza antispam e
            non c'è motivo di scambiarsi file
            powerpoint, word, exe ecc, ecc con la posta
            da parte di persone che non si conoscono.Sì che ce n'è uno. La posta è mia e decido io con chi scambiarla. Non lo decide nessun altro all'infuori di me, neanche i filtri antispam.
  • Anonimo scrive:
    Il problema di yahoo e' un altro
    Se e' finita in spews e' perche' i suoi ip generano spam, non perche' filtra male i messaggi diretti ai propri clienti.Vabbe', tanto 'sta cosa non la capiranno in molti, viva il marketing!ciaoMichele
    • Anonimo scrive:
      Io Was: Il problema di yahoo e' un al
      Io l'ho capita e ho cercato di spiegarlo a chi si incazzava contro libero mentre avrebbe dovuto incazzarsi con yahoo
      • kensan scrive:
        Re: Io Was: Il problema di yahoo e' u
        E' evidente che il problema è Yahoo e non SPEWS e neppure Libero e i mille provider che usano le liste di SPEWS. Ma come si affermava questo non entrerà nella testa di molti: W il Marketing.:(
        • Anonimo scrive:
          Re: Io    Was: Il problema di yahoo e' u
          - Scritto da: kensan
          E' evidente che il problema è Yahoo e non
          SPEWS e neppure Libero e i mille provider
          che usano le liste di SPEWS.Ma sì, e scommetto anche che l'assassino è il maggiordomo che ha agito nel vestibolo col lampadario...e che l'open source è una cosa seria...certo, certo...
          • kensan scrive:
            Re: Io Was: Il problema di yahoo e' u
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: kensan


            E' evidente che il problema è Yahoo e non

            SPEWS e neppure Libero e i mille provider

            che usano le liste di SPEWS.

            Ma sì, e scommetto anche che l'assassino è
            il maggiordomo che ha agito nel vestibolo
            col lampadario...e che l'open source è una
            cosa seria...certo, certo...Yahoo non è visto/stato visto da parte di molti ISP, su news.abuse mi hanno detto che copre all'incirca 100.000.000 di mailbox, come vedi le poche caselle di posta elettronica di Yahoo sono una goccia nel mare di quelle protette da SPEWS tra cui vi sono quelle di Libero...
          • Anonimo scrive:
            Re: Io    Was: Il problema di yahoo e' u
            - Scritto da: kensan
            Yahoo non è visto/stato visto da parte di
            molti ISP, su news.abuse mi hanno detto che
            copre all'incirca 100.000.000 di mailbox,
            come vedi le poche caselle di posta
            elettronica di Yahoo sono una goccia nel
            mare di quelle protette da SPEWS tra cui vi
            sono quelle di Libero...Ah, beh, allora... se te lo hanno detto quelli di news.abuse... eh, sono fonti autorevoli, loro... gli stessi che avevano inibito l'accesso ai newsgroup a tutti gli utenti Tin... Eh, sì...
      • Anonimo scrive:
        Re: Io    Was: Il problema di yahoo e' un al
        - Scritto da: Anonimo
        Io l'ho capita e ho cercato di spiegarlo a
        chi si incazzava contro libero mentre
        avrebbe dovuto incazzarsi con yahooE' Libero che non accetta le mail di Yahoogroups che io ho sollecitato e che quindi voglio ricevere. Perché uno non dovrebbe incazzarsi? Decido io cosa voglio ricevere e cosa no, non Libero.
        • kensan scrive:
          Re: Io Was: Il problema di yahoo e' u
          - Scritto da: Anonimo
          E' Libero che non accetta le mail di
          Yahoogroups che io ho sollecitato e che
          quindi voglio ricevere. Perché uno non
          dovrebbe incazzarsi? Decido io cosa voglio
          ricevere e cosa no, non Libero.Dipende tutto dal punto di vista, per esempio se la vedi da parte dei 100 milioni di mailbox che non vogliono la posta di Yahoo, forse capisci che Libero ho fatto la cosa migliore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io    Was: Il problema di yahoo e' u
            - Scritto da: kensan
            Dipende tutto dal punto di vista, per
            esempio se la vedi da parte dei 100 milioni
            di mailbox che non vogliono la posta di
            Yahoo, forse capisci che Libero ho fatto la
            cosa migliore.E se la guardi dal punto di vista anche solo di 1 utente che *VUOLE* espressamente la posta di Yahoogroups sarai tu a capire (forse) che Libero ha fatto la cosa peggiore.
  • Anonimo scrive:
    e beh ... !!!
    "Il filtro antispam di Yahoo! - spiega la nota dell'azienda - filtra automaticamente la posta indesiderata e la trasferisce in una cartella dedicata per una successiva cancellazione, fornendo quindi un efficace servizio antispam _senza_per_questo_effettuare_alcun_tipo_di_controllo_o_di_censura_sulle_mail_ricevute_dai_nostri_utenti".
Chiudi i commenti