Spagna, Google e il peso della memoria

Una Corte nazionale si rivolge all'Unione Europea. Che fare di tutte le richieste mosse a Google da cittadini che vorrebbero essere dimenticati? Urgono chiarimenti sulla materia del diritto all'oblio

Roma – La Corte superiore spagnola Audiencia Nacional si è rivolta alla Corte europea di Giustizia per sapere se sono da ritenersi legittime le richieste dei cittadini spagnoli di vedere i loro dati rimossi dal motore di ricerca di Google .

Alla corte di Madrid competente sulla protezione dei dati sono arrivate più di 100 richieste di rimozione di contenuti ritenuti lesivi indirizzate al motore di ricerca Google , dalla notizia apparsa su un giornale locale e relativa al recupero di una casa per mancati pagamenti, a quella su un’operazione andata male che macchia la fama di un chirurgo plastico.

Il diritto all’oblio è una materia che è stata affrontata in mano dalla Commissione Europea: è, in particolare, tra i punti presi in considerazione da una proposta avanzata dal Commissario Viviane Reding per una normativa in materia di privacy e gestione dei dati personali online .

Anche per questo il tribunale nazionale ha ritenuto opportuno che la materia dovesse essere affrontata a livello comunitario: la domanda posta alla Corte europea di Giustizia riguarda l’obbligo o meno per Google di rimuovere contenuti indicizzati dal suo motore di ricerca e dal suo aggregatore di notizie Google News, anche se non è Mountain View responsabile della produzione stessa dei dati e dei contenuti mostrati.

La materia del diritto all’oblio necessità d’altronde di un intervento equilibrato perché la questione non tocca solo la privacy ma anche le responsabilità sui contenuti : Google afferma di non poterli rimuovere in quanto solo intermediario che li ospita e non produttore degli stessi. Nel caso fosse costretta a farlo, ha ribadito di recente il Global Privacy Counsel Peter Fleischer, avrebbe bisogno di giustificazioni legali ulteriori (si parla, d’altronde, del grigio confine tra diritto alla cronaca e diritto alla privacy).

La questione sollevata dalla Corte spagnola si aggiunge dunque al dibattito che si sta svolgendo a livello europeo per quanto riguarda la gestione delle informazioni da parte di piattaforme online: un altro aspetto della materia, per esempio, riguarda tutti quei dati inseriti dall’utente e destinati ad essere condivisi solo con i propri contatti (gli amici di Facebook per esempio), informazioni che, in quanto non pubbliche, secondo la Commissione europea non rientrano nelle fattispecie prese in considerazione dalla nuova normativa.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iome scrive:
    ma quali geek girls!
    di solito sono lesbiche col taglio tattico, cozze, grasse e quancuna ha pure la barba: dei rottami umani. altro che la modella strafica pagata per mettere i calzoni nelle foto pubblicitarie
    • il solito bene informato scrive:
      Re: ma quali geek girls!
      - Scritto da: iome
      di solito sono lesbiche col taglio tattico,
      cozze, grasse e quancuna ha pure la barba: dei
      rottami umani. altro che la modella strafica
      pagata per mettere i calzoni nelle foto
      pubblicitariesoprattutto: avrebbe 35 anni e non 18 :D
Chiudi i commenti