Spam, nuovo attacco alla Baia

Numerosi utenti di The Pirate Bay hanno ricevuto un'inattesa missiva a suggerire il download di uno specifico corso per guadagnare con la piattaforma stessa. Trafugate migliaia di credenziali d'accesso

Roma – Un’estesa campagna di spam, che sembra aver colpito numerosi utenti registrati alla Baia più famosa del P2P. Un articolo pubblicato tra le pagine online di TorrentFreak ha così svelato un nuovo attacco ai database di The Pirate Bay, che ha successivamente portato all’invio di migliaia di insolite missive elettroniche.

A svariati utenti della piattaforma è stato così consigliato di scaricare uno specifico corso – apparentemente messo in piedi dallo stesso staff di The Pirate Bay – sulle possibili strategie di guadagno legate allo sfruttamento quotidiano della Baia . Un invito ovviamente truffaldino, che ha insospettito e allarmato non poco gli utenti coinvolti.

La redazione di TorrentFreak ha dunque raccolto i testi di svariate missive spedite in circa due settimane, tutte indirizzate a specifici username attualmente iscritti a The Pirate Bay. Un misterioso utente ha poi sottolineato come il suo indirizzo mail – tra i destinatari della campagna di spam – fosse stato usato solo ed esclusivamente per la registrazione alla Baia .

Un dettaglio che ha portato ad una sola possibile conclusione: gli spammer sarebbero riusciti ancora una volta ad intrufolarsi nei database della piattaforma. E si tratta del secondo attacco nel giro di mesi, dopo quello portato a termine dal cracker argentino Chris Russo. Lo staff di The Pirate Bay si è limitato a consigliare ai vari utenti un eventuale cambio di indirizzo di posta elettronica.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mah scrive:
    Federica
    Preferisco federica.http://www.federica.unina.it/Oppurehttp://ocw.mit.edu/index.htmL'educational è storicamente campo di fidelizzazione per la strategia di marketing di Cupertino. Ne parlava pure Naomi Klein nel suo No Logo.
    • Sodio scrive:
      Re: Federica
      Lì ci sono i corsi della singola università.iTunes U fa da contenitore per tutti, il che è ben diverso.Puoi seguire un corso di qualsiasi università, completamente gratis.BRAVA Apple.
      • iii scrive:
        Re: Federica
        Sembra molto comodo, però non ho mai digerito iTunes: non c'è un'alternativa che aggreghi tutti i contenuti?
        • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
          Re: Federica
          Ma infatti che razzata... non possono fare un semplice sito/aggregatore?Devo per forza sXXXXXre il pc con un programma inutile?(newbie)
          • embe scrive:
            Re: Federica
            - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
            Ma infatti che razzata... non possono fare un
            semplice
            sito/aggregatore?
            Devo per forza sXXXXXre il pc con un programma
            inutile?(newbie)Vabbè inutile mi pare un pò eccessivo...di sicuro a me non serve iTunes sul mio PC, quindi preferirei farne a meno! Se proprio questo iTunes U si dimostrerà valido, allora mi toccherà (re)installarlo...:'(
          • Pitagora scrive:
            Re: Federica
            - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
            Ma infatti che razzata... non possono fare un
            semplice
            sito/aggregatore?
            Devo per forza sXXXXXre il pc con un programma
            inutile?(newbie)Perché XXXXXXX?Apple offre un ottimo servizio gratuito e in cambio fa conoscere il suo player multimediale e il suo iTunes Store.
    • embe scrive:
      Re: Federica
      - Scritto da: Mah
      L'educational è storicamente campo di
      fidelizzazione per la strategia di marketing di
      Cupertino. Ne parlava pure Naomi Klein nel suo No
      Logo.Infatti, ma non solo per Apple! Anche Nintendo (e forse Sony) ci ha provato con il DS ad entrare nel settore educational...io li sbatterei tutti fuori a calci dalle scuole! Del resto MS ha già occupato il posto da anni grazie ai pc obsoleti con licenze windows ed office...
  • lol scrive:
    non si fa niente x niente
    iTunes è fatto per il delivery dei contenuti ed è +o- applecentrico, non si brucia banda per niente visto che costa, ma si tende al lock in verso i propri dispositivi.esistono molti altri metodi e policy sull'accessibilità, questo non mi sembra il mezzo migliore.
    • MeX scrive:
      Re: non si fa niente x niente
      spiegami il lockin di iTunes U...
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: non si fa niente x niente
        che ci vuole un mac e non è aperto a tutti si sitemi operativi (o almeno ai 3 pricipali, win, mac e ubuntu)
        • MeX scrive:
          Re: non si fa niente x niente
          mi risulta che iTunes ci sia anche su Windows
        • gerry scrive:
          Re: non si fa niente x niente
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
          che ci vuole un mac e non è aperto a tutti si
          sitemi operativi (o almeno ai 3 pricipali, win,
          mac e
          ubuntu)In realtà mica tanto, a differenza dell'iTunes "classico" Apple non da lo spazio, quindi il materiale te lo devi tenere sui tuoi server. iTunes aggrega e basta in questo caso.Questo ti obbliga quasi, IMHO, a mettere in piedi una struttura di delivery tua.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 marzo 2011 17.22-----------------------------------------------------------
        • Pitagora scrive:
          Re: non si fa niente x niente
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
          che ci vuole un mac e non è aperto a tutti si
          sitemi operativi (o almeno ai 3 pricipali, win,
          mac e ubuntu)Per ubuntu ovviamente non si trova assolutamente nulla (non è tra i principali sistemi operativi...).Per Win e Mac iTunes esiste e iTunes U è accessibile.Se poi vuoi, puoi scaricare i video delle lezioni da un amico che ha Windows e poi li copi su una chiavetta e te li guardi sulla tua ultima fiammante versione di ubuntu...
          • Fabrizio scrive:
            Re: non si fa niente x niente
            Non ho capito perchè per fruire delle informazioni dovrei necessariamente avere OSX o Windows.Se me lo spieghi, grazie.
          • Aleph72 scrive:
            Re: non si fa niente x niente
            - Scritto da: Fabrizio
            Non ho capito perchè per fruire delle
            informazioni dovrei necessariamente avere OSX o
            Windows.

            Se me lo spieghi, grazie.Non c'è peggior sordo....I contenuti di iTunesU non sono esclusivi. Se vai sulle pagine web delle varie università puoi scaricare tutti i contenuti che vuoi anche da linux.iTunes, in questo caso, fa solo da aggregatore.Invece di queste XXXXXXX, chiediamoci invece come mai Adecco, per esempio, manda a chi vuole iscriversi ad un annuncio di lavoro, dei questionari da fare online che funzionano esclusivamente su Windows e IE.Non solo, bisogna anche modificare i settaggi di IE e scaricarsi l'ultimo plugin di Adobe!!
          • Mr. X scrive:
            Re: non si fa niente x niente
            - Scritto da: Fabrizio
            Non ho capito perchè per fruire delle
            informazioni dovrei necessariamente avere OSX o
            Windows.

            Se me lo spieghi, grazie.Come si diceva sopra i contenuti te li devi comunque tenere tu, Apple non li ospita, ma li rende accessibili tramite itunes, quindi per mac e windows (e iphone/ipod/ipad presumo, ora ci guardo)nulla vieta alla tua università di renderli accessibili anche in altri modi
    • Basco scrive:
      Re: non si fa niente x niente
      - Scritto da: lol
      iTunes è fatto per il delivery dei contenuti ed è
      +o- applecentrico, non si brucia banda per niente
      visto che costa, ma si tende al lock in verso i
      propri
      dispositivi.
      esistono molti altri metodi e policy
      sull'accessibilità, questo non mi sembra il mezzo
      migliore.Non c'è nessun blocco.Puoi usare tutto su Windows, come su Mac, su un iPod, un iPad, come su qualsiasi altro lettore ti venga in mente. Basta supporti il formato h264 (standard a livello globale).
  • Teo_ scrive:
    Cosa cambia?
    Non ho capito cosa cambia rispetto ad ora: ogni tanto da iTunes U ho preso materiale pubblicato dal Federico II di Napoli.
    • Basco scrive:
      Re: Cosa cambia?
      - Scritto da: Teo_
      Non ho capito cosa cambia rispetto ad ora: ogni
      tanto da iTunes U ho preso materiale pubblicato
      dal Federico II di
      Napoli.Cambia che troverai più contenuti.
Chiudi i commenti